Connect with us

Roma

Ariccia, spending review: taglio alle indennità dirigenziali e riorganizzazione delle risorse

Clicca e condividi l'articolo

L'amministrazione Di Felice prepara investimenti per il rilancio sociale, culturale ed economico della città

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

di J.S.

 

ARICCIA (RM) – È una vera e propria spending review, in controtendenza con la passata gestione cittadina, quella compiuta dalla nuova amministrazione comunale di Ariccia, presieduta dal Sindaco Roberto Di Felice. Ad Ariccia in questi primi 4 mesi di governo De Felice, infatti, l'attuale maggioranza ha mantenuto fede al proprio programma elettorale, votato da quasi il 60% degli elettori, ed ha effettuato una serie di razionalizzazioni delle spese sostenute dal Comune per il mantenimento del vecchio quadro dirigenziale.

 

E i servizi non sono diminuiti: gli uffici già da settembre sono aperti al pubblico, oltre che di mattina, anche di pomeriggio, per favorire la cittadinanza, per due volte a settimana. Il risparmio, stimato dai nuovi amministratori, per il comune di Ariccia e quindi per i contribuenti, è di circa 150 mila euro su base annuale. Il risultato si è potuto raggiungere grazie alla diminuzione del numero di dirigenti in forza al Comune di un'unità e azzerando le indennità di posizione per i restanti. L'indennità di posizione è infatti una delle tre componenti dello stipendio dei dirigenti: la retribuzione base contrattuale, la retribuzione di risultato e, appunto, l'indennità di posizione. Quest'ultima è stata quindi totalmente azzerata permettendo di ottenere il risparmio per le casse comunali. Sicuramente queste misure messe in atto dall'amministrazione comunale di Ariccia per abbattere l'incidenza dei costi del personale sul bilancio del Comune sono apparse quantomeno necessarie in questo momento di crisi, permettendo così di investire queste importanti risorse in altri progetti volti al rilancio sociale, culturale ed economico di Ariccia.

Metropoli

Cesano, apre un nuovo poliambulatorio pubblico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CESANO (RM) – “Un nuovo poliambulatorio pubblico per Cesano di Roma al servizio di tutto il comprensorio: si è conclusa poco fa una proficua riunione, richiesta dal presidente del comitato di quartiere di Cesano Paolo Pasqualini, dal sottoscritto e dalla consigliera municipale Agnese Rollo, alla presenza dell’assessore regionale Alessio D’Amato e dei vertici della Asl Roma 1, guidati dal D.g. dott. Angelo Tanese” lo ha scritto su Facebook il Consigliere Regionale PD, Emiliano Minnucci. “Si è assunta la decisione di avviare la realizzazione di una nuova e grande struttura sanitaria della Asl Roma 1 a Cesano: un poliambulatorio pubblico moderno ed in grado di soddisfare una molteplicità di esigenze per l’utenza di tutto il comprensorio. Essendo già stata acquisita una disponibilità di massima del comandante della Scuola di Fanteria, si è individuata la nuova sede in un locale dismesso della caserma su via della stazione di Cesano. Un immobile di 600 mq con dirimpetto una vasta area a parcheggio. Già a fine luglio il primo passo con l’appostamento dei fondi necessari” ha concluso Minnucci.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, il centro storico diventa isola pedonale. Il Sindaco Tondinelli: “Da sempre nei programmi elettorali della vecchia politica che non ha mai mantenuto ciò che ha promesso”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Il centro storico di Bracciano sarà una grande isola pedonale che permetterà ai visitatori e residenti di godere delle bellezze del borgo senza fare lo slalom tra le auto. La chiusura sarà in vigore nei prossimi giorni e verrà comunicata dal sindaco con apposita ordinanza. Ci sarà una fase iniziale di sperimentazione.

Tutti coloro che hanno appartamenti, cantine, terreni e garage in centro potranno richiedere il permesso permanente per accedere alle loro proprietà ma limitatamente alle operazioni di carico e scarico in orari ben precisi: dalle 6 alle 10 del mattino e dalle 15 alle 18.

Al di fuori di questi orari non sarà consentito il transito e la sosta su tutto il centro limitato dai varchi di accesso. Per coloro che avessero urgenza di entrare fuori dagli orari indicati potranno avvertire i vigili o tramite telefono, email o app dedicata. Nel caso d’accesso alla Ztl senza la preventiva autorizzazione dovrà essere dato giustificato motivo nelle successive 48 ore presentando apposita motivazione al comando di polizia locale.

Prima della chiusura i parcheggi non regolamentati erano circa 60 con la regolamentazione si sarebbero attestati a 35 stalli più 12 per i disabili.

Il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli evidenzia alcuni passaggi

“Ho dedicato ai residenti del centro – dice il primo cittadino – circa 60 parcheggi nelle immediate adiacenze e cioè a via della Praterina, piazza della Praterina e via del Fossato mentre i disabili avranno dei parcheggi a loro dedicati all’interno del centro storico. Oltre a questi parcheggi dedicati c’è in aggiunta il parcheggio sul lungolago. Inoltre, sono stati stanziati i soldi per il ripristino del ponte che collegherà il parcheggio Cattaneo con via del Fossato. Dispiace per chi non potrà avere più la vettura sotto la finestra di casa ma pedonalizzando il centro renderemo Bracciano più vivibile, aiuteremo i commercianti a valorizzare le loro attività e i bambini potranno tornare a giocare in sicurezza nel borgo. Insomma non ci saranno più cittadini favoriti rispetto ad altri. Non abbiamo fatto altro che realizzare una promessa fatta ai cittadini di Bracciano. Tra l’altro, la chiusura del centro è da sempre nei programmi elettorali della vecchia politica che non ha mai mantenuto ciò che ha promesso”.

Continua a leggere

Metropoli

Subiaco, Ospedale. Berteletti (FdI): solo 2 medici al pronto soccorso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

SUBIACO (RM) – Pronto Soccorso dell’ospedale di Subiaco con soli 2 medici in turnazione. Questo l’allarme lanciato dal Consigliere comunale di Fratelli d’Italia Matteo Berteletti che parla di “situazione inaccettabile che conferma il totale disinteresse della Regione Lazio verso il nosocomio sublacense, lasciato ad un logorio drammatico che sta portando ad una sempre più marcata riduzione della qualità e della quantità dei servizi all’utenza”.

Matteo Berteletti

Berteletti, evidenziando il fatto che dall’efficienza del Pronto Soccorso può dipendere la salvezza del malato e quindi risulta inaccettabile una situazione del genere, ha invitato l’amministrazione comunale “ad  uscire dal silenzio e dalle attività  di facciata, per affrontare questa  situazione e spingere il Presidente della Regione Lazio ad intervenire per dare rinnovata dignità al presidio di Subiaco.

Continua a leggere

I più letti