Connect with us

Cronaca

ATTENTATO PRESIDENTE PARCO NEBRODI: CORTEO CON CINQUEMILA PARTECIPANTI

Clicca e condividi l'articolo

Antoci: “Questo e il più bel segnale che la Sicilia possa ricevere i cittadini devono fare ogni giorno il proprio dovere. Non mi sento solo"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Redazione
 
Messina – I Sindacati dei Nebrodi e Federazione antiracket Italiana hanno organizzato un corteo antimafia per esprimere la massima solidarietà a Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi, vittima di un attentato. Circa cinquemila i partecipanti al corteo che hanno voluto far sentire la loro vicinanza ad Antoci e 50 Sindaci da tutta la Sicilia, sindacati, associazioni antiracket, società civile, tutti uniti e vicini ad una persona che ha sempre lottato per ideali concreti e corretti. Antoci ha commentato “Questo e il più bel segnale che la Sicilia possa ricevere i cittadini devono fare ogni giorno il proprio dovere. Non mi sento solo, sono felice per tutta questa manifestazione d'affetto. Questa terra non ha bisogno di eroi ma di tanta gente perbene”. Il Presidente onorario della Fai, Tano Grasso, ha riferito che “la forza della nostra esperienza è quella di non considerare mai le partite chiuse: se ne è riaperta un'altra, ma come 24 anni fa chiuderemo anche questa”. Intanto Angelino Alfano ha annunciato che arriveranno dodici pattuglie anticrimine a Sant’agata di Militello e ha detto che la mafia ha compiuto “un ulteriore attacco allo Stato, ma questa volta hanno perso la sfida" ha sottolineato. Si tratta di circa una quarantina tra uomini e donne delle forze di polizia che rafforzeranno il presidio di sicurezza. Le pattuglie saranno composte ognuna da tre unità, appartenenti ai Reparti prevenzione crimine, la struttura del Dipartimento che assicura un supporto alle strutture territoriali della Polizia.
 
Sono state rinvenute tracce di sangue nei pressi del luogo in cui si è verificato l’attentato, verranno fatti gli esami del Dna. Sono in corso rilievi scientifici anche sulle bottiglie Molotov rinvenute sul luogo. Gli accertamenti vertono sull’individuazione di tracce ematiche sulle bottiglie. Chi ha messo in atto l’agguato ha chiuso la strada con dei massi prima che giungesse l’auto blindata. Si presume che fossero quattro gli uomini che commando armato e che uno di essi sia rimasto ferito durante il conflitto a fuoco con la scorta. Nel corso di una conferenza stampa, Crocetta ha dichiarato “Il sangue sarebbe di uno dei componenti del commando di fuoco rimasto ferito durante la sparatoria”. Antoci ha dichiarato “Voglio continuare ad andare avanti non mi fermeranno. E' stata un'esperienza bruttissima e un momento molto delicato per tutti, sia per me che per i ragazzi della scorta che ringrazio così come tutta la polizia e il questore che si sono messi subito a disposizione. Se non fosse stato per loro sarei morto”. Intanto il Procuratore di Messina si è espresso in merito all’agguato “Quello che emerge è che la mafia sta rialzando la testa la 'terza mafia' della provincia di Messina quella dei Nebrodi, una delle organizzazione criminale tra le più antiche e pericolose. Dopo che i clan di Barcellona Pozzo di Gotto e di Messina sono stati colpiti in maniera forte anche dalle operazioni antimafia, i 'Batanesi' e i 'Tortoriciani' stanno cercando di recuperare terreno e spazi”. Rosario Crocetta ha aggiunto, nel corso di una conferenza stampa, che “Con l'agguato ad Antoci la mafia ha alzato il tiro, lo Stato deve reagire in modo adeguato. Propongo l'invio dell'esercito nei comuni del Parco dei Nebrodi e perquisizioni a tappeto nelle campagne come ai tempi del sequestro Moro e dei Vespri siciliani” e che “Senza un'adeguata reazione da parte dello Stato all'agguato mafioso contro il presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci, passerebbe il messaggio di un via libera alla nuova stagione stragista. Non basta rafforzare la scorta ad Antoci e ai sindaci più esposti nell'area dei Nebrodi perché quello che è accaduto è un atto di guerra di altissimo livello, che non si registrava più da anni in Sicilia”.
 
L’attentato. L’agguato è avvenuto sulla strada statale che collega San Fratello a Cesarò. Antoci stava rientrando da una manifestazione a Santo Stefano di Camastra a bordo dell’auto blindata con polizia a volante quando hanno dovuto arrestare il rientro a causa di grossi sassi predisposti sull’asfalto che impedivano la viabilità quando all’improvviso una raffica di colpi d’arma ha investito l’automobile blindata con Antoci al suo interno. L’azione della scorta è stata immediata e ha messo in fuga i sicari. L’agente e il Presidente sono stati successivamente portati in Ospedale. Antoci è rimasto illeso, ha dichiarato successivamente “Sto bene. Il mio grazie va alla Polizia di Stato per avermi salvato la vita. Il mio impegno non si ferma e vado avanti”. Secondo una prima ricostruzione i sicari hanno sparato intorno alle 2, non è dato sapere se i sicari siano rimasti feriti. Giuseppe Antoci è noto per le sue battaglie contro la mafia e tempo fa gli avevano spedito un avvertimento con dei proiettili. Il Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, ha dichiarato “Il vile attentato contro il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci si lega alla battaglia che insieme stiamo facendo contro la mafia dei pascoli e all'azione di moralizzazione che stiamo portando avanti, che ha gia' portato a diversi arresti sul territorio”, ha aggiunto inoltre “Sono tutti illesi grazie all'azione di coraggio dei poliziotti. Occorre rafforzare le misure di sicurezza a favore di Antoci e intensificare l'azione di lotta contro la mafia dei Nebrodi, che pensa ancora di essere potente e immune. Dobbiamo liberare la provincia di Messina dalla mafia dei colletti bianchi e da quella che nei territori esercita un potere violento verso i cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti