Connect with us

Esteri

AVIARIA: L'INFLUENZA TORNA IN GERMANIA, OLANDA E REGNO UNITO

Clicca e condividi l'articolo

Le autorità impongono l'abbattimento dei capi di allevamento

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Cinzia Marchegiani

Si riaffacciano i focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità nel Nord Europa. Dall’inizio del mese di novembre 2014 la Germania, Olanda e Regno Unito stanno combattendo questa grave infezione che attacca gli allevamenti di tacchini e pollame in genere.

GERMANIA
Lo scorso 6 novembre il Centro di referenza tedesco per l’influenza aviaria presso il Friedrich Löffler Institut, ha identificato un focolaio di influenza aviaria ad alta patogenicità, sottotipo H5N8, in un allevamento di tacchini da carne situato in Pomerania nello stato del Meclemburgo. L’infezione ha colpito uno dei sei capannoni, dove è stata inoltre riscontrata la maggiore mortalità. Le autorità sanitarie hanno disposto le misure di controllo dell’infezione e l’abbattimento di tutti i capi dell’allevamento (30.000 capi). Sono state infine istituite le zone di protezione e sorveglianza.

OLANDA
Il 15 novembre le autorità sanitarie olandesi hanno confermato la positività al virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità sottotipo H5N8 di un allevamento di galline ovaiole localizzato nelle vicinanze di Utrecht. Le autorità olandesi hanno da subito disposto le misure di controllo per evitare la diffusione della malattia, tra cui l’abbattimento degli animali infetti e l’istituzione delle zone di protezione (3 Km) e sorveglianza (10 km) intorno all’allevamento. Esami di laboratorio hanno confermato che il virus H5N8 identificato in Olanda è molto simile al virus che due settimane fa ha colpito un allevamento di tacchini da carne in Germania – stato del Meclemburgo.
Prima di arrivare in Europa, lo stesso virus aveva interessato l’Estremo oriente, coinvolgendo volatili selvatici e domestici in Corea, Cina e Giappone, sempre nel corso del 2014. Da sottolineare che in Giappone l'infezione era stata individuata in cigni (Cygnus columbianus bewickii) all'inizio di novembre del 2014. Sono in corso indagini per stabilire l'origine del contagio e in particolare per accertare il possibile coinvolgimento dei volatili migratori nella trasmissione del virus HPAI H5N8.

REGNO UNITO
Il DEFRA, Department for Environment, Food & Rural Affairs inglese ha confermato il 16 novembre la presenza del virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità – sottotipo H5 in anatre allevate in una fattoria dell’East Yorkshire, nel nord-est del Regno Unito. Le autorità sanitarie hanno disposto le misure di contenimento della malattia: abbattimento di tutti gli animali presenti nella fattoria e istituzione delle zone di protezione e sorveglianza. Sono in corso gli accertamenti per verificare la similarità del virus a quello identificato nei due focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità – sottotipo H5N8 recentemente localizzati in Germania e in Olanda. In una zona di protezione (PZ) di 3 km e zona di sorveglianza (SZ) di 10 km sono in atto attorno ai locali infetti. All'interno di queste zone di controllo, le restrizioni sono in atto – questo include il divieto di circolazione di pollame vivo, prodotti e rifiuti all'interno dell'area. All'interno della zona di protezione del pollame devono essere alloggiati o isolati. Incontri uccelli (fiere, spettacoli, mostre) sono vietati e la selvaggina non possono essere rilasciati. Non appena la malattia è stata confermata sono state messe in atto misure a norma della direttiva 2005/94 / CE del Consiglio. Nei locali in questione sono stati oggetto di restrizione da venerdì 14 novembre, il che che significa che il commercio non è stato permesso da allora.

Il sito delle Autorità britanniche riportano informazioni importanti :
Ci sono 2 tipi di influenza aviaria.
L'influenza aviaria ad alta patogenicità ( HPAI ) è il tipo più grave. E 'spesso fatale in uccelli.
I principali segni clinici di HPAI negli uccelli sono:
• testa gonfia
• colorazione blu del collo e della gola
• perdita di appetito
• distress respiratorio come la bocca aperta becco, tosse, starnuti, gorgogliante, crepitio
• diarrea
• un minor numero di uova deposte
Dell'influenza aviaria a bassa patogenicità ( LPAI ) è di solito meno grave. Può causare problemi respiratori lievi, ma gli uccelli colpiti non mostrerà sempre chiari segni di infezione.
La gravità di LPAI dipende dal tipo di uccello e se ha altre malattie.
Come l'influenza aviaria si diffonde
La malattia si diffonde da uccello a uccello attraverso il contatto diretto o attraverso i fluidi corporei contaminati e le feci.
I virus dell'influenza aviaria modifiche creando spesso nuove varietà e vi è un rischio costante che uno dei nuovi ceppi possono diffondersi facilmente tra le persone. Ma non vi è alcuna prova che qualsiasi recente ceppo di influenza aviaria è stato in grado di diffondere direttamente tra le persone.
L'influenza aviaria non è una malattia in volo.

Guida biosicurezza

Si può aiutare a prevenire l'influenza aviaria praticando buone misure di biosicurezza sui locali, che includono:
• rigorosamente limitare e controllare l'accesso alle allevamenti di pollame
• indossando una tuta pulita e calzature quando si entra in allevamenti di pollame.Indumenti protettivi e calzature devono essere rimossi e sia puliti e disinfettati, lavati o smaltiti dopo l'uso
• pulizia e disinfezione di tutti i veicoli dopo ogni viaggio in un allevamento di pollame
• con disinfettante e materiale pronto pulizia alle entrate della fattoria, per cui i visitatori potranno essenziali disinfettare prima di entrare e uscire locali
• riducendo al minimo il contatto tra volatili selvatici e pollame, prevenendo l'accumulo di acqua stagnante e la rimozione dei mangimi versato che potrebbero attirare gli uccelli selvatici, e il mantenimento di edifici al fine di garantire che gli uccelli selvatici non fanno il nido o roost in loro

Linee guida per la sanità pubblica
Alcuni tipi di influenza aviaria possono passare le persone, ma questo è molto raro. Di solito richiede molto stretto contatto tra la persona e uccelli infetti.

Vaccinazione
La vaccinazione preventiva non è raccomandata come mezzo per proteggere la Gran Bretagna nei confronti di un focolaio di influenza aviaria. Defra riesaminerà la presente decisione in quanto l'attuale situazione si evolve.
Strategia di uscita
Allo stato attuale, non vi è un elevato grado di incertezza in cui l'influenza aviaria può esistere. Questo diventerà più chiaro come la sorveglianza nelle zone di controllo per verificare se la malattia è presente, tracciando dei contatti dei locali infetti e lo stato di avanzamento dell'indagine epidemiologica.
Sicurezza alimentare
La Food Standards Agency (FSA) conferm che l'influenza aviaria non rappresenta un rischio per la sicurezza alimentare per i consumatori. 
Gli animali da compagnia
Guida alla prevenzione della diffusione dell'influenza aviaria agli animali da compagnia è disponibile. E 'raro che i gatti e altri animali da compagnia per essere infettati con il virus.
Gli uccelli selvatici
Se si trova qualsiasi tipo di uccelli morti, a meno che non ci siano 5 o più nella stessa posizione, allo stesso tempo, si debbono:
• Lasciarli in pace, o
• Seguire le linee guida per lo smaltimento
I membri del pubblico sono tenuti a segnalare incidenti in cui 5 o più uccelli vengono trovati morti nella stessa posizione e nello stesso tempo per il servizio di assistenza
Le importazioni dall'UE

I Commerci dell'UE si basano su una rigorosa certificazione per il movimento di pollame vivo, pulcini di un giorno e uova da cova. Stiamo lavorando a stretto contatto con la Commissione e le autorità dei Paesi Bassi e in Germania per determinare tutte le vie possibili di introduzione di malattie. Prodotti come la carne di pollame, uova da tavola e di prodotti avicoli non sono soggetti a certificazione all'interno dell'UE. Tuttavia, come regola generale, solo gli uccelli sani possono entrare nella catena alimentare e quindi non dovrebbe rappresentare un rischio.
Le esportazioni verso paesi terzi
Le esportazioni di pollame e prodotti avicoli connessi sono generalmente tutti certificati secondo le norme dell'OIE in materia di libertà di malattia, che prevedono per le importazioni dalla gratuiti zone / regioni e scomparti / stabilimenti, ma alcuni partner commerciali richiedono tutto il paese per essere liberi. Lavoreremo a stretto contatto con partner del settore qui e all'estero al fine di garantire che le misure non sono più scambi commerciali restrittive del necessario e che il commercio sicuro può continuare.
Importazioni da paesi terzi
Regole del commercio dell'UE approvano solo un numero molto limitato di paesi al di fuori dell'UE per l'importazione nell'UE. Tutti i volatili vivi e di pollame relativi prodotti, tra cui uova da tavola devono essere certificati come liberi da malattia e quindi adatto per il commercio.

Print Friendly, PDF & Email

Esteri

La Regina Elisabetta esorta a fare il vaccino anti Covid: “doveroso pensare agli altri prima che a sé stessi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Elisabetta II, 95 anni ad aprile, dà ancora una volta l’esempio ai sudditi e scende in campo in favore dei vaccini anti Covid: lo fa con con un raro messaggio pubblico dicendo di comprendere che c’è chi possa esitare; ma incoraggia apertamente la sua gente a immunizzarsi poiché, ammonisce, è doveroso “pensare agli altri prima che a sé stessi”.

Un atto che del resto la sovrana ha già compiuto a gennaio – col 99enne principe Filippo, ora in ospedale per un’infezione non legata al Covid – seguita questo mese dall’erede al trono Carlo, 72 anni, e dalla consorte Camilla: tutti in forma pubblica per sostenere la campagna di vaccinazioni di massa promossa dal governo di Boris Johnson.

E a cui ora si aggiungono le dichiarazioni diffuse stasera da Buckingham Palace, registrate durante a una conversazione in videocollegamento con i responsabili delle macchina vaccinale messa in moto nelle 4 nazioni del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord): che la regina ha voluto personalmente ringraziare. Nel corso del colloquio, Elisabetta ha raccontato la sua esperienza, sottolineando di non aver “avvertito male per nulla” al momento dell’iniezione, semmai d’essersi sentita “protetta”.


Ha quindi elogiato la rapidità della campagna vaccinale di massa avviata dal governo Johnson sull’isola fin da inizio dicembre, plaudendo a coloro che vi stanno lavorando, ma anche ai milioni d’individui che ne hanno accolto la somministrazione: protagonisti, nelle sue parole, di “un’impresa rimarchevole” che contribuisce “all’incoraggiamento morale” del Paese. Sollecitata dagli interlocutori a condividere le sue sensazioni personali, la monarca ha insistito: “Una volta che ricevi il vaccino ti senti protetta, penso sia molto importante”. “Certo, è difficile per le persone che non si sono mai vaccinate, ma esse devono pensare agli altri prima che a se stesse”, ha subito puntualizzato, richiamando la sicurezza collettiva dal contagio.


 Riferendosi in generale al Covid, la regina non ha quindi esitato ad abbozzare un paragone con la “peste” dei secoli passati. “Sappiamo che si tratta probabilmente della pandemia più devastante mai affrontata nel mondo e nel Regno Unito da più di 100 anni, e che ora ci attende una battaglia prolungata dei vaccini contro il virus e le sue mutazioni”, ha proseguito mostrandosi bene informata. “Ma io – ha precisato – ho una fede assoluta nella comunità medico-scientifica, sia qui nel Regno Unito sia a livello globale, e credo in un futuro migliore per tutti noi”.


 Non è mancato in ultimo un accenno non nuovo alla memoria di tempi ancor più difficili, quelli bellici, come a una fonte “d’ispirazione, in qualche modo”: “Avendo vissuto la guerra – ha ricordato l’anziana sovrana – mi pare sia decisamente come allora, quando ciascuno era mosso da una stessa idea”. Ciò che conta – ha concluso, invocando più la persuasione che non l’obbligo nella battaglia odierna del vaccino – è “creare le condizioni perché ognuno si senta disposto ad accettare l’offerta della vaccinazione, quando verrà chiamato”. Come un tempo i volontari al fronte.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Uccisi Ambasciatore italiano e un carabiniere in Congo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Un’imboscata in piena regola, probabilmente a scopo di sequestro, finita in tragedia. L’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista congolese, Mustapha Milambo, sono stati uccisi in un agguato mentre viaggiavano a bordo di un’auto dell’Onu in una regione della Repubblica democratica del Congo, il Nord Kivu, da anni teatro di violenti scontri tra decine di milizie che si contendono il controllo del territorio e delle sue risorse naturali.

Il governo di Kinshasa punta il dito contro le Forze democratiche di liberazione del Ruanda (Fdlr), ribelli di etnia Hutu conosciuti per il genocidio in Ruanda del 1994, che hanno stabilito la loro roccaforte nell’area dell’agguato, mentre l’Italia chiede un rapporto dettagliato alle Nazioni Unite.

Il convoglio, composto da due vetture del Programma alimentare mondiale (Pam-Wfp), stava viaggiando verso nord, sulla strada tra Goma e Rutshuru, dove il diplomatico italiano avrebbe dovuto visitare un programma di distribuzione di cibo nelle scuole dell’agenzia dell’Onu, fresca di Nobel per la pace. Alle 10.15 (le 9.15 in Italia), le due auto vengono fermate a circa 15 km da Goma, nei pressi di Nyiaragongo, nel parco nazionale di Virunga, da un commando di 6 persone che apre il fuoco, prima sparando in aria, poi uccidendo l’autista.

Secondo le prime ricostruzioni riferite dal governatore del Nord Kivu, Carly Nzanzu Kasivita, gli assalitori portano il diplomatico e il carabiniere della scorta nella foresta. Scattato l’allarme, sul posto si precipita una pattuglia di ranger dell’Istituto Congolese per la Conservazione della Natura che si trova nelle vicinanze, seguita da forze dell’esercito locale. Esplode un conflitto a fuoco nel quale gli aggressori uccidono Iacovacci. Anche Attanasio viene colpito dagli spari: di chi, ancora non è chiaro. Il corpo esangue dell’ambasciatore, ferito all’addome, viene caricato su un pick-up dai primi soccorritori, per poi essere trasferito all’ospedale di Goma.

Altre tre persone sarebbero state rapite, riferisce il ministero dell’Interno di Kinshasa, e si parla anche di alcuni feriti. Il governo congolese ha dichiarato che le autorità provinciali del Nord Kivu non erano a conoscenza della presenza dell’ambasciatore nell’area e che questo non ha permesso loro di fornirgli misure di sicurezza adeguate, né il loro tempestivo arrivo sul posto in “una parte del Paese considerata instabile e in balia di alcuni gruppi armati ribelli nazionali e stranieri”. Formatesi all’inizio degli anni 2000, le Fdlr sono accusate di diversi attentati nella zona, tra cui quello dell’aprile 2020 in cui morirono 17 persone tra cui 12 ranger dell’Iccn.

Il Pam ha tuttavia riferito che la strada era stata precedentemente controllata e dichiarata sicura per essere percorsa anche “senza scorte di sicurezza”. La Farnesina ha però chiesto all’Onu di fornire quanto prima un report dettagliato sull’attacco in un luogo dove Attanasio si era recato su invito del Pam.

In Italia la morte di Attanasio e Iacovacci è stata accolta con sgomento e dolore, dal presidente Sergio Mattarella che ha parlato di “lutto per questi servitori dello Stato” al premier Mario Draghi che ha espresso il cordoglio del governo ai familiari del diplomatico, che lascia una moglie e tre bimbe piccole, e del giovane carabiniere che avrebbe dovuto sposarsi in estate. La terribile notizia ha raggiunto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Bruxelles, dove si trovava per il Consiglio Esteri Ue e dove ha raccolto il cordoglio unanime dei colleghi e dei vertici europei. Rientrato immediatamente a Roma, il ministro ha ricevuto messaggi di solidarietà dall’intera comunità internazionale, dall’Onu fino al segretario di Stato Usa, Antony Blinken. E raccogliendo l’appello delle forze politiche, unanimi nel cordoglio e nella condanna dell’attacco, ha annunciato che riferirà “il prima possibile in Parlamento per fare chiarezza” sulle circostanze dell’agguato ancora pieno di interrogativi e sul quale la procura di Roma ha aperto un’inchiesta.

Al telefono con la collega congolese, Marie Tumba Nzeza, il ministro ha chiesto “di fare luce sulle dinamiche e le responsabilità dell’attentato”, auspicando che le autorità di Kinshasa offrano “piena collaborazione nei contatti e negli scambi con la magistratura e le forze di sicurezza italiane”. Nel pomeriggio la stessa ministra ha reso visita alla vedova del diplomatico nella loro casa di Kinshasa, mentre i genitori di Attanasio restano chiusi nel loro dolore: “Lo abbiamo saputo dai media – hanno fatto sapere -, preferiamo non parlare”.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha disposto, per la giornata di oggi e di domani, l’esposizione a mezz’asta della bandiera italiana e della bandiera europea sugli edifici pubblici degli Organi Costituzionali e dei Ministeri, in segno di lutto per la tragica scomparsa dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

IFAD, 44esima sessione del Consiglio dei Governatori e conferenza stampa con Agnes Kalibata sul Vertice sui sistemi alimentari

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si apre il 17 febbraio, la 44esima sessione del Consiglio dei Governatori del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD).

Capi di Stato, Ministri ed esperti di sviluppo agricolo, si riuniscono per discutere dell’importanza strategica degli investimenti nelle aree rurali dei Paesi più poveri del mondo e delle modalità con cui colmare il deficit di finanziamento dello sviluppo agricolo. In un mondo scosso dai cambiamenti climatici e dalla pandemia di Covid-19 con il suo impatto devastante sull’economia e sulle società, gli investimenti nelle aree rurali assumono infatti un ruolo fondamentale nella costruzione di stabilità e pace.

Invitati d’onore del Consiglio dei Governatori IFAD sono: Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale della Repubblica italiana; João Manuel Gonçalves Lourenço, Presidente della Repubblica di Angola; Imran Ahmad Khan Niazi, Primo Ministro del Pakistan; Agnes Kalibata, Inviata Speciale Onu per il Vertice sui sistemi alimentari del 2021; Sabrina Dhowre Elba, Ambasciatrice di buona volontà dell’IFAD e produttrice agricola. 

Quest’anno gli Stati membri devono nominare anche il presidente dell’IFAD per un mandato di quattro anni.

Quando: 17-18 febbraio 2021, ore 13:00 – 17:00

Dove: Piattaforma virtuale

La pandemia di Covid 19 ha puntato i riflettori sulla vulnerabilità dei nostri sistemi alimentari globali, costringendoci a rivalutare urgentemente come  produrre, trasformare e consumare alimenti in modo equo e sostenibile. Durante una conferenza stampa congiunta, il Presidente IFAD Gilbert F. Houngbo e l’ Inviata Speciale delle Nazioni Unite per il Vertice sui sistemi alimentari del 2021, Agnes Kalibata faranno un annuncio importante riguardante il prossimo Vertice sui sistemi alimentari – un processo storico che richiede a tutti di contribuire alla trasformazione delle nostre catene alimentari.

 Quando: 18 Febbraio, ore 11:00

 Dove: Piattaforma virtuale

L’Italia e l’IFAD

L’Italia è un partner fondamentale per l’IFAD, non solo perché ne ospita la sede ed è uno dei maggiori contribuenti fin dal 1977, ma anche perché da lungo tempo è un paese all’avanguardia nell’ambito dell’innovazione finanziaria, dell’agricoltura sostenibile e della sicurezza alimentare. Il notevole impegno dell’Italia per la riduzione della povertà rurale e della fame nasce dalla tradizione agricola del paese e dalla costanza nel sostenere lo sviluppo delle proprie aree rurali: l’Italia riserva da sempre un posto di rilievo all’agricoltura e alla sicurezza alimentare nell’ambito delle proprie politiche per lo sviluppo, soprattutto dopo il 2008, con il lancio a l’Aquila dell’Iniziativa sulla Sicurezza Alimentare, nel quadro del G8. Particolarmente interessanti le prospettive di collaborazione con il mondo delle cooperative italiane il cui modello – che unisce alla sostenibilità agro-alimentare l’attenzione per le dinamiche sociali – sembra rispondere alle esigenze dei paesi beneficiari. Per il triennio 2019-2021 l’Italia, attraverso il Ministero dell’Economia e Finanze, ha annunciato un contributo di 66,56 milioni di dollari per la ricostituzione delle risorse del Fondo, contributo che mantiene il nostro Paese tra i maggiori donatori IFAD. La Cooperazione italiana, in aggiunta ai suddetti fondi, concede all’IFAD contributi obbligatori, derivanti dall’Accordo di sede, e può concedere contributi volontari per il finanziamento di specifici progetti di sviluppo dell’IFAD. A febbraio 2019, Italia e IFAD hanno firmato, inoltre, un nuovo Accordo quadro di partenariato che riflette gli obiettivi dell’Agenda 2030 e tiene conto delle priorità strategiche della Cooperazione Italiana.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti