Connect with us

Cronaca

Banda Uno bianca: dopo 23 anni Fabio e Roberto Savi di nuovo insieme

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Fabio e Roberto Savi di nuovo insieme nello stesso carcere dopo 23 anni dal loro arresto. I due leader della famigerata banda della Uno bianca che tra il 1987 e il 1994 uccise 24 persone e ne ferì oltre cento, da qualche mese sono entrambi nell’istituto penitenziario di Bollate, a Milano. Fabio Savi, detto il “lungo”, ha chiesto e ottenuto il trasferimento dal carcere di Uta (Cagliari) e ora si trova anche lui nella casa circondariale milanese dove il fratello Roberto era già detenuto.

La notizia, alla vigilia della commemorazione della strage del Pilastro, uno degli episodi criminali più cruenti della storia della Uno Bianca ha suscitato la disapprovazione dei familiari delle vittime, ma ha anche spinto il ministro della giustizia Andrea Orlando a chiedere al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria una relazione per avere informazioni e chiarimenti sulla questione.

Da tempo Fabio Savi, 57 anni, chiedeva di poter scontare la sua pena in una struttura penitenziaria che permettesse di poter svolgere attività lavorative e per questo motivo ha inoltrato personalmente la richiesta di trasferimento dopo il parere favorevole degli assistenti sociali. Unico tra i killer della banda della Uno bianca a non aver indossato la divisa da poliziotto, Fabio Savi sarebbe arrivato nel carcere di Bollate poco prima della scorsa estate.

La notizia del trasferimento è stata confermata dai legali dei due fratelli Savi, Fortunata Copelli che assiste Fabio e Donatella De Girolamo per Roberto. “Da quello che mi risulta non sono nella stessa sezione – dice l’avvocato Copelli -, quindi non credo che si siano incontrati. Nel caso uno dei due avanzasse una richiesta di colloquio dovrà essere valutata dal direttore del carcere che poi nel suo ambito deciderà”. Questa possibilità getta nello sconforto Rosanna Zecchi, presidente dell’associazione dei parenti delle vittime della banda. “Fino ad ora i fratelli Savi non erano mai stati nello stesso carcere e devo dire che questa cosa non mi piace affatto, anzi mi preoccupa. Per noi parenti delle vittime è l’ennesima ‘botta’, che arriva dopo i permessi premio concessi all’altro
fratello, Alberto, e a Marino Occhipinti”. “Sono perplessa, non me lo aspettavo, ma se la giustizia lo permette dobbiamo prenderne atto – conclude Zecchi -. Certo è un dolore continuo, che si rinnova, sapere che queste persone colpevoli di terribili omicidi possano avere addirittura la possibilità di incontrarsi”.

Cronaca

Campania, arrivano le sanzioni per chi lega i cani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Era attesa da molti anni una legge che sanzionasse chi lega i cani con la catena e finalmente a seguito di tantissime segnalazioni da parte di cittadini è arrivata.

Le segnalazioni hanno portato a notare una problematica inerente la legge del 2019, che nonostante il divieto non era prevista alcuna sanzione, quindi i contravventori potevano continuare tenere legati i poveri cani

Interviene sulla legge “Save the Dogs”, l’associazione che per prima ha denunciato la vicenda e a parlarne è proprio la sua fondatrice Sara Turetta. “Questa è la dimostrazione che l’impegno tra associazioni e società civili porta grandi risultati”.

”.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, prima comunione in grande stile: 200 invitati. A mezzanotte arrivano i carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una festa per una prima comunione in corso in strada, a Napoli, con la partecipazione di circa 200 persone tra adulti e bambini, è stata interrotta nella notte dai carabinieri. Venti persone sono state sanzionate, tra questi anche i tre musicisti presenti e il promotore della festa, un 36enne che voleva festeggiare la comunione di suo figlio.

Nel quartiere San Carlo Arena, i carabinieri della compagnia Stella insieme con quelli del nucleo radiomobile di Napoli sono intervenuti – verso la mezzanotte di sabato 12 giugno – in via Calata di Capodichino, dove era in corso la festa. I tre musicisti presenti hanno immediatamente smontato l’impianto luci e musicale.

I controlli – I militari del comando Provinciale di Napoli sono stati impegnati in città e in provincia per i controlli sulla movida. Particolare attenzione è stata rivolta nella fascia oraria notturna. Controlli sulla movida anche in provincia. I Carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania, nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale, hanno presidiato le strade e le piazze di Frattamaggiore. Duecento le persone identificate e 106 i veicoli controllati. Sei scooter sono stati sequestrati.

Infine, dopo la mezzanotte i carabinieri hanno assistito alla chiusura di tutti i locali e fatto allontanare le persone per evitare rischiosi assembramenti nei principali luoghi di ritrovo.

Continua a leggere

Cronaca

Nemi, cercasi addetto stampa per 1850 euro mese: le domande entro il 21 giugno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Il Comune di Nemi ha indetto una selezione, mediante procedura di valutazione comparativa, pee il conferimento dell’incarico professionale di addetto stampa del Comune al corrispettivo di 1.850,00 euro lordi al mese.

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 21 giugno 2021 all’Ufficio Protocollo del Comune di Nemi via del Municipio (RM)

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL BANDO

Continua a leggere

I più letti