Connect with us

Esteri

BARACK OBAMA SCOPERTA LA STRATEGIA PER INNESCARE IL CONFLITTO NUCLEARE “PREVENTIVO” CONTRO LA RUSSIA. L’ESPANSIONE ZONE NATO BYPASSA L’AUTORIZZAZIONE DI SPOSTARE INTERI ARSENALI BELLICI

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 8 minuti
image_pdfimage_print

Gli Stati Uniti stanno tessendo il conflitto nucleare contro la Russia, utilizzando i nuovi alleati che aderiscono alla Nato, pur non potendo confluirci, come l’Ucraina, e senza chiedere permesso ai membri della Nato e quindi dell’Europa, permetterebbe l’aumento del sostegno degli Stati Uniti e della NATO di forze armate oltre in Ucraina anche delle Repubbliche di Polonia, Estonia, Lituania, Lettonia ampliando sostanzialmente il complemento di termine a base di forze NATO in questi stati. Lo scienziato Steven Starr di “Medici per la Responsabilità Sociale” svela il disegno di legge “RAPA” presentato al congresso dal senatore Bob Corker, che grazie ad un fondo di 100 milioni di dollari, oltre a fornire rapidamente in Ucraina armi e attrezzature, compresi gli anticarro e armi anti-aeree, armi equipaggio, lanciagranate, mitragliatrici, munizioni, e MRAP veicoli protetti, sarebbe autorizzato in caso di guerra di decidere la distruzione preventiva delle forze nucleari del nemico. L’Italia e altri paesi membri della NATO custodiscono 480 bombe B61 dell’America, in Italia 90 tra Aviano e Ghedi…e sarebbero i primi sotto attacco. L’UE sta a guardare?

di Cinzia Marchegiani

Lo scienziato Steven Starr tapira Barack Obama, e spiega la strategia che dietro il disegno di legge presentato dal senatore Bob Corker, “RAPA” l’acronimo di “Russian Aggression Prevention Act” giustificherà gli Stati Uniti verso il conflitto nucleare diretto contro la Russia in Ucraina. Nel mese di maggio, le crescenti tensioni in Ucraina hanno portato entrambe le nazioni a condurre quasi contemporaneamente i grandi giochi di guerra nucleare. I bombardamenti nucleari russi a lungo raggio hanno testato le difese aeree statunitensi 16 volte in un periodo di dieci giorni (29 luglio-7 Agosto). Lo scienziato Starr avverte, gli Stati Uniti e i leader russi sono ignari o sembrano ignorare il fatto che tali "giochi" e "prove" sono il collaudo generale per l'estinzione umana.
La Peer-reviewed di studi scientifici prevedono le conseguenze ambientali di una guerra combattuta con solo una frazione di Stati Uniti e/o armi nucleari strategiche russe sarebbe probabilmente spazzare via la razza umana . Gli scienziati prevedono che anche un primo colpo nucleare firmato USA "di successo", anche se distruggerebbe il 100% delle forze nucleari della Russia prima che potessero essere lanciati, creerebbe cambiamenti catastrofici in tempo globale che eliminerebbero stagioni di crescita per anni. La maggior parte degli esseri umani e grandi animali sarebbero morti di fame. La guerra nucleare è un suicidio per gli esseri umani, ma i nostri leader hanno ancora le dita sul grilletto del nucleare. Sembra che ci sia assolutamente alcuna consapevolezza, nel nostro governo federale o nella società americana, del pericolo esistenziale rappresentato da una guerra nucleare.
Steven Starr fa un analisi inequivocabile e lucida sullo scenario tessuto a suon di disegni di legge firmati USA:”La guerra USA-Russia rischia di degenerare rapidamente in una guerra nucleare, dal momento che né gli Stati Uniti né la Russia sarebbero disposti ad ammettere la sconfitta, entrambi hanno molte migliaia di armi nucleari pronte per l’uso immediato, ed entrambi si basano sul Counterforce, la dottrina militare che negli obiettivi in caso di guerra mette nelle priorità la distruzione preventiva delle forze nucleari del nemico”.
RAPA fornisce de facto l'adesione alla NATO per l'Ucraina, la Georgia, la Moldavia e ai fini dell’alleanza (l’Osservatore d’Italia aveva anticipato in un altro articolo) che consentirebbe agli Stati Uniti di spostare grandi quantità di attrezzature e di forze a loro militare senza la necessità di approvazione di altri stati membri della NATO. Così il disegno di legge RAPA potrebbe effettivamente bypassare l’opposizione tedesca alla richiesta degli Stati Uniti di fare l'Ucraina e la Georgia parte della NATO.
Starr afferma che i tedeschi giustamente temono l'immissione truppe statunitensi della NATO e degli Stati Uniti Ballistic Missile Defense (BMD) in Ucraina, data la severa obiezione russa contro l'espansione della NATO (in particolare per Ucraina e Georgia) con lo spiegamento in Europa appunto della Usa-NatoBMD. Il quadro vede la Germania acutamente consapevole della possibilità che la guerra civile che perversa in Ucraina potrebbe evolvere in una guerra russo-ucraini. In tali circostanze, la distribuzione di US/forze NATO in Ucraina renderebbe praticamente inevitabile la realizzazione della fase tre del metodo Adaptive europea per la difesa missilistica in Europa. . . entro e non oltre la fine dell'anno civile 2016 e la dichiarazione del 2012 del più alto rango ufficiale militare della Russia, che ammoniva con la proposta di un “attacco preventivo” contro tali distribuzioni BMD (se la situazione diventa più difficile)… ora deve essere un monito!

Scenari non ipotizzabili e frutto di fantasie, ma di documenti e disegni di legge che stanno plasmando la cartina anche dell’Europa e di conseguenza il futuro degli Stati membri. Nel disegno RAPA nulla è lasciato all’incertezza, esso dirige il [Dipartimento della Difesa] DOD che ha il compito di valutare le capacità e le esigenze delle forze armate ucraine e autorizza il Presidente, al termine di tale valutazione, a fornire assistenza militare specificato in Ucraina. Così RAPA fornirebbe rapidamente in Ucraina, con un fondo di 100 milioni di dollari armi e attrezzature, compresi i anticarro e armi anti-aeree, armi equipaggio, lanciagranate, mitragliatrici, munizioni, e MRAP veicoli protetti…. non solo, ma può richiedere all'amministrazione Obama di "utilizzare tutti gli elementi pertinenti della Stati Uniti potere nazionale per proteggere l'indipendenza, la sovranità e l'integrità territoriale ed economica dell'Ucraina e di altre nazioni sovrane in Europa ed Eurasia da aggressione russa, e ciò include sostanzialmente l’aumento del sostegno degli Stati Uniti e la NATO per le forze armate delle Repubbliche di Polonia, Estonia, Lituania, Lettonia e, aumentare sostanzialmente il complemento di termine a base di forze NATO in questi stati.

L’esecuzione di RAPA produrrebbe accumuli significativi di US/forze della NATO in Polonia e gli Stati baltici, accelerare la costruzione di sistemi BMD degli Stati Uniti in Europa orientale, e autorizzare sostanziale dell'intelligence statunitense e aiuti militari per le forze militari ucraini che continuano ad assediare il più grande città in Ucraina orientale. Anche se RAPA non ha comportato il dispiegamento di forze Usa in Ucraina, le stesse sarebbero certamente posizionati per la distribuzione rapida lì, nel caso in cui la guerra civile ucraina si intensifica in un conflitto russo-ucraino.
Se Steven Starr illumina e apre il vaso di pandora delle politiche egemone e militari di Obama, spiega anche come RAPA intensifica il supporto per la pulizia etnica in Ucraina orientale:”In Russia, Putin sotto pressione politica interna, invia forze russe in Ucraina orientale al fine di fermare gli attacchi da parte dei militari ucraini sulle città che una volta erano parte dell'Unione Sovietica. Gli attacchi hanno creato una catastrofe umanitaria. Il 5 agosto 2014, l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha riferito che 740.000 ucraini orientali erano fuggiti in Russia, vanno lì perché la Russia è vicina, e perché la maggior parte dei rifugiati sono di etnia russa, un fatto che spiega perché i russofobi di Kiev sono stati molto disposti a bombardare indiscriminatamente loro città.”
La fotografia scattata denuncia come la rimozione forzata dei russi etnici Ucraina orientale in Ucraina orientale sia una "pulizia etnica". E Starr non usa mezzi termini:”Questo è un processo che è supportato pienamente dagli Stati Uniti e RAPA potrebbe migliorare notevolmente questo supporto.”
Un analisi di una guerra Ucraina/Russia spiegata senza veli. Le forze militari ucraini hanno circondato Donetsk – una città di quasi un milione di persone – e hanno per settimane condotti attacchi quotidiani contro di esso utilizzando imprecisi razzi a lancio multipli, pesante fuoco di artiglieria, missili balistici che trasportano testate fino a 1000 chili di esplosivo ad alto potenziale. Approvvigionamento idrico, centrali elettriche, stazioni ferroviarie, aeroporti, ponti, autostrade, e scuole sono stati presi tutti di mira, insieme con la popolazione. In Il sindaco di Lugansk, una città di più di 440.000 persone, ha dichiarato crisi umanitaria perché l'assedio della città ha lasciato con senza medicine, carburante, energia dal 3 agosto 2014, fino a questo momento. I separatisti dell'Ucraina orientale sono stati tacciati per terroristi dal governo di Kiev perché chiedevano l'autonomia da Kiev, e sono andati in riunione con la Russia e per questo motivo il governo ha inviato le sue forze militari contro di loro in quello che eufemisticamente chiamano un "operazione antiterrorismo”. Steven Starr nel suo editoriale spiega anche che inquadrare il conflitto in questo modo rende politicamente accettabile rifiutare di negoziare con i separatisti, e più facile da giustificare negli Stati Uniti e in Europa, che sono abituati alla guerra al terrorismo… Tuttavia, le migliaia di ucraini uccisi e centinaia di migliaia di essere cacciati dalle loro case sono delle persone comuni, cercando di vivere una vita ordinaria.
Ma RAPA nasconde molto altro, come sostenere i progetti a Kiev per un attacco Crimea, poiché il disegno di legge richiede che la Russia deve "recedere dal confine orientale di Ucraina", che è, per definizione, il confine con la Russia. In altre parole, RAPA chiede provocatoriamente che la Russia deve rimuovere le proprie forze militari fuori dai propri confini, mentre le forze militari ucraini sono ammassati nel frattempo dall'altra parte, attaccando le città prevalentemente russe. Inoltre si chiede che le forze russe devono essere ritirati dalla Crimea entro sette giorni dalla promulgazione della legge. Starr spiega come ciò non sia posiibile poiché 1) la Crimea era parte dell'impero russo dal 1783 fino al 1954; 2) il ritiro dalla Crimea richiederebbe la Russia ad abbandonare il suo unico porto acqua calda a Sebastopoli, in cui si sono basate le forze russe, dal riconosciuto a livello internazionale trattato , dal 1997, e infine 3) più di ¾ della Crimea hanno votato per la riunificazione con la Russia e che la Federazione Russa ha accettato per la sua successiva annessione della Crimea. Per la Russia, l'obbligo di "ritirarsi dalla Crimea" equivale ad una richiesta degli Stati Uniti di perdere territorio russo. Oltretutto RAPA, stabilisce che gli Stati Uniti non riconoscono l'annessione russa della Crimea, e crea sanzioni e sanzioni penali per chi lo fa. RAPA prevede quindi sia sostegno militare e politico a Poshenko intenzionato a riprendere la Crimea in Ucraina. Così qualsiasi intervento militare russo in Ucraina orientale sarebbe certamente descritto in Occidente come l'aggressione russa nel suo perseguimento di un impero, che farebbe scattare richieste assordanti che le forze USA/NATO agiscono per sostenere l'Ucraina. Qualora NATO intervenisse, la successiva azione militare russa contro qualsiasi membro della NATO, innescherebbe la clausola del Capitolo 5 per la difesa reciproca dell'alleanza, impegnandosi per la guerra con la Russia.
L’egemonia americana, sotto l’amministrazione Obama è stata ben orchestrata e il grande attacco ucraino sulla Crimea “giustificherebbe” l’inevitabile la guerra con la Russia. L'Ucraina sembra essere in preparazione per un tale assalto redigendo tutti gli uomini di età da 18 ai 60 anni, in una mobilitazione forzata delle sue forze armate, che comprende anche richiamare le sue riserve attivi di un milione di uomini, e portando più di 1000 carri armati fuori di stoccaggio. E RAPA andrebbe a fornire centinaia di milioni di dollari per addestrare e armare le forze armate ucraine in rapida espansione, e la posizione degli Stati Uniti/forze della NATO per un intervento rapido sul lato di Ucraina in caso di una guerra russo-ucraini. Così, le numerose disposizioni politiche e militari di RAPA favorirebbero pienamente l’Ucraina a svolgere la sua politica dichiarata di riprendere Crimea.
RAPA spingerebbe gli Stati Uniti verso la guerra nucleare con la Russia. Una guerra USA/ NATO-Russia farebbe anticipare un primo attacco nucleare, e sia l'USA che la Russia hanno cambiato i loro piani di guerra nucleare che include per l’appunto di attacchi nucleari preventivi, tesi a distruggere l’arsenale nucleare del nemico, ed entrambe le nazioni hanno armi nucleari "tattiche" progettate per l'utilizzo di questa guerra.

Gli Usa hanno 180 bombe nucleari B61 distribuiti su sei basi militari di cinque stati membri della NATO, (Italia, Belgio, Paesi Bassi, Turchia e Germania che sarebbero opportunamente rilasciate a questi membri della NATO in caso di guerra USA/NATO-Russia. La Russia ha almeno 1300 armi nucleari tattiche (preventive) per contrastare le forze convenzionali della NATO. Qualsiasi uso di "tattico" o "campo di battaglia" delle armi nucleari, da entrambi i lati, probabilmente innescherebbe una risposta uguale o maggiore dall'altro.

Le parole di Steven Starr, di “Medici per la Responsabilità Sociale” diventano un monito che l’Europa e i paesi membri non solo della NATO, ma anche dell’UE dovrebbero cristallizzare nella mente:”La guerra nucleare è un suicidio per gli esseri umani, ma i nostri leader hanno ancora le dita sul grilletto nucleare. Tale ignoranza, è incarnata delle legge RAPA, che se attuata metterà il destino del mondo nella rotta diretta per la guerra nucleare con la Russia.
E a proposito di Capo Frasca, sito della Sardegna dove avvengono le esercitazioni anche della NATO, il rapporto “Natural Resources Defense Council” nel 2005 ha rivelato che i piloti italiani vengono addestrati all’uso delle bombe nucleari in questi poligoni, oltre a Maniago II (Pordenone). L’Italia non è per il nucleare però oltre ad ospitare gli addestramenti con queste testate nucleari, esistono nel territorio italiano 90 testate B61, 70 bombe conservate ad Aviano, 20 a Ghedi. È confortante sapere che ogni base contiene rifugi di aerei più protettivi di quelli utilizzati per lo stoccaggio di armi nucleari. Chi ha vinto la seconda guerra mondiale governa il mondo almeno quello occidentale, e ora il governo italiano sembra seguire passo-passo ogni decisione di Obama, l’uomo che doveva cambiare il mondo, speriamo non lo polverizzi. 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Gerusalemme, esplosioni: un morto e 31 feriti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Due esplosioni si sono verificate stamane all’ingresso di Gerusalemme. Lo ha reso noto la polizia israeliana, La prima deflagrazione, nella porta occidentale della città, è avvenuta nei pressi di una fermata di autobus, in quel momento molto affollata. In città, ha aggiornato la radio militare, è stato elevato lo stato di allerta nel timore che ci siano altri ordigni in procinto di esplodere.

La seconda esplosione si è verificata ad uno degli ingressi settentrionali, in prossimità del rione Ramot. Secondo le prime informazioni questa deflagrazione – avvenuta in un’ora di punta durante la quale il traffico stradale era intenso – non ha provocato vittime.

Daoud Shehab, un dirigente della Jihad islamica, citato dalla radio pubblica israeliana Kan, ha detto che le esplosioni a Gerusalemme sono “operazioni eroiche” lanciate per ricordare agli israeliani che i luoghi santi islamici rappresentano “una linea rossa” che non deve essere oltrepassata. Shehab ha diretto in particolare il proprio avvertimento a due dirigenti dell’estrema destra israeliana, Bezalel Smotrich e Itamar Ben Gvir, accusandoli di aver ”fatto irruzione” nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme

E’ morto uno degli israeliani investiti da una esplosione stamane a Gerusalemme. Lo ha reso noto l’ospedale Shaarey Tzedek di Gerusalemme, aggiungendo che un secondo ferito versa in condizioni “critiche”.

D’altra parte, il Magen David Adom, equivalente locale della Croce Rossa, informa che nei due attentati esplosivi avvenuti oggi a Gerusalemme sono rimaste ferite complessivamente 19 persone, fra le quali diversi bambini.

Continua a leggere

Esteri

Ad Helsinki l’innovazione italiana nella ‘finestra sul futuro’

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print
Messukeskus, il centro fieristico di Helsinki, ha ospitato il 17-18 novembre scorsi l’edizione 2022 di “Slush”, appuntamento di richiamo mondiale per gli attori dell’ecosistema globale dell’innovazione. Con la sola eccezione del 2020, quando la rassegna era stata annullata a causa della pandemia, Slush si è ormai imposta nel panorama internazionale delle nuove tecnologie, conoscendo una costante crescita: dai 300 partecipanti della sua prima edizione nel 2008, la piattaforma finlandese è riuscita ad espandersi fino ad attrarre quest’anno 4600 start-up, 2600 investitori e 400 media accreditati, superando quindi i livelli pre-pandemici. Dati che hanno spinto gli organizzatori a definire Slush “the world’s leading start-up event”, una vera finestra sul futuro.
 
Il Sistema Italia è stato protagonista con una partecipazione di adeguata visibilità, grazie all’accresciuto impegno messo in campo da Ufficio ITA/ICE di Stoccolma e Ambasciata d’Italia. Il tradizionale spazio espositivo dedicato all’Italia è stato infatti ampliato e ridisegnato per ospitare le 29 start-up partecipanti, quasi triplicate rispetto all’edizione passata. Al contempo, l’organizzazione di una specifica sessione di presentazione al pubblico, ufficialmente inserita nel programma di Slush, ha offerto un’ulteriore vetrina per le imprese innovative italiane, attive in ambiti molto differenti che spaziano dall’innovazione per la finanza e le assicurazioni alle soluzioni per il comparto sanitario, dalla sicurezza cibernetica all’industria dell’intrattenimento e dei giochi, dall’istruzione digitale all’intelligenza artificiale, dall’agroalimentare al commercio al dettaglio fino alle soluzioni per la mobilità.
 
Inoltre, come per le precedenti edizioni, alla vigilia dell’apertura di Slush è stato organizzato presso la Residenza dell’’ambasciatore d’Italia in Finlandia, Sergio Pagano, il tradizionale ricevimento di benvenuto alle imprese italiane, alla presenza anche di investitori interessati ad interagire con gli attori del nostro sistema dell’innovazione.
 
Slush è tra i più importanti eventi mediatici europei di networking per le startup. Questo grazie alla vocazione di incubatore dell’innovazione della Finlandia, Paese che promuove e premia, da sempre, le idee innovative. Il mercato finlandese, infatti, attualmente occupa il quarto posto al mondo nella classifica delle percentuali di PIL investite nel settore della ricerca e dell’innovazione.
 
La manifestazione presenta uno schema molto interessante: alla fiera tradizionale, con spazi dedicati agli espositori e strumenti per agevolare il’incontro tra domanda e offerta, accosta elementi innovativi, come conferenze di altissimo livello – che portano sullo stesso palco gli esponenti principali del settore – e una moltitudine di eventi collaterali al fine di creare nuovi contatti.
 
Si tratta di un’occasione esclusiva per rafforzare l’immagine del Made in Italy sul mercato finlandese e continuare a presidiare un mercato potenzialmente molto promettente per le startup italiane, sia per quelle che sono alla ricerca di finanziamenti – data la grande predisposizione degli investitori locali – sia per quelle che intendano vendere oppure dare in licenza le proprie tecnologie proprietarie.



Continua a leggere

Esteri

Missile in Polonia, secondo Biden è improbabile che sia partito dalla Russia: potrebbe essere Ucraino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Oggi alle 10 riunione straordinaria ambasciatori del Consiglio NATO

Secondo alcune indicazioni, il razzo che ha colpito un villaggio nella Polonia orientale era un missile antiaereo proveniente dall’Ucraina. Lo avrebbe detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ai leader del G7, secondo Dpa.

Avrebbe anche precisato che si trattava di un missile del sistema S-300. E dopo l’incontro di emergenza a Bali con gli alleati, Biden ha sostenuto che è “improbabile” che il missile sia partito dalla Russia. “Questo è dovuto all’analisi della traiettoria ma non voglio dire che si sia già completata una vera indagine sull’accaduto”.

Biden ha spiegato che con gli altri leader si è deciso, all’unanimità, di procedere prima con l’indagine per capire esattamente e poi decidere collettivamente come rispondere.

Un aereo della Nato che volava sopra lo spazio aereo polacco ha tracciato il missile che è finito nel Paese uccidendo due persone, ha dichiarato alla Cnn un funzionario militare dell’Alleanza. “Le informazioni con le tracce radar sono state fornite alla Nato e alla Polonia”, ha aggiunto il funzionario militare. Dall’inizio dell’invasione russa gli aerei dell’Alleanza effettuano una regolare sorveglianza intorno all’Ucraina. Il funzionario della Nato non ha detto chi ha lanciato il missile né da dove è stato lanciato.

In un comunicato congiunto dei leader del G7 e della Nato diffuso dall’Unione Europea, intanto, viene espressa la condanna degli attacchi che la Russia ha portato ieri su città e infrastrutture civili ucraine e si informa che si è discusso dell’esplosione avvenuta nella parte orientale della Polonia, vicino al confine con l’Ucraina. “Offriamo il nostro pieno sostegno e assistenza alle indagini in corso in Polonia. Siamo d’accordo di rimanere in stretto contatto per determinare i passi successivi appropriati man mano che le indagini procedono”, hanno spiegato i leader del G7 e della Nato.

“Non dobbiamo insistere sul fatto che il missile caduto in Polonia sia stato lanciato dalla Russia, sarebbe una provocazione”, ha detto il presidente turco Erdogan a Bali ricordando le parole di Biden e la dichiarazione G7-Nato, evidenziando la necessità di indagini e di Mosca, che dice di “non avere nulla a che fare con l’incidente”. “È possibile che si tratti di un errore tecnico”, ha detto Erdogan. “Dobbiamo portare il prima possibile Russia e Ucraina al tavolo dei negoziati, la pace può arrivare solo dal dialogo, ci stiamo impegnando per questo, appena torno sarò al telefono con Putin”, ha aggiunto.

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, in un nuovo discorso video trasmesso oggi al G20 di Bali, ha detto che l’attacco missilistico finito in Polonia costituisce “un autentico messaggio della Russia al G20”, secondo una copia del discorso visionata dall’Afp.

La Cina invita “tutte le parti alla calma”, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning.

Riunione straordinaria ambasciatori Consiglio Nato

Si svolgerà dalle 10 a Bruxelles, nel quartier generale della Nato, la riunione straordinaria del Consiglio Atlantico a livello di ambasciatori già annunciata ieri sera per discutere dell’esplosione avvenuta in Polonia al confine con l’Ucraina che ha causato due vittime. Lo ha reso noto la stessa Alleanza precisando che alle 12.30 il segretario generale Jens Stoltenberg parlerà alla stampa.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti