Connect with us

Cronaca

Battipaglia, inseguimento a 190 km orari in pieno centro: arrestati un benzinaio e un volontario del 118

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BATTIPAGLIA – Fuggono dai carabinieri di notte, in auto, e si rendono protagonisti di un inseguimento automobilistico in stile “Fast and Furious” per la città di Battipaglia. Arrivando a toccare i 190 chilometri orari per le strade del centro. Arrestati dai carabinieri due ragazzi di 22 anni, entrambi di Battipaglia. Uno lavora come benzinaio e l’altro è un volontario del 118. I due sono fuggiti in auto alla vista dei carabinieri, nei pressi del Lidl di Battipaglia, e non hanno saputo spiegare il motivo della loro presenza in quel luogo. Entrambi dovranno affrontare un processo per resistenza a pubblico ufficiale, oltre a dover pagare ingenti somme per varie violazioni al Codice della Strada.

Fuga e inseguimento dei carabinieri a Battipaglia: due arresti
I due ragazzi di 22 anni, battipagliesi, erano a bordo di una Audi A3 grigia di proprietà di uno dei due, intorno alle ore 22 di ieri, 5 aprile. Nei pressi del Lidl, alla vista di una vettura dei carabinieri e senza essere stati fermati, i due hanno iniziato a scappare. Insospettiti dall’atteggiamento, i militari dell’Arma hanno iniziato un lungo inseguimento.

I ragazzi hanno provato a far perdere le loro tracce imboccando vicoli del centro di Battipaglia, spegnendo i fari ed aumentando la velocità fino a toccare i 190 chilometri orari in centro. Nonostante i tentativi, tra cui anche una corsa contromano sulla statale 18, i due sono stati fermati dai carabinieri. I militari sono riusciti a bloccarli sulla ss18, tagliando loro la strada, venti minuti dopo l’inizio dell’inseguimento.

Per cercare di beccare l’Audi A3, erano state allertate anche le compagnie dei carabinieri di Eboli ed Agropoli, ma alla fine il loro intervento non si è reso necessario.

L’arresto
In auto, i due 22enni avevano solo un manganello artigianale, fatto con tubo e nastro isolante. Non hanno voluto dire il motivo della loro presenza in zona. Portati in caserma per l’identificazione, i due hanno trascorso la notte agli arresti domiciliari. Questa mattina si sono presentati davanti al giudice per la convalida dell’arresto. Per l’autista del 118 è scattato l’obbligo di firma, l’altro è stato liberato. Entrambi dovranno affrontare un processo per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Oltre a dover pagare una cifra ingente per le diverse e innumerevoli violazioni al Codice della Strada.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Palermo: individuati e denunciati 269 furbetti del reddito di cittadinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nei primi tre mesi del corrente anno, in ambito regionale, sono state complessivamente individuate e denunciate ben 269 persone che hanno percepito indebitamente il reddito di cittadinanza.

Si tratta di individui che hanno approfittato del beneficio, vale a dire che avrebbero dichiarato il falso, omettendo elementi attestanti il proprio patrimonio nella domanda presentata all’I.N.P.S. o che hanno ricevuto il sussidio pur svolgendo attività illecite o addirittura lavoro in nero. In particolare, gli indebiti introiti sono emersi nell’ambito di indagini effettuate dai reparti investigativi dei Comandi Provinciali CC, che si sono avvalsi anche della collaborazione dei reparti specializzati dell’Arma e, in particolare, dei Nuclei Carabinieri Ispettorato del Lavoro, presenti in ogni provincia, che hanno una specifica competenza in materia.

Nelle indagini sinora svolte, sono stati messi a sistema tutti gli elementi raccolti nel corso delle attività investigative, per giungere così all’obiettivo finale di verificare puntualmente i requisiti soggettivi ed oggettivi in capo ai percettori del beneficio in argomento.

Ma non solo. I reparti territoriali dell’Arma, in occasione di qualsiasi ordinario controllo, estendono le loro verifiche per appurare se, tra i componenti di un nucleo familiare, vi sia la presenza di un soggetto percettore di reddito di cittadinanza, utilizzando banche dati e altre risorse informatiche, anche effettuando controlli incrociati, segnalando i presunti indebiti percettori del sussidio all’I.N.P.S. e all’Autorità Giudiziaria.

Un episodio significativo si è verificato a Lercara Friddi (PA), nello scorso mese di marzo, dove i Carabinieri hanno deferito 30 persone in stato di libertà, di età compresa tra i 20 e gli 80 anni.

Le denunce sono state formalizzate a conclusione di un’indagine avviata nel gennaio scorso, nel corso della quale si è accertato che le persone coinvolte, 22 donne e 8 uomini, per lo più incensurati, per eludere i controlli da parte dell’Inps, avevano reso dichiarazioni mendaci o incomplete nella dichiarazione sostitutiva unica, omettendo dati obbligatori e percependo, quindi, indebitamente il sussidio ovvero percependolo in misura superiore al dovuto.

Nelle ultime ore, inoltre, i Carabinieri della Stazione di Misilmeri (PA) hanno arrestato un 38enne del luogo, accertando durante le indagini che l’uomo, risultato percettore del reddito di cittadinanza, aveva elargito prestiti ad oltre 30 persone, applicando tassi d’interessi usurari, dal 20% finanche al 100%, approfittando delle precarie condizioni economiche in cui versavano le vittime, aggravate dall’attuale situazione pandemica. Nei suoi confronti, pertanto, è subito scattata la revoca del reddito di cittadinanza.

Il quadro delineato, evidenzia, peraltro, una preoccupante diffusione dello specifico fenomeno criminoso ed è per tale motivo che l’Arma, con i suoi capillari presidi sul territorio, ha intensificato la risposta investigativa verso queste inaccettabili sottrazioni di risorse pubbliche, adottando in ogni provincia mirate procedure e sinergie finalizzate a porre fine agli illeciti in questione.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, ucciso per un parcheggio: arrestate 4 persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NAPOLI – Quattro persone, ritenute responsabili dell’omicidio del 61enne Maurizio Cerrato, custode del Parco archeologico di Pompei assassinato lunedì sera a Torre Annunziata (Napoli), sono state fermate e portate in carcere dai Carabinieri del Comando provinciale di Napoli, che hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Il decreto è stato notificato nel corso della notte.

Cerrato è stato ucciso in una aggressione scattata dopo una lite per motivi di parcheggio.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, via Principe Amedeo: denunciato 32enne per ricettazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante hanno denunciato in stato di libertà un cittadino del Camerun di 32 anni, in Italia senza fissa dimora, per il reato di ricettazione.

I Carabinieri, in transito in via Principe Amedeo, hanno notato il 32enne con fare sospetto ed hanno deciso di controllarlo.

Fermato all’altezza di via la Marmora, i militari durante le operazioni di identificazione, si sono accorti che il 32enne era in possesso di quattro smartphone di cui non sapeva giustificare il motivo.

I militari hanno subito avviato degli accertamenti sui vari apparati: uno dei 4 telefoni è risultato oggetti di furto denunciato il 19 aprile scorso. Dopo aver rintracciato il legittimo proprietario, i Carabinieri hanno provveduto alla restituzione, mentre sui restanti apparecchi sono in corso accertamenti al fine di verificarne la provenienza.

Continua a leggere

I più letti