Connect with us

Cronaca

BEAGLE, SENTENZA BRESCIA SU GREEN HILL: CONDANNATI PER UCCISIONE E MALTRATTAMENTI GESTORE, DIRETTORE E VETERINARIO

Clicca e condividi l'articolo

Al processo circa venti animalisti che hanno manifestato gioia alla lettura della sentenza

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Alberto De Marchis

Brescia – Una sentenza che farà giurisprudenza e che ha incassato il paluso di attivisti e animalisti e non ultima dell'ex ministro Brambilla che però ha giudicato le pene troppo "miti". Il Tribunale di Brescia ha condannato per uccisione di animali e maltrattamenti Ghislaine Rondot, gestore di Green Hill – l'allevamento di beagle, destinati alla sperimentazione -, Roberto Bravi e Renzo Graziosi, rispettivamente direttore e veterinario. Mentre è stato assolto il secondo gestore, Bernard Gotti, per non aver commesso il fatto. Al processo era presente una ventina di animalisti che ha manifestato gioia alla lettura della sentenza. A Rondot e Graziosi è stata inflitta una pena di un anno e sei mesi; mentre a Bravi di un anno. Il commento su Facebook degli attivisti: "Sentenza storica" – "Pronunciata questa mattina la sentenza contro i dirigenti di Green Hill. Condannati Gislaine Rondot, Bernard Gotti, Roberto Bravi e Renzo Graziosi. Nessuno di loro si è presentato in aula", è scritto in un post su Facebook. "A di là delle pene decise dal giudice, la sentenza è storica. E' il riconoscimento di quanto da noi affermato per anni e sempre ignorato. E' la vittoria di tutti i cani là rinchiusi, uccisi, venduti", conclude il post. "La sentenza di Brescia è una grande vittoria, un traguardo di straordinaria importanza. Soddisfa perché riconosce la colpevolezza di 3 imputati su 4, la sussistenza dei reati (maltrattamento ed uccisione) e quindi il principio secondo cui, anche nel contesto di massimo sfruttamento economico e per scopi scientifici, gli animali vanno rispettati e tutelati, come prevede la legge". Così Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente. "Da questo punto di vista – prosegue l'ex ministro – la sentenza ha una portata storica e suggella degnamente una vicenda emblematica per l'opinione pubblica, non solo del nostro Paese. Green Hill era davvero il "canile lager" che avevamo denunciato, contro il quale hanno manifestato decine di migliaia di persone. E' una vittoria dell'accusa, ma anche di tutti coloro che amano gli animali e di tutti i poveri cani che hanno perduto la vita o hanno vissuto una non-vita tra le mura dello stabilimento di Montichiari. Fortunatamente, grazie alla legge che ho scritto, non avremo sul nostro territorio altre "fabbriche di morte". E questa è una seconda, importante ragione di soddisfazione". "Non possiamo dire altrettanto – aggiunge l'on. Brambilla – delle pene comminate. I responsabili non sono stati puniti come avrebbero meritato, ma è risaputo che il nostro codice penale è ancora troppo "mite" con gli autori di reati a danno degli animali. Riflettano il governo e i parlamentari che in questi giorni esaminano il decreto sulla "non punibilità per tenuità del fatto": se le norme proposte fossero state in vigore, reati come quelli commessi a Green Hill probabilmente sfuggirebbero a qualsiasi forma, anche tenue, di punizione".

 

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Milano, zio accoltella due nipoti dopo essere stato aggredito per questioni ereditarie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Zio accoltella i due nipoti dopo una accesa lite per motivi legati a questioni ereditarie. Il fatto è successo ieri verso le 11 a Cusano Milanino quando in via Mazzini sono intervenuti i Carabinieri del posto.

In particolare i militari hanno accertato che la lite era nata tra i due giovani e lo zio 51enne, disoccupato e con precedenti di polizia, per motivi economici legati all’eredità, con i due che si erano rivolti al parente per chiarimenti inerenti la gestione di alcuni beni di famiglia.

La discussione, inizialmente verbale, era sfociata di un’aggressione fisica da parte dei due ragazzi nei confronti dello zio che, però, ha improvvisamente estratto un coltello a farfalla e li ha colpiti uno alla coscia sinistra e l’altro al fianco sinistro. I feriti si sono poi recati autonomamente presso la Clinica San Carlo di Paderno Dugnano dal quale venivano dimessi rispettivamente con prognosi di gg. 10 per “ferita da punta penetrante coscia sinistra” e gg. 15 per “ferita penetrante emitorace sinistro”.

Il 51enne, trovato sul luogo della lite dagli operanti intervenuti su richiesta di un vicino di casa, è stato denunciato in stato di libertà lesioni aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Nemi, il Comune stipula convenzione con la clinica Villa delle Querce per tamponi rapidi alla cittadinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Stipulata una convenzione tra il Comune di Nemi e la Clinica ospedaliera Villa delle Querce per permettere a tutti residenti del paese di poter effettuare il test Antigenico SARS – COV2 rapido al costo di soli euro 13.

Ancora si dovrà convivere con questo Virus per altro tempo – dichiara il Sindaco di Nemi Alberto Bertucci – questo servizio vuole essere un’ulteriore servizio alla tutela della salute della cittadinanza.

Sarà sufficiente recarsi al primo cancello di ingresso della Clinica in di Via delle Vigne muniti di carta di identità per usufruire del servizio in convenzione dalle ore 8:30 alle ore 13:30 dal lunedì al Sabato.

I risultati si potranno ritirare entro la stessa giornata direttamente tramite il portale web www.casadicuravilladellequerce.it per evitare assembramenti e file è consigliabile la prenotazione al numero 0693658223 ed in caso di positività al Covid-19 l’utente verrà contattato immediatamente rispettando tutta la normativa sulla privacy.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Palermo, in manette 14 persone indagate per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

PALERMO – Misure cautelari per 14 indagati, di cui 7 in carcere e 7 agli arresti domiciliari, ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio, detenzione abusiva di arma comune da sparo, detenzione di arma clandestina e ricettazione.

Gli arresti sono stati fatti scattare questa mattina dai Carabinieri della Compagnia di Carini insieme ai militari del Gruppo Carabinieri di Palermo, dal Nucleo Cinofili del capoluogo siciliano – Villagrazia – e dal 9° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Palermo che hanno eseguito l’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

L’indagine, denominata “Arcobaleno” coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo e diretta dal Proc. Agg. Dott. Salvatore De Luca, è scaturita dall’arresto in flagranza di reato di uno degli indagati, operato in data 27 agosto 2018 a seguito di una rapina ai danni del Bar – Tabacchi “NEW MIRAMARE” sito in Carini. Nell’immediatezza dei fatti, a seguito di perquisizione domiciliare, venivano rinvenuti, oltre alla refurtiva, 37 grammi di cocaina, 4.975,00 euro in denaro contante e una pistola cal. 38 con munizionamento.

L’attività investigativa condotta, sviluppatasi tra agosto 2018 ed aprile 2019 attraverso attività tecniche e numerosi servizi di osservazione e pedinamento, ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale dedito alla coltivazione ed allo spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana nei Comuni di Carini, Palermo e Misilmeri. Durante l’attività di indagine sono stati operati i seguenti riscontri:

  • arresto in flagranza di reato di nr. 5 soggetti e deferimento in s.l. di altri 5 per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché detenzione abusiva di arma comune da sparo;
  •   sequestro di nr. 3 piantagioni di “marijuana” (547 piante e kg. 4.654 della medesima sostanza), nr. 3 pistole di cui una Smith e Wesson cal. 357 con matricola abrasa e relativo munizionamento, una pistola lanciarazzi cal. 22 marca “Bruni” ed una pistola a tamburo cal. 8 marca “Lebel”, armi nella disponibilità del sodalizio per la commissione di ulteriori reati quali rapine ad esercizi commerciali, come quella perpetrata in danno del Bar – Tabacchi “New Miramare”;
  •   accertamento di una continua e strutturata attività di produzione e coltivazione di marijuana nei Comuni di Carini e Palermo in capo agli indagati, i quali operavano nelle citate municipalità, con riferimento allo spaccio, in maniera itinerante;
  •   accertamento di uno stabile concorso degli indagati nell’attività illecite poste in essere, con precisa divisione di compiti e ruoli tali da configurare specifiche responsabilità sotto il profilo associativo. In tale contesto, dall’ottobre del 2018, si è assistito ad un mutamento della struttura verticistica del sodalizio a seguito dell’arresto di alcuni indagati, sostituiti dalle loro mogli, le quali hanno proseguito la realizzazione delle progettualità criminose col proprio personale impegno.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti