Connect with us

Cronaca

Bologna, dal Comune un aiuto concreto al mondo della cultura e della creatività

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Un aiuto concreto al mondo della cultura e della creatività. L’assessore Lepore “Le risorse del Capodanno per chi lavora nella cultura”

Un aiuto concreto ai lavoratori della cultura e della creatività arriverà dal Comune di Bologna che ha stanziato 230.000 euro ulteriori, rispetto alle cifre inserite nell’avviso destinato al sostegno delle nuove produzioni in ambito musicale (130.000 euro in più) e al bando INCREDIBOL! (100.000 euro in più). Fondi recuperati dalle minori spese sostenute per l’organizzazione del Capodanno e degli eventi natalizi non realizzabili nel rispetto delle misure di contenimento imposte dalla pandemia del Coronavirus.

“Investiremo quanto risparmiato sull’organizzazione del Capodanno per rafforzare il sostegno alle nuove produzioni musicali e all’industria creativa – afferma l’assessore alla Cultura Matteo Lepore – Un impegno importante per sostenere un settore che è stato duramente colpito dalla crisi. Inoltre, sempre per sostenere gli operatori bolognesi, che ricordo essere stati censiti nel 2018 in oltre 26.000 lavoratori (area metropolitana), è in partenza un’attività per aiutarli a orientarsi nelle misure e nelle richieste di ristoro legate all’emergenza Covid, in collaborazione con “DOC Servizi”, realtà di rilievo nazionale, con particolare attenzione ai settori dello spettacolo dal vivo. Vorrei ricordare che abbiamo investito nelle persone che lavorano nel settore culturale del Comune di Bologna. È in corso il concorso per assumere 23 assistenti culturali, e altri 21 verranno assunti nel corso del 2021. Inoltre, abbiamo promosso dieci specialisti a funzionari culturali, riconoscendone capacità professionali ed esperienza in ambito museale, bibliotecario e dello spettacolo, oltre una nuova responsabile della Biblioteca delle Donne, che proviene dall’università”.

Consapevole dell’importanza della filiera musicale per Bologna, città creativa della musica UNESCO, sia dal punto di vista culturale sia economico, e della grave crisi in cui versa il settore a causa delle misure introdotte per limitare la diffusione del coronavirus, il Comune di Bologna aveva pubblicato, nel mese di novembre, un avviso destinato al sostegno delle nuove produzioni in ambito musicale. Inizialmente a questa azione era stata destinata una cifra pari a 70.000 euro, ma la straordinaria quantità e qualità dei progetti pervenuti, ben 208, ha spinto l’Amministrazione ad ampliare la dotazione a 200.000 euro per ampliare la platea dei progetti sostenuti. Il bando è scaduto il 17 novembre scorso e intorno alla metà dicembre verrà pubblicato l’esito della selezione.
Novità anche per il bando INCREDIBOL! che ha visto nel 2020 un’edizione speciale dedicata ai progetti di innovazione delle industrie culturali e creative. Il progetto, sviluppato in partnership con la Regione Emilia-Romagna, vede Bologna coordinare un progetto regionale di grande successo, attivo da ormai 10 anni. Ai 400.000 euro destinati dalla Regione si sommano ora altri 100.000 euro appena stanziati dal Comune di Bologna per poter sostenere il maggior numero possibile di progetti: ben 193 quelli pervenuti, 119 dei quali arrivati dal territorio bolognese, anche in questo caso i risultati sono in arrivo a metà dicembre.

Fin dall’inizio del lockdown della primavera scorsa, il Dipartimento Cultura ha lavorato per venire incontro alle esigenze degli operatori culturali con attività di monitoraggio e percorsi di ascolto; sono stati prorogati i tempi di rendicontazione per attività che non hanno potuto avere luogo, ammettendo anche spese sostenute per progetti annullati o rimodulati a causa dell’emergenza, e offerte agevolazioni per lo svolgimento di attività all’aperto.

Solo a marzo scorso sembrava impossibile realizzare il cartellone “Bologna Estate 2020”, che è poi stato messo in campo dal 15 giugno al 30 settembre – il primo cartellone estivo italiano dopo il lockdown, gestito in piena sicurezza – contando 269 progetti e 3.351 eventi, di cui 2.498 realizzati in città. Tutto questo attraverso un investimento di 671.000 euro. Tra i tanti progetti ricordiamo il Cinema in Piazza Maggiore e il raddoppio delle attività della Cineteca con lo schermo al Centro sportivo Barca.
Per venire incontro alle esigenze del Teatro Comunale è stata trasferita l’attività al PalaDozza, fino a quando è stato possibile. Più in generale il Dipartimento Cultura ha investito sul sistema dei teatri nel 2020 ben 4.708.000 di euro. Un dato importante per capire la necessità di sostenere il teatro viene dai numeri del 2019, anno in cui sono state messe in scena, nei teatri in convenzione, 1.787 repliche di spettacoli, alle quali hanno partecipato 443.353 spettatori.

Nel corso del 2020, alle 39 convenzioni già attive in diversi ambiti (teatro, musica, arti visive, editoria, cinema) se ne sono poi aggiunte, attraverso una procedura ad evidenza pubblica, altre 13 per completare il quadro del sistema culturale cittadino riconoscendo il valore di altri ambiti produttivi (programmazione di musica dal vivo nei locali, produzione nell’ambito della danza, rigenerazione urbana a base culturale e creativa, cultura popolare).

Nel corso del 2020 il Comune di Bologna ha avviato la trasformazione delle biblioteche. Uno strumento come il MLOL – la biblioteca digitale di Bologna, è stata particolarmente apprezzato soprattutto durante i mesi del lockdown, portando i nuovi utenti iscritti (gennaio-giugno 2019-2020) da 7.835 a 25.526.
È notizia di qualche giorno fa l’attivazione del prestito a domicilio: i lettori possono contattare la biblioteca comunale più vicina e ricevere gratuitamente e direttamente a casa propria il libro desiderato. La consegna viene effettuata attraverso Consegne etiche, piattaforma realizzata dalle cooperative Dynamo e Idee in movimento, progetto coordinato da Fondazione Innovazione Urbana e Comune di Bologna. Prosegue anche l’attività del Patto per la Lettura, che dal febbraio 2019 ha visto 2.158 eventi e l’adesione di 175 soggetti.

Aumenta inoltre il patrimonio librario delle nostre biblioteche. Attraverso un bando il MiBACT ha assegnato, a tal fine, 130.000 all’Istituzione Biblioteche di Bologna, 10.000 euro a Biblioteca Italiana delle Donne e altrettanti alla Biblioteca dell’Istituto Parri, 42.150 euro alle Biblioteche dell’Istituzione Bologna Musei, 15.000 alle biblioteche afferenti all’Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni e 10.000 alla Biblioteca Renzo Renzi della Fondazione Cineteca. Gli acquisti, che si sono svolti tra settembre e ottobre, sono stati indirizzati dalle diverse biblioteche del Comune di Bologna principalmente verso librerie di medie e piccole dimensioni e librerie specializzate così da incentivare la ripresa di queste importanti attività del territorio ma anche verso le librerie delle catene commerciali e della grande distribuzione, anche loro in difficoltà in questo periodo di crisi dovuta alla pandemia.
Da segnalare l’operazione “Nuovo Forno del Pane”. Nata in pieno lockdown, il progetto dell’Istituzione Bologna Musei firmato da Lorenzo Balbi e dallo staff di MAMbo ha ridefinito l’identità del Museo d’Arte Moderna di Bologna, trasformando parte degli spazi espositivi in un centro di produzione interdisciplinare dedicato al contemporaneo e ispirato all’idea del sindaco Francesco Zanardi che proprio nel grande edificio che oggi ospita il museo, inaugurò nel 1915 il “Forno del Pane”, un grande panificio pubblico per sostenere la città piegata dal primo conflitto mondiale. Attualmente il “Nuovo Forno del Pane” accoglie 12 tra artiste e artisti. L’Istituzione Bologna Musei, confermando il suo ruolo di attore protagonista del welfare educativo cittadino, ha accompagnato le diverse fasi dell’emergenza Covid con uno straordinario sforzo di adattamento che ha permesso di essere presenti nella quotidianità di bambini e famiglie con un’offerta diversificata anche on line, per il pubblico generico e per le scuole. Sono stati 193 i bambini ad avere preso parte alle settimane di campo estivo a Villa delle Rose e al MAMbo.

Durante il primo lockdown, con le scuole sono state svolte 174 attività. Mentre attraverso le professionalità museali impegnate quotidianamente nelle attività di promozione e divulgazione, ogni area museale dell’Istituzione ha potuto veicolare attraverso contenuti digitali, nuove modalità narrative per valorizzare le collezioni permanenti e i loro pezzi più preziosi e curiosi.

Nel corso del 2020, inoltre, l’Amministrazione comunale ha assegnato due immobili importanti per la città: Serre Grandi e Velostazione.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Farmaci contro il Covid: i Nas oscurano 30 siti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Trenta siti, collocati su server esteri, sono stati oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute perché venivano pubblicizzati o offerti in vendita, anche in lingua italiana, vari farmaci contro il covid 19.


    Tra i farmaci venduti anche l’ivermectina, antiparassitario utilizzato in campo veterinario per cui l’Ema, nel marzo 2021, ha raccomandato di non utilizzare il principio attivo per la prevenzione o il trattamento del covid.


    Con l’operazione di oggi, salgono a 313 i provvedimenti sinora eseguiti nel 2021 dai Nas, 274 dei quali correlati all’emergenza Covid-19. 

Continua a leggere

Cronaca

Prato, ruba i soldi alla parrocchia e organizza festini con la droga: don Spagnesi andrà in comunità terapeutica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Il tribunale di Prato ha accordato il patteggiamento a don Francesco Spagnesi, il prete arrestato per i festini con la droga e per aver sottratto denaro alla sua parrocchia oltre che per aver truffato i fedeli.

Don Spagnesi ha patteggiato 3 anni e 8 mesi.

Tenendo conto del parere favorevole delle parti il gip ha accolto il patteggiamento nell’udienza di oggi. Per il prete cade l’accusa di tentate lesioni gravi, ipotizzata sulla possibilità che abbia taciuto malattie sessualmente trasmissibili ai partner. Restano le accuse di spaccio e traffico di droga e di appropriazione indebita del denaro delle offerte. Ha patteggiato anche il compagno di don Spagnesi, con 3 anni e 2 mesi: l’accusa per lui è di traffico e spaccio di droga in concorso: insieme al sacerdote secondo l’accusa acquistava la Gbl, la cosiddetta droga dello stupro.
    Don Francesco Spagnesi, secondo quanto emerge, verosimilmente sconterà la pena ai servizi sociali e con permanenza in una comunità terapeutica per curare la sua tossicodipendenza.
    Previsto anche un processo canonico per stabilire il suo percorso all’interno della Chiesa. La Diocesi di Prato lo ha rimosso dalla parrocchia e sospeso dalle funzioni di sacerdote.

Continua a leggere

Cronaca

Vercelli, arrestato funzionario dell’agenzia delle Entrate: voleva estorcere 300 mila euro alla famiglia di un imprenditore defunto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Nel pomeriggio di ieri a Vercelli, i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano e di Vercelli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torino su richiesta di quella Procura della Repubblicanei confronti di un funzionario dell’Agenzia delle Entrate di Vercelli, responsabile di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico e di tentata estorsione ai danni della nota famiglia di imprenditori LORO PIANA.

La complessa attività investigativa, condotta dai militari del Nucleo Investigativo di Milano, nasce a seguito della denuncia presentata dalla moglie del defunto imprenditore dott. Sergio LORO PIANA, dopo aver ricevuto una lettera anonima con richiesta estorsiva.

L’anonimo aveva richiesto il pagamento di 300mila euro, in 800 sterline d’oro, da consegnare secondo precise modalità nei pressi di un cavalcavia lungo la strada provinciale Vigevanese, dietro la minaccia di divulgare informazioni riservate relative ad una vertenza pendente tra la ditta LORO PIANA S.p.A. e l’Agenzia delle Entrate di Vercelli.

Le complesse indagini, coordinate in un primo momento dalla Procura della Repubblica di Vercelli e successivamente per competenza da quella di Torino, hanno consentito di risalire all’autore della missiva anonima ed indentificarlo nel funzionario dell’Agenzia delle Entrate destinatario della misura coercitiva. I militari, con una minuziosa ed analitica ricostruzione dei fatti, sono riusciti inoltre a dimostrare che l’indagato:

–       era presente nei luoghi indicati per la consegna del denaro attraverso il monitoraggio diretto del sito, l’analisi dei tabulati telefonici e delle videocamere di sorveglianza di diversi comuni della provincia;

–       aveva scannerizzato alcune informazioni contenute nel fascicolo riguardante la citata vertenza fiscale, riportandole nella lettera minatoria;

–       aveva effettuato diverse interrogazioni nella banca dati “SERPICO” dell’Agenzia delle Entrate, senza alcun incarico formale, sul conto dell’azienda LORO PIANA S.p.A. e LORO PIANA SERGIO;

–       aveva svolto ricerche in internet sulle citate monete auree inglesi;

–       aveva stilato ed archiviato nel PC della sua postazione di lavoro alcuni files relativi ad una “classifica” degli imprenditori più facoltosi della provincia di Vercelli, tra cui proprio la moglie ed i familiari del defunto imprenditore.

Continua a leggere

I più letti