Connect with us

Roma

Bracciano Ambiente: Il Tribunale ha dichiarato il fallimento della partecipata comunale

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti I soli servizi che rimarranno provvisoriamente in piedi saranno quelli destinati alla raccolta differenziata dei rifiuti, di manutenzione cimiteriale e di illuminazione votiva

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

 

Red. Cronaca


BRACCIANO (RM) – Debiti alle stelle: il tribunale di Civitavecchia ha decretato il fallimento della Bracciano Ambiente. E adesso i soli servizi che rimarranno provvisoriamente in piedi saranno quelli destinati alla raccolta differenziata dei rifiuti, di manutenzione cimiteriale e di illuminazione votiva.

 

Nell’atto della Procura si sottolinea come di fatto non può ritenersi che la società in house sia dal punto di vista sostanziale un ente pubblico. Inoltre risulta dimostrato lo stato di insolvenza della debitrice, reso manifesto dal protratto inadempimento delle obbligazioni verso i creditori istanti, credito pari a €199.180,56, e dalle stesse allegazioni della debitrice, che, con la domanda di concordato preventivo, ha esposto di trovarsi in stato di crisi e nella oggettiva impossibilità di far fronte alle obbligazioni in essere, rappresentando un’esposizione debitoria complessiva di 12.289.127,82 di euro.

 

Il Tribunale ha rilevato che l’ammontare dei debiti scaduti e non pagati risultanti dagli atti dell’istruttoria prefallimentare è complessivamente superiore a euro trentamila, rilevando che la proponente, quale società in house del Comune di Bracciano, è affidataria dei servizi pubblici di raccolta differenziata dei rifiuti, di manutenzione cimiteriale e di illuminazione votiva erogati nel territorio comunale.

 

E' stato inoltre ritenuto che il pericolo derivante dal rischio di interruzione del servizio può essere evitato attraverso il ricorso all'istituto dell'esercizio provvisorio limitatamente al tempo necessario all'ente locale ad affidarlo ad un nuovo gestore (Cass. 22209/13); osservato che la Suprema Corte, nella sentenza appena citata, ha condiviso “la tesi, avanzata in dottrina e seguita anche dalla giurisprudenza di merito, secondo cui nel valutare la ricorrenza di un danno grave, in presenza del quale autorizzare l'esercizio provvisorio, il tribunale ha quindi tenuto conto non solo dell'interesse del ceto creditorio, ma anche della generalità dei terzi, fra i quali beni possono essere annoverati i cittadini che usufruiscono del servizio erogato dall'impresa fallita

 

"Ci dispiace per i dipendenti della Bracciano Ambiente e per le loro famiglie. – Ha commentato il consigliere comunale M5s Marco Tellaroli appresa la notizia – Ce l'abbiamo messa tutta, per evitare che accadesse"

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro, 18enne sorpreso con 80 dosi di hashish

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Colleferro, al termine di un mirato servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 18enne del luogo, indagato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato dai Carabinieri e sottoposto a perquisizione personale, ad esito della quale è stato trovato in possesso di 65 g di hashish, suddiviso in 80 involucri, già confezionati e pronti per la cessione.Il 18enne, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma, in attesa del processo.  

Continua a leggere

I più letti