Connect with us

Metropoli

Bracciano, conferita la cittadinanza onoraria al giornalista antimafia Paolo Borrometi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Un evento atteso al Comune di Bracciano quello di ieri che ha visto ufficializzare la cittadinanza onoraria al giornalista antimafia Paolo Borrometi.

Le motivazioni, votate all’unanimità dal Consiglio comunale e riportate sulla pergamena della cittadinanza, si riferiscono al lavoro svolto da Borrometi nella sua Sicilia: “Per l’elevato senso civico dimostrato, sfidando le mafie in nome della verità e della giustizia contribuendo con le proprie inchieste a portare alla luce gravi reati legati alle organizzazioni mafiose e diventando così un esempio da seguire sia come giornalista, sia e soprattutto come uomo e cittadino”. Un lavoro di legalità che non si piega nemmeno davanti alle minacce dei boss di Pachino che avevano orchestrato per lui un attentato sullo stile di quello di Capaci.

Il sindaco: “Borrometi, un eroe dei giorni nostri”

Il sindaco Armando Tondinelli riferendosi a Borrometi lo ha appellato come “eroe, di quelli veri, di quelli che servono all’Italia perché incarnano quei valori che ci hanno permesso di diventare una grande nazione”. Il primo cittadino ha ricordato come un articolo d’inchiesta sulle mafie agroalimentari, firmato dal giornalista siciliano e pagato 3 euro lordi, sia costato a Borrometi una menomazione permanente di una spalla.

Paolo Borrometi: “5 anni fa, mi trovavo in ospedale dopo un’aggressione mafiosa”

Lo stesso giornalista antimafia, una volta presa la parola, ha ricordato come il 16 aprile sia per lui un giorno difficile: “5 anni fa, mi trovavo in ospedale dopo un’aggressione mafiosa che ha segnato l’inizio di tutta una serie di atti invasivi compiuti contro la mia persona”. Borrometi si è poi soffermato sull’importanza della libertà del giornalista di svolgere onestamente il suo mestiere, una libertà che va difesa perché prodromo per la tutela di tutte le altre libertà, “Io non condivido la tua idea, ma morirei affinché tu possa esprimerla”.

Davanti le videocamere de L’Osservatore d’Italia, Borrometi ha spiegato nei dettagli le pagine del suo libro “Un morto ogni tanto” dove riporta attimi di vita personale, articoli ed inchieste che hanno portato al commissariamento di molti comuni tra cui quello di Vittoria centro propulsivo per le agromafie che proprio lì avevano dato il via ad un business di centinaia di milioni euro.

Oggi Paolo Borrometi è costretto ad una vita sotto scorta, una non vita, per continuare a lottare affinché il cancro mafioso venga finalmente sconfitto. Borrometi non ama definirsi un eroe dato che “Esistono solamente cittadini perbene che fanno il loro mestiere” ma sicuramente è, per dirla con Siani, un “giornalista giornalista”.

Commenti

Metropoli

Colleferro, iniziativa dall’Amministrazione Comunale: consegnati tablet per studiare a due studenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GAVIGNANO E GORGA (RM) – Ora potranno riprendere a studiare nonostante la chiusura della propria scuola a seguito del D.P.C.M. emesso per arginare il contagio da COVID-19.

I Carabinieri delle Stazione di Gavignano e di Gorga, due piccole frazioni del Comune di Colleferro, hanno provveduto alla consegna di due tablet ad altrettanti giovani studenti, un ragazzo ed una ragazza entrambi 13enni, frequentatori dell’Istituto “Margerita Hack” di Colleferro.

I ragazzi hanno ricevuto l’inaspettata visita dei militari che, grazie all’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale di Colleferro e dal loro professore, si sono subito adoperati, in questo momento emergenziale, per tutelare il diritto allo studio dei due giovani.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano, va a fare la spesa nonostante sia positivo al Codiv-19

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CANALE MONTERANO (RM) – I Carabinieri della Stazione di Manziana hanno denunciato a piede libero per violazione della misura della quarantena, un uomo del posto, risultato positivo al virus, contratto settimane fa in una palestra di Manziana.

Al termine delle verifiche specifiche, i Carabinieri hanno accertato che l’uomo, nonostante l’obbligo di quarantena, era uscito dalla sua abitazione per andare a fare la spesa in un vicino negozio di generi alimentari.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, famiglie in difficoltà. Il sindaco mette in campo 10mila euro. Tondinelli: “Il Governo cominci a pensare alla devastante crisi economica che stiamo vivendo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – L’Amministrazione comunale di Bracciano guidata dal Sindaco Armando Tondinelli ha destinato al Coc (Centro Operativo Comunale) di Bracciano la somma di 10mila euro per servizi di acquisto e consegna a domicilio di beni di prima necessità a favore di nuclei familiari particolarmente fragili, attualmente privi di sostentamento economico e più esposti al disagio.

È lo stesso primo cittadino ad annunciare ancora sostegni economici in favore delle famiglie di Bracciano in difficoltà

“Mentre il Governo sta decidendo come fare l’ennesima autocertificazione – dice Tondinelli – noi stiamo pensando alla devastante emergenza economica che silente sta mettendo in ginocchio moltissimi cittadini. A Bracciano, vi assicuro, il nostro sostengo non mancherà mai perché capiamo la tragedia che questo brutale virus ha causato con un bilancio di morti a cui nessuno avrebbe mai voluto assistere e con un conseguente, lo ripeto, devastante tracollo della nostra economia. Questi altri 10 mila euro serviranno a dare risposte immediate ai nostri concittadini in difficoltà a cui va il mio caloroso sostegno e abbraccio virtuale. Come primo cittadino che conosce i problemi sul campo che quotidianamente interessano le famiglie che devono poter mettere del cibo a tavola e garantirsi farmaci e beni primari, rinnovo al Governo un appello al buonsenso: abbiamo bisogno di un segnale concreto di vicinanza, non possiamo permetterci di lasciare indietro nessuno”.

Il Sindaco comunica inoltre il bilancio dei contagi di oggi: “Registriamo oggi – aggiunge Tondinelli – un nuovo caso positivo al Coronavirus. Torno a ribadire con forza che dobbiamo restare in casa perché dobbiamo assolutamente vincere questa guerra. Insieme possiamo farcela, il nostro sostegno è forte più che mai. Sono con voi!”

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it