Connect with us

Roma

BRACCIANO, CUPINORO: DANNI ERARIALI PER OLTRE 4,7 MILIONI DI EURO

Clicca e condividi l'articolo

Ci sarebbe per di più un coinvolgimento molto forte del Comune di Bracciano che deriva da un rilevante debito accumulato dall'Ente nei confronti della partecipata Bracciano Ambiente S.p.a.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Alberto De Marchis

Bracciano (RM) – Colpo di scena dei finanzieri sulla discarica di Cupinoro sulla quale i riflettori rimarranno ancora accesi per qualche tempo. Per la discarica di Cupinoro, a Bracciano, la Guardia di finanza di Viterbo ha accertato danni erariali per oltre 4,7 milioni di euro. Il tutto emerge da una complessa indagine partita nel giugno del 2011 e condotta dalle fiamme gialle. Sono coinvolte ben 169 persone per 19 enti locali che dovranno risarcire in 4 mesi pena il sequestro dei beni.

La scoperta del danno erariale è la conseguenza di accertamenti disposti dalla Procura Regionale della Corte dei Conti volti a verificare la gestione della società “Bracciano Ambiente S.p.a.”, interamente partecipata dal Comune di Bracciano.

Ci sarebbe per di più un coinvolgimento molto forte del Comune di Bracciano che deriva da un rilevante debito accumulato dall'Ente nei confronti della partecipata Bracciano Ambiente S.p.a., costituita “in house”; ente locale che, tra l’altro, proprio in ragione della sua partecipazione totalitaria nella Bracciano Ambiente S.p.a. ne avrebbe omesso anche “controllo analogo”.

Spese per cessioni di crediti ad istituti bancari o alternativamente finanziari sostenute dalla Bracciano Ambiente S.p.a. per sopperire ad esigenze di liquidità causate da ritardi nei pagamenti da parte degli Enti locali conferenti r.s.u. presso la discarica di Cupinoro sarebbero state al centro di indagini molto approfondite. 

Staremo a vedere cosa succede.  

LEGGI ANCHE:

 05/02/2014 BRACCIANO: DOPO LA CHIUSURA DI CUPINORO RIFIUTI A VITERBO 30/01/2014 BRACCIANO: CUPINORO CHIUDE IN ATTESA DI PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER AMPLIAMENTO


Roma

Roma, al via lo sgombero e abbattimento di 8 costruzioni dei Casamonica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Sono iniziate le operazioni di sgombero e abbattimento di 8 costruzioni, tra capannoni e villette abusive con piscina, in via Fratelli Marchetti Longhi, in zona Romanina a Roma riconducibili al clan Casamonica.

Sul posto circa 100 uomini tra Polizia, Polizia locale e Carabinieri. L’operazione di oggi avviene a circa 2 anni dalla precedente demolizione di 8 ville abusive Casamonica al Quadraro.

L’attività nasce da un lavoro portato avanti in seno all’Osservatorio territoriale della sicurezza presso il VII Municipio, diretto e coordinato dalla Prefettura di Roma.
   

Continua a leggere

Roma

Roma, cucciolo di cane intrappolato nell’argine del Tevere salvato dagli uomini della Guardia di Finanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Un cucciolo di cane rimasto intrappolato nell’argine destro del fiume Tevere è stato salvato grazie all’intervento dei Finanzieri in servizio al Centro Logistico della Guardia di Finanza di Villa Spada.

Un salvataggio difficile che però alla fine ha avuto un lieto fine. In attesa della restituzione al suo proprietario il cucciolo è stato ribattezzato Grifo.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, riqualificazione dell’ospedale Forlanini. Simeone: “Sopralluogo nella massima sicurezza”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Occorre affrontare quanto prima il tema del rilancio dell’ex complesso ospedaliero Carlo Forlanini, anche in considerazione della possibile scelta di questo plesso quale sede dell’Agenzia europea per la Ricerca Biomedica e per la gestione delle crisi sanitarie.

Per il 15 ottobre scorso era stato inizialmente programmato un sopralluogo della commissione Sanità proprio presso l’ex ospedale Forlanini, poi per motivi precauzionali legati alla crescente diffusione del virus, si è deciso di spostare la visita in altra data. Faremo in modo che il sopralluogo possa svolgersi nella massima sicurezza. Riteniamo doveroso verificare di persona la situazione dell’enorme complesso chiuso come presidio sanitario da circa 6 anni, in attesa che si concretizzi il piano per il recupero della struttura. Occorre tutelare questo grande patrimonio immobiliare esistente e possibilmente valorizzarlo.

Non c’è dubbio che il completamento della riqualificazione dell’ex ospedale potrebbe rappresentare un elemento importante per la ripartenza socioeconomica di un intero settore e per il rilancio dei servizi e dell’immagine di Roma Capitale.

Non dobbiamo infine dimenticare come proprio recentemente il Procuratore regionale della Corte dei Conti, in sede di parificazione del bilancio regionale, ha invitato la Regione Lazio ad avviare al più presto i lavori di recupero della storica struttura dell’ex ospedale Forlanini, per scongiurare il rischio di degrado e di definitivo abbandono”.

Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare

Continua a leggere

I più letti