Connect with us

Metropoli

Bracciano, dopo la nota diffamatoria del Consigliere Tellaroli il Segretario Comunale si rivolge al Prefetto, alla Procura e ai Carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Ha scritto alla Procura di Civitavecchia, al Prefetto e ai Carabinieri il Segretario Comunale di Bracciano che ha risposto all’ennesima nota diffusa dal consigliere pentastellato Marco Tellaroli lo scorso 24 agosto riservandosi il diritto di intraprendere ulteriori azioni.

Nella nota il consigliere M5s ha indirizzato un vero e proprio attacco al Segretario Comunale dottoressa Pamela Costantini, tramite una nota confusa e condita da richieste di chiarimento sull’affidamento dell’incarico della comunicazione istituzionale del Comune di Bracciano nonostante le determinazioni pubblicate dall’amministrazione dell’Ente siano chiare e non lascino spazio a fraintendimenti.

Eppure Tellaroli si è lanciato in fantasiose interpretazioni immaginando chissà quali scenari degni di film fantascientifici arrivando ad attaccare e diffamare un pubblico funzionario tramite la diffusione di un comunicato dal chiaro tenore politico.

Stessa cosa fece quando criticò altri organi istituzionali come la Corte dei Conti. Ma chi fa opposizione non dovrebbe sparare a zero su tutto e tutti ergendosi a paladino e vittima di chissà quale complotto oscuro. Ci vuole sempre rispetto dei ruoli e delle istituzioni.

Ma è bene riportare testualmente i passi con cui la dottoressa Costantini risponde per filo e per segno a Tellaroli: “Trovo alcune Sue affermazioni gravi – si legge tra l’altro nella nota del Segretario – diffamanti e tendenziose laddove dichiara che avrei eluso e non rispettato una graduatoria esistente. Nel dettaglio, Le specifico quanto segue:
– con determinazione n.108 in data 09.09.2019 veniva affidato, a seguito di procedura ad evidenza pubblica, l’incarico di ufficio stampa del Comune di Bracciano;
– con successiva determinazione n. 444 in data 10.03.2020, la determinazione suddetta veniva revocata. Il provvedimento di revoca cita chiaramente le motivazioni riportate in una comunicazione sindacale inerente lo svolgimento dell’incarico dalla quale si evince che nessuno degli obiettivi dell’incarico è stato raggiunto e che, oltretutto, in una situazione di emergenza locale e nazionale quale quella che l’Italia sta attraversando in questo periodo, l’ufficio stampa dovrebbe assumere un ruolo cruciale dal punto di vista delle informazioni e delle attività messe in campo dal Comune oltreché essere fonte primaria dell’informazione verso il cittadino, risultando invece completamente assente. Nel periodo specifico (marzo 2020), il Comune di Bracciano si trovava nella urgente necessità di garantire una informazione pedissequa, dettagliata ed immediata alla cittadinanza della situazione di grave emergenza sanitaria in corso.
– In considerazione di quanto sopra, con determinazione n. 534 del 31.03.2020, veniva affidato all’Associazione Agensal, nella persona del suo Presidente, previa offerta per l’espletamento del servizio, il nuovo e diverso incarico di implementazione della comunicazione istituzionale del Comune di Bracciano, cosa ben diversa dall’ufficio stampa (oggetto della precedente procedura di evidenza pubblica conclusasi, peraltro, senza la formazione di una graduatoria di merito alla quale dover attingere in caso di cessazione anticipata dell’incarico). Se quindi, Consigliere Tellaroli, solo leggesse meglio almeno l’ oggetto dell’incarico, trarrebbe in autonomia le dovute conclusioni”.

Il Segretario Costantini rivolgendosi a Tellaroli non usa troppi giri di parole e sostanzialmente nelle sue conclusioni, dopo aver spiegato l’ovvio e la confusione fatta dallo stesso Consigliere nel leggere le determinazioni comunali ha detto: “In conclusione, gentilissimo Consigliere Marco Tellaroli, sarebbe decisamente più proficuo leggere con attenzione i provvedimenti adottati e non criticarli grossolanamente. Il Segretario Comunale, funzionario prefettizio, non va considerato come parte di un sistema di illegalità del quale Lei, sovente e fino ad oggi sempre infondatamente, tenta con ogni mezzo ed affermazione di vestire il ruolo di giusto e probo condottiero”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Anguillara Sabazia: è ballottaggio tra Angelo Pizzigallo e Michele Cardone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Sarà ballottaggio tra Angelo Pizzigallo (Lega-FI-FdI) e Michele Cardone (PD-Sinistra in Comune-Siamo Anguillara) per la conquista di palazzo Orsini i prossimi 4 e 5 ottobre ad Anguillara Sabazia, Città che conta 20 mila abitanti.

Secondo i primi dati parziali, perché lo spoglio è ancora in corso, Pizzigallo è intorno al 34,59 per cento, Cardone al 29,98 per cento, mentre i civici Francesco Falconi al 22,87 per cento e Sergio Manciuria al 12,55 per cento.

Un’analisi? A questa tornata hanno vinto i partiti tradizionali e i Cinque Stelle sono letteralmente scomparsi. Nonostante la buona performance della lista dell’Avvocato Francesco Falconi, sarà una sfida tutta tradizionale tra centrodestra e centrosinistra

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, città pronta a rinascere dopo il fallimento M5s: grande attesa per lo spoglio elettorale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Inizierà domani mattina lo spoglio delle schede elettorali e per la città di Anguillara Sabazia, che supera i 15 mila abitanti (arriva a 20 mila), si potrebbe arrivare al ballottaggio i prossimi 4 e 5 ottobre.

A dominare la scena è un clima di totale incertezza e difficoltà nel capire chi dei quattro candidati giungerà alla sfida finale. Alle 15 di oggi l’affluenza alle urne è stata del 67,41 per cento.

Una cittadina adagiata sul lago di Bracciano dove a sfidarsi sono l’avvocato Angelo Pizzigallo (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia), l’imprenditore Michele Cardone (PD/Sinistra in Comune e una civica), l’avvocato Francesco Falconi (lista civica) e il geometra Sergio Manciuria (due liste civiche).

Le amministrative, secondo scadenza naturale, si sarebbero dovute tenere  a primavera del prossimo anno ma l’implosione politica del governo Cinque Stelle guidato da Sabrina Anselmo ha portato alla sfiducia del sindaco e conseguente commissariamento dell’Ente.

Ora Anguillara è in ginocchio con grosse criticità da risolvere: periferie in degrado e strade piene di buche, marciapiedi dissestati, emergenza cimitero, piano regolatore ancora da approvare, nessuna programmazione turistica e scuole che cadono a pezzi con un plesso dichiarato inagibile e i ragazzi costretti a fare lezione nei container.

Continua a leggere

Castelli Romani

Comuni al voto in provincia di Roma: alle 23 affluenza alle urne intorno al 50 per cento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Affluenza alle urne che sale intorno al 50% quella che si registra nei comuni della provincia di Roma che vanno al voto per il rinnovo delle cariche istituzionali. Dato più basso quello di Rocca di Papa con il 47,13% di votanti mentre il più alto quello di Colleferro con il 54,92%.

Ecco i dati dei comuni della provincia di Roma delle ore 23

Albano Laziale alle 23 ha registrato una affluenza del 50,57 per cento

Una città che conta oltre 40mila abitanti e 34 sezioni e che vede quattro candidati a sindaco: Bruno Valentini (Partito Comunista), Matteo Mauro Orciuoli (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e quattro civiche), Massimiliano Borelli (PD e otto civiche), Luca Nardi Movimento Cinque Stelle.

Anguillara Sabazia alle 23 ha registrato 50,68 per cento

Circa 20mila abitanti, con 15 sezioni e quattro candidati: Angelo Pizzigallo (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia), Michele Cardone (PD e una civica), Francesco Falconi (lista civica), Sergio Manciuria (due liste civiche).

Rocca di Papa alle 23 ha registrato 47,13 per cento

Oltre 17mila abitanti, 12 sezioni e sei candidati a sindaco: Elisa Pucci con tre liste civiche, Marco D’Antoni MoVimento Cinque Stelle, Enrico Fondi con tre liste civiche, Massimiliano Calcagni (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e una civica),Veronica Cimino con quattro liste civiche, Andrea Croce (PD e tre liste civiche).

Ariccia alle 23 ha registrato una affluenza del 49,61 per cento

Conta quasi 19 mila abitanti, 21 sezioni e sei candidati: Gianluca Staccoli (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e due civiche), Enrico Indiati (quattro liste civiche, Emilio Tomasi (PD e due civiche), Emanuele Imperioli (M5S), Giorgia La Leggia (tre civiche), Emilio Cianfanelli (tre civiche).


Genzano di Roma con 48,58 per cento di affluenza alle 23

Quasi 24 mila abitanti, 21 sezioni e cinque candidati: Roberto Borri (PCI e una civica), Walter Ippolito (M5S), Flavio Gabbarini (tre liste civiche), Carlo Zoccolotti (PD più quattro civiche), Piergiuseppe Rosatelli (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia).


Zagarolo alle 23 registra una affluenza del 47,68 per cento

Oltre 18 mila abitanti e 4 candidati a sindaco: Emanuela Panzironi (PD più cinque civiche), Marco Bonini (Fratelli d’Italia, Lega e due civiche), Giovanni Luciani (lista civica), Giacomo Vernini (lista civica), Marco Riccardi (M5S)

Colleferro alle 23 ha raggiunto il 54,92 per cento di affluenza

Oltre 21 mila abitanti, 19 sezioni, cinque candidati a sindaco: Pierluigi Sanna (PD e quattro civiche, Valerio Giuffré (una civica), Mario Cacciotti (Forza Italia e due civiche), Daniele Capuano (M5S), Rocco Sofi (lega, Fratelli d’Italia e una civica)

Palombara Sabina alle 23 registra una affluenza del 52,97 per cento

Con 13 mila abitanti e tre candidati a sindaco Alessandro Palombi, Rino Postiglioni, Serena Rosati ciascuno portato da una lista civica

Continua a leggere

I più letti