Connect with us

Roma

BRACCIANO, GAETA, E CASTEL MADAMA, BANDO FARMACIE PUBBLICHE: MI COSTITUISCO (DOPO IL BANDO) E VINCO

Clicca e condividi l'articolo

Una circostanza davvero fortunata, quest'ultima, per una società costituita immediatamente dopo la pubblicazione di un bando e vincerlo.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Ivan Galea

Bracciano (RM) – Costituirsi immediatamente dopo la pubblicazione di un bando e vincerlo: questo in sintesi quanto avvenuto con l’aggiudicazione del bando relativo la scelta del socio privato per la gestione delle farmacie di tre comuni del Lazio.

Scelta l’impresa privata che acquisirà l'80% di Laziofarma-Farmacie Pubbliche Laziale SpA., società a capitale misto, che si occuperà della gestione delle Farmacie nella titolarità dei Comuni aderenti in ogni tempo al Consorzio Coifal. Ad oggi quindi Laziofarma gestirà le farmacie comunali dei Comuni di Bracciano, Gaeta e Castel Madama che attualmente compongono il consorzio Coifal che a sua volta detiene la titolarità del 20% della società Laziofarma.

La presa d’atto dell’aggiudicazione definitiva va alla Servizi Farmaceutici Integrati Srl, società costituita solo lo scorso 9 Luglio 2015 ed iscritta al registro imprese il 20 Luglio 2015,
con sede legale a Spigno Saturnia in provincia di Latina presso il box 45 del Centro Leonardo SS630 Formia Cassino Km 28.400 snc. che si presenta con un capitale sociale di 40mila euro e che vede Franco Vendittoli ricoprire la carica di Amministratore Unico. La Servizi Farmaceutici Integrati Srl a sua volta è controllata dalla società Mages Srl che ne detiene il 100% delle quote.

La società Mages Srl costituita l'11 Maggio 2004 ed iscritta al registro imprese il 7 Giugno 2004, con sede legale a Caserta in via Roma 63, controlla quindi il 100% della società Servizi Farmaceutici Integrati Srl che a sua volta detiene l'80% della partecipazione in Farmacie Pubbliche Laziale SpA insieme al Consorzio Coifal, attualmente composto dai Comuni di Bracciano, Gaeta e Castel Madama, che detiene il restante 20% di partecipazione.

Mages Srl si presenta con un capitale sociale di 12mila euro di proprietà dei soci Franco Vendittoli (50%), domiciliato in provincia di Caserta, per 6mila euro e Massimo Cox (50%), domiciliato in provincia di Caserta, per ulteriori 6mila euro. Quest'ultimo ricopre la carica, dall'aprile del 2012 anche di Amministratore Unico.
Inoltre Massimo Cox è presente nella compagine sociale della  MADDALENA COSTRUZIONI S.R.L. con la proprietà del 51% delle quote, della COMPAGNIA EUROPEA SMALTIMENTO FARMACI S.R.L. con la proprietà del 5% delle quote e della FARM.DEL MARE S.R.L. IN LIQUIDAZIONE con la proprietà del 5% delle quote.

"Non sarà che di mezzo c’è l'interesse di un ex politico, futuro comune cittadino, il quale continua a prodigarsi affinché sia completata l'opera fortemente da lui voluta? – Commentano attraverso una nota dal Comitato Cittadini di Bracciano in Movimento – Forse – prosegue la nota – l'incarico politico prestigioso a cui punta, è quello di “Primario” delle farmacie comunali riunite e servizi vari? A pensar male… staremo a vedere."

Il Comitato Cittadini di Bracciano in Movimento chiama poi in causa il presidente del collegio dei Revisori David De Filippis, del Comune di Bracciano,
che lo scorso primo settembre definì "davvero pittoresca” la prima fase di start-up delle operazioni. "Inoltre saremo felici, – dichiarano dal Comitato – di sapere cosa ne pensano dall’Ordine dei Farmacisti Laziali, visto che ultimamente in questo Consorzio si sono accesi numerosi riflettori su bandi di gara anomali, e mancanza di requisiti di alcuni individui nelle operazioni".

Dal Comitato Cittadini di Bracciano in Movimento puntualizzano anche il fatto che l’intera operazione è stata giudicata non economica dai Revisori dei Conti del Comune di Bracciano
e che il consigliere del Comune di Gaeta Eduardo Accetta l’aveva criticata fin dall’inizio, con tanto di diffida a portare a termine la procedura, dubitando da subito dei requisiti di Pasquale Manzo a presiedere la commissione di gara, alla quale la direzione ha dovuto cambiare un membro in corsa. "La determina provvisoria di assegnazione era stata sottoscritta nei giorni scorsi dal Direttore Generale del Coifal Anna Maria Valente e dal Responsabile Unico del Procedimento Pasquale Manzo. – Dichiarano ancora dal Comitato Cittadini di Bracciano in Movimento – A fronte di un’offerta – proseguono dal Comitato – a base d’asta di 1.544.000,00 euro per una qq durata dell’affidamento di trent’anni, l’aggiudicazione è avvenuta con un canone mensile per ogni farmacia aperta di 1.300 euro (con 86,66 euro spettanti a ogni Comune), un’offerta “una tantum” di 140.000 euro e infine mezzo punto percentuale sul fatturato.

Una circostanza davvero fortunata, quest'ultima, per una società costituita immediatamente dopo la pubblicazione di un bando e vincerlo.

Commenti

Castelli Romani

Lanuvio e Nemi, distribuite alla popolazione le prime mascherine

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

LANUVIO (RM) – Distribuite le prime 1000 mascherine a Lanuvio. “Nella mattinata di oggi l’Amministrazione comunale, – hanno detto il sindaco di Lanuvio e Mario Di Pietro, assessore all’Ambiente – coadiuvata dalla Protezione Civile, ha provveduto a distribuire le prime 1000 mascherine inviate al Comune di Lanuvio dalla Protezione Civile Regionale.

Si è proceduto consegnando i dispositivi ai soggetti maggiormente esposti per motivi di servizio, di lavoro e a coloro le cui attività sono ritenute essenziali dalle disposizioni vigenti.

Al fine di rendere più capillare ed efficace questa operazione sono state coinvolte le Associazioni e i Comitati di Quartiere che svolgono attivamente azioni di sussidiarietà per il Comune di Lanuvio, i commercianti e chi opera nel pubblico.

La Protezione Civile Regionale ha provveduto ad integrare la provvista di mascherine di altri 1000 dispositivi che nelle prossime ore verranno distribuite. L’Amministrazione comunale, per mezzo degli uffici e tra tantissime difficoltà, ha provveduto, da tempo, ad eseguire gli ordini per dotare i dipendenti comunali dei dispositivi previsti dalla norme e continuerà, anche nei prossimi giorni, a controllare che ogni operatore sia regolare nell’utilizzo dei dispositivi e nell’osservare le norme vigenti.
Corre l’obbligo di ringraziare il Dipartimento Regionale di Protezione Civile Regionale per i materiali inviati.Restiamo uniti, restiamo a casa, rispettiamoci”.

A Nemi distribuite mascherine FFP2 /KN95  pagate dal Comune euro 5,62 l’una

“Cari Concittadini, in questo momento di emergenza Nazionale in cui il virus COVID-19 sta mettendo a dura prova la nostra quotidianità e la difficoltà di vivere vicino ai nostri cari, l’Amministrazione Comunale sta facendo ogni cosa per starvi vicino. – Scrive il primo cittadino di Nemi – Dall’inizio della crisi, in Comune si è lavorato per rendere il più semplice e sicura possibile la vita di voi cittadini, informandovi sulle giuste modalità di comportamento e istituendo insieme alla Protezione Civile Comunale un servizio a sostegno delle famiglie e degli anziani per qualsiasi tipo di bisogno (anche alimentare), oltre che la consegna dei farmaci a domicilio, contattando il numero di  06936501212 / 210.

La settimana scorsa siamo riusciti ad acquistare, dopo una faticosa ricerca e varie trattative con aziende della Cina, le introvabili mascherine FFP2 /KN95  ad un prezzo di €5,62 l’una ed abbiamo deciso di fornirne una ogni famiglia, in modo che la persona designata a fare la spesa, possa indossarla ed uscire nella massima sicurezza possibile. La mascherina vi verrà consegnata a domicilio dai volontari della Protezione Civile Comunale, che saranno riconoscibili dalla divisa e dal tesserino.

Sono orgoglioso di come tutti voi cittadini di Nemi vi state comportando rispetto a questa emergenza, seguendo i vari decreti di restrizione con responsabilità, mantenendo comunque un rapporto umano e di solidarietà straordinaria che ha contraddistinto la nostra comunità. Lo dimostra anche il fatto che a Nemi risultano zero casi positivi”.                   

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, famiglie in difficoltà. Fratelli d’Italia lancia la campagna “Povera Patria”. Già raggiunto accordo con un supermercato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – “Vogliamo rilanciare una campagna che si chiama ‘Povera Patria’, come già abbiamo fatto nel 2015. – Dichiara Roberto Cuccioletta, coordinatore di FDI di Albano -Vogliamo occuparci – prosegue Cuccioletta – di quelle famiglie povere o che stanno scivolando nella povertà a causa della crisi che si è aperta con l’emergenza legata all’epidemia del virus COVID-19. L’intento è di raccogliere presso i supermercati i beni di prima necessità, come alimenti, disinfettanti e quanto altro necessario per il vivere quotidiano. Chiaramente le limitazioni allo spostamento ci impediscono di farci carico come cittadini della raccolta per l’impossibilità di stazionare davanti ai supermercati. Per riuscire nell’intento occorre la disponibilità dei direttori dei supermercati e delle associazioni autorizzate che vorranno contribuire a realizzare questa iniziativa. Facciamo appello, quindi, a tutti i supermercati e a tutte le associazioni autorizzate a contattare il nostro Simone Carabella, responsabile dell’iniziativa, al numero 3291268024 che si farà carico di coordinare le raccolte.”

Carabella: Già raggiunto accordo con un supermercato

“Oggi nelle case degli Italiani manca la pasta, il pane, il latte. Nonostante i proclami del governo sono sempre di più le famiglie ridotte alla canna del gas, è per questo che come al solito abbiamo deciso di passare dalle parole ai fatti. – A dichiararlo è Simone Carabella coordinatore dell’iniziativa #poverapatria – Già ho un accordo con il direttore dell’Eurospin di Ariccia in via Quarto Negroni per dare avvio a questa iniziativa che vorremmo condividere con tutte le città a partire da Albano. Non ci saranno persone a chiedere spesa solidale ma all’uscita del supermercato troverete dei cartoni dove lasciare la pasta, il latte e i beni di prima necessità che, insieme ai ragazzi di Fratelli d’Italia ove possibile o per mezzo del personale autorizzato, distribuiremo alle famiglie Italiane che hanno realmente bisogno. Mai come in questo periodo c’è bisogno difatti, è il momento della solidarietà”.

Continua a leggere

Litorale

Ostia, picchia l’anziana madre e gli rompe il setto nasale con un pugno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

OSTIA (RM) – La notte scorsa, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Ostia, su segnalazione giunta al “N.U.E. 112” nel corso dei quotidiani controlli sul territorio di competenza, sono intervenuti in un appartamento di via delle Azzorre, da dove provenivano delle grida che avevano messo in allarme alcuni residenti della zona, bloccando un uomo di 46 anni – originario di Salerno, ma da tempo residente a Roma, con precedenti – mentre stava picchiando l’anziana madre convivente.

L’uomo, al culmine di una lite scoppiata tra i due per futili motivi, ha colpito al volto la donna con un violento pugno che le ha procurato, secondo quanto accertato dai sanitari del “118” intervenuti sul posto, la presunta rottura delle ossa nasali, ma nonostante tutto, la vittima non ha sporto formale denuncia nei suoi confronti.


Il 46enne è stato, quindi, denunciato a piede libero al Tribunale di Roma per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it