Connect with us

Metropoli

Bracciano, il sindaco: “Sospese rette dell’asilo, la refezione e il trasporto scolastico. Oggi un nuovo positivo ma è guarito il primo caso”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 
“Oggi a Bracciano c’è un nuovo caso di una persona risultata positiva al Coronavirus. Naturalmente la Asl Rm4 ha messo in atto tutte le procedure previste dal protocollo sanitario e il paziente si trova ora a casa”. Sono diverse le comunicazioni di oggi martedì 24 marzo 2020, fornite alla cittadinanza dal Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli, inerenti l’attuale situazione di emergenza Covid-19: “Per quanto riguarda il primo paziente positivo al Coronavirus – aggiunge Tondinelli – comunico che è definitivamente guarito. Inoltre il paziente che aveva il tampone indeterminato oggi ha avuto i risultati definitivi e fortunatamente il tampone è risultato negativo. Quindi alla luce di quanto vi ho comunicato, ad oggi effettivamente a Bracciano abbiamo solamente due casi di positività al coronavirus. I pazienti come ho detto sono a casa e sono seguiti dalla Asl RmH”. Il Sindaco ha anche voluto far sapere che il lavoro in Comune continua serrato nonostante l’attuale momento emergenziale: “La giunta comunale sta lavorando e oggi abbiamo fatto una delibera con cui sospendiamo dal 5 marzo tutte le rette dell’asilo comunale, la refezione e il trasporto scolastico. Naturalmente – aggiunge Tondinelli – anche il Consiglio comunale può lavorare da remoto e quindi, ribadisco, l’Amministrazione sta continuando a lavorare con la stessa attenzione e determinazione di sempre. Volevo inoltre ringraziare tutte le associazioni di volontariato che insieme alla sartoria Nori, insieme all’Arcolaio e ad alcune sarte hanno realizzato 300 mascherine che siamo pronti a distribuire sul territorio ai volontari che ogni giorno vengono a contatto con numerose persone e ai commercianti che sono rimasti aperti con le loro attività per garantire i beni di prima necessità. Chiaramente il momento è difficile, si vede qualche spiraglio ma questo non significa che dobbiamo allentare la presa. Rinnovo alla cittadinanza l’invito a restare a casa. Seguite i protocolli e rimanete a casa. Solo così possiamo uscire da questa pandemia. Insieme ce la faremo!”

Metropoli

Manziana, arrestati due 20enni: detenevano mezzo chilo di droga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MANZIANA (RM) – La scorsa notte, due giovani sono stati arrestati dai Carabinieri di Manziana, coadiuvati nell’operazione dai colleghi di Bracciano, poiché trovati in possesso di oltre mezzo chilo di droga – tra cocaina, hashish, marijuana – oltre a bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e una pistola scacciacani priva del tappo rosso.

Insospettiti dal continuo viavai che, da alcuni giorni, ha interessato l’abitazione di uno dei due giovani, entrambi 20enni del posto, i Carabinieri hanno eseguito mirati servizi di appostamento e osservazione all’esterno della villetta sorprendendo i due rientrare a bordo di un’auto in piena notte.

Intuendo che potessero essere appena ritornati da un viaggio di “rifornimento”, i Carabinieri hanno deciso di procedere al controllo, rinvenendo inizialmente 20 g di cocaina e 15 g tra hashish e marijuana.

A quel punto, i Carabinieri hanno esteso la perquisizione alle rispettive abitazioni dei fermati, rinvenendo altro stupefacente, 33 g di hashish, 543 g di marijuana e 17 g di cocaina. Sequestrati anche materiale per il peso e il confezionamento della droga e una pistola scacciacani priva del tappo rosso.

I due arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di udienza di convalida su disposizione della Procura di Civitavecchia.

Continua a leggere

Metropoli

Cerveteri, paura per un incendio sull’Aurelia: in fumo un capannone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Squadre dei vigili del fuoco sono impegnate sulla via Aurelia vicino a Cerveteri (Roma), per l’incendio di un capannone con rivendite di prodotti per la casa e prodotti ittici. Non risultano al momento persone coinvolte.

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, operaio 67enne muore dopo una caduta di 10 metri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FIANO ROMANO (RM) – Muore dopo essere caduto dal tetto di un capannone. E’ successo ieri pomeriggio a Fiano Romano dove un operaio 67enne di Capena stava lavorando alla riparazione del tetto della struttura.

Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che una lastra di plexiglas abbia ceduto sotto al peso dell’uomo staccandosi e lasciandolo cadere nel vuoto.
Il 67enne dopo un volo di circa dieci metri si è schiantato sul suolo.
In corso gli accertamenti da parte dell’Ispettorato del Lavoro della Asl e dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

I più letti