Connect with us

Metropoli

Bracciano, il videomessaggio del Sindaco Armando Tondinelli: “Alle prossime elezioni amministrative saremo di nuovo in campo per proseguire il nostro progetto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Tramite un video, il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli ha fatto un bilancio dell’attività amministrativa fin’ora svolta e al contempo ha annunciato che insieme alla sua maggioranza sarà di nuovo in campo per le prossime elezioni amministrative.

Ecco il messaggio postato sul profilo Fb personale di Armando Tondinelli


“Buongiorno Concittadini, come ogni anno, vorrei fare insieme a voi un bilancio del lavoro che questa Amministrazione sta svolgendo. Chiaramente non posso esimermi dal partire dalla situazione ereditata nel 2016,  quando ci siamo insediati. Abbiamo trovato un buco di circa 10 milioni di euro, abbiamo trovato 124 mutui accesi dalle passate Amministrazioni che obbligano il Comune di Bracciano ogni 6 mesi a pagare circa 700 mila euro di rate.  Questo è stato il nostro punto di partenza ma sin dall’inizio, facendo fede al principio del buon padre di famiglia, abbiamo deciso di non gravare sulle tasche dei cittadini.  Ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo razionalizzato le spese pubbliche eliminando quelle inutili e questa condotta, ci ha permesso di rispettare il piano di riequilibrio e come già detto, di non gravare sulle tasche dei cittadini. Anzi, alcune tasse quali la Tari e gli oneri concessori, siamo riusciti ad abbassarle.  Dopo aver rimesso a posto i conti, abbiamo puntato su quello che noi riteniamo indispensabile e cioè che Bracciano possa cambiare pagina.  La priorità è stato l’Ambiente. Abbiamo lavorato in primis riattivando Il Giardino del lago che era rimasto in totale abbandono. Poi, insieme ai Cittadini e alle Associazioni abbiamo combattuto affinché non si creasse una nuova discarica a Bracciano come quella che proponeva l’Università Agraria e poi, sempre insieme alle Associazioni e ai Cittadini abbiamo combattuto affinché Cupinoro non riaprisse e abbiamo ottenuto un grande risultato: dopo 30 anni di strenuo contrasto, non si parlerà più di discarica di Cupinoro.  Da pochi giorni è partita una gara affinché Cupinoro venga definitivamente tombata, noi ci siamo e ci saremo per controllare che questa tombatura venga fatta a regola d’arte.  Inoltre, al fine di salvaguardare la sicurezza e incolumità dei cittadini, siamo stati costretti ad abbattere alcuni alberi perché pericolanti ma allo stesso tempo è iniziata la piantumazione dei nuovi e insieme ad Azzero CO2 abbiamo piantato circa 1.000 tra alberi e arbusti. In questi giorni stanno piantando quelli che in questo periodo si sono seccati. Quindi, abbiamo raggiunto un duplice obiettivo il primis abbiamo salvaguardato l’incolumità dei cittadini e in secondo luogo abbiamo piantato tanti alberi che nessuna Amministrazione prima di noi aveva mai fatto. Ecco, questo secondo noi è un grandissimo risultato per la tutela e la valorizzazione dell’Ambiente a Bracciano. Sempre riguardo l’Ambiente, non possiamo dimenticare la promozione della mobilità sostenibile: abbiamo attivato tre stazioni di bike sharing.  Per quanto riguarda la raccolta differenziata sono stati fatti grandi progressi: nel 2015 a Bracciano si è registrata una percentuale del 48,48% mentre nel dicembre 2019 ha raggiunto il 74,86%. Anche questo è un grande risultato ma il merito va all’impegno dei Cittadini che sanno differenziare i rifiuti e lo stanno dimostrando. Inoltre, tra pochi giorni partirà un restauro del giardino a Bracciano Nuova e soprattutto tra i nostri obiettivi c’è quello che Bracciano debba rientrare in tutti i parametri dettati dall’Europa in tema ambientale, vorremmo essere un esempio virtuoso da seguire.  Un’altra carenza e che abbiamo rilevato fin dal nostro insediamento è riferita al Turismo. Negli anni passati tutte le Amministrazioni che si sono avvicendate hanno parlato sempre, in campagna elettorale, di valorizzazione del turismo ma nessuno aveva mai elaborato un piano che permettesse di richiamare a Bracciano un turismo di qualità. Noi lo abbiamo fatto. Insieme agli operatori abbiamo elaborato un piano turistico, dato voce all’associazione del Turismo che ci ha dato una grande mano e che ringraziamo. Il piano concertato insieme, ci ha permesso di promuovere un brand realizzato ad hoc per la nostra Città “Punto a Bracciano”.  Abbiamo aperto un portale istituzionale dedicato che possa guidare tutti coloro che desiderano visitare il nostro paese. Ciascuno può farsi un’idea di tutto quello che Bracciano offre in termini di accoglienza, sport, cultura, natura ecc.  Per la prima volta, con serietà, ci siamo occupati del Lungolago Argenti. Oltre ad effettuare dei lavori di ristrutturazione che andavano fatti da moltissimi anni abbiamo regolamentato le spiagge e quest’estate, nonostante la pandemia, abbiamo avuto un importante afflusso di turisti come non si vedevano da anni. Devo ringraziare gli operatori del Lungolago che si sono messi a disposizione, sono stati rigorosi nel rispettare le regole, ci hanno seguito e hanno lavorato al nostro fianco.  Abbiamo anche preso decisioni importanti che si rimandavano da troppo tempo come la chiusura del centro storico. Con qualche cittadino abbiamo avuto dei problemi ma i risultati ci stanno dando ragione e la vivibilità e qualità della vita a Bracciano sta migliorando giorno dopo giorno sotto ai nostri occhi. Basta guardare la piazza del Castello, piazza Mazzini, che è veramente un oasi di tranquillità e di bellezza. Ma questo è solo una parte di un cammino che abbiamo intrapreso perché continueremo a lavorare sul turismo che riteniamo essere la base affinché Bracciano possa diventare veramente una città turistica come merita di essere. Un altro settore importante a cui abbiamo dato impulso e abbiamo migliorato sono i servizi sociali che sono fondamentali per la vita di una cittadina come Bracciano. Come saprete, siamo il Comune capofila di 5 Comuni e siamo riusciti ad attivare servizi che erano fermi da anni. Inoltre, durante la pandemia, abbiamo permesso che tutti i servizi in essere non fossero interrotti. Anzi, li abbiamo implementati e i risultati si sono visti. Per questo grande sforzo voglio ringraziare il coordinatore dell’ufficio di Piano a capo dei servizi sociali, tutti i dipendenti e tutti i tecnici che hanno permesso che nessun cittadino in difficoltà rimanesse da solo. Stiamo continuando a lavorare e continueremo in questa direzione perché questo è un settore molto importante che magari non dà visibilità ma permette a chi è in difficoltà di avere un sostegno importante da parte delle istituzioni. Ma non è finita, perché fin dal nostro insediamento abbiamo lavorato nel mettere a norma tutti quegli stabili comunali e molte scuole che erano prive della certificazione di agibilità. È stato fatto un grande lavoro ma oggi abbiamo tutte le certificazioni necessarie e gli edifici sono a norma di legge. Abbiamo anche iniziato subito il nostro insediamento ad asfaltare le strade che erano in grande difficoltà e stiamo ancora continuando.  Abbiamo messo in cantiere tante opere, chiaramente per fare un’opera c’è un iter burocratico con dei tempi ben precisi e noi, nonostante l’emergenza Coronavirus che ha rallentato tutto, abbiamo ottenuto tutte le autorizzazioni e oggi siamo in grado di mettere in campo una serie di grandi cantieri, alcuni già partiti e altri che partiranno nei prossimi giorni. Mi riferisco al rotatoria dei Carabinieri dove abbiamo acquisito una parte dal Demanio che era della Caserma Montefinale, la rotatoria della Rinascente che verrà fatta a regola d’arte e non come oggi che è molto pericolosa.  Rifaremo l’intero selciato di Bracciano Centro e una menzione a parte la dedico al campo sportivo che non era a norma di legge ma che abbiamo voluto fortemente che lo fosse per essere tra le strutture di riferimento per lo sport a Bracciano. Abbiamo stilato un progetto che è stato già validato dal Coni e dalla Lega Nazionale Dilettanti e i lavori sono partiti. Così, anche Bracciano avrà oltre a un campo d’erba, anche un campo sintetico dove i giovani potranno a brevissimo allenarsi e stare insieme. Per quanto riguarda gli altri lavori in essere, c’è un intervento molto importante che partirà nei prossimi mesi e per cui la gara è già stata pubblicata: si tratta della sistemazione idrogeologica dell’abitato di Pisciarelli, una situazione molto difficile che si protraeva da troppi anni e grazie a un contributo che abbiamo ottenuto dalla Regione Lazio di 500 mila euro potremmo metterlo in essere. Anche qui non sono mancate polemiche sul come avessimo fatto a reperire i soldi, ebbene sia chiaro: non abbiamo preso nessun nuovo mutuo! Abbiamo solamente recuperato i soldi dai 124 mutui che erano già in essere e grazie ai residui di questi mutui, rimasti inutilizzati, li abbiamo recuperati, messi insieme e siamo riusciti a fare delle opere senza gravare sui Cittadini perché la cittadinanza già paga le rate di questi mutui accese dalle Amministrazioni passate. Quindi, ci tengo a ripeterlo, c’è stata una grande razionalizzazione e oculatezza e posso dirmi soddisfatto di quello che abbiamo fatto e stiamo facendo e che faremo! Siamo riusciti a mettere a sistema tutti gli uffici del Comune per un unico obiettivo: migliorare Bracciano! Per quanto riguarda la Cultura credo che i risultati siano sotto gli occhi di tutti i cittadini, grazie ad eventi e spettacoli siamo riusciti a riportare eventi di qualità nel territorio di Bracciano.  Non possiamo dimenticare le opere svolte all’interno della bellissima cornice del Castello Odescalchi, il grande successo avuto dal Presepe vivente dello scorso anno e che quest’anno purtroppo non abbiamo potuto ripetere. Non possiamo dimenticare i personaggi di grande espressione culturale che si sono susseguiti a Bracciano per la presentazione di libri. La lettura e la Cultura sono tornati protagonisti.  Inoltre abbiamo acquisito grazie alla famiglia Panunzi una preziosa e bellissima collezione che adesso i cittadini potranno ammirare all’interno del museo.  Abbiamo regalato a Bracciano un teatro, “Il teatro del Lago” dedicato a Delia Scala che prossimamente sarà aperto i cittadini che potranno ammirare le varie opere delle compagnie che si susseguiranno.  Infine voglio ringraziare tutti i cittadini per gli attestati di stima che hanno rivolto al lavoro di questa amministrazione. È proprio grazie a questa spinta che insieme alla mia maggioranza abbiamo deciso di proseguire il nostro percorso amministrativo e alle prossime elezioni saremo di nuovo in campo per proseguire il nostro progetto di una Bracciano sostenibile di una Bracciano turistica, di una Bracciano bella come merita di essere la nostra cittadina. Noi ci siamo e ci saremo! Grazie a tutti”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Magliano Romano, discarica: la conferenza dei sindaci ribadisce il no

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il Sindaco di Magliano: “Porteremo avanti ogni tipo di azione per tutelare la salute dei cittadini”

È terminata nella tarda serata di ieri, la Conferenza dei Sindaci dell’Area Tiberina, Flaminia, Cassia, convocata in via straordinaria, ancora una volta, per la Discarica di Magliano Romano. Davide Santonastaso, da poco Sindaco di Fiano Romano, ha voluto che fosse Magliano, questa volta, la sede della riunione.

Sono ormai sette anni che Sindaci, Associazioni e cittadini lottano per fermare un progetto le cui criticità sono state da sempre fin troppo evidenti. La Conferenza, all’unanimità dei presenti, ha espresso ancora una volta l’ASSOLUTA CONTRARIETÀ alla ipotesi della nuova discarica di rifiuti non pericolosi; le criticità restano e sino ad oggi sono evidenziate in relazione alla vicinanza della discarica rispetto al centro abitato e alle sue funzioni sensibili. Lo aveva già fatto nel 2014, nel 2016 e anche a febbraio di quest’anno. Cambiano i Sindaci ma la Conferenza resta ferma e determinata a ribadire che nessuna riclassificazione deve essere autorizzata.

Inoltre, durante la riunione, i Sindaci hanno manifestato forti preoccupazione e perplessità per il parere recentemente reso dall’Area Ciclo Integrato Rifiuti relativamente alla possibile disapplicazione dei criteri di localizzazione previsti dal Piano di Gestione dei rifiuti della Regione Lazio e dalla carta dei vincoli della Città Metropolitana di Roma Capitale. Interpretazione che contraddice tutte le precedenti pronunce rese dagli uffici della competente area di Valutazione di impatto ambientale!Appoggeranno, pertanto, appieno il Comune di Magliano Romano, dando ampia disponibilità a sostenere ogni azione legale che si renderà necessaria per garantire l’interesse dei territori e la salute dei cittadini delle Comunità. In segno di profonda contrarietà e per manifestare il proprio dissenso, giovedì 2 dicembre i Sindaci dell’Area si recheranno presso gli uffici della Regione Lazio per manifestare al Presidente Zingaretti le ragioni di inopportunità nel procedere con l’ipotesi di discarica e nell’evidenziare un’interpretazione del Piano di Gestione dei Rifiuti che consentirebbe ad ogni discarica di inerti della Regione Lazio di essere trasformata da un giorno all’altro in discarica di rifiuti non pericolosi.

Anche Ottorino Ferilli, presidente della Conferenza dal 2013 a pochi mesi fa, dal suo profilo facebook ha manifestato la sua piena solidarietà agli ex colleghi Sindaci: “Da anni qualcosa non torna e adesso deve essere ancora più forte la voce della Conferenza contro la discarica” – e ha ringraziato l’Associazione che da tempo lotta senza mai fermarsi con proprie risorse e grandi sacrifici – “un grazie vero e sincero va all’Associazione Ecologica Monti Sabatini la cui lotta contro la nuova discarica, perché di questo si tratta, non si è mai fermata!“. Riconoscimento, a onor del vero, che è arrivato anche dai Sindaci oggi riuniti e che in via straordinaria hanno fatto partecipare alla seduta una delegazione dell’associazione; molti associati, invece, hanno atteso con ansia sotto al Comune l’esito della Conferenza.

Francesco Mancini, Sindaco di Magliano Romano, dopo aver messo al corrente i colleghi presenti di tutte le azioni portate avanti dal Comune, ha nuovamente ribadito con fermezza: “Porteremo avanti ogni tipo di azione per tutelare la salute dei cittadini, in ogni sede giudiziaria che si renderà necessaria! In ballo, oltre ad esserci un intero paese che uscirebbe annientato da un’ipotesi tanto sciagurata, c’è la difesa del principio di legalità! ” – e ha concluso dicendo – “Non accettiamo che le norme possano essere applicate alla carta, facendo sconti ai forti e prevaricando i piccoli“.

Continua a leggere

Metropoli

Monterano antica, case a 1 euro…l’ultima bufala sul bel borgo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ormai le fate news che girano in rete fanno più danni della grandine. Il sindaco di Canale Monterano Alessandro Bettarelli ha dovuto smentire un grande bufala. Ecco cosa ha detto:

“Generalmente evito di rispondere a certe stupidaggini che leggo in Rete: un fiume di piccole, medie o grandi fake news scritte e dette da chi dovrebbe prima collegare la tastiera al cervello, ma questa è davvero incredibile. In pratica a Monterano si potrebbero comprare “case” ad un euro per “rilanciare” un borgo disabitato, soprattutto dai giovani. Con 10 euro si porta a casa San Bonaventura e ci si apre una pizzeria? Con 20 il Castello Ducale per farci un b&b?Li perdoniamo solo per i complimenti alla bellezza di Monterano, che ormai stabilmente viene citato dai Media nazionali tra le ghost town più belle d’Italia”.

Continua a leggere

Metropoli

Palombara Sabina, sequestrata area di 700 mq con rifiuti speciali e autodemolizioni abusivo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

PALOMBARA SABINA (RM) – A Palombara Sabina, i Carabinieri della locale Stazione Forestale hanno scoperto, unitamente ai colleghi del luogo, una discarica abusiva a cielo aperto annessa ad una attività di autodemolizione non autorizzata oltre a diverse autovetture di origine sospetta.

Un’area di circa 700 mq è stata sottoposta a sequestro per dispersione di rifiuti speciali, ma oltre ai rifiuti, regolarmente accatastate e sistemate per l’esposizione, i Carabinieri hanno scoperto decine di parti di carrozzeria ricavate nel tempo dalle autovetture “cannibalizzate” per la rivendita di pezzi usati (sportelli, cruscotti, parabrezza, paraurti). Sono tuttora in corso le ulteriori indagini per risalire alle origini del materiale sospetto.

Continua a leggere

I più letti