Connect with us

Roma

BRACCIANO, PROCESSO DI PRATO GIARDINO: RISCHIO DANNO ERARIALE PER LA CITTADINANZA DI 10 MILIONI DI EURO

Clicca e condividi l'articolo

Il Comune di Bracciano non si è costituito parte civile perché non intravede alcun profilo di danno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Bracciano (RM) – Dopo due ore e mezza di camera di consiglio, ieri i giudici del tribunale di Civitavecchia hanno respinto la richiesta di costituzione di parte civile dell’Associazione Salviamo Bracciano nel processo contro il cantiere sequestrato di Prato Giardino, dove compaiono 8 imputati, tra costruttori e tecnici, funzionari e dirigenti comunali.
Il processo prende il nome dall’ area pubblica, il “prato-giardino” con giochi per bambini, garantita dal piano regolatore,  e situata in uno dei rari belvedere sul lago, ora sostituito da una lottizzazione di tre mastodontici palazzi rosa salmone, ricoperta di asfalto, privata del gran numero di querce e altri alberi secolari preesistenti. Il panorama copre anche la vista del celebre castello.  I  palazzi contestati  risultano inoltre oggetto di abusi edilizi mirati ad ampliarne la volumetria già di per sé eccessiva, dato il luogo. Le conseguenze stanno provocando gravi ripercussioni idrogeologiche nell’area sottostante (smottamenti , allagamenti, pericolo per l’incolumità di persone e mezzi sulla viabilità).  Il complesso residenziale insiste anche sul cimitero, senza rispettarne le distanze.

"Sebbene per un semplice cavillo formale sulla regolarità dello statuto non siamo stati ammessi, – Dichiarano in una nota dall'associazione Salviamo Bracciano –  il Tribunale (aderendo alla giurisprudenza ormai consolidata della Suprema Corte di Cassazione) ha comunque affermato la nostra legittimazione in futuro ad intervenire e a partecipare ai processi penali inerenti i reati edilizi e urbanistici che riguardano il territorio di Bracciano. – La nota prosegue – Nonostante l’impossibilità di partecipare come parte civile nel processo di Prato Giardino, presenzieremo comunque a tutte le udienze pubbliche che si terranno e vi daremo conto di tutti gli sviluppi. Quanto all’udienza di ieri, registriamo che il Comune di Bracciano non si è costituito parte civile perché non intravede alcun profilo di danno  (“…non risultano palmari ragioni di danno nei confronti dell’Amministrazione Comunale” Deliberazione n. 276 del 16/05/2013), dimenticando che, laddove il processo si concludesse positivamente per la società Prato Giardino, si configura un grave danno erariale per la cittadinanza, che ammonta a 10.300.000 euro. Se questo non è un danno per il comune, cosa intende il comune per  “danno”?
 

Commenti

Metropoli

Anguillara Sabazia, caduta del governo Anselmo. Manciuria (AnguillaraSvolta): “Anguillara ritorna a sorridere. Anselmo go home!!!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – “E’ una giornata storica e indimenticabile per Anguillara Sabazia, liberata dalla peggior Giunta della storia sabatina grazie alla formalizzazione delle dimissioni della metà più uno dei consiglieri comunali che comporteranno inevitabilmente la decadenza dalla carica del sindaco pentastellato Anselmo”.

E’ il commento del leader di AnguillaraSvolta, Sergio Manciuria, in merito all’avvio della procedura di scioglimento della Giunta Anselmo ai sensi dell’art. 141 TUEL a seguito delle dimissioni presentate questa mattina da nove consiglieri comunali.

“Un’azione coraggiosa e significativa che ha visto finalmente convergere minoranza e parte della maggioranza nell’unica soluzione auspicata per il bene dei cittadini – enfatizza il referente sabatino – la messa in liquidazione senza se e senza ma di una prima cittadina incapace, arrogante e cinica, che ha tradito non solo i propri elettori con il casellario giudiziale mascherato, ma ingannato la speranza di coloro che speranzosi si erano lasciati persuadere dall’uso di paroloni per governare bene come cambiamento, trasparenza e partecipazione”.

“Oggi – continua il presidente di AnguillaraSvolta – brindiamo ma non festeggiamo, in quanto siamo consapevoli che un minuto dopo il decreto prefettizio, chi ha veramente a cuore le sorti di questa città dovrà accantonare le ambizioni personali e lavorare unitariamente tirandosi su le maniche con rispetto e devozione assoluta. Gli esperimenti fin qui rivelatosi disastrosi, sono finiti: per far risorgere Anguillara è ora di cambiare passo e strategia politica per darle un’immagine degna del ruolo che merita non solo nel Lazio ma anche al di fuori dei confini nazionali”

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, Lega: “È finita l’amministrazione Anselmo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Le contamporanee dimissioni di nove consiglieri del Comune di Anguillara Sabazia protocollate questa mattina dall’ormai ex presidente del consiglio comunale Silvia Silvestri hanno fatto cadere la sindaca M5S Sabrina Anselmo.

I motivi nell’atto delle dimissioni parlano di “inconciliabità politica avvenuta nel tempo tra i componenti della maggioranza”  e del fatto che il gruppo consiliare di maggioranza è stato tenuto all’oscuro delle scelte di giunta. Le considerazioni contenute nell’atto parlano di piano regolatore, scuola e di politica gestionale che porta inevitabilmente al dissesto finanziario, il sindaco preferirebbe ingessare il bilancio comunale per costruire una nuova scuola in Via Duca degli Abruzzi piuttosto che mettere in sicurezza le stesse. L’esperienza dei containers dovevano sopperire per un solo anno alla repentina chiusura del plesso materna e primaria di Via Verdi, alle condizioni delle scuole di Monte Le Forche, nido il Ranocchio, materna e primaria Scala e medie San Francesco per i quali il Sindaco non ha disposto alcun provvedimento restrittivo all’agibilità, prefigurando una evidente incapacità nella gestione attuale: il perservare di tale gestione comporterebbe inevitabilmente dissesto finanziario del Comune con ricadute economiche sulle tasche dei concittadini ormai intolleranti alle politiche di arroganza e saccenteria.

Per Anguillara ci sono tante sfide da affrontare e vincere, questo è possibile – afferma il coordinatore della LEGA Daniele De Vito – attraverso una politica che sappia parlare ai cittadini in modo efficace. Anni di convinta opposizione, coerenza e proposta hanno portato a un grande risultato evitando così l’approvazione di un bilancio che avrebbe portato il nostro paese all’orlo del dissesto.

Si apre ora una nuova fase per riportare Anguillara degna del ruolo che merita!

Continua a leggere

Roma

Tor Bella Monaca, 5 spacciatori di cocaina arrestati in poche ore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca, nelle ultime 24 ore, hanno arrestato 5 persone, sequestrato 144 dosi di cocaina e 1100 euro in contanti, ed hanno rinvenuto un “panetto” di cocaina pura del peso complessivo di circa 1.2 kg.

Il primo blitz è scattato all’interno della nota “piazza” di spaccio di via San Biagio Platani, dove i Carabinieri hanno arrestato un coppia di romani, entrambi 23enni, perché trovati in possesso di 12 dosi di cocaina e 300 euro in contanti, ritenuto il provento dell’illecita attività di spaccio.

In via dell’Archeologia, i Carabinieri hanno arrestato altri 3 pusher di cocaina, un romano di 39 anni, un cittadino tunisino 18enne e un 33enne afgano, tutti già noti alle forze dell’ordine per i loro trascorsi negli ambienti della droga. I tre sono stati sopresi a cedere dosi a giovani acquirenti. Nelle loro tasche i militari hanno rinvenuto varie dosi di cocaina, per un totale di 132 e circa 800 euro in contanti.

Poco più tardi, in un’area verde di via dell’Archeologia, i Carabinieri hanno rinvenuto anche un “panetto” di cocaina, del peso di circa 1.2 kg.

I pusher sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it