Connect with us

Metropoli

Bracciano, svolta storica per il settore dell’Urbanistica: condoni ridotti oltre il 40% e digitalizzazione delle pratiche. Testini: “Passo al Bilancio ma ecco tutti gli obiettivi raggiunti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Svolta importante per il settore dell’Urbanistica nel Comune di Bracciano dove l’amministrazione Tondinelli ha predisposto una proposta di delibera che inietterà ossigeno al comparto dell’edilizia facendo centro su due fronti: una drastica riduzione di almeno il 50 per cento sugli oneri di urbanizzazione e lo snellimento della burocrazia grazie al SUE digitale ovvero lo sportello unico di edilizia digitale.

La presentazione della rivoluzione del settore dell’Urbanistica in capo all’Assessore Luca Testini è avvenuta venerdì pomeriggio di fronte ad un nutrito numero di addetti ai lavori. Presenti l’Architetto Lidia Becchetti, capo area dell’Urbanistica in Comune, il Geometra Andrea Sterpa, il Responsabile del protocollo Dottor Massimo Giribono e il tecnico informatico Carlo Scarpari.

Cosa cambia con lo Sportello Unico Edilizia (SUE)?

Si potranno gestire telematicamente in maniera semplice e veloce tutte le pratiche legate all’edilizia residenziale così come previsto dalla legge sull’informatizzazione restando comunque ferma la competenza dello sportello unico per le attività produttive (SUAP).

Il S.U.E. gestisce procedimenti cui sono attribuite le funzioni fra cui: permessi di Costruire, D.I.A., S.C.I.A., C.I.L., Agibilità, Autorizzazioni diverse in campo edilizio (paesaggistiche, idrogeologiche, scarico reflui non in fognatura, interventi su alberature, cantieri…), rilascio certificazioni in campo edilizio ( C.D.U., idoneità alloggiativa, IVA agevolata), denunce opere strutturali, gestione delle altre attività amministrative e tecniche connesse al territorio ed è referente dello SUAP per l’attività edilizia relativamente ad attività produttive.

Testini ha precisato che le pratiche che non richiedono una risposta dal Comune partiranno dal 1 luglio, mentre dal 1 settembre potranno inoltrarsi i permessi per costruire e le autorizzazioni paesaggistiche: “Sono tempi che permettono di familiarizzare con il sito – ha aggiunto l’Assessore Testini – che tra l’altro risulta molto intuitivo e semplice da capire e include molti servizi quali, ad esempio la simulazione del calcolo del contributo sul costo di costruzione afferente alla concessione edilizia”.

La ditta Halley ha infatti realizzato una demo dove vengono spiegate in maniera semplicissima le funzioni del software: “Questa operazione di digitalizzazione –spiega ancora Luca Testini – ha numerosi benefici quali la riduzione della carta, dei costi per i tecnici che non devono produrre grafici cartacei e altro materiale, la possibilità di avere chiarimenti tramite il sito direttamente con l’Ufficio Tecnico evitando le file in Comune. Si potrà gestire tutto online e ci sarà sempre qualcuno predisposto a rispondere alle istanze dei cittadini in materia urbanistica. Insieme al Sindaco Armando Tondinelli e all’amministrazione – ha proseguito – ho voluto fortemente dare un segnale positivo e di ripresa al settore dell’edilizia e urbanistica nonostante, come noto, abbiamo ereditato una situazione tragica cui stiamo mettendo mano. Siamo partiti con un debito di oltre 9 milioni di euro ridotto a meno di 3 milioni di euro grazie alla gestione del buon padre di famiglia operata dall’amministrazione Tondinelli. Non contenti abbiamo abbassato la Tari e adesso, dunque, ci troviamo a dare più ossigeno all’edilizia”.

Oltre alla digitalizzazione infatti è stato riattivato l’ufficio condoni ma è successo che sono arrivate ai cittadini richieste di condono con costi esagerati che derivano dalla tariffe e costi applicati dalle precedenti amministrazioni: “Abbiamo preso coscienza di questi costi esorbitanti – ha continuato Testini – e cercato di capire come intervenire insieme all’ufficio Tecnico Urbanistico. Il problema era sui costi di costruzione e gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. Perché? Nel lontano 15 febbraio 2002 veniva fatta una delibera di consiglio in cui stranamente invece di applicare le tabelle regionali venivano attivate delle tabelle per i costi di costruzione con coefficienti raddoppiati e talvolta triplicati rispetto a quelli che sarebbero dovuti essere applicati all’epoca. Con una delibera di consiglio, andremmo a ripristinare i coefficienti senza maggiorazioni decise dalla politica. Potremo così ridurre almeno del 50% gli oneri di urbanizzazione e potremo notificare dei condoni con un costo ridotto in media del 50%. Ho voluto velocizzare questo snellimento e abbassamento di costi prima di lasciare l’assessorato all’Urbanistica per seguire il Bilancio. I miei più sentiti ringraziamenti vanno al Sindaco il quale ha voluto affidarmi questa grande responsabilità, al Capo area Lidia Becchetti che con la sua professionalità ha saputo mettere mano ad un complicato lavoro e ha promosso lo spirito di collaborazione costruttiva all’interno degli uffici”.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Armando Tondinelli:

“Questo ulteriore importante passo in avanti per dare nuovo ossigeno e impulso al settore urbanistico e dell’edilizia – ha detto il primo cittadino – è la prova che attraverso una gestione attenta e una squadra coesa è possibile dare risposte alla cittadinanza pur con l’enorme eredità di costi che ci siamo trovati a dover fronteggiare. Adesso una nuova sfida da affrontare attende l’Assessore Luca Testini e sarà quella di portare il Comune fuori dal Piano di riequilibrio, sfida che riuscirà sicuramente a vincere visti gli ottimi risultati raggiunti, riportando l’Urbanistica ad un’area che funziona e senza alcun problema. Sono certo che anche l’area del Bilancio in poco tempo ripartirà ed i risultati saranno ancora più tangibili per i cittadini”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Allumiere, Concorsopoli: Pasquini “caccia” Mori ma non annulla ancora il concorso dei miracoli. “Accuse” contenute nel parere del legale del Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Diversi “idonei” sono stati ascoltati nei giorni scorsi dagli inquirenti

Il 9 maggio 2021 con una determinazione comunale il Sindaco di Allumiere Antonio Pasquini rescinde “per giusta causa il contratto a tempo indeterminato del dottor Andrea Mori. La rescissione arriva dopo l’acquisizione da parte del sindaco di un parere dell’Avvocato Stefano Trippanera, pervenuto in data 4 maggio 2021, da cui emerge un dato di fatto a dir poco sconcertante: “La procedura concorsuale risulta viziata”. Conclusioni che risuonano come macigni e a cui però segue un altro fatto ancora più paradossale: perché Pasquini ha annunciato da diversi giorni di voler procedere con l’annullamento del concorso in autotutela e ancora non lo ha fatto?

Tra l’altro nella determina di revoca si legge testualmente: il Comune di Allumiere può rivalersi contro Mori per tutti i danni anche di immagine ed erariali causati e “derivanti direttamente e indirettamente dalle attività illegittime poste in essere dal Dottor Mori durante le fasi del concorso..”.

Sembra che ad Allumiere ci sia un allarmante momento di stasi e immobilismo: se il sindaco non procede all’annullamento del concorso allora va da sé che Mori può risultare come inutilmente sospeso e potrebbe addirittura muoversi nelle sedi opportune per impugnare tale azione.

Imbarazzante il silenzio da parte della Regione Lazio. Che cosa si aspetta? La tempesta non sembra voler passare poi così in fretta. Ci sono delle indagini serrate e diversi “idonei” sono stati ascoltati nei giorni scorsi dagli inquirenti.

Continua a leggere

In evidenza

Concorsopoli, clamorosi “salti” nella graduatoria di Allumiere: due “idonei” mai chiamati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Prosegue l’analisi degli atti che riguardano il famoso concorsone di Allumiere che ha visto una infornata di portaborse, parenti di politici e amici di… essere assunti a tempo indeterminato alla Pisana. Nonostante gli annunci ancora non risulta pubblicato alcun annullamento in autotutela del concorso indetto dal Comune di Allumiere da cui hanno pescato nomi eccellenti sia i comuni della provincia romana, sia la Pisana. Questo giornale ha verificato un fatto molto importante: alcune persone risultate idonee e presenti nella graduatoria non sono state mai chiamate.

A Guidonia è stato assunto Marco Cirilli che risulta al 66° posto della graduatoria provvisoria mentre non sono mai state chiamate da nessun Comune le signore Marianna Sardoni e Alice Bruschi, rispettivamente al 13° e 14° posto della graduatoria provvisoria di merito.

Qualcuno dovrà spiegare le motivazioni per le quali il Comune di Allumiere non ha comunicato ai Comuni che ne hanno fatto richiesta i nominativi di queste due persone.

Questa ulteriore grave rilevanza si somma al fatto che Andrea Mori, presidente della commissione del concorsone di Allumiere risulta il solo ad aver firmato il verbale del 16 luglio 2020 che riguarda la composizione della prima fortunatissima batteria di nomi che sono finiti tutti in Pisana e al Comune di Guidonia.

Continua a leggere

Metropoli

Concorsopoli, salta la testa di Mori al Comune di Allumiere: spunta il giallo delle firme

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Revocato l’incarico di responsabile del personale ad Andrea Mori presso il Comune di Allumiere. Oggi è stata pubblicata la determina di “rescissione per giusta causa” del contratto a tempo determinato di Mori, presidente della commissione dell’ormai famoso “concorsone” di Allumiere.

Nei giorni scorsi è stato già ascoltato dai Carabinieri come persona informata sui fatti.

Andrea Mori risulta il solo ad aver firmato il verbale del 16 luglio 2020 che riguarda la composizione della prima fortunatissima batteria di nomi che sono finiti tutti in Pisana e al Comune di Guidonia.

Come mai gli altri due componenti non hanno firmato proprio quel verbale che ha visto l’infornata di assunzioni di amici di… parenti di politici e portaborse, mentre hanno firmato tutti gli altri verbali? Forse non erano d’accordo?

Continua a leggere

I più letti