Connect with us

Cronaca

Brescia, operazione Scarface: sgominata organizzazione dedita al riciclaggio. Rapporti con la ndrangheta all’ombra di tv locali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nelle prime ore della mattinata odierna, nelle province di Brescia, Bergamo, Cremona, Asti,
Imperia, Savona, Sassari, Torino, 150 militari del Comando Provinciale di Bescia, coadiuvati nella
fase esecutiva da personale delle Compagnie Carabinieri competenti per territorio e con il supporto
di un velivolo del 2° NEC di Orio al Serio (BG), hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di
misura cautelare nei confronti di 21 soggetti.
La misura è stata emessa dal GIP presso il Tribunale di Brescia, su richiesta della locale DDA, che
ha concordato con le risultanze d’indagine raccolte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del
Comando Provinciale di Brescia all’esito di 3 anni di serrate investigazioni. Gli univoci e
concordanti indizi di colpevolezza hanno formato un solido quadro probatorio in ragione del quale
tutti gli indagati sono ritenuti, a vario titolo, responsabili di “associazione per delinquere” finalizzata
al “trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, impiego di denaro beni o utilità di provenienza
illecita, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici ed emissione di fatture per
operazioni inesistenti”, con l’aggravante – per alcuni – di aver tenuto la condotta “al fine di
agevolare l’attività delle associazioni mafiose” (art. 416 bis n. 1 C.p.).
Ecco i dettagli della misura cautelare:

  • 8 provvedimenti in carcere;
  • 6 provvedimenti agli arresti domiciliari;
  • 5 provvedimenti di obbligo di dimora nel comune di residenza;
  • 2 sospensioni della funziona pubblica nei confronti di 2 appartenenti alle FF.PP..
    L’articolata indagine, avviata nell’agosto del 2017 e consistita in attività d’intercettazione e analisi
    tabulati telefonici, coniugate con metodologie investigative tradizionali (perquisizioni e
    pedinamenti), ha accertato che il soggetto al vertice dell’organizzazione, Mura Francesco, un
    imprenditore italiano, pregiudicato, residente nel bresciano, unitamente agli altri sodali, tra i quali
    alcuni già noti e censurati, mediante proprie imprese televisive operanti in ambito locale e
    nazionale attraverso trasmissioni per le previsioni delle estrazioni del lotto:
  • fungeva da collettore di ingenti risorse economiche, frutto anche di attività illecite, che
    provvedeva a riciclare attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti,
    reimmettendole nel tessuto economico legale. Tale sistema, garantendo l’evasione fiscale e la
    disponibilità di somme contanti sottratte al fisco, favoriva oltre che lo stesso soggetto anche
    esponenti di spicco della ‘ndrina Barbaro–Papalia di Buccinasco (MI), rispetto alla quale, pur
    non risultando affiliato, può considerarsi contiguo (da qui la contestazione dell’aggravante di
    agevolare l’attività delle associazioni mafiose);
  • si avvaleva di un complesso reticolo di sodali, da lui coordinati, per generare e accantonare
    denaro contante, difficilmente tracciabile, ricavato principalmente da una serie d’illeciti di natura
    fiscale, quali contabilizzazione di spese per servizi inesistenti, nonché sfruttando fenomeni di
    evasione fiscale attuati attraverso dichiarazioni fraudolente.
    Le indagini, infatti, hanno ampiamente dimostrato come la ragnatela di società costruita dal
    predetto negli ambienti televisivi fosse caratterizzata da imprese solide e realmente strutturate
    attorno alle quali ruotavano altre società satelliti, speculari per oggetto sociale, fittiziamente create
    come “cartiere” per la produzione di fatture “gonfiate” o per operazioni inesistenti. Le imprese,
    realmente esistenti, operavano avvalendosi di un apparato logistico e di una pletora di lavoratori,
    con la quotidiana registrazione e messa in onda sui canali televisivi di trasmissioni per la

previsione dei numeri del lotto, ad ognuna delle quali veniva assegnata una numerazione
premium, anche detta “a valore aggiunto”. Gli effettivi utili aziendali derivavano quasi
esclusivamente dal volume di telefonate ricevute sulle predette numerazioni e venivano impiegati
per effettuare pagamenti verso le società satellite fittizie, intestate a prestanome, per la fornitura di
servizi inesistenti o comunque per prestazioni ampiamente sovrastimate. Le somme, una volta
versate alle società cartiere venivano da queste frazionate e accreditate su numerose carte
prepagate – fittiziamente intestate a terze persone – dalle quali veniva prelevata l’intera somma il
giorno stesso dell’accredito, o in quelli immediatamente successivi.
L’importo prelevato veniva così rimesso a disposizione – sotto forma di fondo in nero in denaro
contante – del sodalizio criminale che, a questo punto, provvedeva alle operazioni di autoriciclaggio
mediante l’acquisto di:

  • immobili fatiscenti all’asta, poi ristrutturati e rivenduti. Proprio le speculazioni edilizie, mediante
    l’acquisizione d’immobili provenienti da soggetti in forte difficoltà economica o già in
    liquidazione, rappresentano un settore strategico per il sodalizio criminale che, nel tempo, si è
    specializzato anche partecipando ad esecuzioni giudiziarie, nel settore fallimentare, in rinomate
    località turistiche, al fine di aggiudicarsi fabbricati di pregio a prezzi estremamente vantaggiosi e
    comunque nettamente inferiori al reale valore di mercato. Gli immobili acquisiti venivano poi
    sottoposti ad importanti lavori di ristrutturazione edile anche sfruttando, tra l’altro, le
    agevolazioni fiscali vigenti (bonus edilizi), con la possibilità di massimizzarne i margini di
    guadagno in caso di locazione, oppure di successiva vendita. Va inoltre sottolineato come il
    settore delle esecuzioni giudiziarie, che con l’avvento della crisi economica è certamente in
    forte ascesa, rappresenta un cono d’ombra, un terreno fertile per spregiudicati speculatori,
    anche legati alla criminalità organizzata, che necessitano d’investire e fare riemergere fondi neri
    altrimenti difficilmente giustificabili;
  • tabaccherie, sale scommesse e da gioco, tutti settori che, notoriamente, si prestano ad
    operazioni di riciclaggio. Attività commerciali la cui gestione era affidata a persone facenti parte
    del sodalizio stesso.
    Attraverso le tabaccherie compiacenti appositamente create è stata accertata un’ulteriore tecnica
    di autoriciclaggio. Infatti, le giocate vincenti dei privati cittadini venivano “acquistate” dal gestore
    della tabaccheria e pagate brevi manu con denaro contante, derivante proprio da quel fondo nero
    ampiamente e continuamente alimentato con le chiamate ai numeri “a valore aggiunto” dei cittadini
    alle società televisive per la previsione dei numeri del lotto.
    Le intercettazioni hanno documentato l’ampio ricorso a questo sistema, largamente diffuso e ben
    collaudato nei contesti di criminalità organizzata per il riciclaggio di denaro contante di provenienza
    illecita. Consiste nel recuperare – tramite compiacenti esercenti – tagliandi e/o ricevute inerenti
    vincite di gioco (lotto, superenalotto, gratta&vinci ecc.), per poi intestarli alle persone che hanno
    bisogno di far emergere e di reimmettere nel tessuto economico legale le somme di denaro
    contante di cui dispongono e delle quali, diversamente, non saprebbero giustificare la disponibilità.
    Con queste modalità, fra il 1° gennaio 2014 e il mese di marzo 2019 – data in cui si sono concluse
    le verifiche contabili e fiscali, il capo dell’organizzazione è riuscito a dimostrare falsi profitti per
    circa 500mila Euro. L’autoriciclaggio del denaro che rientrava in circolo sul mercato determinava,
    quale indiretta conseguenza, l’inquinamento delle dinamiche di libera concorrenza anche per le
    condizioni assolutamente non competitive proposte dai malviventi che, in tal modo, riuscivano ad
    aggiudicarsi beni e servizi, soprattutto in questo momento di profonda crisi economica, in ragione
    dell’enorme disponibilità di contante.

E’ altresì al vaglio la condotta di un dipendente della filiale di una banca in provincia di Brescia il
quale, omettendo di svolgere i previsti controlli sui flussi finanziari, ha di fatto consentito la
perpetrazione dei summenzionati reati per il periodo documentato dalle indagini.
Contestualmente, in ragione dell’evidente sproporzione fra i redditi dichiarati e i beni posseduti, a
seguito di mirati accertamenti patrimoniali, sono state eseguite anche misure patrimoniali a
carico degli indagati, consistite nel sequestro dei sottonotati beni mobili e immobili, per un
ammontare complessivo pari a Euro 25.000.000 (venticinque milioni), quale provento delle
attività illecite:

  • 3 ville di pregio (di cui 1 in Costa Smeralda, 1 in località Poggi di Imperia e 1 a Erbusco – BS), 4
    appartamenti (di cui 1 a Bardonecchia – TO, 2 a Imperia e 1 a Rovato – BS) e 2 negozi nel
    bresciano;
  • 39 fabbricati e 14 terreni, alcuni dei quali siti nelle province di Cremona e Caserta:
  • nr. 6 società (di cui 5 televisive e 1per servizi finalizzati alla gestione di tabacchi/ricevitorie);
  • nr. 2 licenze commerciali (tabaccheria/ricevitoria);
  • nr. 4 veicoli (di cui 1 Porsche Macan, 1 Mercedes GLA, 1 Mini Cooper e 1 scooter BMW C650
    Sport);
  • nr. 36 conti correnti in Italia per un ammontare di 1,5 milioni di euro;
  • 400mila in denaro contante, rinvenuti all’esito delle odierne perquisizioni domiciliari.
    Al riguardo, seguiranno ulteriori accertamenti patrimoniali anche su conti correnti esteri.
    Inoltre, presso l’abitazione di uno dei destinatari della misura cautelare in carcere, all’esito della
    perquisizione domiciliare, è stata rinvenuta e sequestrata una pistola clandestina, marca CZ
    modello VZOR, cal. 7,65 completa di due serbatoi e 70 colpi dello stesso calibro. In ragione della
    detenzione dell’arma, la citata persona è stata anche tratta in arresto in flagranza del reato di
    detenzione di arma clandestina.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Anni di piombo, terroristi arrestati in Francia: tutti in libertà vigilata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tra avvocati, eccezioni di ogni tipo, rinvii per malattia, esame delle condizioni in cui si svolse il processo che li condanna in Italia e molto altro l’iter per l’estradizione si preannuncia molto lungo

Tutti rilasciati in libertà vigilata i nove terroristi rossi italiani arrestati in Francia lo scorso 28 aprile e condannati in Italia per reati di sangue commessi durante gli anni di Piombo.

Si tratta dei brigatisti rossi Luigi Bergamin, Raffaele Ventura, Enzo Calvitti, Giovanni Alimonti, Roberta Cappelli, Marina Petrella e Sergio Tornaghi, del fondatore di Lotta Continua, Giorgio Pietrostefani e del membro dei Nuclei armati contro il potere territoriale, Narciso manenti.

Il blitz e gli arresti erano necessari per interrompere il decorso della prescrizione, evitando così che per sei dei dieci rifugiati Oltralpe, i non ergastolani, di qui a poco tempo l’Italia non potesse nemmeno più chiedere la riconsegna.

Dei dieci condannati che l’Italia reclama, solo su tre la giustizia francese non si è mai pronunciata in precedenza; si tratta del brigatista Enzo Calvitti, di Narciso Manenti condannato all’ergastolo per un delitto firmato Guerriglia proletaria e dell’ex dirigente di Lotta continua Giorgio Pietrostefani, condannato per l’omicidio Calabresi.

Per loro è la prima volta che si apre una procedura di estradizione, mentre per gli altri sette si era sempre bloccata, per un motivo o per l’altro.

Proprio esaminando il fascicolo di Pietrostefani, il rappresentante della Procura che ha firmato il provvedimento d’arresto aveva già anticipato che in sede di convalida avrebbe chiesto la scarcerazione, a causa delle sue precarie condizioni di salute.

Ora l’iter per l’eventuale estradizione in Italia si annuncia lungo e sarà possibile “non prima di 2 o 3 anni”, hanno fatto sapere dall’Eliseo. Spetterà dunque alla magistratura francese decidere. Se riterrà che vi siano i presupposti per estradarli, come appare probabile, la parola passerà poi ai processi veri e propri, che si svolgeranno nei prossimi mesi, caso per caso, nella Chambre de l’Instruction, con il rito tradizionale: avvocato, eccezioni di ogni tipo, rinvii per malattia, esame delle condizioni in cui si svolse il processo che li condanna in Italia e molto altro.

Una volta che la Chambre avrà preso una decisione, l’imputato potrà fare ricorso in Cassazione quando la sentenza sarà divulgata. Questi giudici dovranno verificare se esistevano le condizioni corrette per concedere l’estradizione. Alla fine, toccherà al primo ministro firmare un decreto di estradizione, che però potrà essere a sua volta impugnato per un ricorso amministrativo davanti al Consiglio di stato. La strada, insomma, è ancora lunga.

Continua a leggere

Cronaca

Razzo cinese, fine dell’allarme: rientrato nell’oceano indiano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il secondo stadio del razzo cinese Lunga Marcia 5B è rientrato nell’atmosfera sull’Oceano Indiano, in un’area vicina alle isole Maldive. Lo rende noto l’ufficio per il volo umano dell’agenzia spaziale cinese Cnsa. Il rientro è stato confermato anche dai dati del Comando di Difesa Aerospaziale del Nord-America (Norad).

Rispetto alle stime iniziali, indicavano il Nord Atlantico come probabile punto di rientro, poi il bacino del Mediterraneo e l’ipotesi per ora più accreditata è che il rientro possa essere avvenuto sopra l’Oceano Indiano.

Il tavolo tecnico del Dipartimento della protezione civile aveva già escluso l’interessamento del territorio italiano, dichiarato concluse le attività operative, e chiuso il Comitato Operativo.

Continua a leggere

Cronaca

Razzo cinese, i frammenti potrebbero contenere idrazina: tre le traiettorie possibili che potrebbero interessare l’Italia centro meridionale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è ridotta – indica la Protezione civile – la finestra di incertezza relativa al rientro incontrollato in atmosfera del lanciatore spaziale cinese “Lunga marcia 5B” previsto per questa notte. Al momento, le tre traiettorie che potrebbero interessare alcuni settori di nove regioni centro-meridionali italiane si collocano tra l’1:00 di notte e le 7:30 del mattino.

“Resta remota”, spiega il Dipartimento, la probabilità che uno o più frammenti possano cadere sul nostro territorio. Tuttavia il tavolo tecnico continuerà a seguire l’evolversi della situazione attraverso i dati disponibili fino all’avvenuto impatto al suolo.

Il punto è stato fatto sulla base degli ultimi dati forniti dalla Agenzia Spaziale Italiana (Asi) durante il nuovo incontro del tavolo tecnico che si è aggiornato nel pomeriggio di oggi presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile. Al tavolo hanno partecipato anche rappresentanti delle Regioni potenzialmente interessate, per la condivisione di analisi e aggiornamenti sull’evoluzione delle operazioni con i territori e con le strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile.

Le previsioni di rientro, rileva la Protezione civile, sono soggette a continui aggiornamenti perché legate al comportamento dello stesso razzo e agli effetti che la densità atmosferica imprime agli oggetti in caduta, nonché a quelli legati all’attività solare.

“Sulla scorta delle informazioni attualmente rese disponibili dalla comunità scientifica – sottolinea la Protezione civile – è possibile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti responsabilmente comportamenti di auto protezione: è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti”.

Si consiglia, comunque, indica il Dipartimento, “di stare lontani dalle finestre e porte vetrate; i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone: pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici; all’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi), per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti;

E’ poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto; alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero resistere all’impatto.

Alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero sopravvivere all’impatto e contenere idrazina

L’idrazina èuna sostanza corrosiva, tossica e cancerogena: la soglia di contaminazione dell’aria è di 1 ppm, mentre la soglia olfattiva (oltre la quale l’odore è avvertibile) è di 3-5 ppm: già a 20 °C i vapori possono raggiungere tali concentrazioni. A temperature superiori ai 38 °C, se i vapori non vengono dispersi, la miscela aria-vapori di idrazina può raggiungere concentrazioni tali da essere esplosiva.

Sintomi
I sintomi immediati del contatto con l’idrazina sono dovuti alla corrosività della sostanza: quindi bruciore, e nel caso di inalazione dei vapori, tosse, capogiro e difficoltà respiratoria: tali sintomi possono presentarsi anche a distanza di 10-12 ore dal contatto.

La tossicità è a carico del fegato, dei reni e del sistema nervoso centrale: i sintomi di un avvelenamento da idrazina sono nausea, vomito, debolezza, confusione, stato di incoscienza. Se l’avvelenamento è avvenuto per inalazione di vapori si può avere edema polmonare acuto. L’ingestione può essere letale.


In linea generale, si consiglia a chiunque avvistasse un frammento, senza toccarlo e mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri, di scgnalarlo immediatamente alle autorità competenti.

Si consiglia, in linea generale, che chiunque avvistasse un frammento, di non toccarlo, mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri, e dovrà segnalarlo immediatamente alle autorità competenti”.

Continua a leggere

I più letti