Connect with us

Esteri

Brexit, via libera di 27 leader all’accordo di “divorzio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

I 27 leader Ue hanno dato il via libera politico all’Accordo di divorzio” dal Regno Unito “e alla Dichiarazione politica congiunta” sulle relazioni future, lo ha fatto sapere il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

I 27 leader Ue hanno adottato il testo di conclusioni del vertice sulla Brexit, in cui si invitano “Commissione, Parlamento europeo e Consiglio, a fare i passi necessari per garantire che l’accordo possa entrare in vigore il 30 marzo 2019, in modo da assicurare un recesso ordinato” del Regno Unito. Si legge sull’account Twitter di Preben Aamann, portavoce del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Se qualcuno pensasse al Parlamento britannico “di rigettare questo accordo” sulla Brexit, pensando di poter ottenere un’intesa migliore, resterebbe deluso un attimo dopo la bocciatura, perché questo è l’unico accordo possibile“, ed “è la migliore intesa possibile”, ha detto il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, al termine del vertice, sottolineando che “oggi è un giorno triste”.

“Di fronte a noi c’è un difficile processo di ratifica” dell’accordo di recesso del Regno Unito e “nuovi negoziati” ha detto il presidente del Consiglio europeo, Tusk al termine del vertice sulla Brexit -. Ma col Regno Unito “resteremo amici fino alla fine dei giorni, e anche un giorno di più”.

Il voto alla Camera dei Comuni sulla Brexit si dovrebbe tenere il 10-11 dicembre, secondo le indicazioni della premier britannica Theresa May al vertice. Lo si apprende da fonti europee.

Ora è giunto il momento che ognuno si assuma le sue responsabilità“, in quanto “questo accordo” di divorzio “è il passo necessario per costruire la fiducia tra l’Ue e la Gran Bretagna per costruire i prossimi passi”. Così il capo negoziatore Ue Michel Barnier all’arrivo al vertice straordinario sulla Brexit. “Resteremo partner, alleati e amici” con Londra, ha concluso, ricordando di aver “sempre negoziato con e non contro la Gran Bretagna”. Barnier ha quindi ringraziato i team di negoziatori, i 27 e l’Europarlamento.

Questo è un Consiglio europeo storico ma che scatena sentimenti misti” in quanto “la Gran Bretagna se ne va dall’Ue dopo 25 anni ma noi rispettiamo la decisione del popolo britannico”. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel al termine del vertice Ue straordinario sulla Brexit, sottolineando che “la cooperazione tra i 27, la Commissione Ue e il Parlamento europeo è stata eccellente” e che l’accordo di divorzio “è nel nostro interesse”. “Ho una sensazione di sollievo per aver ottenuto quanto è stato ottenuto”, ha concluso.

Non ci deve essere un secondo referendum“. Theresa May taglia corto al riguardo a Bruxelles nella sua conferenza stampa dopo la formalizzazione dell’accordo sulla Brexit con l’Ue, secondo una delle citazioni riportate con evidenza dai media britannici. “L’opinione pubblica – ribadisce la premier conservatrice – si aspetta che sia ora il Parlamento a votare l’accordo. La maggior parte della gente nel Regno Unito vuole un accordo fatto e che ci concentriamo più chiaramente sui suoi problemi, quelli che contano ogni giorno”.

Intanto in una “lettera alla Nazione” pubblicata in vista del vertice Ue, la premier britannica chiede il sostegno del suo popolo al suo accordo con l’Unione europea sulla Brexit, affermando che si tratta di un’intesa che permetterà al Regno Unito un “più luminoso futuro”, come riferisce Bbc News online.

Quando il prossimo anno la Gran Bretagna lascerà l’Unione, scrive la premier, il Paese vivrà “un momento di rinnovamento e riconciliazione” e l’inizio di “un nuovo capitolo nella nostra vita nazionale”. Un momento, continua la premier, che “deve segnare il punto in cui mettiamo da parte per sempre le etichette di ‘uscire’ e ‘rimanere’, e torniamo ad essere di nuovo un solo popolo”.

Ma “per fare questo – sottolinea Theresa May – abbiamo bisogno di andare avanti con la Brexit ora, sostenendo questo accordo”.

“Con la Brexit conclusa”, sottolinea inoltre la premier, il governo sarà poi in grado di concentrarsi su questioni come l’economia, il sistema sanitario nazionale e la costruzione di case

Esteri

Finlandia, la “Helsinki Design Week 2020” scalda i motori e prepara l’edizione dell’era Covid

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Helsinki Design Week 2020 (“Settimana del Design ad Gelsinki”), imperdibile appuntamento di grande rilevanza internazionale per il design, si terrà dal 3 al 13 settembre, nella sede principale dello Stadio Olimpico della capitale finlandese.

La mostra principale, PechaKucha Night e Children’s Design Weekend si terrà allo stadio, presentando moda, design e architettura attuali e interessanti. Il contenuto della mostra includerà singoli prodotti e installazioni, nonché una rassegna completa delle opere dei giovani designer. Tra questi un’installazione in cemento e micelio dello studio Caracara, Seitikki del falegname Antrei Hartikainen e una mostra di panchine curata da Jasper Morrison.

La sede principale offrirà uno scenario indimenticabile per la grande Notte di PechaKucha in Europa sabato 12 settembre.

Sul palco situato sul prato dello stadio ascolteremo il vicesindaco Anni Sinnemäki, la regista della Aalto Film, Virpi Suutari, il CEO di Hakola Anna-Leena Hakola e l’architetto Teemu Kurkela. “Oltre ad un’esperienza architettonica unica, lo Stadio Olimpico ci offre un luogo eccezionalmente spazioso. Possiamo consentire a 1000 persone di partecipare alla Notte PechaKucha nella tribuna esterna senza compromettere le distanze di sicurezza “, afferma il direttore del festival Kari Korkman.

I bambini sono glii ospiti d’onore durante il fine settimana allo Stadio Olimpic, l’ingresso è gratuito al Children’s Design Weekend, che sarà caratterizzato da un percorso divertente e coinvolgente progettato dal duo di designer Anna van der Lei e Kristos Mavrostomos intorno al famoso prato dello Stadio Olimpico. Le famiglie potranno partecipare liberamente a questo evento per bambini.

Da remoto e online

La situazione COVID-19 influisce anche sul festival del design: “La Helsinki Design Week può essere organizzata in sicurezza perché è costituita da una serie di eventi organizzati in modo responsabile di varie dimensioni, non un singolo evento di massa. Abbiamo reso il programma più virtuale e progettato gli eventi in ambienti sufficientemente spaziosi”, afferma la direttrice del programma Anni Korkman. Il Design Market, che negli anni precedenti ha attirato più di 20.000 visitatori alla Cable Factory, quest’anno si svolgerà online e in vari punti vendita al dettaglio da giovedì 3 a sabato 5 settembre. La serie Open Screens presenterà animazioni 3D integrate nello spazio cittadino, sui cartelloni pubblicitari intorno al centro di Helsinki. Questo settore del design è salito alla ribalta negli ultimi anni e sta influenzando fortemente le immagini e la narrazione negli ambienti digitali. Gli schermi aperti includono opere di Wang & Söderström, Anna Alanko, Ada Sokol e Matti Vesanen.Il sesto Data-Driven Design Day è organizzato in formato digitale ed i relatori includono rappresentanti di organizzazioni finlandesi, quali Kesko, Fortum, Posti, YLE, Sanoma Media Finland, HRT e Helen.

Impegno per il lavoro sul clima

L’anno scorso è stata avviata un’intensa collaborazione con la Aalto University e quest’anno si prosegue con la seconda mostra Designs for a Cooler Planet. Questo evento riguarderà nuovi materiali, tra cui biocolla, schiuma di cellulosa e glitter di legno, e presenterà un padiglione di alghe “multisensuale” e la mostra Fungi sul potenziale futuro dei funghi. Ci sarà un Climate College che si terrà presso il municipio, i cui relatori forniranno varie soluzioni per un futuro più rispettoso dell’ambiente nelle città. Al Design Museum, la mostra Soil Matters renderà il nostro suolo più visibile e incoraggerà i visitatori a studiare il loro rapporto con la terra. La mostra affronterà la materialità del suolo attraverso il design e la ricerca artistica.

Il tema del Conoscere il Clima, annunciato lo scorso anno, è qualcosa su cui ci impegniamo da qui al futuro. Nonostante questo anno eccezionale e la situazione incerta nel mondo, possiamo aspettarci un programma di festival eccellente e versatile”, sottolinea Anni Korkman.

Programma ed informazioni: https://www.helsinkidesignweek.com/programme/

Continua a leggere

Esteri

Beirut, guerriglia in città: ucciso un poliziotto. Feriti oltre 230 manifestanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La rabbia di una città devastata e di un intero Paese, scivolato da mesi nel baratro del collasso economico e politico, è scoppiata, con azioni senza precedenti da parte dei manifestanti anti-governativi. Dimostranti hanno preso d’assalto e occupato per diverse ore la sede del ministero degli esteri, nel cuore di Beirut colpita dall’esplosione di martedì scorso, per essere poi in serata costretti dall’esercito ad uscire. Altri manifestanti hanno ‘impiccato’ un manichino del leader degli Hezbollah, Hasan Nasrallah, a un finto patibolo eretto a piazza dei Martiri. Nelle violenze di strada un poliziotto è morto e i feriti sono almeno 230.

Questo mentre i vertici istituzionali continuano a prendere tempo rispetto alla pericolosa spirale di violenza in corso nel paese: il premier Hassan Diab è intervenuto con un laconico discorso tv, lanciando ai suoi stessi alleati governativi un “ultimatum” di due mesi, evocando elezioni anticipate. “Sono pronto ad assumere la responsabilità per i prossimi due mesi fino a che i partiti non troveranno un accordo sulla prossima fase. Lunedì proporrò al governo elezioni anticipate”, ha detto Diab dal Serraglio, la sede governativa che sovrasta la zona del parlamento e Piazza dei Martiri, teatro di una vera e propria guerriglia urbana. Diab invoca “il momento della responsabilità collettiva. Vogliamo una soluzione per tutti i libanesi”, ha detto il premier, promettendo, come già fatto nei giorni scorsi, che “presto emergerà la verità” sull’esplosione di martedì scorso, nel quale sono state uccise più di 150 persone, cinquemila sono rimaste ferite, anche gravemente, 300 mila sono rimasti senza casa. In quello che appare come una svolta negli eventi in rapida evoluzione, i manifestanti in piazza hanno espresso la loro ira anche, e soprattutto, contro il leader degli Hezbollah filo-iraniani, Hasan Nasrallah. E’ considerato dalla comunità sciita libanese e mediorientale un leader politico e religioso “intoccabile” soprattutto per il fatto che è un ‘sayyid’, un discendente del profeta Maometto. La scena del manichino di Nasrallah ‘impiccato’ a un finto patibolo in piazza dei Martiri ha suscitato l’attesa reazione di centinaia di suoi seguaci, che dal vicino quartiere di Zoqaq al Blatt hanno provato a scendere verso la piazza ma sono stati fermati da un cordone di militari sul Ring, la sopraelevata che si affaccia su piazza dei Martiri. Negli stessi concitati momenti, nel cuore di Ashrafiye, uno dei quartieri di Beirut più colpiti dalla potente esplosione del 4 agosto, decine di attivisti guidati da un manipolo di veterani dell’esercito in pensione, hanno assaltato la sede del ministero degli esteri, considerato da tempo un feudo del partito del presidente della Repubblica Michel Aoun e di suo genero, l’ex ministro Gibran Bassil. Gli assalitori hanno sfondato la porta sopra le antiche scale di pietra e hanno strappato dal muro foto di Bassil e di Aoun, fracassandole a terra, pestandole, sputandoci sopra e pronunciando pesanti offese.

Gli assalitori hanno appeso degli striscioni alle finestre di palazzo Bustros, con su scritto: “Beirut capitale della rivoluzione”, di cui hanno proclamato l’edificio “quartier generale”, Poi in serata c’e’ stato l’intervento dell’esercito, che ha chiesto anche rinforzi per l’operazione ed ha messo fine all’occupazione Stesse scene, qualche ora dopo, al ministero dell’economia. Un altro striscione recita: “Fuori le armi da Beirut”, in riferimento al fatto che da più parti si è affermato in questi giorni che l’esplosione del porto possa essere stata provocata non da un “incidente” – come hanno affermato le autorità in un primo momento e come ha detto lo stesso Nasrallah nel suo discorso di venerdì – ma dalla detonazione di un deposito di missili di Hezbollah. In serata, altri manifestanti hanno preso d’assalto la super-fortificata sede dell’Associazione delle Banche, vicino a piazza dei Martiri. E altri attivisti si sono diretti alla sede del ministero dell’energia. Una guerriglia che rischia di non fermarsi presto. 

Continua a leggere

Esteri

Beirut, esplosioni: oltre 300 mila persone rimaste senza casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

E’ salito ad almeno 137 i morti e 5.000 i feriti il bilancio delle devastanti esplosioni di martedì al porto di Beirut. Lo rende noto il ministero libanese della Sanità.

Il ministro della salute libanese Hamad Hasan consiglia a chiunque possa di andare via da Beirut, devastata da due potenti esplosioni.

Hasan – citato dai media locali – afferma infatti che materiali pericolosi sprigionatisi nell’aria dopo le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali. Le squadre di soccorso cercano i dispersi.

Oltre 300 mila persone sono rimaste senza casa, ha detto il governatore della città precisando che, secondo una prima stima, i danni materiali ammontano a oltre tre miliardi di dollari. Lo scoppio ha causato gravi danni in circa la metà del territorio cittadino.

“La Ue ha attivato il meccanismo di protezione civile in seguito alla richiesta delle autorità libanesi, e coordinerà l’invio urgente di 100 pompieri altamente qualificati, con veicoli, cani ed attrezzature specializzati nella ricerca e salvataggio in zone urbane. Lavoreranno con le autorità libanesi per salvare vite”, ha annunciato il commissario alla gestione delle crisi, Janez Lenarcic. “La Ue è pronta a fornire assistenza e sostegno. Siate forti”: così in un tweet il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Anche l’alto rappresentante della politica estera, Josep Borrell, esprime “piena solidarietà e sostegno totale alle famiglie delle vittime, al popolo e alle autorità libanesi”.

“Preghiamo per le vittime e per i loro familiari, e preghiamo per il Libano, perché con l’impegno di tutte le sue componenti sociali politiche e religiose possa affrontare questo momento così tragico e doloroso, e con l’aiuto della comunità internazionale superare la grave crisi che sta attraversando”, ha detto il Papa nell’udienza generale.

È “un appello agli Stati del mondo” quello che il card. Bechara Boutros Rai, patriarca d’Antiochia e di tutto l’Oriente, presidente dell’Assemblea dei patriarchi e vescovi cattolici del Libano, lancia all’indomani della “misteriosa esplosione” che ha squarciato la capitale Beirut. “Beirut è una città devastata – scrive il cardinale nel suo appello inviato al Sir – è una catastrofe”. Il patriarca maronita parla di “una scena di guerra senza guerra”. Il cardinale libanese si rivolge a tutti gli Stati del mondo “per fornire aiuti immediati necessari a salvare la città di Beirut”.


Mattarella ha inviato al Presidente della Repubblica Libanese, Michel Aoun, un messaggio: “Ci stringiamo con affetto all’amico popolo Libanese. Il nostro pensiero va alle numerosissime vittime della tragedia e alle loro famiglie, mentre con viva speranza auguriamo ai feriti una pronta e completa guarigione”.

Continua a leggere

I più letti