1

Buy Puglia, ecco il primo bilancio dell’edizione 2017

“Obiettivo principale per il Buy Puglia è creare occasioni concrete di affari con gli incontri tra operatori. Questa borsa del turismo testimonia quanto sia rilevante il turismo in arrivo diretto in Puglia e come, una volta qui, i compratori rimangano attratti dalla nostra regione”. Ne è più che convinta l’Assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone che ha commentato con queste parole la giornata conclusiva del Buy Puglia 2017.

Oltre 2000 appuntamenti di lavoro in cui 200, tra comparatori provenienti da 25 Paesi europei ed extraeuropei, e venditori pugliesi, si sono incontrati per scoprire, comprare e vendere la destinazione Puglia. E’ questo il bilancio dell’incontro d’affari che si è svolto nella giornata culmine degli incontri inter-operatori del Buy Puglia. Ideato e organizzato dall’Agenzia regionale Pugliapromozione, il Buy Puglia, giunto alla sua quinta edizione, si è svolto presso centro affari dell’Aeroporto di Bari.

Nella giornata conclusiva sono stati presentati i dati sulla reputazione delle strutture ricettive della Puglia dell’indagine di Attrattività Turistica (scaricabile da www.buypugliaitaly.it ) che ha analizzato i contenuti, e le prestazioni di tutti i canali web sui quali le strutture del territorio sono presenti.

All’incontro hanno partecipato, oltre all’Assessore Capone, Mario Romanelli di Travel Appeal, Alfredo de Liguori, responsabile Marketing di Pugliapromozione e Luca Scandale, responsabile del Piano strategico Puglia 365.

Dal primo controllo sulla soddisfazione generale degli ospiti, che nel periodo dal 1° settembre 2016 al 31 agosto 2017 hanno recensito le strutture ricettive pugliesi, si registra una attitudine positiva dell’85,5% rispetto all’83,9 dell’Italia (nel 2016 era 83,3% per la Puglia e 82,4% per l’Italia).
Il dato positivo proviene dall’analisi realizzata su un campione di 5358 strutture che impattano maggiormente sull’immagine della destinazione per quantità di contenuti in rete.

“Siamo soddisfatti. Ma vogliamo migliorare ancora. Come? Migliorando le nostre prestazioni, quelle degli operatori, delle strutture, di chi commercializza i servizi, della Regione e dei comuni – ha commentato l’assessore Capone – La reputazione positiva di una destinazione turistica non è istantanea; si costruisce nel tempo e varia nel tempo su dati che sono percezioni. Ci vuole grande impegno a potenziare la nostra reputazione, come già abbiamo fatto per superare lo stereotipo del sud, con la sua bellezza ma anche con i problemi della sicurezza e come abbiamo fatto per far conoscere la Puglia che, solo qualche anno fa, non si sapeva dove fosse posizionata sulla cara geografica. Oggi la Puglia non è solo ambita ma anche raggiunta: contano adesso le recensioni di chi dalla Puglia commenta e riporta le sue percezioni. Il Buy Puglia si è rivelato fin dalle prime edizioni una formula vincente: siamo soddisfatti della intensità della partecipazione e degli accordi di questa fiera. Anche in questa 5a edizione i tour hanno funzionato e hanno incontrato il favore dei compratori a testimonianza di quanto questa terra sia affascinante anche al di fuori dalla stagione balneare. Ovviamente il fascino da solo non basta. Si deve collegare all’organizzazione e all’offerta turistica sempre migliore per cui è indispensabile fornire servizi, tenere strutture aperte anche in questo periodo, insomma organizzare l’accoglienza in modo quanto più possibile efficace e direi attraente”.

Nell’edizione 2017 grande successo ha riscosso la nuova importante sezione di formazione dedicata al settore immobiliare rivolta agli operatori turistici pugliesi, Buy Puglia Investment & Education, (Compra Puglia Investimenti ed Istruzione) ideata e progettata con Federalberghi Puglia, PKF hotelexperts, Tourism Investment, BTO Educational; seguitissimo dagli operatori pugliesi il ricco programma di incontri su quattro aree tematiche: investimenti e sviluppo alberghiero, promozione, distribuzione e ospitalità.

Gianfranco Nitti