Connect with us

Metropoli

Canale Monterano, la Regione finanzia la creazione di un asilo comunale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


CANALE MONTERANO – È un giorno storico per il sistema scolastico di Canale Monterano: con la
determinazione n. G12610 la Regione Lazio, Direzione Inclusione Sociale, ha finanziato il progetto per
la creazione di un micro-asilo, che andrà a collocarsi all’interno di edifici di proprietà comunale, già
esistenti e sottoutilizzati, per costituire un vero e proprio polo scolastico che vedrà presenti tutte le
classi di età, dai diciannove mesi fino a tutta l’età dell’obbligo. Il progetto presentato dal Comune di
Canale si è piazzato al quinto posto nella graduatoria regionale, che ha visto finanziati solo sette
comuni, con fondi MIUR.
“Si chiude un cerchio – afferma il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli –
iniziato alcuni decenni fa a Canale, che ha visto sorgere nell’area di Piazza Maria De Mattias, edifici
scolastici nuovi, curati, funzionali. Un’operazione di lungo respiro, concretizzata lentamente negli
anni, che con la nascita del micro-asilo chiuderà un progetto di rinnovamento dell’edilizia scolastica
comunale e rafforzerà ancora di più la nostra offerta per le famiglie”.
“Il contributo regionale – aggiunge l’Assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Magagnini – prevede
una serie d’interventi finalizzati al recupero di locali scarsamente utilizzati e le loro trasformazioni per
la creazione di un micro-nido all’interno della scuola materna. La nuova struttura sarà destinata a
ospitare fino a un massimo di quattordici bambini divezzi (19- trentasei mesi), i locali a piano terra
saranno destinati all’attività dei bambini: zona accoglienza, zona attività, area sonno e area destinata
a laboratori dove potranno iniziare il loro percorso educativo giocando. Una porzione dell’area
esterna sarà recuperata e destinata all’uso esclusivo del micro-nido. Il recupero dei locali posti al
piano primo saranno invece predisposti per il personale scolastico: spogliatoio, wc, stanza educatrici,
stanza da destinare al pediatra oltre a locali a servizio dell’attività. Per quanto riguarda la
preparazione dei pasti, il progetto non prevede la realizzazione di una cucina, perché sarà utilizzata la
cucina già esistente della scuola materna. L’utilizzo dell’attuale atrio come ingresso per il micro – nido
prevede la realizzazione di un nuovo ingresso per la scuola materna, da realizzarsi in prossimità
dell’ingresso esistente.”
“Il progetto – conclude l’Assessore Magagnini – va a implementare l’offerta scolastica
comunale e ha come obiettivo quello di fornire agli abitanti di Canale e Montevirginio una struttura
che possa accogliere i bambini fin dai primi anni di vita e creare un percorso educativo continuativo
fino al passaggio alla scuola primaria. Un ulteriore tassello al già pregevole sistema infrastrutturale
scolastico del nostro Comune, che ogni anno, a ogni livello della scuola dell’obbligo accoglie ragazzi
provenienti da tanti comuni limitrofi, che trovano a Canale qualità negli insegnanti e nelle nostre
strutture.”

Metropoli

Finocchio, minorenne rapinato nei pressi della fermata metro: identificato e arrestato un 22enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FINOCCHIO (RM) – I Carabinieri della Stazione di San Vittorino Romano hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino 22 enne, italiano, resosi responsabile di una rapina in danno di un minore romeno, consumata lo scorso settembre nei pressi della fermata “Finocchio” della metro C di Roma.

Dopo diversi mesi di indagini senza sosta, dirette dal Pubblico Ministero del pool della Procura di Roma coordinato dal Procuratore Aggiunto, Dr.ssa Lucia Lotti, i Carabinieri della Stazione di San Vittorino Romano sono riusciti a dare un volto all’autore dell’odiosa rapina. Tutto ha preso le mosse dalla denuncia presentata dalla vittima, un ragazzino romeno neanche maggiorenne che, all’uscita della fermata “Finocchio” della metro C, si è visto avvicinare da un gruppo di tre ragazzi italiani con fare minaccioso. Per avvicinarlo, i tre gli hanno chiesto di avere il telefonino in prestito per fare una semplice chiamata ma al rifiuto ricevuto sono passati ai fatti. La vittima è stata spinta contro la vetrina di un bar e dopo essere stato picchiato, gli è stata sottratta la collanina d’oro che portava al collo, un regalo di infanzia della nonna. Proprio la nonna, una volta sentita la storia raccontata dal nipote, ha convinto il ragazzo a sporgere denuncia e insieme hanno rappresentato i fatti ai Carabinieri di San Vittorino. Da quel momento, grazie agli impianti di videosorveglianza e alla comparazione con i vari profili social dei potenziali autori della rapina, i militari sono riusciti ad individuare il responsabile del reato, rappresentando il tutto alla Procura di Roma che ha richiesto e ottenuto dal Gip del Tribunale un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che è stata notificata al 22enne italiano.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano: per le strade in arrivo 400mila euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CANALE MONTERANO (RM) – Con una determina del 21 maggio scorso la Regione Lazio ha approvato una richiesta del Comune di Canale per un contributo da 200mila euro finalizzato all’asfaltatura completa di Via Casalini, importante arteria periferica del Comune che, oltre a rappresentare l’uscita dalla Riserva Naturale Regionale Monterano nei giorni di maggiore afflusso, rappresenta una “bretella” di fondamentale interesse perché congiunge la Riserva alle Olmate di Montevirginio e a Oriolo.

“Un importante contributo – commenta il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli – per un intervento necessario, visto lo stato ormai disastroso in cui versava quella strada, spesso oggetto di rattoppi che non riuscivano però a evitare il continuo aprirsi di buche nel manto d’asfalto ormai usurato. Un contributo quindi prezioso per il quale ringraziamo la Regione Lazio, il Presidente Zingaretti e il Vice Presidente Leodori, per lavori che saranno realizzati  direttamente da Astral, già due anni fa protagonista di circa 5 km di nuovo asfalto tra Canale e Montevirginio.”

“Con l’approvazione del Consultivo – aggiunge il Vice Sindaco Stefano Ciferri, delegato al Bilancio – a Luglio metteremo a disposizione della nostra viabilità altre importanti risorse, finalmente disponibili grazie ad un Bilancio sano e alleggerito da 5 anni di assenza di prestiti con le banche. Un piano per le nostre strade che porterà investimenti per altri 200mila euro per intervenire con asfalto, cemento o stabilizzato.”

“Stiamo mappando le strade su cui intervenire – conclude l’Assessore ai Lavori Pubblici Andrea Magagnini – e, come al solito, procederemo in priorità con le più dissestate, anche provando a schivare gli interventi delle aziende come Enel, Openfiber e Italgas, che continuano a scavare nel nostro territorio, con interventi sicuramente utili all’ammodernamento delle reti locali, ma che impattano fortemente sullo stato della viabilità locale. Siamo consapevoli che non basteranno questi 400mila euro a risolvere i problemi delle strade comunali ed è per questo che risulta ancor più importante per un Comune come il nostro avere un Bilancio forte, dal quale poter prendere ogni anno fondi per la viabilità stradale. Disponibilità che non abbiamo avuto in passato e che, invece, il nostro Comune potrà avere negli anni a venire. Ai cittadini chiediamo però ancora un po’ di pazienza: da metà luglio i primi lavori.”

Continua a leggere

Metropoli

Cesano di Roma, reclusa e seviziata per due anni di seguito: riesce a scappare e fa arrestare i suoi aguzzini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CESANO DI ROMA (RM) – Era arrivata in Italia due anni fa assieme al suo compagno, un cittadino pachistano di 29 anni, domiciliato sul territorio italiano e privo di precedenti penali. Assieme a lui abitava un connazionale di 36 anni, con precedenti penali.

Nel corso di questo periodo la donna, una tedesca di 19 anni è stata costretta a vivere reclusa all’interno dell’appartamento assieme ai due uomini, costretta nel tempo a subire violenze e abusi sessuali.

Il 27 maggio 2021, finalmente approfittando di un momento di distrazione da parte dei suoi “aguzzini” è riuscita a scappare di casa e chiedere aiuto ad un passante, il quale dava l’allarme e accompagnava la giovane donna presso il Comando Stazione Carabinieri Cesano di Roma. La situazione, apparsa evidente per la sua gravità, ha portato i militari, ad arrestare i due uomini, tradotti presso la casa Circondariale di Rieti.

Il Giudice delle Indagini Preliminari di Roma su richiesta della competente Procura convalidava l’arresto ed emetteva misura cautelare nei confronti dei due stranieri.

Continua a leggere

I più letti