Connect with us

Roma

CANALE MONTERANO, RISERVA NATURALE O PARCO DEL MATTONE?

Clicca e condividi l'articolo

La presenza di necropoli etrusche all'interno dell'area determina ulteriori vincoli archeologici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

[DELIBERA NR° 37 – AGOSTO 2012 CANALE MONTERANO]

Le maggiori imprese immobiliari sono calate in massa da queste parti aprendo agenzie in ogni paese: è un caso? A seguito di questo scellerata scelta della Giunta, possiamo dare un addio a quella continuità ecologica, presupposto per la conservazione della biodiversità, che caratterizza questi territori.

 

Loris Pietrelli

Il Consiglio Comunale di Canale Monterano ha approvato una proposta di delibera (37 del 3 agosto 2012) che sostanzialmente modificherà l’assetto della Riserva Regionale di Canale Monterano, 1.000 ettari di archeologia e natura. In poche parole la delibera tende ad avallare cambiamenti di destinazione di uso dei territori agricoli senza tenere conto dei vincoli in essi ricadenti. Si potranno realizzare manufatti con un indice di edificabilità fondiaria pari a 0.03 mc/mq. In sostanza questo significa che con la scusa di realizzare edifici dedicati al turismo, chi possiede, ad esempio, 10 ettari all’interno della Riserva potrà costruire un edificio di 3.000 mc, l’equivalente di oltre 80 stanze 4x3m: praticamente un albergo! E’ chiaro che a seguito di questa delibera inizierà la compravendita di piccoli appezzamenti di terreno per acquisirne la cubatura: oltretutto i furbacchioni hanno anche previsto il trasferimento delle cubature! La Giunta ha approvato questa delibera senza richiedere il parere tecnico al Direttore della Riserva. Questo rappresenta un atto gravissimo che lede l’autorità del Parco ed inoltre palesa le reali intenzioni del Sindaco: smantellare la Riserva e svendere un territorio ancora integro, situato a pochi km da Roma, ad un gruppo di investitori che probabilmente godono anche di forti appoggi politici. Questo territorio, fino a Tolfa, sembra che sia finito nelle mire di speculatori che intravedono la possibilità, con la complicità di sindaci compiacenti, di alimentare a dismisura il mercato immobiliare. Le maggiori imprese immobiliari sono calate in massa da queste parti aprendo agenzie in ogni paese: è un caso? A seguito di questo scellerata scelta della Giunta, possiamo dare un addio a quella continuità ecologica, presupposto per la conservazione della biodiversità, che caratterizza questi territori. In questa piccola porzione di territorio, ad esempio, sono stati presentati progetti per un Centro Attività Ricreative ed Agrituristiche, oltre 30.000 mc di cubatura a circa 200 m dal borgo di Montevirginio (progetto Noce Moscata), un progetto per un complesso alberghiero (progetto Airone) proprio di fronte a Monte Angiano, noto per la presenza di numerose specie di orchidee. Pare inoltre che esista anche un progetto per realizzare ex novo un certo numero di “borghetti” residenziali nei Comuni di Vejano e Oriolo a ridosso della Riserva. Attualmente la Riserva è presa d’assalto, approfittando delle scarse risorse disponibili e, soprattutto della benevolenza della Giunta Comunale che sembra avere tutto l’interesse ad incentivare il degrado in modo da giustificarne lo smantellamento. Il nostro solerte Sindaco ha subito approfittato dell’intenzione, da parte della Regione, di trasferire tutte le competenze in materia di gestione dei parchi regionali ai Comuni esautorando di fatto le responsabilità in materia ambientale della Regione. Il declassamento delle aree agricole è già cominciato fuori della riserva in quella che dovrebbe rappresentare una sorta di zona tampone. Tanto per fare un esempio dello stato delle cose, è stata autorizzata la costruzione di una “casina  di caccia” in località “la bandita” sul confine della riserva (foto 1) a pochi metri dal sito di nidificazione dell’Occhione, specie estremamente protetta da tutte le normative specifiche. La delibera del 3 agosto è solo una delle tante azioni di  una strategia messa in atto già da qualche anno. L’annosa questione di Ponte Antico, apertura di una strada abusiva all’interno della  ZPS, ne è la riprova (basta verificare su Google). Oggi la vicenda ha assunto aspetti paradossali in quanto la nuova giunta appoggia apertamente l’iniziativa dell’unico, facoltoso, utente interessato. Il Sindaco pare, infatti, che abbia richiesto finanziamenti pubblici per mettere in sicurezza un ponte costruito abusivamente da ignoti (sic). Il ponte, posto all’interno della ZPS, impedendo il libero flusso del fiume Mignone, andrebbe ad alterare una vasta area circostante. Oltretutto la presenza di necropoli etrusche determina ulteriori vincoli archeologici. Tutto ciò aggirando anche le disposizioni di divieto di transito notificate al Sindaco dal Servizio di Polizia fluviale dell’Agenzia Regionale per la Difesa del Suolo (ARDIS). Se la Riserva adottasse il Piano di Assetto elaborato anni fa e sparito in qualche cassetto, sarebbe maggiormente tutelata  dai tentativi, ormai palesi, di smantellare tutti i vincoli. Senza tutele l’integrità degli ecosistemi che caratterizzano il nostro territorio rischia di venir meno vanificando circa 30 anni di tutela.

tabella PRECEDENTI:


 

Roma

Roma, Quarticciolo: spaccia in strada come se nulla fosse

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Al termine di un servizio di osservazione, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste hanno arrestato un 43enne romano ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri hanno notato il l’uomo mentre si aggirava con fare sospetto tra i lotti di via Cerignola, al Quarticciolo, e si sono avvicinati per una verifica.

Nelle sue tasche, i militari hanno rinvenuto 7 involucri contenenti tra eroina e cocaina, nonché la somma in contanti di 80 euro, ritenuto il provento dell’illecita attività di spaccio.

Droga e denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a leggere

Roma

Roma, soso dehors: sono 4 mila i ristoranti senza spazi all’esterno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Daniele De Vito: “La Raggi intervenga subito!”

Un ristorante su due dovrà restare chiuso perché privo degli spazi all’aperto. Questo provocherà una grande disparità di trattamento tra un esercente e l’altro. Nella Capitale sono ben 4.000 i ristoranti sprovvisti di dehors o impossibilitati a chiedere una occupazione di suolo pubblico per motivi legati a mancanza di spazi o a ubicazione del locale. E dovranno aspettare almeno il primo giugno, stando alle indicazioni del governo Draghi, e un nuovo decreto. Il primo giugno, poi, per riaprire soltanto a pranzo perché a cena dovranno comunque restare ancora chiusi fino a non si sa ancora quando. Quindi, a gioire delle riaperture dal prossimo 26 settembre almeno nelle zone gialle, e il Lazio almeno stando ai dati del momento lo sarebbe, non sono certo tutti gli esercenti.

A Roma ci sono tantissimi locali che purtroppo non sono dotati di tavolini fuori e che saranno quindi molto danneggiati. Ma anche chi potrà usufruire di questi spazi sarà penalizzato dalla stagionalità perché maggio non è certo ancora estate e quindi il rischio è che la sera possa fare ancora freddo o addirittura piovere. Decidere senza associazioni di categoria è un errore che potrebbe danneggiare la filiera e l’economia italiana fatta di tante pmi che contribuiscono al tessuto produttivo del Paese.

Per migliaia di esercizi il lockdown continua perché per ragioni logistiche e spesso anche burocratiche non hanno la disponibilità di spazi esterni.

La proposta delle Regioni di riaprire anche all’interno, seppure con misure di sicurezza rafforzata, sarebbe stata più equa perché consentiva a tutti di riaprire.

La nostra richiesta, afferma Daniele De Vito Vice Segretario Nazionale Sanità e Assistenza Sociale, visto il rinnovato provvedimento che consente di ampliare l’occupazione di suolo pubblico almeno fino al prossimo dicembre, è alla sindaca Raggi di essere ancora più flessibile. Che tradotto significherebbe chiudere più di un occhio di fronte a possibili irregolarità.

La Democrazia Cristiana continuerà a monitorare i 15 Municipi da un’amministrazione sorda e distante dalle esigenze dei commercianti!

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, gestione rifiuti in via della Radiosa. I cittadini dicono no. Nasce il Comitato spontaneo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’amministrazione Bertucci ci riprova cambiando il nome da “Isola Ecologica” a “Centro di Raccolta dei Rifiuti differenziati comunali-isola ecologica” ma la legge parla chiaro: in presenza di pozzi di acqua potabile è vietata la gestione rifiuti

NEMI (RM) – Sono oltre 200 le persone residenti dellaparte alta di Nemi denominata “I Corsi” che dicono no a un sito di gestione rifiuti in via della Radiosa: una zona residenziale, vincolata in pieno Parco Regionale dei Castelli.

Il neo costituito Comitato di cittadini “I Corsi – via della Radiosa, Nemi” ha raccolto in pochi giorni oltre 200 firme di residenti contrari a qualsiasi forma di gestione di rifiuti in un sito protetto quale è quello del Parco Regionale dei Castelli Romani, in una zona residenziale dove alcune case si trovano anche a 10/20 metri dal sito di raccolta dei rifiuti e dove a soli 60 metri c’è un pozzo che fornisce acqua potabile alla cittadinanza. Inoltre la zona residenziale “I Corsi” a Nemi non ha strade idonee a sostenere il continuo transito di mezzi pesanti e auto oltre ad avere oggettivi problemi di viabilità e sicurezza stradale.

La presenza di un sito di raccolta e stoccaggio rifiuti causerebbe grossi problemi ai residenti

Inquinamento ambientale e acustico, traffico di auto e mezzi nonché problemi di abbandono rifiuti e quindi di assenza di decoro urbano dovuti al fatto che via della Radiosa si trova anche a pochi passi dai Comuni di Rocca di Papa e di Velletri.

Inoltre il sito dei rifiuti dovrebbe nascere proprio attaccato allo stadio Comunale di Nemi, una struttura dedicata allo sport dei ragazzi che già oggi è destinata a ricovero mezzi della società di raccolta rifiuti Minerva.

Attualmente sono assenti i controlli e l’abbandono indiscriminato dei rifiuti è un fenomkeno diffuso, figurarsi con la presenza di un sito di raccolta in mezzo al patrimonio naturale e boschivo di Nemi: sarebbe a tutti gli effetti una discarica.

I membri del Comitato manifestano la loro più totale contrarietà e si rivolgeranno presso tutte le sedi competenti per denunciare quello che è un vero e proprio golpe all’Ambiente con grosse ripercussioni sulla quotidianità dei residenti: “Non è possibile – dichiarano i portavoce del Comitato Riccardo Amici e Maria Teresa Gianfagna – prevedere alcun tipo di gestione dei rifiuti in via della Radiosa a Nemi: il sito non è idoneo e ci aspettiamo che anche il Parco Regionale dei Castelli esprima pubblicamente la contrarietà a una gestione dei rifiuti in un’area protetta e vincolata. La Regione è già informata, sono pronte azioni e una interrogazione regionale che presto pubblicheremo sui nostri siti d’informazione”. Ieri (sabato 17 Aprile) ha effettuato un sopralluogo il Garante regionale del Servizio Idrico Avvocato Paola Perisi, sollecitata dal Comitato cittadino, la quale preparerà una dettagliata relazione sullo stato dei luoghi che presenterà ai referenti competenti regionali prima del Consiglio comunale di Nemi convocato per questo giovedì che tratterà anche il tema dei rifiuti alla Radiosa. La Garante ha assicurato pieno sostegno ai cittadini.

I FATTI

Il Comune di Nemi intende realizzare un “Centro di raccolta dei rifiuti differenziati comunali – isola ecologica Loc. “I Corsi” in via della Radiosa.

Il Comune di Nemi ha convocato il Consiglio comunale in prima convocazione per giovedì 22 aprile ore 17 e in seconda convocazione per il giorno dopo mettendo tra gli ordini del giorno l’approvazione del progetto definitivo e della variante urbanistica al PRG per la realizzazione di un CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNALI – ISOLA ECOLOGICA Loc. “I Corsi”

CLICCARE QUI PER LEGGERE LA CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Nessuno dei residenti di via dei Corsi e dintorni di via della Radiosa era al corrente delle intenzioni del sindaco Bertucci.

Il Gestore idrico ACEA ha già detto NO nel 2016

Nel 2016 il Comune di Nemi ha effettuato il primo tentativo di realizzare l’isola ecologica in via della Radiosa (sempre lo stesso sito) ma in sede di conferenza dei servizi l’Ato2 Acea espresse parere sfavorevole (negativo) a causa della vicinanza del pozzo di acqua che serve acqua potabile alla popolazione che si trova a circa 60 metri da dove si intende realizzare l’isola ecologica.

CLICCARE QUI PER LEGGERE IL PARERE SFAVOREVOLE DI ACEA

Dopo 5 anni il Comune di Nemi presenta un nuovo progetto e intende approvare, al prossimo Consiglio Comunale (fissato in prima convocazione il 22 aprile e in seconda convocazione il 23 aprile) la variante al PRG da verde pubblico a servizi pubblici.

La variante al PRG è necessaria per poter realizzare il centro raccolta comunale – isola ecologica (il Comune non chiarisce neppure se vuole realizzare un’isola ecologica o centro di raccolta comunale e nella confusione scrive entrambe le cose negli atti).

Ciononostante, allo stato attuale esiste il parere sfavorevole di Acea Ato2 che dice chiaramente che la legge (D.lgs 3 aprile 2006 n°152 art. 94 comma 4) non consente la gestione rifiuti in presenza di pozzi d’acqua potabile e che comunque esiste una fascia di rispetto determinata in 200 metri.

Continua a leggere

I più letti