Connect with us

Cultura e Spettacoli

Cantagiro, i nuovi talenti della musica italiana: Elisa Bortolozzo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con la conclusione della Kermesse canora del Cantagiro 2017, durata quindici giorni, riprendiamo la presentazione dei nuovi talenti italiani, occupandoci questa volta di una giovanissima artista di diciassette anni, Elisa Bortolozzo. Gli ingredienti del successo sono come un puzzle, vari pezzi al posto giusto, per poter fondersi ed emettere una figura perfetta. I pezzi del puzzle di Elisa ci sono tutti, ora tocca a lei nel tempo assemblarli, facendoli quadrare perfettamente, e presentare a quello che sarà il suo pubblico, un quadro bello, ammiccante, spumeggiante, come la sua voce, la sua bellezza, la sua bravura e la sua grinta le consentono.

E’ deprimente, come in Italia siano tortuose le strade del successo, ma lo staff del Cantagiro è impegnato costantemente ad aiutare i ragazzi talentuosi nel loro percorso artistico e di vita stessa, convinto, che con la tenacia, la volontà di sacrificio e la voglia di studiare e migliorarsi nel tempo, si possano raggiungere quei massimi traguardi agognati. Anche quando i propri sogni, per molteplici ragioni non si realizzano, si ha la coscienza a posto per aver fatto il proprio dovere, con la consapevolezza di essere un vero artista, e poter così svolgere la professione con tutte le carte in regola. Elisa, dimostra nonostante la sua giovane età, una personalità spiccata, la voglia di emergere le da una carica grintosa, necessaria per diventare la padrona e la protagonista del palcoscenico. Ovviamente, dovrà rimanere sempre con i piedi per terra, capire che essere arrivata alla finale del Cantagiro, pur essendo un grande successo ed una indiscutibile soddisfazione, non è l’arrivo, ma soltanto un nastro di partenza, benché, si sia già scritto il proprio nome nell’albo d’oro della storia della musica italiana.

Come già detto in precedenza, la strada del successo è tortuosa e piena di insidie, dove le gratificazioni a volte, servono a far soffrire di più nei momenti di delusione e sconforto, ma proprio in quei momenti, che bisogna tirar fuori la grinta e le unghie, credere in se stessa, e, con lo studio e l’esperienza crescente, andare avanti con decisione, controllando la sua grintosa voce e dando quei colori sonori che caratterizzano il vero artista. La scelta del suo look, appropriato per la sua età, e per il suo genere musicale, le ha dato quel pizzico di sale in più. Attraverso questi perfezionamenti continui, Elisa potrà scatenarsi e trasmettere al pubblico tutte le sue sensazioni ed emozioni, crearsi un personaggio diverso dagli altri con brani di ottima qualità, che valorizzino la sua personalità e che possano arrivare direttamente al cuore della gente.

A Elisa gli auguri più affettuosi, per una vita brillante e piena di successi, sapendo di poter contare sempre sull’apporto di tutto lo staff del Cantagiro e facendo tesoro di tutti i suggerimenti che le saranno rivolti, affinché raggiunga i traguardi desiderati. Per esperienza personale, so che i sogni possono avverarsi, ed è l’augurio più affettuoso che rivolgo sempre a tutti quelli che partecipano e parteciperanno a questa manifestazione canora, che scriverà ancora tante pagine in avvenire, nella storia della musica italiana.

Elisa Bortolozzo

Biografia: Elisa Bortolozzo, nata il 25 novembre 1999 risiede a Rosignano Solvay in provincia di Livorno e frequenta il quinto anno del liceo delle scienze applicate. All’età di 12 anni, inizia a frequentare lezioni private di canto che tutt’ora segue. Ha partecipato ad alcuni concorsi provinciali avendo spesso buoni risultati. Quest’anno, avendo la possibilità di poter partecipare al Cantagiro riesce a classificarsi tra i 18 finalisti. Molto brava nello studio, ha ricevuto negli anni, vari riconoscimenti scolastici, e nello scorso anno, ha ottenuto una borsa di studio per la miglior media della scuola. All’età di 15 anni ha frequentato un corso di portamento per modelle, entrando nel mondo delle sfilate,concorsi di bellezza e servizi fotografici che tutt’ora svolge. Fra i suoi hobby,oltre al canto ed alla moda, ci sono i corsi di fitness.

Mario Vito Torosantucci

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Castel Gandolfo, tutti pazzi per le Ferrari: partito il count down per la sfilata di domenica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – Oltre 80 Ferrari d’epoca sono attese a Castel Gandolfo domenica 22 settembre per la terza edizione di Cavalcade Classiche, la prima nella Capitale. Un’occasione unica per poter ammirare da vicino le celebri 750 Monza del 1954, la 500 TRC del 1957 e la 275 GTB del 1964.

Alla guida di Ferrari che hanno fatto la storia dell’automobilismo, la Cavalcade attraverserà paesaggi di grandi fascino, arrivando a Castel Gandolfo con una sfilata sul corso della Libertà e l’arrivo a mezzo giorno sulla piazza del borgo, dove saranno accolte per l’apposizione del Timbro sul Carnet de Passage.

La Cavalcade andrà alla scoperta della campagna laziale partendo da Borgo San Pietro sul Lago del Salto e da Rieti per poi salire il Monte Terminillo e visitare le grandiose Cascate delle Marmore. Protagoniste del secondo giorno saranno l’arte e la storia di Todi e Viterbo, con una sosta in orario di pranzo davanti al Palazzo dei Papi. Domenica è dedicata a Roma e ai suoi colli, lungo un percorso che si avvicina alla città eterna passando per Frascati, Castel Gandolfo e il Parco archeologico dell’Appia Antica. Una parata conclusiva per le strade di Roma sarà un grande spettacolo non solo per i proprietari delle Ferrari ma per tutti i cittadini e turisti amanti del Cavallino Rampante.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Canale Monterano, al teatro Fiorani va in scena “Titina De Filippo – Giunse nel nostro territorio … e si fermò tra noi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Il 21 Settembre al Teatro di Canale Monterano torna lo spettacolo dedicato alla grandissima interprete del Novecento. Carrellata di artisti celebra il poliedrico personaggio per la regia di Adriana Rasi

CANALE MONTERANO (RM) – Tra le grandi attrici del Novecento Titina De Filippo torna sulle scene con uno spettacolo retrospettivo a lei dedicato che ne ritrae la poliedrica personalità di interprete teatrale, pittrice, sceneggiatrice, poetessa e tanto altro. Una figura che nei panni di Filumena Marturano ha fatto la storia del teatro italiano non celebrata a dovere. Una figura oscurata dalla fama dei fratelli, prima fra tutti Eduardo, e Peppino.

A grande richiesta sul palco del teatro Maurizio Fiorani di Canale Monterano sabato 21 settembre 2019 alle 21 viene riproposto lo spettacolo “Titina De Filippo – Giunse nel nostro territorio …e si fermò tra noi” andato in scena per la prima volta esattamente sei anni prima a Manziana. Fu un evento speciale in occasione del cinquantenario della morte con il quale Manziana tutta volle ricordare la sua concittadina illustre, le cui spoglie oggi riposano nel cimitero comunale. Fu tale il richiamo dello spettacolo del 2013 che il teatro Quantestorie non riuscì ad ospitare i tanti spettatori accorsi per l’evento, tanto che già allora si parlò di una replica imminente. Dopo sei anni finalmente lo spettacolo ritorna.

Si tratta di una serata-evento, per la regia di Adriana Rasi, che mette insieme musica, teatro, arte, poesia e memoria e che impegna moltissimi artisti in un crescendo di emozioni. Una carrellata in piena regola con la quale Il Cantiere dell’Arte torna a proporre al pubblico una Titina per molti versi poco conosciuta e introspettiva come nei versi “’O iurne e a notte” da lei scritti, o come nell’amorevole rapporto di Eduardo con la sorella che vede il grande drammaturgo napoletano – come si ricorda nel programma – fare da insolito padrone di casa alla mostra di “collage” – “cartuscelle colorate” come le chiamò lui – che Titina tenne nel 1950 alla galleria Barbaroux di Milano. Titina ebbe anche l’onore di essere ricevuta privatamente assieme alla compagnia nel 1947 da papa Pio XII. In quella occasione recitò dinanzi al pontefice “La preghiera alla Vergine” tratta da Filumena Marturano. L’incontro fu immortalato da una copertina de La Domenica del Corriere.

A fare da filo conduttore dello spettacolo, e non poteva essere altrimenti, Napoli dove Titina, figlia naturale del commediografo Eduardo Scarpetta e di Luisa De Filippo, debuttò sin da bambina.

Uno spettacolo che solo la sensibilità di chi ha conosciuto questi interpreti e quel mondo poteva mettere in scena elaborando una pièce davvero unica nel suo genere.

Tra gli artisti chiamati ci sono gli attori Laura De Simone e Carmine Ferrara della Compagnia Partenope, Rita Pensa, Fausto Cassi, il soprano Vania Pietrobattista, il pianista Alessandro Aloisi, la presentatrice Alessandra Bertoldi. C’è anche l’Ensemble Mandolinistico Romano. Ci sono soprattutto i St John’s Singers, diretti magistralmente dal maestro Alessandra Paffi, che dal repertorio spiritual gospel che interpretano ormai da decenni si cimentano in pagine celebri della tradizione canora napoletana.

Lo spettacolo è patrocinato dal Consiglio Regionale del Lazio, dal Comune di Napoli, dal Comune di Canale Monterano e dai Lions Clubs. Si ringraziano inoltre la Frimm Magnum Lago di Bracciano, la Pro Loco di Anguillara Sabazia e Manziana La Fiora Protezione Civile.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Settembre grottaferratese, boom di eventi nelle biblioteche

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GROTTAFERRATA (RM) – Biblioteche sempre più protagoniste nella seconda settimana del Settembre Grottaferratese 2019. Musica, mostre, presentazioni di libri e un ciclo di convegni su conoscenza e benessere stanno animando da giorni la biblioteca Bruno Martellotta di viale Dusmet che scandisce eventi a ritmo pressoché quotidiano. Lunedì pomeriggio è stata protagonista l’insegnante di yoga e meditazione Francesca Simonetti in un incontro dal titolo “La via del perdono. Meditazione e musica del cuore”. Ieri, martedì 17 successo e acquolina per la presentazione del libro Cucinare con gli occhi di Marcello Spoletini. Stasera, mercoledì 18 alle ore 21, il prime time in biblioteca è musicale con la musica soul, R6B e pop di Anjelica e la sua band. Mentre domani, giovedì 19 settembre alle ore 17, l’inizio settimana intenso tra i libri di viale Dusmet si concluderà con la presentazione del volume Vietato calpestare le rovine di Andrea Appetito che dialogherà con lo scrittore Giulio Laurenti.  Tutti eventi a cura del Comune di Grottaferrata e della biblioteca comuale/Consorzio SBCR.

SABATO 21 E DOMENICA 22 SETTEMBRE GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO IN ABBAZIA

Per partecipare all’appuntamento che riunisce tutti i popoli europei nel segno della cultura condivisa, la Biblioteca Statale del Monumento Nazionale di Grottaferrata attuerà l’apertura straordinaria nei giorni di sabato 21 e domenica 22 settembre, con mostra di beni archivistici e librari ed un evento che si terrà nel pomeriggio di sabato 21 settembre, alle ore 17:00 presentazione del libro di A. Capano e P. F. Giuliani Mazzei  San Nilo e il suo viaggio dal Mercurion al cenobio di San Nazario lungo le antiche vie (940 d.C.). Agiografia e storia nell’analisi di un percorso, saggio che si propone di offrire un contributo di carattere storico-geografico, allo studio del monachesimo italo-greco nel Cilento. Il libro sarà presentato dal professor Giuseppe Aromando. La manifestazione s’inserisce tra gli eventi per i festeggiamenti in onore di s Nilo la cui ricorrenza cade il 26 settembre.  Nella mattinata di sabato, sempre nel complesso abbaziale, sarà inaugurata la prima edizione della mostra concorso artistico Cammini di fede Da Rossano Calabro al Tuscolo. Vedute del viaggio di San Nilo (21-29 settembre).



Print Friendly, PDF & Email
Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it