Connect with us

Cronaca

Caso David Rossi, omicidio o suicidio? Si riaprono le indagini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Il 6 marzo del 2013, fra le sette e mezzo e le otto di sera, il corpo di David Rossi, responsabile della Comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, vola giù dalla finestra del terzo piano del suo ufficio. La telecamera di sorveglianza segna le 19, 59, ma in realtà verrà poi accertato che sono le 19,43. L’allarme viene dato da due persone diverse, poco dopo le 20,30, e l’ambulanza del 118 arriva nella piazza Salimbeni, che sfocia in un vicolo chiuso alle spalle della sede del Monte dei Paschi, dopo circa quaranta minuti. Da rilevare che nella registrazione della telefonata al 118, la prima persona chiede un’ambulanza a Rocca Salimbeni, in Piazza Salimbeni, 3, e dichiara di voler soccorrere una persona che ‘si è appena buttata da una finestra’.

 

Nella sua voce si coglie l’urgenza della richiesta. Ciò fa supporre che chi ha telefonato abbia visto materialmente cadere David Rossi, e che l’intervento potrebbe essere decisivo per la sua vita. La seconda persona chiama dopo alcuni minuti, e riferisce già di una persona che, secondo lui, ‘si è suicidata’. Cioè, dato che dopo la caduta, registrata dalla telecamera di sorveglianza della banca, il Rossi non è morto subito – si vede chiaramente che continua a muovere le braccia e il capo per ben ventidue minuti – la prima persona ritenga di poterlo salvare. Mentre la seconda, intervenuta chiaramente in un secondo momento, riferisce di una persona che si è suicidata, e che quindi è già inerte. La registrazione della telecamera di sorveglianza mostra la caduta di Rossi, che atterra prima con le gambe, poi con i bacino e infine con il busto, con il corpo rivolto verso il muro. A detta di chi ha osservato le immagini, l’ing. Luca Scarselli, consulente informatico della famiglia Rossi, questa non è la caduta di un suicida, dato che in casi come questo il corpo subisce una rotazione in avanti, che porta la persona all’impatto col suolo con la parte frontale, e addirittura con il cranio. Altre anomalie, segnalate dal giornalista Antonino Monteleone, de Le Iene, in un servizio andato in onda su Mediaset, sono, nell’ordine: l’apparizione in rapida successione di due figure umane – la prima probabilmente cancellata in parte dalla registrazione, come riferisce l’esperto della famiglia di David Rossi – che si affacciano al vicolo e osservano per alcuni secondi la sagoma dell’uomo a terra, e poi si allontanano; un piccolo oggetto che dopo mezz’ora dal volo mortale viene lanciato verso il copro, e che si rivelerà essere l’orologio da polso del Rossi; l’intervento, ormai inutile, di due colleghi del Rossi, che guardano il corpo ormai esanime, senza neanche provare a mettergli una mano sulla giugulare o al polso per controllarne gli eventuali battiti, e che si allontanano senza la minima reazione.

 

Il caso viene frettolosamente archiviato come suicidio dalla Procura, il 6 di marzo del 2013, dopo un anno. Viene poi archiviato nuovamente, dopo essere stato riaperto per le pressioni della famiglia, con motivazioni pubblicate il 4 luglio 2017. Ora il CSM, dopo il servizio di Monteleone, vuole vederci chiaro, e il caso verrà riaperto. Bisogna dire che sul corpo di Rossi, in sede autoptica, sono state rilevate ferite ed ecchimosi non compatibili con la caduta, ma piuttosto con una precedente colluttazione immediatamente precedenti alla caduta, causate, quindi, da terze persone nel suo ufficio, la cui porta è stata trovata chiusa, e non da Rossi. In particolare, sul polso sinistro è stata rilevata una ferita causata evidentemente dall’orologio da polso, quello stesso che è stato lanciato dopo mezz’ora nei pressi del corpo. Una ferita che, a sentire l’avvocato della famiglia Rossi, Paolo Pirani, è compatibile con una forte pressione sul polso, e non con un colpo da caduta.

 

Risulta sospetto anche il fatto che un paio di testimoni non vennero ascoltati, cioè Lorenza Pieraccini, collaboratrice della segreteria di direzione, il cui contributo è stato dichiarato ininfluente allo svolgimento delle indagini perchè, secondo la Procura, non avrebbe aggiunto alcunchè di significativo. Non ascoltata neanche Lorenza Bondi, collega della Pieraccini, che ha dichiarato a Monteleone che la porta dell’ufficio di Rossi lei l’aveva vista aperta, e con la luce accesa, mentre dopo il tragico volo l’aveva vista chiusa: chi ha chiuso la porta, e perchè? In una registrazione ‘rubata’ da Monteleone a Pier Luigi Piccini, già sindaco di Siena, amico di Rossi, il Piccini ha negato il suicido, e ha affermato di aver saputo, da una fonte ‘vicina ai Servizi’, di festini con droga che si sarebbero svolti in una villa ‘tra l’Aretino e il mare’ , alla presenza dei vertici della Banca, politici nazionali e anche toghe.

 

Una maniera per compromettersi a vicenda e costringere poi chi di dovere ad ‘abbuiare tutto’, con due archiviazioni consecutive. Per questa registrazione non autorizzata Monteleone e il programma sono stati citati in giudizio dal Piccini. Forse l’eventuale movente di un omicido – posto che le indagini stabiliscano che di questo s’è trattato – ci portano alle circostanze temporali relative all’attività del Rossi e della banca, e ci mostrano che, con l’avvento di Mussari a capo della stessa, fu acquisita la Banca Antonveneta, valutata allora 6 miliardi di euro, per la somma di 9 miliardi, a cui si devono aggiungere le sofferenze dell’Antonveneta per una somma pari a 7 miliardi.

 

Il tutto porta all’acquisizione della banca Antonveneta da parte di MPS per un totale di 16 miliardi: viene da chiedersi perché sia stata impegnata una simile cifra, invece di effettuare una fusione, certamente molto meno rischiosa e dispendiosa. La Guardia di Finanza stava indagando su questa operazione, e sei giorni prima aveva perquisito l’ufficio di Rossi, il quale aveva detto alla moglie: “Vogliono arrivare a loro- i capi della MPS – attraverso me”. Così Rossi si spiegava questa perquisizione senza preavviso, e senza che lui fosse stato indagato o che avesse ricevuto avvisi di qualsivoglia genere. Dopo due giorni, la caduta. Mentre David Rossi aveva scritto, in una e-mail, che ‘aveva fatto una cavolata’, e che quei signori della Procura, se avessero voluto interrogarlo, lui avrebbe potuto chiarire diverse cose. Chi lo conosceva bene – moglie, figlia, fratello e amici – dichiara che non era tipo da suicidio. Questi i punti oscuri messi in luce dal servizio giornalistico de Le Iene, e da Antonino Monteleone, il quale ha trovato molta ostilità nelle sue interviste.

 

E su questi punti oscuri ora il Consiglio Superiore della Magistratura ha deciso che si debbano riaprire le indagini, ordinando anche la riesumazione del cadavere di Rossi. C’è da chiedersi se assisteremo all’ennesimo insabbiamento politico-finanziario – ricordiamo che il MPS era definito ‘la banca del PD’, quando Matteo Renzi era Presidente del Consiglio. C’è da chiedersi se davvero le responsabilità – ove venga accertato che non di suicidio s’è trattato, ma di altro – verranno accertate e coloro a cui fanno capo perseguiti fino in fondo, come dovrebbe accadere in uno stato di diritto, quale il nostro si picca di essere. C’è da chiedersi se non venga invece individuato un capro espiatorio, che magari anche lui decida di lasciare autonomamente questa vita prima d’essere interrogato. C’è da chiedersi se in nome della stabilità di governo, e della ragione di Stato, invece, tutto finisca in una bolla di sapone. Siamo abituati a queste conclusioni, e i molti, troppi casi insoluti in Italia, ce ne danno ragione.

Roberto Ragone

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Polizia di Stato, il Prefetto Giannini riceve il “Premio Legalità 2022”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print
La premiazione è avvenuta in occasione delle Nonniadi, festa dei nonni organizzata dalla Fondazione Geronimo Stilton e dalla Fondazione Parco della Mistica
 
Il Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini, ieri mattina ha ritirato il “Premio Legalità 2022”, conferito alla Polizia di Stato dalla Fondazione Geronimo Stilton “per aver mostrato particolare attenzione alla prevenzione, fornendo quotidiano supporto alle famiglie, alle donne, agli anziani e ai bambini”. La cerimonia si è svolta nella mattina di ieri, durante le “Nonniadi”, un evento organizzato dalla Fondazione Geronimo Stilton e dalla Fondazione Parco della Mistica, dedicato alle nonne e i nonni che con i genitori contribuiscono alla crescita sana delle nuove generazioni. La Polizia di Stato ha portato il suo messaggio di vicinanza e di legalità esponendo veicoli e strumentazioni delle diverse Specialità e con dimostrazioni operative delle Unità Cinofile e della Squadra Artificieri. Ad allietare l’evento l’esibizione della Fanfara a Cavallo della Polizia di Stato.
 
 
 
 
 
 
 

Continua a leggere

Cronaca

Civitavecchia, sospesa la licenza al “locale delle risse”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print
CIVITAVECCHIA (RM) – E’ stato chiuso con Provvedimento del Questore di Roma, ex art. 100 T.U..L.P.S., un locale del lungomare dove, nel mese di agosto, si era consumata una violenta rissa tra alcuni avventori ed un dipendente della struttura.
I fatti risalgono alla notte tra il 5 ed il 6 agosto, quando, all’ingresso del locale, ubicato sull’arenile del lungomare Thaon de Revel, un gruppo di ragazzi si fronteggiava, animatamente, con un addetto alla sicurezza del locale, fino a farne scaturire una rissa, ripresa con i cellulari e poi pubblicata su alcuni social network.
 
Gli agenti del Commissariato di Civitavecchia, venuti a conoscenza del video, hanno subito avviato le indagini risalendo agli autori della rissa ed al locale teatro dell’episodio. Le indagini si concludevano con la denuncia per il reato di rissa di 3 giovanissimi civitavecchiesi ed un 33enne, con mansioni di addetto alla sicurezza del locale ma non formalmente assunto e privo dei requisiti per esercitare tale mansione. L’uomo ed uno dei ragazzi venivano inoltre denunciati per il reato di percosse a seguito delle reciproche querele presentate.
 
Il provvedimento di sospensione della licenza e la conseguente chiusura del locale per 10 giorni, emesso dal Questore di Roma, dopo una attenta istruttoria da parte della Divisione Polizia Amministrativa, si è resa necessaria in considerazione del grave episodio accaduto e soprattutto poiché, né l’addetto alla sicurezza né tantomeno l’esercente la proprietà dell’esercizio commerciale, ritenevano di richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine, ma soprattutto perché il locale in questione già nell’estate del 2021 era stato teatro di analoghi gravi episodi che, anche in quel caso, avevano generato un analogo provvedimento di chiusura.

Continua a leggere

Cronaca

Vicovaro, trovati 50 chili di droga in un deposito agricolo per un valore di circa un milione di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print
VICOVARO (RM) – I Carabinieri della Stazione di Vicovaro hanno sequestrato quasi 50 kg di sostanze stupefacenti a carico di ignoti. I militari, impegnati in un normale servizio di controllo del territorio e nell’ambito dell’azione di contrasto dei reati predatori ai danni delle aziende agricole del territorio, hanno rinvenuto, nei giorni scorsi, tre borsoni occultati all’interno di un deposito di attrezzi agricoli e maneggio.
 
L’immediato controllo delle borse ha permesso di accertare che all’interno era contenuto un ingente quantitativo di sostanza stupefacente ed in particolare:
 
–         28 kg di cocaina;
–         15 kg di hashish;
–         1 kg di marjuana;
–         nonché della sostanza verosimilmente del tipo di metanfetamina.
 
La droga, il cui valore di mercato sfiora il milione di euro, è stata sottoposta a sequestro a carico di ignoti ed è stata posta disposizione dell’Autorità Giudiziaria per le successive analisi di laboratorio.
 
 
 

Continua a leggere

I più letti