Connect with us

Cronaca

CASO MADALINA PAVLOV, AVVOCATO PETRONGOLO: "QUALCUNO SI È BARRICATO DIETRO I NI…"

Clicca e condividi l'articolo

Avvocato: "Sono stati trascurati, secondo noi, dei particolari che andavano esaminati con maggiore accortezza"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Reggio Calabria – Il 22 Marzo, a Reggio Calabria, si terrà una messa per Madalina Pavlov. La funzione avrà luogo nella chiesa di S. Agostino in Via S. Francesco di Paola alle ore 17.30 e sarà celebrata da Padre Franco Mazzone. La morte di Madalina Pavlov, 21enne di Reggio Calabria, è ancora avvolta da una fitta cortina di mistero. Tanti i dubbi e una sola certezza, una strana morte avvenuta in seguito ad una caduta da un terrazzo che risulta estraneo alla giovane. Ma chi era Madaliva Pavlov? Era una studentessa universitaria che aveva frequentato la facoltà di lingue all’Università di Messina, successivamente le sue ambizioni e le sue scelte professionali erano cambiate e aveva deciso di trasferirsi alla facoltà di Giurisprudenza della sua città. Era una ragazza dinamica e attiva nel sociale, faceva volontariato e lavorava in una pizzeria in Corso Vittorio Emanuele. Il 21 settembre 2012,  ha terminato il suo turno lavorativo alle ore 15.00, successivamente si è incontrata con il suo ex e  sono rimasti insieme fino alle 17:45 circa. Alle ore 19:00 dove recarsi a lavoro, ma quel giorno vi si recò, la sua morte avviene alle ore 21:00 di quello stesso giorno in Via Bruno Buozzi. La morte di Madalina è sopraggiunta in seguito alla caduta dal tetto che ha determinato lesioni in diverse parti del corpo. Perché è importante Via Bruno Buozzi? Perché è emerso, a seguito di attività investigative, che la giovane non conoscesse nessun inquilino del palazzo. Gli inquirenti hanno repertato inoltre un foglio con scritto “Via Bruno Buozzi” e la chiave che apre il terrazzo. In quel palazzo risiedono due funzionari di Stato e un Ginecologo, ma non risulterebbe che la ragazza abbia mai fatto visite ginecologiche in quello studio. Noi de L’Osservatore D’Italia abbiamo intervistato il legale della famiglia di Madalina, l’Avvocato Antonio Petrongolo, che gentilmente ci ha spiegato alcuni dettagli in merito alla vicenda e all’attività investigativa.  
 

 
 
– Avvocato, come stanno proseguendo le indagini sulla morte di Madalina?
 
Durante questi mesi abbiamo fatto dei passi importanti. Tutta l'equipe si è dedicata seriamente a questa vicenda. Anche perché noi abbiamo cercato, anche sollecitando la Procura, per quanto concerneva l’istanza di riesumazione del corpo, perché noi possiamo affermare che un tampone vaginale, ad oggi, è ancora possibile farlo perché il tempo ce lo consente. Poi è chiaro, con il percorrere degli anni questa ipotesi di prova potrebbe anche andare a smarrirsi. La stranezza è che non venne fatta all’epoca, questo è un dubbio forte che ci prende. Poi abbiamo fatto un’istanza per quanto concerne un esame grafologico sul biglietto rinvenuto, non si sa bene, se sul corpo di Madalina, in borsa  o comunque nelle prossimità, nelle vicinanze. Questo ancora non è dato chiarire perché fa parte dell’attività istruttoria che è ancora in corso.
 
– In un primo momento si era detto che tale biglietto venne trovato in tasca, vennero trovate anche delle chiavi che aprivano la porta del terrazzo…
 
Di fatto c’è questo equivoco perché, tra i beni che sono stati rinvenuti nella disponibilità di Madalina si parla di questo biglietto ma sembrerebbe che ci si riferisca al biglietto che è allegato alla chiave di accesso di apertura del terrazzo. Quindi non si capisce bene, sembrerebbe formare un corpo unico, anche se poi sembrerebbero a loro volta stati staccati. Quindi ci potrebbero essere due elementi diversi e questo ci deve anche far riflettere sul perché e sul per come Madalina avesse la chiave del terrazzo. 
 
– Per quanto riguarda la collocazione di Madalina in Via Bruno Buozzi. Madalina in quel palazzo non conosceva nessuno, c’è uno studio ginecologico e due funzionari di Stato. Per quanto si è appreso, Madalina in quello studio non aveva mai fatto visite, è una circostanza che mi conferma?
 
Diciamo che allo stato dei fatti questo è. Noi a novembre siamo stati convocati, dico siamo stati perché la Signora Cutulenco è stata sentita come persona informata sui fatti direttamente dal Procuratore, dal Sostituto Procuratore, dal Pm titolare delle indagini, tutte e tre insieme. C’è stato un confronto, sono emerse diverse situazioni che purtroppo non posso dire perché sono secretate -perché così è stato disposto- che potrebbero dare un’idea o comunque indirizzare, come effettivamente lo è ad oggi, le autorità inquirenti verso una serie di piste, che non sono poi tante, sono molto circostanziate e noi stiamo lavorando ovviamente di comune accordo, tutte le nostre attività di natura investigativa sono fortemente legate a quegli input che ad oggi la stessa magistratura ci sta dando. In occasione di un’intervista abbiamo anche fatto presente che sullo stivale di Madalina  -noi non sappiamo se questo particolare sia nella piena disponibilità della Magistratura inquirente o se sia ancora da valutare- sono state rinvenute tracce di vernice che apparentemente sembrerebbero essere vernice di pertinenza dell’autovettura Fiat 126 sulla quale Madalina ebbe a precipitare. Però noi non siamo convinti di ciò, perché la natura di quella vernice, anche se non esaminata con un esame chimico adeguato, non sembrerebbe appartenere a quella 126 perché quella macchina, ha circa 35 anni e il tipo di verniciatura di quella autovettura  era la classica verniciatura a fuoco con substrato di stucco, quindi per poter fare attrito e  poter prelevare su quella che è la parte posteriore del tacco parte della vernice, ci deve essere una caduta e compressione particolare. Quindi noi pensiamo che invece –questa è un ulteriore richiesta istanza che faremo- quella possa essere una vernice usata nell’ambito nelle imbarcazioni da diporto e quindi è possibile che Madalina, lo stesso giorno in cui è deceduta, possa essere andata sulla spiaggia e quindi magari essersi seduta su qualcuna di queste imbarcazioni che è facile trovare sul lungo mare di Reggio Calabria e questo spiegherebbe anche la presenza, all’interno della tasca di Madalina e dei bordi del pantalone, di sabbia proveniente dal lido antistante dal luogo in cui è avvenuto il fatto.
 
 
– Volevo arrivare proprio a questo, se non sbaglio era stata trovata della sabbia…
 
Esattamente, perfettamente compatibile con la sabbia –questo è un riscontro dei Ris- presente nella spiaggia  che è quasi antistante all’evento. Saranno cento metri orientativamente, metro più metro meno. 
 
 
– Avvocato, allo stato attuale qual è la posizione dei soggetti che gravitavano attorno a Madalina nelle ore precedenti al decesso?

Noi stiamo facendo uno screening a 360° di tutte le figure che circondavano Madalina…
 
 
– Quindi state riesaminando la posizione di tutti i soggetti che hanno visto Madalina il giorno della morte…
 
Non solo quel giorno ma anche prima. Stiamo di fatto, tramite il diario di Madalina e grazie ai diversi profili facebook stiamo un pochino ricostruendo, a livello anche di passaggi e di orari. Stiamo cercando di ripercorrere a ritroso quelli che sono stati gli ultimi istanti, cioè dall’ultimo istante fino ad arrivare a qualche giorno addietro poiché qualche elemento scatenante ci deve essere e stiamo puntando soprattutto su questo, cioè quale potrebbe essere stato l’input che poi avrebbe determinato l’evento. 

– Ci sono stati degli errori, secondo lei, nella prima fase delle indagini?
 
Sono stati trascurati, secondo noi, dei particolari che andavano esaminati con maggiore accortezza. Forse perché si è chiuso, almeno all’inizio, si è cercato di chiudere il caso come fosse suicidio, da una valutazione esteriore degli elementi e dei fatti stessi. Si necessitava forse di un maggiore impegno a livello investigativo che di fatto si è intrapreso dopo circa un anno, con estremo ritardo. Sicuramente con quella che poteva essere una tabella di marcia diversa.
 
– Che appello volete lanciare oggi?
 
Noi siamo fermamente convinti, ma questo è un dato di fatto, è che qualcuno sa e che si faccia avanti. Per noi è impensabile, è impossibile che Madalina, che aveva una cerchia di amici non indifferente, una voglia di vivere e soprattutto una sua attività sociale, è impossibile che non ci sia nessuno che sappia qualcosa in più che magari sarebbe utile per le indagini. Secondo noi c’è qualcuno in giro che ha qualche informazione che sarebbe utile per l’attività investigativa e che potrebbe essere di maggiore ausilio anche per quanto concerne il raggiungimento della verità stessa. Molti suoi amici si sono dileguati, qualcuno si è rifiutato, qualcuno si è barricato dietro dei “ni”, insomma ci sono state troppe situazioni strane anche a livello di brutali volta faccia, che Madalina sinceramente non meritava. 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Napoli, prima comunione in grande stile: 200 invitati. A mezzanotte arrivano i carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una festa per una prima comunione in corso in strada, a Napoli, con la partecipazione di circa 200 persone tra adulti e bambini, è stata interrotta nella notte dai carabinieri. Venti persone sono state sanzionate, tra questi anche i tre musicisti presenti e il promotore della festa, un 36enne che voleva festeggiare la comunione di suo figlio.

Nel quartiere San Carlo Arena, i carabinieri della compagnia Stella insieme con quelli del nucleo radiomobile di Napoli sono intervenuti – verso la mezzanotte di sabato 12 giugno – in via Calata di Capodichino, dove era in corso la festa. I tre musicisti presenti hanno immediatamente smontato l’impianto luci e musicale.

I controlli – I militari del comando Provinciale di Napoli sono stati impegnati in città e in provincia per i controlli sulla movida. Particolare attenzione è stata rivolta nella fascia oraria notturna. Controlli sulla movida anche in provincia. I Carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania, nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale, hanno presidiato le strade e le piazze di Frattamaggiore. Duecento le persone identificate e 106 i veicoli controllati. Sei scooter sono stati sequestrati.

Infine, dopo la mezzanotte i carabinieri hanno assistito alla chiusura di tutti i locali e fatto allontanare le persone per evitare rischiosi assembramenti nei principali luoghi di ritrovo.

Continua a leggere

Cronaca

Nemi, cercasi addetto stampa per 1850 euro mese: le domande entro il 21 giugno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Il Comune di Nemi ha indetto una selezione, mediante procedura di valutazione comparativa, pee il conferimento dell’incarico professionale di addetto stampa del Comune al corrispettivo di 1.850,00 euro lordi al mese.

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 21 giugno 2021 all’Ufficio Protocollo del Comune di Nemi via del Municipio (RM)

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL BANDO

Continua a leggere

Cronaca

Roma, lite in piazza Saxa Rubra: uccide un cucciolo Labrador a calci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al culmine di una lite, un 50enne ha sfogato la sua rabbia su un Labrador di due mesi, uccidendolo a calci. È accaduto venerdì pomeriggio in piazza di Saxa Rubra (Roma). I proprietari del cane e alcuni residenti che hanno assistito alla scena hanno tentato di linciare l’aggressore, ma sono stati fermati dai poliziotti dei commissariati Villa Glori e Ponte Milvio. Lo riporta Il Messaggero.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia e riportato dal quotidiano, l’uomo, originario della Romania, stava discutendo animatamente con alcuni connazionali – tra questi c’erano anche i proprietari del cane – quando, apparentemente per ripicca, ha iniziato a prendere a calci l’animale, poi scaraventato a qualche metro di distanza esanime.

A quel punto, la folla, inferocita, ha aggredito l’uomo finché il presidente del Municipio XV Stefano Simonelli, che si trovava lì di passaggio, ha chiamato il 112. Al loro arrivo, gli agenti hanno bloccato la rissa e caricato il 50enne sull’auto per poi portarlo in commissariato. È stato denunciato per uccisione di animale e per possesso di arma da taglio (aveva con sé un coltello).

Continua a leggere

I più letti