Connect with us

Metropoli

Cassia bis sommersa dai rifiuti. Cangemi: “L’unico modo per ottenere qualche risultato è installare le telecamere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Cassia Bis sommersa di rifiuti con piazzole di sosta prese di mira, ormai da anni, dagli eco banditi. Un degrado contro il quale non si riesce a mettere la parola fine.

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 19/01/2017

“Serve la videosorveglianza per porre fine a questa indecenza. – ha detto l’onorevole Giuseppe Cangemi vice Presidente del Consiglio Regionale del Lazio – Le piazzole sono sistematicamente invase da cumuli di rifiuti: la percorro ogni giorno e più volte ho segnalato e documentato il degrado che regna sovrano lungo l’arteria”.

Da anni i pendolari della Cassia Bis denunciano lo stato vergognoso in cui versa la strada: sacchetti, rifiuti ingombranti, c’è di tutto lungo le piazzole

“L’unico modo per ottenere qualche risultato – ha proseguito Cangemi – è installare le telecamere. Dobbiamo stanare e dissuadere gli incivili che hanno scambiato la Cassia Bis per una pattumiera. Un provvedimento che ho sollecitato in diverse occasioni, anche durante la scorsa legislatura, quando la strada era di competenza della Regione Lazio. Astral aveva annunciato un progetto di videosorveglianza ma poi è caduto nel dimenticatoio”.

Il vice Presidente ha ricordato che da gennaio 2019 la Cassia Bis è stata trasferita all’Anas e che immediatamente, anche attraverso un’interrogazione scritta in Consiglio regionale, ha messo a conoscenza i vertici dell’azienda della problematica legata all’abbandono dei rifiuti segnalando l’urgenza di una soluzione.

“Va dato merito ad Anas di essere intervenuta con celerità per ripulire le piazzole invase dai rifiuti – ha detto ancora Giuseppe Cangemi – ma tempo qualche giorno, la spazzatura torna ad occupare i bordi della strada vanificando anche l’operato dell’azienda. E’ evidente che servono controlli e le telecamere possono rappresentare un ottimo deterrente. I pendolari già devono sopportare tanti disagi a partire dall’asfalto dissestato, l’immondizia è la goccia che fa traboccare il vaso. Mi auguro che si proceda quanto prima all’attivazione della videosorveglianza per restituire ai cittadini decoro e pulizia”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Manziana, arrestati due 20enni: detenevano mezzo chilo di droga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MANZIANA (RM) – La scorsa notte, due giovani sono stati arrestati dai Carabinieri di Manziana, coadiuvati nell’operazione dai colleghi di Bracciano, poiché trovati in possesso di oltre mezzo chilo di droga – tra cocaina, hashish, marijuana – oltre a bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e una pistola scacciacani priva del tappo rosso.

Insospettiti dal continuo viavai che, da alcuni giorni, ha interessato l’abitazione di uno dei due giovani, entrambi 20enni del posto, i Carabinieri hanno eseguito mirati servizi di appostamento e osservazione all’esterno della villetta sorprendendo i due rientrare a bordo di un’auto in piena notte.

Intuendo che potessero essere appena ritornati da un viaggio di “rifornimento”, i Carabinieri hanno deciso di procedere al controllo, rinvenendo inizialmente 20 g di cocaina e 15 g tra hashish e marijuana.

A quel punto, i Carabinieri hanno esteso la perquisizione alle rispettive abitazioni dei fermati, rinvenendo altro stupefacente, 33 g di hashish, 543 g di marijuana e 17 g di cocaina. Sequestrati anche materiale per il peso e il confezionamento della droga e una pistola scacciacani priva del tappo rosso.

I due arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di udienza di convalida su disposizione della Procura di Civitavecchia.

Continua a leggere

Metropoli

Cerveteri, paura per un incendio sull’Aurelia: in fumo un capannone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Squadre dei vigili del fuoco sono impegnate sulla via Aurelia vicino a Cerveteri (Roma), per l’incendio di un capannone con rivendite di prodotti per la casa e prodotti ittici. Non risultano al momento persone coinvolte.

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, operaio 67enne muore dopo una caduta di 10 metri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FIANO ROMANO (RM) – Muore dopo essere caduto dal tetto di un capannone. E’ successo ieri pomeriggio a Fiano Romano dove un operaio 67enne di Capena stava lavorando alla riparazione del tetto della struttura.

Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che una lastra di plexiglas abbia ceduto sotto al peso dell’uomo staccandosi e lasciandolo cadere nel vuoto.
Il 67enne dopo un volo di circa dieci metri si è schiantato sul suolo.
In corso gli accertamenti da parte dell’Ispettorato del Lavoro della Asl e dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

I più letti