Connect with us

Castelli Romani

Castel Gandolfo, disperso Elnur Babayev: dai video alle ricerche fino alle comunicazioni Azerbaigian – Italia. Ecco i fatti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – Ci sono due video che riprendono gli ultimi istanti di vita di Elnur Babayev, il ragazzo 29enne dell’Azerbaigian annegato e disperso nelle acque del lago Albano a Castel Gandolfo sabato pomeriggio scorso mentre faceva il bagno in compagnia di un suo amico coetaneo ad oltre 200 metri dalla riva. I due avevano affittato un pedalò per trascorrere un po’ di tempo immersi nel magnifico paesaggio gandolfino, rilassati, in uno degli specchi d’acqua più belli d’Italia.

Elnur Babayev – I video

Dai brevi video, uno di un minuto e l’altro di un minuto e mezzo, si evince che il clima tra i due giovani era tranquillo e giocoso. Elnur è stato ripreso dall’amico con lo smartphone e durante il video dice: “Dai, riprendimi, guarda com’è bello questo posto! Le acque sono limpide, sono pulite, al contrario di quello che dicono, qui è bellissimo!”
Nel secondo video si vede Elnur che indossa la ciambella alla vita e simula il gesto del nuoto e poi, secondo quanto riportato dal suo amico, avrebbe detto “voglio provare senza salvagente”. Il problema è che il giovane non sapeva nuotare e il lago non è il mare, si cola a picco in pochi secondi.

La tragedia diElnur Babayev

Elnur si butta in acqua ma inizia a bere. L’amico gli tira la ciambella rimasta a bordo e si tuffa per salvarlo ma anche lui non sa nuotare bene. Elnur si aggrappa al suo collo, tenta di tenersi a galla ma ritorna giù. Anche l’amico ha difficoltà però, alla fine, riesce ad aggrapparsi al pedalò. Per Elnur invece non c’è nulla da fare. In quel momento, passa una famiglia di Genzano a bordo di un pedalò: mamma padre e figlio minore. Si avvicinano e soccorrono l’amico di Elnur che è riuscito a salvarsi. Il ragazzo fa capire subito che con lui c’era un’altra persona e che è affogato. La donna, un’infermiera, sale sul pedalò dei due ragazzi e rimane con l’amico di Elnur per segnalare ai soccorritori il punto in cui è successa la tragedia. Il ragazzo superstite, visibilmente in stato di choc, ha iniziato a sentire dolore al petto e alla spalla sinistra, L’infermiera lo ha voluto accompagnare a riva. Ad aiutarli anche l’equipaggio della barca del Parco Regionale dei Castelli Romani che li hanno recuperati e hanno preso anche l’altra ciambella che era rimasta in acqua.

Le ricerche di Elnur Babayev

Nel frattempo sono già arrivati i Carabinieri della stazione di Castel Gandolfo, i Vigili del Fuoco con l’elicottero, l’imbarcazione e i sommozzatori nel posto indicato dal superstite. Le ricerche sono partite subito e sono state estese anche a nord della costa perché si è pensato che con la corrente il corpo potesse essersi spostato in quella direzione.
Dopo circa un’ora arriva sul posto anche il secondo segretario presso l’ambasciata dell’Azerbaigian in Italia console Sarkhan Aghakishiyev che da subito ha presenziato sul posto alle ricerche ed è rimasto accanto all’amico sopravvissuto e ancora oggi, a una settimana di distanza è in costante contatto con il comandante dei carabinieri della stazione di Castel Gandolfo .

Quel tragico sabato

L’elicottero sorvola il lago in contatto con i sommozzatori fino alle 21 di sera per poi rientrare a causa della mancanza di visibilità. Ma i vigili del fuoco proseguono ininterrottamente le ricerche anche mediante l’aiuto di un sonar fino all’una di notte. Il comandante consegna al console i documenti del ragazzo annegato. Tutti e due gli amici risultano domiciliati a Roma dove da circa due anni frequentavano un’università. Il maresciallo della stazione dei carabinieri il quale nel frattempo ha informato il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Velletri, la dottoressa Giuseppina Corinaldesi, inizia ad ascoltare i testimoni e il superstite in caserma. Acquisisce anche i filmati che ha fatto l’amico poco prima della tragedia. Il giorno dopo arriva anche Mammad Ahmadzada, ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaigian in Italia. Si interessa delle ricerche, segue passo passo tutto il caso dall’inizio. La domenica un elicottero dei Carabinieri sorvola tutto il lago

La geolocalizzazione

Dai video dell’amico gli inquirenti riescono ad individuare la geolocalizzazione del punto in cui si trovavano con il pedalò. Gli investigatori così hanno potuto individuare un quadrilatero di 10 mila metri quadri dove, anche i questo momento, i sommozzatori stanno lavorando. Ogni 36 metri mettono un punto e proseguono. Eseguono il cosiddetto “controllo a chiocciola” con la speranza di trovare il corpo.
L’ambasciatore sta facendo il possibile, segue da vicino la vicenda ora dopo ora. Si relaziona almeno tre volte a giorno con il comandante della stazione dei Carabinieri di Castel Gandolfo.

Il padre di Elnur Babayev

Quando è arrivato il padre è stato accompagnato dal console e dall’ambasciatore a vedere il posto in cui si è disperso suo figlio. Il padre è stato accerchiato dai giornalisti. L’uomo, parlando anche con i media sul posto, si è convinto in qualche modo che non ci fossero abbastanza uomini impegnati nelle ricerche per il figlio. Il padre è un pensionato, ex dipendente comunale a Baku, capitale dell’Azerbaigian. Il padre, distrutto dal dolore per il figlio e sicuramente influenzato anche da pareri esterni, ha rilasciato delle dichiarazioni alla stampa in Azerbaigian.

Comunicazioni Azerbagian – Italia

Così dalla patria dello scomparso sono iniziate le pressioni al ministero Affari Esteri italiano, convinti forse che le ricerche fossero condotte con superficialità. Dall’Azerbagian agli affari esteri italiani parte la richiesta di avere maggiori rinforzi delle ricerche.
Fatto sta che questo clima di critiche e tensioni non rende onore a tutti quegli uomini e volontari impegnati nelle ricerche del corpo del giovane Elnur Babayev. Addirittura un gruppo di amici della vittima si sono messi a sventolare le bandiere dell’ Azerbagian in spiaggia, quasi fosse un segnale di protesta e in mezzo a loro c’era anche il papà del giovane disperso.

Le ricerche di Elnur Babayev continuano

I carabinieri, Vigili del Fuoco, protezione civile e altri volontari non si sono mai fermati. Tanto per dare un ulteriore dati sono impiegati nelle ricerche al lago Albano tutti i sommozzatori del Lazio. Dodici uomini impegnati 24 ore su 24 per scandagliare metro quadro dopo metro quadro il fondale del lago. Gli inquirenti hanno fatto sapere che le ricerche non si fermeranno fin quando non sarà stato recuperato il corpo.

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Nemi, “Biblioteca Diffusa”: c’è una nuova convenzione con il Consorzio. Cosa cambia?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Il Consorzio SBCR (Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani) ha rinnovato la convenzione con il Comune di Nemi per la biblioteca diffusa. Un atto deliberato dal Consiglio comunale di Nemi lo scorso 4 febbraio che a differenza di quello precedente, approvato nel 2014 e rinnovato nel 2017, non coinvolge più direttamente la Locanda Specchio di Diana ma è stipulato lasciando di fatto al Comune la scelta di individuare il soggetto terzo.

In pratica la nuova convenzione è firmata solo dal Consorzio SBCR e dal Comune di Nemi che a sua volta sarà libero di accordarsi con altro soggetto. E infatti nella bozza di convenzione è il Comune a specificare che intende stipulare di nuovo un accordo con la Locanda Specchio Di Diana.

Ad oggi, però, nonostante le intenzioni, non si trova traccia sull’Albo Pretorio di accordi sottoscritti dal Comune e dalla “Locanda Specchio di Diana” che regolarizzino il punto Biblio.

Ci sono stati attimi di tensione durante il Consiglio comunale del 4 febbraio. Perché?

Si stava per far votare una convenzione a tre (Consorzio Bibliotecario, Comune di Nemi e Locanda Specchio di Diana) ma i Consiglieri di opposizione Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri, i quali avevano preventivamente richiesto al Consorzio SBCR il nuovo atto stipulato, hanno chiesto al Sindaco come mai volesse far votare una convenzione a tre soggetti quando di fatto la nuova convenzione preveda un accordo esclusivamente tra il Consorzio e il Comune. E dopo qualche istante di silenzio imbarazzante è arrivato il dietrofront: il Sindaco ha dovuto per forza dell’evidenza, rimettere a posto la situazione approvando la convenzione “giusta”, ovvero quella agli atti del Consorzio SBCR stipulata dallo stesso con il Comune e senza la Locanda Specchio di Diana.

Un altro episodio “imbarazzante e increscioso” come quello della Stele all’ingresso del paese dove esistono 2 progetti (uno depositato e autorizzato dal Parco Regionale dei Castelli Romani e dal Consiglio Metropolitano e un altro diverso da quelli autorizzati agli atti del Comune per cui i conti e le misure non tornano).

C’è un permesso di costruire subordinato alla convenzione rilasciato alla Locanda Specchio di Diana. Il ristorante ha potuto chiudere una veranda al primo piano solo in virtù della pubblica utilità rappresentata dalla presenza della “Biblioteca Diffusa”

Un’altra questione è strettamente legata al fatto che a gennaio del 2019 l’Ufficio Tecnico del Comune di Nemi ha rilasciato, al legale rappresentante della Locanda, un permesso di costruire in deroga finalizzato al montaggio di vetrate scorrevoli a chiusura della veranda posta al primo piano del locale per svolgere l’attività di “Biblioteca Diffusa”.

Va anche precisato che il permesso a costruire è stato rilasciato quando la Locanda Specchio di Diana era una struttura più ampia e quindi la terrazza costituiva una pertinenza di una attività che oggi viene esercitata in un immobile fortemente ridimensionato.

Nel permesso comunale è specificato che la destinazione d’uso dei locali prevede l’insediamento di un’attività di servizio pubblico del tipo sala lettura della “Biblioteca Diffusa”, istituita con accordo tra la Locanda Specchio di Diana srl, il Comune di Nemi ed il Consorzio Bibliotecario dei Castelli Romani (SBCR), e pertanto come servizio di pubblica utilità e che al cessare dell’attività di “Biblioteca Diffusa”, cesseranno di avere efficacia tutte le condizioni di pubblica utilità che stanno alla base del permesso di costruire e che si dovrà procedere al ripristino dello status quo dell’immobile oggetto di intervento.

Ad oggi, come già scritto, nonostante le intenzioni, non si trova traccia di una nuova convenzione tra Comune e Locanda Specchio di Diana (come specificato nella bozza di convenzione allegata alla delibera comunale del 4 febbraio) e la precedente convenzione a tre (Consorzio bibliotecario, Comune e Specchio di Diana) risulta scaduta ormai da circa tre mesi.

Un servizio di “Biblioteca Diffusa” sospeso negli ultimi tempi come confermato dallo stesso direttore del Consorzio SBCR il Dott. Giacomo Tortorici il quale lo scorso 13 gennaio interpellato da questo quotidiano ha detto che il servizio sarebbe ripartito quanto prima, Covid permettendo e soprattutto dopo aver concluso la formazione del personale idoneo ad accogliere gli utenti in sala lettura.

Anche questo aspetto è stato evidenziato dai Consiglieri di “Ricomincio da Nemi” che lo scorso 24 febbraio hanno scritto al Segretario comunale di Nemi, appellandosi al suo ruolo di garante della legalità, ribadendo quanto già comunicato durante la riunione consiliare del 4 febbraio che “la scelta del luogo dove ospitare la biblioteca diffusa – con annessa sala lettura – deve avvenire nel rispetto dei principi di trasparenza e concorrenza”. E che “nella fattispecie, l’impresa menzionata nel documento in oggetto, – Locanda Specchio di Diana Ndr. – dall’offrire gratuitamente quella sala, riceve un “vantaggio” svolgendo un servizio all’Amministrazione: è il caso tipico di una concessione a cui si applica pienamente il Codice degli Appalti”.

Gli interrogativi

Ad oggi sono diversi gli interrogativi che ruotano intorno a quello che deve rappresentare un pubblico servizio di utilità come la “Biblioteca diffusa”:

  • Perché, se la convenzione a tre è scaduta da circa tre mesi e con servizio sospeso negli ultimi tempi, come confermato a questo quotidiano dallo stesso direttore del Consorzio SBCR lo scorso 13 gennaio, nonchè ad oggi non si trova traccia di una nuova convenzione stipulata tra Comune di Nemi e Locanda Specchio di Diana non sono state smontate le vetrate scorrevoli a chiusura della veranda posta al primo piano del locale come previsto dal permesso rilasciato dall’Ufficio Tecnico comunale a gennaio del 2019?
  • Perché l’attuale Ufficio Tecnico non ha emesso ordinanza di rimessa in pristino?
  • Sono avvenuti i regolari controlli da parte dell’Ente e degli organi preposti?
  • A che punto è la formazione del personale idoneo ad accogliere gli utenti in sala lettura al fine della ripresa del servizio come riferito a questo quotidiano lo scorso 13 gennaio dal direttore del Consorzio SBCR?

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, iter riavvio discarica Roncigliano: associazioni e comitati querelano dirigenti e tecnici regionali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Accuse gravissime e ben precise quelle messe nero su bianco dalle varie associazioni e comitati del territorio

ALBANO LAZIALE (RM) – Pronta la querela relativa all’iter di riavvio della discarica di Albano-Roncigliano nei confronti dell’Ufficio Rifiuti della Regione Lazio che sarà rinviata lunedì a tre Procure (Roma, Velletri e Latina) e alla D.I.A. di Roma.

La querela, proposta dall’associazione Salute e Ambiente è stata sottoscritta nella serata di ieri – 25 febbraio -dal Coordinamento dei Comitati di Quartiere di Albano tra i quali figurano il comitato di Villa Ferrajoli, il comitato Miramare-Musicisti, il comitato di Tor Paluzzi e altre realtà e dalle associazioni Legambiente sezione Appia sud-il Riccio, Italia Nostra sezione Castelli Romani, Latium Vetus di Pomezia, dall’associazione ‘Vedere Altrimenti aps’ e infine dal PCI dei Castelli Romani.

Abuso di ufficio, falso in atto pubblico, sviamento di potere, eccesso di potere, truffa aggravata, associazione a delinquere, frode in pubbliche forniture, gestione illecita di rifiuti e altri reati che secondo i promotori della querela sarebbero stati commessi da alcuni dirigenti e tecnici regionali dell’area rifiuti Lazio e che dovranno chiaramente essere vagliati e verificati dalla magistratura. “Chiediamo ai magistrati – scrivono in un comunicato i promotori della querela – che parta quanto prima un nuovo processo nei confronti di questi dirigenti e dei tecnici del Gruppo Cerroni”.

Accuse gravissime e ben precise quelle messe nero su bianco dalle varie associazioni e comitati del territorio che ritengono sia stato agevolato il riavvio del sito violando in modo palese e maldestro le regole del diritto nonché l’aver sottoscritto documenti totalmente illegittimi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Asl Roma 6: istituita la “Procedura operativa aziendale per la gestione delle visite ai pazienti Covid e l’accompagnamento al fine vita”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La Asl Roma 6, da sempre attenta a porre al centro l’etica e l’umanizzazione delle cure, come già testimoniato con il “Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita” sottoscritto dall’azienda il 19 dicembre 2019 e dopo l’avvio presso l’Ospedale dei Castelli della Tenda degli Abbracci che consente ai familiari e ai pazienti Covid di abbracciarsi in tutta sicurezza, istituisce la “Procedura operativa aziendale per la gestione delle visite ai pazienti Covid e l’accompagnamento al fine vita”.

“A causa della pandemia da Sars CoV2 e della relativa patologia COVID-19 – afferma il Direttore Generale Narciso Mostarda – gli ospedali si sono trovati, dal marzo 2020, a dover limitare o proibire la presenza fisica di visitatori ai pazienti ricoverati, impedendo di riservare ai nostri cari l’amore, la dedizione e la cura negli ultimi giorni della loro vita, negando quel saluto che seppur triste, concede serenità. La morte di una persona amata è considerato l’evento più stressante tra quelli che compongono l’esperienza umana normale sulla salute mentale e fisica. In caso di decesso di un parente ricoverato, le conseguenze fisiche, mentali e sociali dell’isolamento legato al distanziamento fisico possono incrementare il rischio di un lutto complicato per i congiunti. D’altro canto, per i pazienti che si trovano in condizioni cliniche particolarmente complesse e cariche di ansia, la presenza di persone significative della loro vita può alleggerire il percorso di cura della patologia.”

 Il Comitato Nazionale di Bioetica ha riconosciuto l’alto valore delle cure durante il fine vita, che si manifesta non nella pretesa di poter strappare un paziente alla morte, ma nella ferma intenzione di non lasciarlo solo. L’attenzione non è più alla malattia, ma al centro c’è la persona sofferente, la sua famiglia e accanto ci sono gli operatori sanitari.

Permettere una visita in presenza al familiare/caregiver/persona di fiducia è discrezione del medico che ha in cura il paziente e che può meglio valutarne il beneficio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti