Connect with us

Roma

CASTEL GANDOLFO: INTERVISTA A MARTA TOTI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Evidentemente è importante che al direttivo segua un altro incontro per disgelare l’empasse.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

di Chiara Rai

Castel Gandolfo (RM) – La tensione di alcuni al palazzo comunale di Castel Gandolfo non si allentano. Sono momenti di transizione importanti in cui da una parte c’è la prima cittadina Milvia Monachesi che avendo aperto alla neo iscritta consigliera di minoranza Marta Toti, a seguito proprio della sua aderenza al partito, ora aspetta di vedere “l’effetto” che fa questa proposta avanzata e se davvero c’è volontà di proseguire un cammino, di fatto iniziato circa due anni fa, con rinnovata convinzione e una “new entry” che aggiunga valore. Ciò con la consapevolezza che certi spifferi, ben evidenti già il giorno dopo stesso dell’elezione di Milvia Monachesi a sindaco di Castel Gandolfo, vengano arginati per evitare quella controproducente “dispersione partitica” che si tradurrebbe nella prossima campagna elettorale con una probabile frammentazione, mentre, è plausibile che il Pd voglia come consuetudine utilizzare lo strumento democratico delle primarie di cui il partito è genitore.

Il momento di stasi è forse dovuto al fatto che Milvia Monachesi ha lanciato l’amo e Marta Toti prima di “abbocare” probabilmente vuole valutare l’esca. In questa vicenda politica non vi sono certo ne pescatori e ne pascati, evidentemente è importante che al direttivo segua un altro incontro per disgelare l’empasse.
Abbiamo voluto, come sempre, rivolgerci alla fonte, intervistando Marta Toti, giovane avvocato figlia dell’ex sindaco Luciano Toti e leader dello storico Gruppo gandolfino “Pesca” con il quale si è candidata alle scorse elezioni nella lista civica di Paolo Gasperini.

E’ singolare la sua precedente aderenza alla lista di Paolo Gasperini che nonostante sulla carta sia “apartitica” si è rivelata molto vicina al centrodestra, tanto che ci risulta che la lista civica Aurora di Paolo Gasperini abbia sostenuto la candidatura a sindaco di Silvagni a Marino.

Quello che posso dire è che abbiamo raccolto consensi da entrambe le parti in qualità di lista civica e qualora ci siano stati affiancamenti di simboli o incontri ravvicinati con il centrodestra, personalmente non sono stata preventivamente interpellata. E poi mi sembra che fosse stato chiarito che non si trattava della stessa “Aurora” e che quindi in realtà non avremmo affatto sostenuto il centrodestra a Marino.

Perché scegliere di candidarsi con Gasperini?
Ho aderito come gruppo “Pesca” alla lista civica Aurora in campagna elettorale perché abbiamo ritenuto valido e condivisibile il programma elettorale. Nel movimento Aurora è infatti confluito buona parte del centrosinistra. Io stessa Sono già tesserata Pd e la mia vocazione politica è sempre stata di centrosinistra. Come del resto di centrosinistra era suo padre Luciano Toti Esatto, la nostra è una “vocazione genetica”, parlando della nostra famiglia

Va bene, comunque di fatto Aurora appare come un movimento che da una parte potrebbe sembrare “apartitico” ma dall’altra è facilmente collocabile nel centrodestra e lei comunque ne è uscita fuori
Noi, il Gruppo “Pesca” intendo, usciamo fuori da una situazione evidentemente poco delineata che non abbiamo cercato. Abbiamo provato a “costruire” all’interno della compagine Aurora ma non è stato possibile e per questo ho preso la decisione di dare una identità specifica alla nostra linea politica che non poteva essere altri che quella del Pd, di cui come Gruppo condividiamo ovviamente anche gli sviluppi nazionali.

A questo punto entrerete a far parte della squadra Monachesi, dato anche l’invito e apertura del sindaco stesso?
Non ci fermiamo ad un no secco. Che ci sia apertura è anche un fatto naturale visto il mio ingresso nel Pd che è lo stesso partito del sindaco Milvia Monachesi. Perciò certamente intendo valutare la loro proposta e soprattutto condividere la scelta se aderirvi o meno con il Gruppo che rappresento. Insomma è chiaro che le decisioni vanno concertate e prese insieme, non sono una ma siamo tanti.

Da quali fattori dipende il responso?
Sarò più esplicita. Laddove ci fosse lo spazio per realizzare le nostre idee e prospettive per il bene del paese allora potremmo essere disponibili, ma l’importante è che ci sia lo spazio per una collaborazione attiva. In questo momento occorre valutare effettivamente lo spirito dell’allargamento di maggioranza. Come si dice, il passaggio è in fase di studio e analisi.

Come legge questa apertura da parte del sindaco Milvia Monachesi?
A mio parere l’apertura avviene non per una debolezza della maggioranza ma come processo naturale e conseguente al mio ingresso nel Partito Democratico.

LEGGI ANCHE:


 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti