Connect with us

Roma

CASTEL GANDOLFO: UN ATTO NOTARILE SVELA IL MISTERO DEL DIRITTO DI PESCA SUL LAGO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Ogni altro atto relativo la pesca sul lago emanato da enti sovracomunali è da ritenersi nullo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Chiara Rai

Castel Gandolfo (RM) – Da anni ormai ci si chiede se al Lago Albano di Castel Gandolfo si possa o meno pescare e comunque si continua a praticare il carpfishing con la conseguente seppur accidentale moria di animali lacustri quali anatre cui rimane impigliato il grosso amo utilizzato per la pesca delle carpe. Ebbene, forse si è arrivati alla risposta che si cercava.

E’ del 1962 l’atto notarile stipulato tra la famiglia Catarci e il sindaco Marcello Costa in qualità di rappresentante del Comune di Castel Gandolfo con il quale viene venduto da Catarci il diritto esclusivo di pesca al Comune di Castel Gandolfo.  Dunque il Comune e soltanto il Comune di Castel Gandolfo detiene questo esclusivo diritto, pertanto ogni altro atto relativo la pesca sul lago emanato da enti sovracomunali è da ritenersi nullo.

A denunciare questa situazione caotica e di carenza di rispetto delle norme e ordinanza sindacale N° 6 del 31 gennaio 2007 (che tra l’altro proibisce la pesca per utilizzo alimentare) è Giampiero Tofani, commissario straordinario de La Destra il quale ha di recente presentato un esposto al Comune, ai Vigili urbani e al Corpo forestale per segnalare che a fronte di questo atto notarile sia le licenze di pesca che l’autorizzazione alla pesca sportiva con tecnica Carpfishing nel lago Albano rilasciate dalla Provincia (l’autorizzazione per pesca sportiva con tecnica “Carpfishing” nel Lago Albano è stata rilasciata il 24/04/2013 dal dipartimento caccia e pesca della Provincia di Roma) sono da considerarsi senza effetto.  Tanto più che la Provincia non ha neppure rinnovato la locazione concessa dal Comune anni fa.

Dunque il dato certo è che il diritto di pesca esclusivo ce l’ha il Comune: “alla luce di questo atto notarile – dice Giampiero Tofani de La Destra – è chiaro che il Comune dovrebbe immediatamente attivarsi per tutelare i propri diritti e non solo perché essere detentori del diritto di pesca significa anche avere la facoltà di ottenere un fruttuoso introito per la casse comunali qualora l’Ente riuscisse a regolamentare bene la questione. Questo introito  potrebbe essere riutilizzato per la tutela ambientale del lago stesso. Visto, tra l’altro, che l’amministrazione in merito lamenta sempre carenze di risorse economiche”. 

Castelli Romani

Nemi, il sindaco uscente segnala Azzurra Marinelli alla Corte D’Appello

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Revocata dalla carica di Presidente di seggio

La Corte d’Appello di Roma ha revocato la nomina di Azzurra Marinelli da presidente del seggio elettorale della sezione 2 del Comune di Nemi.

La revoca arriva dopo una segnalazione scritta dall’attuale sindaco uscente Alberto Bertucci, datata 17 maggio 2022. Bertucci segnala che Marinelli è la moglie del candidato sindaco “della lista di opposizione” all’attuale primo cittadino uscente.

Da circa 25 anni, Azzurra Marinelli ricopre il ruolo di presidente di seggio in occasioni delle elezioni amministrative di Nemi. Anche nel 2017 con il marito candidato sindaco, Marinelli ha svolto l’attività di presidente di seggio senza che l’allora sindaco Alberto Bertucci segnalasse l'”inopportunità”.

Il Consiglio di Stato a più riprese ha ribadito che la parentela tra componenti dell’ufficio elettorale di seggio e candidati sindaco o amministratori non costituisce presupposto di incompatibilità.

Continua a leggere

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

I più letti