Connect with us

Castelli Romani

Castelli Romani, forti raffiche di vento: alberi caduti e caos a Velletri, Nemi, Albano, Ariccia e Genzano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Fortissime le raffiche di vento che da ieri sera stanno interessando l’area dei Castelli Romani dove sono caduti molti alberi e dove sono stati centinaia gli interventi dei volontari per fare fronte a situazioni di soccorso di persone alle prese con disagi di luce e telefono, alberature in strada, carreggiate chiuse e viabilità in tilt. A Velletri, Nemi, Genzano, Albano, Castel Gandolfo e Ariccia ci sono stati diversi interventi perché sono volate tegole, arredi da giardino e si sono danneggiate insegne dei negozi.

Ieri notte al convento dei frati Cappuccini di Albano è crollato un pino grandissimo. A Velletri alberi caduti e strade chiuse. Hanno lavorato tutto il giorno la protezione civile comunale, vigili del fuoco e polizia locale di Velletri

Cimitero e parchi di Velletri sono stati chiusi per garantire l’incolumità di tutti i cittadini. La decisione èstata presa dagli amministratori del Comune di Velletri a causa del maltempo che potrebbe protrarsi anche oggi. La decisione è stata resa pubblica attraverso un post pubblicato su Facebook dall’Assessore Romano Favetta: “Volevo avvisare tutti i cittadini che da ora e per tutto il pomeriggio, Il cimitero e i parchi verranno chiusi per le forti raffiche di vento. All’interno di essi ci sono rami caduti e alberi pericolosi, quindi, per la nostra sicurezza, oggi pomeriggio saranno chiusi”.

In via Dei Laghi 18 a Nemi è caduto un grosso albero e sono intervenuti i vigili del fuoco di Nemi impegnati in altri 20 interventi.

Numerosi gli alberi caduti in via Spiagge del Lago a Castel Gandolfo. Numerosi gli interventi della protezione civile comunale e della polizia locale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Open day Castelli Romani 2019: tutti gli eventi domani a Grottaferrata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GROTTAFERRATA (RM) – Trentuno comuni coinvolti tra i Castelli Romani e i Monti Prenestini, il Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani (Sbcr) a fare da connettore tra le numerose realtà e un panorama di eventi particolareggiati, comune per comune, davvero da non perdere.  Questo e molto altro è l’Open Day dei Castelli Romani in programma domenica 20 ottobre 2019 per l’intera giornata. “Scopri. Visita. Gusta. Vieni a scoprirli…non farteli raccontare!” è lo slogan-invito scelto dall’organizzazione. Grottaferrata ha visto nei giorni scorsi presso la biblioteca comunale “Bruno Martellotta” di viale Dsumet la presentazione dell’evento completo ma numerosi saranno gli appuntamenti che vedranno i monumenti, le aree archeologiche e le vigne del territorio grottaferratese protagoniste. L’OPEN DAY A GROTTAFERRATA – Le attività cominceranno dal mattino con 3° edizione della Festa del Vino Ospitale, le cantine vitivinicole della rete d’impresa apriranno al pubblico con visite  guidate, degustazioni e assaggi di prodotti del territorio in collaborazione con i ristoratori ed i produttori di tutta la rete. Le cantine resteranno visitabili dalle 10.00 alle 20.00 per le aziende vitivinicole coinvolte ed è gradita la prenotazione. Tutti i contatti sono disponibili sul portale di informazione web Castellinforma del Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani.  Dalle 10 alle 12,30 e poi dalle 15 alle 17 saranno visitabili in via Anagnina 4 la Catacomba Ad Decimum ad opera del Gruppo Archeologico Latino Colli Albani “ Bruno Martellotta” ODV, gruppo che fin dagli anni settanta del ‘900, grazie all’infaticabile lavoro del suo fondatore Bruno Martellotta, ha iniziato l’attività di volontari per il patrimonio culturale presso la catacomba “ Ad Decimum”della Via Latina. Nel pomeriggio, tra le 16 e le 18 resterà aperto e visitabile anche il complesso dell’abbazia greca di San Nilo con la possibilità di visitare gratuitamente il Monumento. Mentre alle 18,00 presso la sala polifunzionale della biblioteca comunale di viale Dusmet si terrà la rappresentazione canora del musical-libro “Cola. Il sangue nel potere”biografia romanzata di Cola di Rienzo di Franco Antonucci. IL SINDACO ANDREOTTI E IL DELEGATO COCCO: NETWORK TRA ISTITUZIONI METODO DI SUCCESSO ANCHE IN AMBITO TURISTICO-CULTURALE – Il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti si dice “soddisfatto e onorato di prendere parte a una iniziativa simile che mette il territorio e le sue bellezze in primo piano grazie a una formula coraggiosa, innovativa e vincente che è quelle del lavorare in rete. Trentuno comuni sono molti. Una porzione importante della regione Lazio si mette in mostra e lo fa collaborando in nome della bellezza. Esperimento vincente e da ripetere nel quale come amministrazione crediamo e intendiamo continuare a farlo, anche potenziando l’impegno. In tal senso un particolare saluto lo rivolgo al presidente del Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani (Sbcr9 Giuseppe De Righi che ha scelto proprio la nostra città come centro propulsore dell’iniziativa sin dalla presentazione alla stampa”. “Da neo delegato al Turismo voglio rivolgere i ringraziamenti a tutti gli Enti organizzatori di questo Open day dei Castelli Romani “ aggiunge il consigliere Alessandro Cocco. “Questa è la politica bella che fa crescere i territori e li unisce, questo è l’intento con il quale intendo promuovere il turismo nella nostra città. Cercheremo di unire tutte le aziende del territorio per creare un network tra loro ed il Comune con l’obiettivo di far conoscere Grottaferrata e le sue meraviglie al maggior numero di persone possibili. In tal senso – conclude Cocco –  posso comunicare che si sono già svolte le prime riunioni ed ho riscontrato una grandissima collaborazione con tutti gli interlocutori. Ora più che mai è il momento di unire e di far scoprire a chi non le conosce le bellezza della terra in cui abbiamo la fortuna di vivere”.



Print Friendly, PDF & Email
Continua a leggere

Castelli Romani

Morte di Paolo De Sanctis, la battaglia legale di papà Gino: un caso ancora da chiarire

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Troppi interrogativi, troppe domande rimaste senza risposta sul caso di Paolo De Santis, il 22enne di Nemi che il 17 febbraio 2018 è stato trovato esanime dopo un volo di 60 metri dal ponte di Ariccia.

Siamo stati i primi a dare voce ai familiari di Paolo accendendo i riflettori su questo caso e continuiamo a farlo. Sette mesi fa, a fine marzo, avevamo annunciato da questi studi nuove indagini.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 17/10/2019

Dallo studio del caso emergono presunte responsabilità che vanno comunque verificate, accertate

Un fascicolo è stato aperto a seguito della denuncia querela del papà di Paolo, Gino De Sanctis, qualche mese dopo l’archiviazione disposta dal sostituto procuratore della Procura di Velletri che non aveva ravvisato ipotesi di reato ma chiuso il caso come suicidio. Il padre di Paolo ha infatti presentato una denuncia e il fascicolo è stato riaperto da un altro sostituto procuratore della Procura di Velletri.

Ma la situazione appare ad oggi ancora ferma. La speranza per i famigliari e amici di Paolo è che non prenda la stessa piega del primo tentativo di andare fino in fondo con le indagini giudiziarie.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE LA VIDEO INTERVISTA

Gino De Sanctis, papà di Paolo, a Officina Stampa del 17/10/2019

Ripercorriamo la storia

E’ la sera di venerdì 16 febbraio, Paolo è uscito con tre amici recandosi in un locale di Genzano di Roma e intorno alle 2 di notte decide di ritornare a casa anziché proseguire il giro per un altro pub. Lungo la strada di ritorno però, fa un incidente con la sua Fiat Panda finendo contro un palo vicino alla rotatoria in via Sebastiano Silvestri, sempre a Genzano di Roma.
Dalle immagini di una telecamera acquisite da un locale privato si vedono chiaramente gli amici del giovane che precedono di qualche secondo l’auto di Paolo. Ma anche le loro testimonianze stridono con la realtà. L’auto s’incendia, i carabinieri intervengono sul posto per i rilievi e l’ambulanza trasporta il giovane al pronto soccorso di Albano intorno alle 2:40.
Il ragazzo viene dimesso dall’ospedale alle 3:44 di notte ma anziché fare ritorno a casa raggiunge a piedi il ponte di Ariccia e finisce in tragedia.
Dalla cartella clinica di pronto soccorso emerge che Paolo dopo neanche un’ora di ricovero è stato dimesso e definito un “paziente lucido e orientato”, i filmati di videosorveglianza e le informazioni acquisite raccontano un’altra storia, quella di un ragazzo confuso in stato di ebbrezza. Il tasso alcolemico registrato dalle analisi di Paolo è risultato essere di 1,53 grammi per litro e con quei valori, come riportato dalla tabella del ministero della Salute, i sintomi, tra tanti, sono compromissione della capacità di giudizio e autocontrollo, alterazione dell’equilibrio e compromissione della visione, colori e dimensioni. Paolo è stato visto barcollare e pronunciare frasi sconnesse. C’è anche un testimone che ha lasciato la sua deposizione agli inquirenti in proposito. Adesso cosa succede?

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, il sindaco apre un giro di consultazioni con tutti i gruppi consiliari

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GROTTAFERRATA (RM) – Il sindaco di Grottaferrata Luciano Andreotti avvierà nei prossimi giorni una serie di incontri con i rappresentanti di tutti i gruppi del Consiglio comunale di Grottaferrata.  Il primo cittadino sarà affiancato in tutti gli incontri dai capigruppo delle liste di maggioranza Andreotti Sindaco, Con Voi e Prima Grottaferrata, dando seguito al mandato esplorativo che la riunione di maggioranza dello scorso 3 ottobre 2019 ha affidato al primo cittadino attraverso il documento politico firmato dai consiglieri di maggioranza nel quale si faceva espresso cenno al coinvolgimento dei “ gruppi di minoranza consiliare nell’organizzazione e nell’attuazione dei programmi amministrativi comunemente condivisi e su specifici argomenti di interesse generale e di alta rilevanza istituzionale”. I temi caratterizzanti al centro di quello che intende essere un rilancio dell’azione amministrativa anche in seguito alle sensibili modificazioni subite dall’assetto della giunta comunale saranno: l’urbanistica, le politiche ambientali, il sociale e la riorganizzazione della macchina amministrativa comunale. Il calendario degli appuntamenti sarà definito di comune accordo tra le parti.



Print Friendly, PDF & Email
Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it