Banca Popolare del Lazio, elezioni CdA: denunciate irregolarità. Tutto da rifare? [Parte 1]

Le ultime elezioni del CdA della Banca Popolare del Lazio non sono state del tutto indolore. C’è stata una nota protocollata prima delle elezioni dai soci Marco Picca e Domenico Capitani.

Nella nota si evidenziano delle presunte criticità che se confermate invaliderebbero l’elezione del nuovo CdA.

Le questioni affrontate nella nota riguardano essenzialmente tre punti. In questa prima puntata parleremo della prima questione messa in evidenza.

Irregolarità nella presentazione della lista  

L’unica lista di 9 candidati alla carica di consigliere di amministrazione è stata presentata con modalità irregolare e comunque non conforme a quanto stabilito dallo Statuto dell’istituto bancario.

La lista riporta la data del 30 marzo 2023 ed è stata pubblicata sul sito della Banca entro il termine ultimo di presentazione stabilito nel 20 aprile 2023 e risulta essere stata presentata dalla “Banca” in luogo del Consiglio di Amministrazione come, al contrario, stabilisce lo Statuto della Banca Popolare del Lazio all’articolo 30. Infatti lo Statuto Sociale identifica tra i soggetti legittimati alla presentazione della lista dei consiglieri candidati il C.d.A. visto, in quel contesto, come soggetto distinto da quello rappresentato. Con la condotta assunta il C.d.A. si è “appropriato” del “nome” della Banca che rappresenta per presentare la lista dei 9 candidati con ciò potenzialmente viziando la volontà della platea dei soci chiamati a intervenire in Assemblea per nominare i componenti del Consiglio di Amministrazione.

Questa irregolarità che è stata segnalata prima delle elezioni non è stata censurata dal Collegio Sindacale

Ma qualcuno deve essersi comunque accorto dell’irregolarità tanto che il Presidente del CdA, il Notaio Edmondo Maria Capecelatro, ha provveduto a far pubblicare nuovamente sul sito della Banca la Lista n. 1 con la dicitura corretta ovvero del C.d.A.

La nuova presentazione sarebbe però avvenuta dopo il termine ultimo fissato nel 20 aprile 2023 risultando di fatto un tardivo tentativo di correggere l’evidente errore in cui ci si era incappati, non essendo opponibile ai soci l’apposizione della data del 20 aprile 2023 sulla nota di deposito della Lista n.1.

Nemmeno rileva, dunque è inopponibile ai soci, l’indicazione riportata dal link rinvenibile nella sezione Assemblea dei Soci del sito internet della banca  secondo cui  il  deposito  e  la  pubblicazione  del  nuovo documento, privi di data certa, debbano ritenersi una “mera” precisazione rispetto all’originario deposito oggetto di precedente pubblicazione sempre sul sito internet della Banca avendo il successivo connotali palesemente novativi.

Si tratta di una questione meramente formale, ma in questi casi, come un notaio sa o dovrebbe sapere, la forma è sostanza!




Merano e le sue meraviglie: da visitare i giardini di Sissi

I Giardini di Sissi a Castel Trauttmansdorff, situati ad est di Merano lungo la strada che conduce a Merano 2000, sono considerati tra i più belli al mondo. Grazie al clima mite e alla vegetazione dei paesi del sud, questi giardini possono fare miracoli per la salute e il benessere.

Già nella seconda metà dell’Ottocento, turisti provenienti da tutta Europa giungevano a Merano per godere dei suoi benefici. Tra i visitatori più illustri della città di cura figurava l’imperatrice Elisabetta d’Austria, nota come Sissi, che aveva scelto Castel Trauttmansdorff come sua residenza invernale.Nel 2013, la Garden Tourism Conference di Toronto, in Canada, ha riconosciuto l’unicità di questa meraviglia meranese assegnandole il titolo di Giardino Internazionale dell’Anno.I Giardini di Castel Trauttmansdorff si sviluppano attorno a un laghetto di ninfee come un anfiteatro, con oltre 80 ambienti botanici provenienti da tutto il mondo. Grazie alle numerose stazioni interattive, ai padiglioni artistici, ai punti panoramici, al Giardino proibito e al Regno sotterraneo delle piante, questi giardini affascinano i visitatori di tutte le età.Sul monte che sovrasta i giardini botanici si erge Castel Trauttmansdorff, maniero che oggi ospita il Touriseum, il Museo Provinciale del Turismo. Qui i visitatori possono fare un viaggio nel tempo attraverso due secoli di storia del turismo, immersi in scenografie fantasiose e suggestive.




Hacker, le 8 regole fondamentali per difendersi

Hacker, la minaccia più pericolosa del nuovo millenio, di seguito un vademecum su come difendersi dagli attacchi dei pirati informatici. Il World Password Day (che è stato giovedì 4 maggio) è la giornata dedicata alla sensibilizzazione su questo argomento che molto spesso tralasciamo. Di seguito vi riportiamo le 8 regole fondamentali per difendersi dagli attacchi hacker messe a punto da Reti Spa, tra i principali player italiani nel settore dell’IT Consulting.

1 – La prima regola è tenere aggiornati i sistemi, in particolare tutte quelle categorie di software che a vario titolo sono connesse con l’apparato normativo (ad esempio, i sistemi di gestione paghe, i sistemi per la presentazione di documenti per le gare d’appalto, ecc.) o i software di progettazione, ecc.. In tutti questi casi un mancato o tardivo aggiornamento del software può generare anomalie molto al di là delle inefficienze.

2 – La seconda regola anti-hacker è utilizzare un antivirus o un EDR (Endpoint Detection and Response) e tenerlo aggiornato. Nello specifico, l’Endpoint Detection and Response raggruppa gli strumenti avanzati che hanno il compito di rilevare minacce ed eseguire attività di indagine e risposta, inoltre ricoprono un ruolo fondamentale nella protezione dei dispositivi utilizzati dai dipendenti o dai collaboratori.

3 – La terza regola è usare password diversificate e cambiarle spesso, oltre ad utilizzare sempre e se possibile, l’autenticazione a due fattori (username e password/PIN, oltre all’utilizzo di un token/chiavetta o lo smartphone). Inoltre, è indispensabile usare strumenti per riuscire a ricordare le tante e differenti password da gestire. Si stima, infatti, che oggi un utente medio abbia circa un centinaio di password. A tal proposito, sono di grande aiuto i password manager, applicazioni dedicate a conservare tutte le proprie password in modo sicuro e crittografato.

4 – La quarta regola consiste nell’effettuare una valutazione delle vulnerabilità, un esame sistematico delle debolezze di sicurezza in un sistema informatico, per tenere sotto controllo la propria infrastruttura e poter sanare eventuali vulnerabilità da cui gli hacker potrebbero riuscire a entrare nel sistema.

5 – La quinta è quella di esporre al pubblico solo i sistemi necessari e filtrare correttamente gli accessi a tutto il resto. Il nodo del collegamento ai server aziendali è essenziale per la sicurezza dei dati e bisogna prevedere un sistema semplice da usare, ma completamente sotto il controllo del reparto IT aziendale (o del partner che fornisce il servizio).

6 – La sesta regola è fare particolare attenzione agli attacchi hacker veicolati tramite mail (ad esempio il phishing), oltre a fare attenzione a cliccare sui link sospetti e all’inserimento dei propri dati personali su siti non sicuri. La corretta gestione delle identità e degli accessi è prioritaria. La grande maggioranza degli attacchi informatici, infatti, oggi avviene attraverso un presunto accesso autorizzato. La mancanza di opportuni strumenti di gestione e di policy che definiscano puntualmente cosa può fare e fin dove si può spingere un dipendente all’interno della rete aziendale sono il primo, grande, aiuto che si può dare a chi vuole rubare informazioni.

7 – La settima è quella di effettuare sempre backup dei server, soprattutto quelli critici per il core business. La perdita dei dati locali è probabilmente il secondo problema più noto, dopo i guasti hardware. È quindi fortemente consigliabile ricorrere a un’ulteriore struttura di backup per quella parte di documenti la cui perdita avrebbe un impatto estremo sulla vita dell’azienda.

8 – L’ottava ed ultima regola per arginare gli attacchi hacker è quella di non connettersi a wi-fi pubbliche. È consigliabile predisporre, infatti, un punto d’accesso sicuro alla propria rete tramite una VPN o virtual private network. Una VPN permette di estendere la rete aziendale su Internet, consentendo l’accesso solo a dispositivi opportunamente verificati con un “tunnel” che attraversi tutti i nodi di Internet necessari alla comunicazione. In questo modo il portatile di un dipendente può “entrare in rete” e collegarsi al dominio come se fosse in ufficio, fisicamente allacciato alla rete cablata dell’azienda o connesso tramite Wi-Fi.

Seguendo queste poche ma importantissime regole potrete esser certi che i vostri dispositivi saranno senz’ombra di dubbio a un livello più alto di sicurezza e scoraggerete i tentativi di attacco da parte degli hacker.

F.P.L.




WhatsApp, si potranno collegare 4 device allo stesso numero

WhatsApp si aggiorna ed è pronta ad offrire una nuova funzionalità che sarà certamente apprezzata da tutti i suoi utenti. Meta ha lanciato da qualche ora un nuovo aggiornamento per WhatsApp che consente di usare lo stesso numero su quattro smartphone, è possibile sia su Android sia su iOs. L’annuncio è arrivato con un post su Facebook di Mark Zuckerberg, la funzionalità era già attiva per sfruttare il ‘multi-dispositivo’ su computer e tablet ma si attendeva ancora il supporto agli smartphone. In questo modo, ogni utente può duplicare il suo account unico su altri telefonini, per visualizzare le stesse chat e contenuti multimediali. WhatsApp garantisce che ciascuno smartphone collegato all’account potrà vantare la crittografia end-to-end, ossia la stessa che già protegge i messaggi, foto e video, sul primo dispositivo. Per aggiungere un nuovo smartphone sarà sufficiente andare sulle impostazioni dell’app, poi alla voce “dispositivi collegati” e toccare “collega un dispositivo”, per poi inquadrare il codice visualizzato sul display del primo telefono con il cellulare aggiuntivo. In alternativa, si può inserire il proprio numero di telefono su WhatsApp Web per ricevere un codice monouso da usare per collegare l’altro dispositivo. Nonostante la duplicazione del numero, Meta spiega che i diversi dispositivi associati verranno sempre considerati come secondari. Questo implicherà che lo smartphone principale dovrà essere online almeno una volta ogni 30 giorni per mantenere operativi i dispositivi collegati, altrimenti l’account verrà temporaneamente bloccato per inattività.

F.P.L.




Arte fotografica, Marcello Nitti da Taranto in Svezia con l’‘Infinito all’orizzonte’

Marcello Nitti, noto fotografo ed operatore culturale pugliese ritorna in Svezia, per una nuova mostra presso la prestigiosa galleria d’arte fotografica, Artphotocollection  di Göteborg, la seconda città più importante del Paese nordico.
 
Così Nitti spiega in poche parole le motivazioni essenziali della sua ispirazione d’arte fotografica: “poiché sentivo l’esigenza di cogliere l’attimo, mi sono sentito spinto a trasferire la mia visione su un foglio di carta. Un’attrazione fatale, si potrebbe dire… Ogni mia foto è un momento misterioso e magico, anche se tecnicamente spiegabile. Mi ha sempre entusiasmato la ricerca e la scoperta di nuovi linguaggi della fotografia. Le mie foto sono i miei sogni, la mia musica, le mie influenze cinematografiche e le mie conoscenze messe insieme. Attraverso questo curioso rapporto con la macchina fotografica, ho trovato me stesso. Mi sento costantemente spinto a esplorare nuovi orizzonti nella fotografia per sfidare i suoi limiti ed espandere le mie possibilità. Con un solo clic della mia macchina fotografica, mi trovo in un altro mondo dove la passione abbraccia la vita e il desiderio. Spingendo e azionando la macchina fotografica, mi trasporterò in molti mondi immaginari. Le mie foto sono cartoline del mio viaggio. Questo mi aiuta a migliorare e a crescere spiritualmente. Tutto questo è come un sogno ed un agganciarsi all’infinito che confina con l’orizzonte”.
 
Marcello Nitti è nato e cresciuto a Taranto, in Puglia. Continua a vivere nella città natia, importante insediamento urbano fondato dai Greci nell’VIII secolo a.C. lungo il Mar Ionio. Per oltre 30 anni ha sviluppato il suo rapporto con la fotografia, sfidando la sua pazienza e ampliando i suoi limiti e continuando a sperimentare. Una volta soddisfatto di aver catturato la visione, che può richiedere anche un anno e che lo impegna anche a posizionarsi in posizioni scomode per lunghi periodi di tempo, con un solo clic ferma l’immagine. Poi, senza alcuna manipolazione digitale, la traspone su carta fine art con inchiostro di alta qualità in vari formati. Ha al suo attivo varie mostre in Puglia e già 4 mostre in Svezia, a Stoccolma e Göteborg, tra il 2015 ed il 2020. Ogni foto è numerata, firmata, autenticata e garantita. (ng)
 
 
La mostra è stata inaugurata lo scorso 29 aprile e si concluderà il 31 maggio 2023
 
Galleria ArtPhotoCollection, Alfhemsgatan 5 , Göteborg, Svezia,
 
tel. +46 70 833 81 82;  info@artphotocollection.com    artphotocollection.com
 
 




Banca Popolare del Lazio, tra il “nuovo che non avanza più” e le “vecchie storie”: Orwell docet

Partito il count down per le votazioni online, che si terranno mercoledì prossimo e che decreteranno il nuovo CdA della Banca Popolare del Lazio.

Votazioni che arrivano all’indomani del clamore suscitato dalle dichiarazioni dell’imprenditore agricolo Domenico Capitani che sulle colonne di questo giornale ha caldeggiato la presentazione di una lista alternativa (lista dei Soci) a quella presentata dal Consiglio di Amministrazione. Una lista dei Soci che nelle intenzioni voleva “riportare la banca alla funzione originaria: la banca del territorio. La banca di riferimento di imprenditori e famiglie. La banca che cresce e che coinvolge l’assemblea dei soci. La Banca Popolare del Lazio dei vecchi tempi ma con uno sguardo a un futuro prosperoso.” Ma nulla è poi accaduto in quanto questa lista è stata ritirata.

Una notizia, quella della “Campagna di invasione” annunciata dall’imprenditore agricolo che con una certa dose di coraggio si è esposto in prima persona contro i “soliti noti”, che ha avuto l’effetto di suscitare nuove aspettative positive in tanti soci della banca per quello che riguarda soprattutto il valore delle azioni della banca che in questi ultimi anni sono “dimagrite”.  

Da voci di corridoio sembra che tre personaggi, additati addirittura come “traditori” per aver osato presentarsi in una lista alternativa a quella del Consiglio di Amministrazione, saranno epurati dai CdA della BPLazio e della controllata Blu Banca, nello specifico due da BPLazio e uno da Blu Banca. E sempre da voci di corridoio pare che i tre “traditori” saranno rimpiazzati da alcuni tra i promotori della seconda lista poi ritirata che doveva rappresentare una alternativa a quella del Consiglio di Amministrazione. Insomma, per dirla tutta, c’è chi ipotizza che questo sia il prezzo da pagare per la mancata presentazione della lista.

Ma vedremo nei prossimi mesi se queste voci di corridoio troveranno riscontri oggettivi. Per ora di sicuro qualche scontento in giro deve essere rimasto e sicuramente altri ne rimarranno.

Intanto vogliamo giocare al toto CDA immaginando come potrà essere composto.

Andando per esclusione, dal CdA della Blazio sono sicuri del posto i primi tre della lista, Capecelatro, Morelli e Lucidi e altrettanto sicuri sono i nuovi nomi e cioè Fabrizio Giallatini e Raffaella Romagnoli. Al primo chiediamo se intende terminare l’università oppure se ritiene che indicare nel proprio curriculum di aver sostenuto solo 13 esami universitari sia una nota di merito.

Alla dottoressa Raffaella Romagnoli chiediamo invece se si sentirà in difficoltà o quantomeno in imbarazzo a sedere nel CdA di BPLazio visto il ruolo di Presidente del Collegio sindacale ricoperto da suo padre Carlo Romagnoli. In pratica il controllore padre che controlla l’amministratrice figlia. Orbene, sarà pur vero che il dottor Carlo Romagnoli è avvezzo a ricoprire plurimi incarichi, anche in evidente conflitto di interessi, come per la vicenda della Natalizia Petroli, potendo sempre cavarsela affermando di non poter conoscere il nome di tutti i clienti che affidati dalla banca sono anche debitori delle società da lui controllate, e magari con gli affidamenti della Banca da lui controllata questi clienti pagano i debiti delle società sempre da lui controllate che a loro volta pagano il suo compenso per il lavoro professionale svolto. Ma non vogliamo credere che anche questa volta la grande mamma Banca d’Italia possa rimanere silente di fronte a un nepotismo talmente evidente da superare i confini delle opportunità.

Pensiamo, dunque, sia il caso che il dottor Carlo Romagnoli lasci il suo incarico nel Collegio sindacale della BPLazio eliminando questa a dir poco imbarazzante situazione in tutto simile alla presenza del dottor Alessandro Natalizia, che solo dopo i nostri solleciti, si è deciso infine, ad abbandonare la nave. Lasci il dottor Carlo Romagnoli il proprio posto a chi magari meglio di lui sappia essere arbitro e controllore realmente terzo, per il bene della Banca e del valore delle azioni, ormai considerate meno che carta straccia lasciata a marcire in mano ai soci, tanto ci sarà sua figlia a “coprirgli le spalle” ed evitare che qualcuno, magari uno di quelli curiosi che hanno visto la loro lista non presentata, possa andare a studiare qualche vecchio fascicolo (Millenium, Volsca, Di Giacomantonio, Protercave….).

Ma torniamo all’individuazione, per esclusione dei “traditori”, come visto cinque sono sicuri di rimanere, quindi i due che lasceranno la poltrona dovranno essere individuati tra i consiglieri Bologna, Capozzi, Patanè e Quattrociocchi. Per due di questi ultimi saranno mesi molto caldi quelli che si consumeranno prima dell’estate, forse è proprio questa logica, non condivisa, che ha indotto il bravo Professor Sambucci a dare le dimissioni non volendo essere coinvolto.

Noi almeno per uno dei quattro papabili, che ci ha gentilmente rilasciato una intervista telefonica, temiamo fortemente per la sua poltrona; del resto era già stato relegato all’ottavo posto della lista e quindi ritenuto sacrificabile dalla presentazione di una seconda lista, stiamo parlando del dottor Quattrociocchi che ha apprezzato la nostra chiamata, non condividendo l’invio di diffide da parte della Banca ad ogni nostro articolo ritenendo il diritto di cronaca un diritto costituzionalmente garantito e la disciplina a tutela delle liste di minoranza un segno di democrazia; Professor Quattrociocchi con queste sue “idee rivoluzionarie” temiamo sia destinato a lasciare il posto a chi fedelmente approva ogni attività del triumvirato, magari anche se non ha terminato l’università. A questo proposito, tra i tre componenti rimasti, solo uno è privo di titoli di studio, anche se nel suo primo curriculum ci teneva a far sapere che aveva due figli laureati e che probabilmente ha terminato la sua ragione di essere un componente del CdA. Il ragionier Paolo Bologna, dopo aver contribuito fattivamente al passaggio dal prof. Mastrostefano a quello a cui stiamo assistendo, non è più utile per la causa ed essendo riuscito a far acquistare alla Banca la società di brokeraggio nella quale sembra avesse interessi personali diretti ed indiretti, come stiamo scoprendo con altra e separata inchiesta, non potrà sottrarsi alla richiesta di alzarsi dalla poltrona.

I posteri potranno confermarci la bontà delle nostre predizioni; per ora attendiamo l’esito dell’assemblea nella certezza che non tutto è scritto, magari la Banca D’Italia deciderà di approfondire e andrà a segnalare quelle che a noi profani appaiono delle vere e proprie anomalie contenute nella Lista del Presidente (Lista Consiglio di Amministrazione), magari qualcuno dei professionisti della lista fantasma vorrà far accertare giudizialmente la legittimità delle operazioni, chissà, noi di sicuro saremo sempre vigili e presenti, anche se destinatari della ormai consueta diffida, noi di sicuro siamo coraggiosi.

Concludiamo restando fedeli a quello che è il nostro pensiero: la cultura innanzitutto. Ricordiamo quindi di leggere i grandi classici che da sempre sono faro e fondamento del sapere. Chi ricorda l’opera di George Orwell “La fattoria degli animali”? Viene descritto Napoleone, un maiale di razza berkshire antagonista principale del romanzo satirico non ha scrupoli morali, possiede delle qualità che lo hanno fatto emergere rispetto agli altri maiali, anche prima della rivoluzione. Rispetto all’idealismo del Vecchio Maggiore e di Palla di Neve (altri 2 maiali presenti nella storia), Napoleone è un opportunista e un despota, la cui crudele determinazione e capacità di persuadere gli animali meno intelligenti con l’eloquenza compensa una certa mancanza di intelligenza.

L’obiettivo di Napoleone è quello di impossessarsi della fattoria e soggiogare gli animali alla sua volontà, riesce nell’intento dopo aver partecipato alla rivolta contro il signor Jones (il fattore) e dopo aver ordinato ad alcuni cani, suoi scagnozzi, di cacciare via Palla di Neve dalla fattoria. Nel corso del suo regno Napoleone mantiene tutti i migliori vantaggi per se stesso, gli altri maiali, i cani e un gallo (suo servo) e non esita a stringere trattative con alcuni fattori per ottenere ancora più potere; alla fine mostra di essere diventato uguale agli umani che i suoi compagni della fattoria odiavano tanto, se non che peggio.




Dall’Ue un Cyber-scudo per la sicurezza informatica

Un Cyber-scudo per rafforzare la risposta Ue agli attacchi informatici e alle interferenze straniere sulle infrastrutture critiche.

E’ la proposta cardine del nuovo Cyber Solidarity Act adottato oggi dalla Commissione europea per rafforzare la sicurezza informatica, la cooperazione tra i Paesi membri e l’assistenza reciproca in caso di crisi. Il meccanismo prevede il dislocamento, a partire dal 2024, di centri operativi di sicurezza nazionali e transfrontalieri su tutto il territorio Ue.

I finanziamenti dedicati all’intero disegno di legge ammontano a 1,1 miliardi di euro, di cui circa i due terzi dal programma Europa digitale.

Nei piani dell’esecutivo comunitario, i centri operativi di sicurezza nazionali e transfrontalieri saranno incaricati di rilevare e agire sulle minacce informatiche attraverso tecnologie all’avanguardia come l’intelligenza artificiale e l’analisi avanzata dei dati, condividendo tra loro “in modo tempestivo” le allerte sugli incidenti oltre frontiera.

“Traendo spunto dalla guerra anche cibernetica in Ucraina, ora stiamo rafforzando la nostra resilienza e capacità di risposta”, ha evidenziato il vicepresidente Ue, Margaritis Schinas, spiegando che il nuovo Cyber Solidarity Act rappresenta “un cambiamento radicale nella capacità operativa di rilevare, proteggere e rispondere alle minacce informatiche, sia a livello nazionale che dell’Ue”.

F.P.L.




Charmed, Cancer e altri progetti europei: gravi accuse di truffa. Si muove l’Europa

La European Research Executive Agency –REA ha deciso di consegnare il caso LUMC nelle mani della Guardia di Finanza olandese e dell’Autorità giudiziaria competente

In Olanda il Comitato esecutivo del Centro Medico universitario di Leiden (LUMC) ha riscontrato gravi irregolarità nella contabilizzazione delle sovvenzioni europee in alcuni progetti di ricerca.  

Sono state adottate misure legali nei confronti di tre dipendenti del centro universitario olandese. Si tratta di due professori associati e di un tecnico di ricerca. I tre soggetti si sono resi complici di falsificazione di dati comunicati all’Unione Europea.

Quanto emerso sarebbe solo la punta di un iceberg rispetto a quello che appare come un vero e proprio scandalo che riguarda la frode perpetrata da alcuni soggetti che hanno beneficiato di fondi Europei in più paesi, compresa l’Italia

Nei progetti tornano sempre alcuni personaggi che sono perlopiù privi di requisiti professionali idonei per le ricerche scientifiche e che hanno coinvolto anche importanti università, società, associazioni e persone che ormai sono stati sospesi dai progetti europei.

Diversi partecipanti di questi progetti come Cancer e Charmed sono risultati privi di qualsiasi competenza per poter svolgere i compiti di ricerca scientifica e di innovazione, requisiti fondamentali per poter accedere ai finanziamenti europei Horizon2020.

Nel frattempo la società Percuros B.V., capogruppo di diversi progetti coinvolti, sembrerebbe aver chiuso i battenti nella sua sede olandese.  

Adesso in molti si chiedono: come è possibile che l’Europa abbia approvato dei progetti che tra i partners vedono addirittura coinvolte una agenzia immobiliare e un centro del turismo?

Infatti, il centro universitario LUMC ha recentemente ricevuto richieste di chiarimenti dalla UE in merito ai giustificativi dei costi sostenuti in una serie di progetti europei. In tutti i casi, nei progetti è sempre risultato coinvolto lo stesso soggetto esterno. Questo soggetto risulta specializzato nell’acquisizione e nel coordinamento di progetti UE e non lavora solo per la LUMC. La collaborazione del centro Universitario dei Paesi Bassi con questo soggetto esterno è stata interrotta.

LUMC non ha ancora rivelato il nome del soggetto esterno, perché ha ancora in piedi un contratto in essere con questa società e quindi andrebbe incontro ad una serie di violazioni.

Il centro universitario LUMC ha avviato subito tutti gli accertamenti del caso, tra cui un’ampia indagine interna sulle azioni del personale del centro. Questa indagine ha rilevato quella che è stata definita come “una frode sistematica” in almeno tre progetti.

I risultati sono stati tali che si è deciso immediatamente di adottare misure legali contro i tre dipendenti.

Ma non è tutto perchè nelle indagini di LUMC si è scoperta una lista di persone che per l’Unione Europea hanno dichiarato false trasferte (secondment), infatti a tale riguardo non sono stati trovati biglietti aerei di andata e ritorno e mancano le registrazioni dei soggetti interessati allo scambio di ricerca scientifica. Questo perché con i progetti RISE i professionisti devono necessariamente spostarsi e condividere tecniche e conoscenze tra laboratori.

È per questo che comunque la LUMC rischia di essere accusata di complicità perché per l’Europa risulta molto difficile che all’interno del centro medico universitario di Leiden non si conoscessero certe dinamiche fraudolente.   

Freeda van den Maagdenberg, membro del Comitato esecutivo del LUMC è sconcertata: “Siamo sconvolti della gravità dei fatti. Non sono in linea con l’affidabilità e l’integrità che ci si aspetta da noi. La LUMC sta traendo insegnamento da questa vicenda. Per questo motivo esamineremo con maggiore attenzione ciò che possiamo e dobbiamo fare ora per evitare che ciò accada in futuro”.

Un comitato esterno è stato incaricato di valutare l’organizzazione e la gestione dei progetti a tutti i livelli della LUMC e di redigere una relazione consultiva in merito per il Comitato esecutivo. La LUMC ha risposto alle domande dell’UE e ha condiviso con essa le informazioni rilevate dall’indagine interna. Il Centro LUMC ha espresso piena collaborazione con le Autorità competenti e fornirà tutte le informazioni necessarie.

Ciononostante la situazione è molto grave e complessa per i progetti Europei nell’ambito di Horizon2020 quali Cancer, Charmed, Prisar, Prisar 2.

Ora la European Research Executive Agency –REA ha deciso di consegnare il caso LUMC nelle mani della Guardia di Finanza olandese e dell’Autorità giudiziaria competente.  A causa di queste indagini tutti i progetti suindicati sono sospesi.




Banca Popolare del Lazio, votazioni online: ecco i nomi del “Nuovo che avanza”

“Rimettere al centro i soci della Banca Popolare del Lazio senza alcun stravolgimento rivoluzionario”. Questa la mission della “Lista N. 2″ che presenteranno oggi i soci in alternativa a quella del Consiglio di amministrazione della banca.

La Bpl si presenta all’assemblea prevista per il 2 – 3 maggio 2023 che prevede, tra l’altro, il seguente punto all’ordine del giorno: “Nomina di n. 9 componenti del Consiglio di Amministrazione, con decorrenza ed efficacia a partire dal 4 maggio 2023, in sostituzione di n. 9 amministratori”.

Ricordiamo che lo scorso 27 marzo si sono dimessi tutti e 9 i componenti del Consiglio d’amministrazione della Banca che ora si ripresentano con “Lista Presentata dal Consiglio di Amministrazione” al vaglio di un assemblea online, grazie alla normativa anti covid ancora in vigore fino al prossimo 31 luglio, per restare in carica altri tre anni.

Insomma le votazioni online vedono schierati, passateci questa blanda definizione, il vecchio e il nuovo che avanza.

Evidenziamo infine, come già scritto in precedenza, l’incongruenza tra quanto asserito dagli stessi vertici, in una nota integrativa ad un precedente comunicato, in merito al fatto che le dimissioni e le ricandidature sarebbero state motivate per rispettare il principio delle quote rosa. Peccato che abbiano inserito nella lista del Consiglio di amministrazione una sola donna tra i primi posti, lasciando la seconda figura femminile all’ultimo posto, ben sapendo che in presenza di una ulteriore seconda lista, automaticamente gli ultimi due nominativi vengono esclusi. Quindi, perché non aspettare la scadenza naturale prevista l’anno prossimo anziché dimettersi adesso in fretta e furia, visto che di fatto non si sono preoccupati di posizionare le quote rosa tra i primi posti della lista? “A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina” diceva Giulio Andreotti.

I nomi della lista del Consiglio di amministrazione sono:
Capecelatro Edmondo Maria
Lucidi Massimo
Morelli Sabrina
Bologna Paolo
Capozzi Corrado
Giallatini Fabrizio
Patanè Michele
Quattrociocchi Bernardino
Romagnoli Raffaella

I nomi della lista Lista dei Soci, sono:
Gambararo Enzo
Picca Roberta
D’Erme Federica
Freddi Serena
Serra Marco Esperto
Vitale Italo Esperto
Caldiero Francesco
Di Mambro Edoardo
Ferrazza Giulio




Torna Fotoantiquaria: Arezzo celebra la fotografia “vintage”

Domenica 30 aprile appuntamento con la storica mostra-mercato di fotocamere, cineprese e attrezzature fotografiche d’epoca, imperdibile per appassionati e collezionisti
Fotocamere, cineprese e attrezzature fotografiche antiche protagoniste di una mostra che è un vero e proprio paradiso per chi ama la fotografia d’epoca: domenica 30 aprile ad Arezzo torna l’appuntamento con FOTO ANTIQUARIA, la storica mostra-mercato – organizzata dalla Fondazione Arezzo Intour in collaborazione con Foto Club “La Chimera” di Arezzo – che è appuntamento imperdibile per appassionati e collezionisti. Dalle ore 9.00 alle ore 18.00 sotto le suggestive Logge del Vasari, in Piazza Grande, in mostra le rarità proposte da oltre 30 espositori provenienti da ogni parte d’Italia
Sotto le suggestive Logge del Vasari che incorniciano la monumentale Piazza Grande, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, oltre 30 espositori provenienti da ogni parte d’Italia daranno vita a una singolare fiera dove sarà possibile acquistare o scambiare apparecchiature sia analogiche che digitali usate o fuori produzione e ci si potrà muovere alla ricerca di pezzi rari e introvabili per arricchire la propria collezione o per riparare una antica fotocamera.
Non mancherà una sezione dedicata alla vendita di cartoline, libri e pubblicazioni varie di carattere fotografico.
“Fotoantiquaria – commenta Simone Chierici, presidente della Fondazione Arezzo Intour e assessore al turismo del Comune di Arezzo – è una delle tante manifestazioni che, come la Fiera Antiquaria, sono ormai parte del calendario degli appuntamenti immancabili della nostra città. Una mostra mercato unica e particolarissima che, nel cuore di uno dei centri storici più suggestivi e belli d’Italia, omaggia la fotografia vintage conquistando appassionati e curiosi. Un evento che, celebrando una particolare passione, contribuisce a rendere Arezzo un punto di riferimento per il mondo dell’antiquariato e del collezionismo”.
Nata nel 1986 e prima in Italia, FOTO ANTIQUARIA propone due appuntamenti annuali (uno in primavera e uno a fine estate) ed è visitata da migliaia di appassionati in cerca di occasioni uniche.
Un motivo in più per visitare Arezzo e il suo straordinario centro storico, magari dedicando qualche scatto anche alle bellezze storico artistiche che la città e il suo territorio presentano.




Banca Popolare del Lazio, raccolta compulsiva di deleghe e l’idea di una terza lista: torna a parlare Domenico Capitani

A pochi giorni dalla prima intervista, torniamo a chiedere aggiornamenti all’imprenditore agricolo Domenico Capitani che sta aiutando un gruppo di professionisti a formare una lista per l’elezione del nuovo CDA della Banca Popolare del Lazio che sia contrapposta a quella promossa dai vertici della Bpl, i quali senza aspettare la scadenza naturale del loro mandato si sono dimessi in massa e usufruiranno delle elezioni “online” previste per legge dalla normativa anticovid ancora in vigore.

Come procede la corsa alla presentazione della lista dove lei per altro, lo ricordiamo, non è candidato?

Non pensavamo di scatenare tutto questo putiferio dando vita ad una lista dei soci alternativa alla lista del Cda della banca invece siamo alla “lesa maestà“.

Perché crede che un’azione così legittima sia stata vista come un affronto più che un atto di democrazia?

Senz’altro. Qualsiasi azione che possa soltanto lontanamente minare la possibilità che certe poltrone non vengano più confermate per i soliti noti è vista come un grande affronto. Vorrei invece informare che è un diritto dei soci previsto dalla legge e dallo statuto della banca cooperativa quindi non lediamo nessun diritto altrui, non ci vogliamo comprare la banca non vogliamo sistemarci, visto che non siamo candidati, la nostra lista è composta da professionisti che rappresentano un po’ tutti i territori dove è presente la banca e da esperti del settore di grande rispetto.

Qualcuno sta anche mettendo in giro la voce che volete portare la banca a Latina. È vero?

Non vogliamo assolutamente portare la banca a Latina, Velletri per noi è sacra, intendiamo fermamente dare l’opportunità ai soci di scegliere tra più nomi, com’è giusto che sia.
Non capiamo tutta questa agitazione: soci convocati a pranzo all’interno della sede centrale, ci dicono cucinava Benito, e se lo avessimo saputo saremmo venuti anche noi a gustare l’ottima cucina. Poi ci sono stati soci meno fortunati convocati nelle filiali per firmare deleghe. Per quale lista se ancora non scade il termine di presentazione?

Si dice che la banca stia preparando un’altra lista

Ne siamo felici anche se ci chiediamo: con quale scopo ne realizzano un’altra visto che ce ne hanno già una?

Invece voi continuate a raccogliere adesioni. Sembra proprio che non vi lasciate intimorire da nulla.

Siamo molto motivati. I soci che volessero sottoscrivere la nostra lista lo possono fare in piena autonomia e libertà presso il notaio Riccardelli con studio a Latina.
Tra le tante pochezze di questa vicenda c’è nè una che mi rattrista di più delle altre: l’indifferenza totale da parte di chi è preposto al controllo. Sono dinamiche che non restano indifferenti a molte persone.

Come pensa che andrà a finire?
Noi riteniamo di aver già di aver ottenuto un primo grande successo che è quello di aver insinuato un nuovo virus in Bpl, visto che i vertici si considerano ancora in pandemia per l’assemblea ma non per i pranzi tra soci privilegiati. Ormai abbiamo insinuato il virus della democrazia e innescato un percorso impossibile da interrompere.