Connect with us

Frosinone

Ceprano: firmato il Manifesto del Contratto di Fiume del Sacco

Clicca e condividi l'articolo

Legambiente "Soddisfazione per l'avvio del Contratto di Fiume dopo due anni di lavoro"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

 

Redazione

 

CEPRANO (FR) – A Ceprano, durante la serata di venerdì 5 maggio 2017, nell'ambito di un incontro del coordinamento dei sindaci della Valle del Sacco, con la presenza anche della Regione Lazio e delle associazioni che ne hanno animato il percorso fino a qui, si è ratificato il Manifesto di Intenti per il Contratto di Fiume del Sacco, sottoscritto nell'occasione da tutti i presenti. "Siamo molto soddisfatti per l'avvio del contratto di Fiume del Sacco – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – ora bisogna mettersi al lavoro perché questo straordinario strumento di partecipazione, riqualificazione dello stato dell'acqua e contrasto ai rischi idrogeologici, dia presto i suoi frutti con il cronoprogramma definito.
 
Il contratto di Fiume del Sacco ha poi il valore aggiunto di ricadere in un territorio di bonifica, potendo così interagire con tale opera e i conseguenti studi approfonditi dei terreni ripariali e dell'acqua. Siamo fieri di aver dato l'avvio a tutto questo percorso e di aver trovato prima associazioni e poi amministrazioni particolarmente attente ai temi ambientali sul territorio, con le quali l'integrazione è stata evidentemente fruttuosa visto il risultato ottenuto, raggiunto anche per l'importante sostegno ai contratti di Fiume che sta arrivando dalla Regione". Era stata proprio l'associazione del cigno verde ad avviare il percorso verso il Contratto di Fiume del Sacco, con un primo incontro organizzato dal circolo Legambiente Anagni due anni fa; a Legambiente si sono unite le associazioni Retuvasa e Pulliano arrivando insieme alla stesura della prima bozza del Manifesto.
 
Attraverso poi il coordinamento della Regione, in particolare della Consigliera Cristiana Avenali, e al lavoro di amministrazioni come Ceprano e Anagni, si è arrivati alla firma di ieri, con la presenza della stessa consigliera regionale Cristiana Avenali, del responsabile ufficio regionale Contratti di Fiume Eugenio Monaco e della consigliera Daniela Bianchi. I firmatari che oggi sono diventati il comitato promotore del Contratto di Fiume sono le associazioni Legambiente, Retuvasa, Pulliano, Coldiretti Lazio e i comuni di Anagni, Acuto, Arce, Carpineto Romano, Ceprano, Colleferrro, Gavignno, Falvaterra, Ferentino, Fumone, Genazzano, Morolo, Paliano, Patrica, Piglio, Segni, Serrone e Valmontone.
Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Cassino, preso “il Colombiano”: 12 arresti per traffico di droga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

con l’operazione convenzionalmente denominata “IL COLOMBIANO” i
Carabinieri della Compagnia di Cassino e la Squadra Mobile di Frosinone, sotto il coordinamento della D.D.A. di Roma, nella mattinata odierna, hanno eseguito dodici ordinanze di custodia cautelare in carcere ed ai domiciliari – emesse dal GIP del Tribunale di Roma – nei confronti degli indagati, accusati a vario titolo ed in concorso fra loro, per aver costituito, organizzato e promosso, un radicato ed esteso traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e marijuana.

L’indagine, traeva spunto dalle dichiarazioni rese, in tempi diversi, a Polizia e Carabinieri, da cittadini stranieri e relativa attività informativa, che indicavano due fratelli di Sant’Elia Fiumerapido (FR) ed altri soggetti a loro vicini nella gestione di un traffico di sostanze stupefacenti.
Evidenziandosi un’associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti ex art. all’art. 74 DPR n.309/90, l’attività, nata inizialmente con la Procura della Repubblica di Cassino, veniva successivamente coordinata dalla D.D.A. di Roma.

Nel corso degli ultimi mesi del 2016, grazie a sevizi di O.C.P. svolti nei pressi dell’abitazione dei citati fratelli, la P.G. operante riusciva ad ottenere riscontri investigativi sull’attività di spaccio condotta dai medesimi, utili per avviare un’attività tecnica di captazione (da febbraio a luglio 2017).

Gli elementi raccolti durante le indagini costituiti da numerosi sequestri penali e amministrativi, evidenziarono una fluente attività di spaccio, promossa, condotta ed organizzata proprio dai due fratelli di Sant’Elia Fiumerapido, i quali provvedevano, per il tramite di un soggetto di origine
campana stanziale in Sant’Apollinare (FR), che si avvaleva della preziosa ed insospettabile collaborazione del di lui fratello (Agente della Polizia di Stato tratto in arresto in Cassino nella fase investigativa poiché trasportava 12 kg di hashish ed 1 kg di cocaina) a rifornirsi dello stupefacente
dalla vicina Campania. I due germani di Sant’Elia Fiumerapido provvedevano alla commercializzazione ed allo spaccio unitamente ad altri sodali.
Nel corso dell’indagine affiorava, fin da subito, la scaltrezza delinquenziale degli indagati atta ad eludere eventuali attività investigative a loro carico. Infatti non solo ricorrevano all’utilizzo di linguaggio criptico e/o di copertura nelle conversazioni telefoniche, ma erano soliti:
 utilizzare social network, quali Facebook, istagram ed applicazioni quali WhatsApp per impedire di tracciare sia le comunicazioni tra loro che quelle con i loro clienti;
 utilizzare schede telefoniche intestate a terze persone, in modo da impedire una loro rapida identificazione,
 provvedere a cambiare schede telefoniche utilizzate ogni qual volta incappavano, sia loro stessi che i loro complici impiegati nella vendita delle sostanze stupefacenti, in controlli delle Forze di Polizia;
L’attività investigativa, durata circa 6 mesi, permetteva di arrestare in flagranza di reato 8 persone, di denunciare in stato di libertà altre 7 persone per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, di segnalare alla Prefettura di Frosinone vari assuntori di hashish/cocaina, e di sottoporre a sequestro kg 1,325 di cocaina, kg 22,650 di hashish, grammi 242,068 di marijuana, due pistole risultate rubate, vari bilancini di precisione, sostanze da taglio e materiale per confezionamento.

L’indagine, consentiva di evidenziare l’esistenza di un sodalizio criminale di stanza in S.Elia Fiumerapido (FR) con ramificazioni nell’intero cassinate, dedito al traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e marijuana.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Fondi, Itri, Campodimele, Lenola, Pontecorvo e Pico: è qui che si studia il lupo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Mappare le presenze, intercettare gli spostamenti e soprattutto studiare la territorialità.  Il Lupo al centro di un’importante ricerca nel territorio del Parco dei Monti Aurunci, nelle province di Latina e Frosinone e più precisamente nei territori di Fondi, Itri, Campodimele, Lenola, Pontecorvo e Pico. A promuovere lo studio è stato proprio il Parco dei Monti Aurunci. Il Presidente del Parco Marco Delle Cese ha sottoscritto due importanti convenzioni, a titolo gratuito, con l’associazione Wolf Aurunci e con l’associazione Ambiente Natura e Vita. Una ricerca che arriva alla vigilia del Piano Nazionale di Monitoraggio del Lupo che sarà avviato dall’Ispra e presentato a dicembre scorso. 
Il progetto, che sarà attivo per i prossimi 3 anni, rientra nelle finalità istituzionali dell’Ente rivolte alla conservazione e alla valorizzazione del suo patrimonio culturale. Il parco dei Monti Aurunci, infatti, sin dalla sua istituzione e dopo il recupero naturale della specie (scomparsa dalla catena degli Aurunci agli inizi del 1900 e riapparsa negli anni 70), ha avviato una serie di progetti e ricerche volti a migliorare la conoscenza del patrimonio naturalistico presente del comprensorio con l’obiettivo di calibrare in maniera adeguata le conseguenti azioni e strategie di conservazione. 
Lo studio avverrà con l’installazione di foto trappole e con l’individuazione dei branchi attraverso la tecnica dell’ululato indotto (wolf howling) preregistrato tramite strumentazione oppure a voce. Uno studio di fatto già partito e favorito, in questo periodo invernale, dalla neve che permette di isolare le piste lasciate dai lupi lungo i tragitti nel territorio del Parco. “Si tratta – ha spiegato il presidente del Parco Marco Delle Cese – di un passo fondamentale per il rilancio del patrimonio naturalistico. Avere informazioni di dettaglio sulle specie che vivono nel Parco è la missione principale dell’Ente, per questo abbiamo avviato le collaborazioni con le associazioni del territorio che ringrazio”.
“Un’attività di ricerca sulla biodiversità, con il monitoraggio e l’osservazione dei Lupi – ha aggiunto il direttore del Parco Giorgio De Marchis –  nella quale saranno impegnati i tecnici del Parco e i volontari delle associazioni.  Lo studio assume particolare importanza ed è propedeutico al piano nazionale di Monitoraggio del Lupo che sarà redatto dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale su incarico del Ministero dell’Ambiente”.

Foto di Marcello De Meo

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Frosinone

Cassino, maltrattamenti all’asilo: sospese due maestre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASSINO (FR) – La polizia di Cassino (Frosinone) ha eseguito un’ordinanza di misure cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Cassino nei confronti 2 maestre, di 54 e 63 anni, di una scuola dell’infanzia per maltrattamenti continuati nei confronti di bambini. Nei loro confronti è scattata la misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio di insegnante.

La polizia ha cominciato a indagare dopo il racconto dei genitori di un bambino. Gli accertamenti hanno fatto emergere elementi ritenuti di “rilevante gravità”.

Le due maestre avrebbero avuto, quasi quotidianamente, comportamenti violenti, spintonando, strattonando, trascinando con forza gli alunni e, in alcuni casi, percuotendoli con schiaffi alla testa e costringendoli anche a rimanere con il capo riverso sul banco. Punizioni umilianti e pericolose, come è emerso dalle indagini, per la loro incolumità. Ci sarebbero state anche minacce verbali come “Ti faccio cadere tutti i denti”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2019
L M M G V S D
« Gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it