1

Certi italiani brava gente? Ciò che si fa all’ombra di un partito che si autodefinisce ‘democratico’

Fin da piccoli ci hanno inculcato questo sano concetto: che gli Italiani sono ‘brava gente’, che non fanno male ad altri popoli, che non sono come i nazisti di Hitler o i comunisti di Stalin.
Che, insomma, la storia ci assolve sia per le conquiste dell’Africa che per la guerra persa, la Seconda. Perché la prima pare che l’abbiamo vinta… Ci assolve anche per altri fatti, di cui nessuno parla, ma si sa, la guerra è guerra. E ci fermiamo qui. Dopo l’ultima guerra tutti abbiamo tirato un sospiro di sollievo, rialzato la testa, medicato le ferite e cercato di riprendere a vivere, dopo essere sopravvissuti – quelli che ci sono riusciti. I cattivi erano i fascisti, Mussolini è stato falsamente fucilato, e poi appeso a testa in giù a piazzale Loreto (ma non eravamo ‘brava gente’?) e così via. L’oro di Dongo è sparito nelle casse di chissà chi – qualcuno dice del PC. Insomma, tutto normale. Abbiamo goduto qualche decennio di democrazia, anzi, di Democrazia Cristiana, fino a Mani Pulite.

Mani Pulite? Ma non eravamo ‘brava gente’?

Insomma, qualcuno dice che siamo in democrazia, specialmente se nel suo logo esiste l’appellativo ‘democratico’, riferito al suo partito. Cioè, tutto ciò che si fa all’ombra di un partito che si autodefinisce ‘democratico’, secondo alcuni va bene. Secondo altri, no. Specialmente secondo chi vuol vedere chiaro – impresa improba – nella politica odierna, dove alte nubi di fumo-geni si alzano appena si cerca di farlo. Se è vero – come dovrebbe essere vero – che in democrazia è prevista l’alternanza, questo significa che ogni tanto i governi vanno cambiati, secondo come il precedente esecutivo ha gestito la cosa pubblica, e secondo come esso è stato giudicato dai cittadini che, ricordiamolo, in democrazia, sono quelli che comandano – o almeno, dovrebbero.
Il governo di Gentiloni, Renzi, e prima di lui di Letta, Monti eccetera non sembra aver soddisfatto gli Italiani; quel governo, cioè, propiziato da Re Giorgio ed espresso sotto il simbolo PD. Democratico, appunto.

L’attuale compagine governativa è stata scelta a furor di popolo e con tante difficoltà proprio dai cittadini

Ma chi non rispetta le italiche scelte sono proprio gli appartenenti a quel Partito che Democratico vorrebbe apparire. Quotidianamente insulti, menzogne e falsità vengono propinate ai cittadini meno provveduti e meno propensi all’approfondimento, da parte di un esecutivo che i cittadini stessi hanno mandato a casa. Senza guardare la trave nel proprio occhio, denunciano la pagliuzza nell’occhio altrui. Nessun quotidiano, o quasi, ma in tono sommesso, parla del caso Tiziano Renzi, e dei soldi dell’Unicef, né i tiggì ne fanno menzione. Mentre l’imam Martina a tutto campo imperversa in televisione con le sue verità, piuttosto opinabili. Tutti i telegiornali parlano dei 49 milioni della Lega, mentre nessuno parla dei 6 mln e 600.000 dollari dell’UNICEF che sono spariti, qualcuno ipotizza, nelle società della famiglia Renzi. Nessuno parla delle nove auto di lusso che costituivano la scorta del presidente del Consiglio Matteo Renzi, pagate dallo Stato, cioè da noi, mentre c’è gente che non può permettersi una utilitaria. O dell’aereo in leasing che è stato – pare – reso a chi lo aveva noleggiato alla presidenza del Consiglio – leggi ancora Matteo Renzi.
I social denunciano altre cifre: 600 mln di euro spariti di Banca Etruria; 49 milioni dal Montepaschi; 419 mln per la ricerca; e così via. Tutte voci da controllare, ma probabilmente veritiere. Attendiamo smentite. Unitamente ai – pare – 30 mln di euro per i terremotati.

Detto questo, certi Italiani non sembrano tanto ‘brava gente’, a meno che tutta questa mostarda non la si voglia attribuire ad una forza estranea all’Italia.

Sempre tenendo presente che i fascisti ‘sono cattivi’. Asserzione sulla quale certamente troveremo un ampio consenso. Questo è il motivo per cui Mussolini, la Petacci e i vari gerarchi, defunti, furono appesi a testa in giù a Piazzale Loreto. Ma la ‘brava gente’ non fa queste cose. Sputare su di un cadavere, pisciargli addosso e prenderlo a calci non denota una persona buona. Allora potremmo dire: ‘Certi italiani non brava gente’. Questo è il motivo per cui condanniamo senza riserve l’autore, o gli autori, del murales apparso – telecamere di sorveglianza niente? – su di un muro a Torino, che rappresenta Salvini a testa in giù. Come Mussolini. Che era cattivo in quanto fascista. Ma quelli che hanno dipinto questa ignobile figura, sono buoni, pur non essendo fascisti, o, per il gioco delle parti e degli opposti, comunisti? I comunisti sono cattivi? Se fanno queste cose, senz’altro sì. Se fanno queste cose, non rispettando la volontà popolare, liberamente espressa con il voto, certamente non sono buoni. Anzi. Diventano peggio di coloro che vogliono censurare. Sono peggio di coloro che odiano, fino al punto di raffigurarli a testa in giù, come Mussolini, la Petacci e i gerarchi fucilati a Dongo, in riva al lago, dove ancora la ringhiera sull’acqua conserva i segni delle pallottole. Democrazia a senso unico? È quella che vorrebbero l’imam Martina e i suoi compari. Sono peggio dei fascisti? Certamente sì, se si comportano in modo tale da fomentare e giustificare queste azioni idiote e ripugnanti. Italiani ‘brava gente’? Ahimè, non più.

Roberto Ragone