Connect with us

Roma

CIAMPINO, APPALTI: IN MANETTE L'IMPRENDITORE MOLLICA. PERQUISIZIONI IN TUTTA ITALIA

Clicca e condividi l'articolo

L'uomo si era aggiudicato importanti appalti ed era legato a diverse società capitoline e di Venezia

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Ciampino (RM) – Oggi i finanzieri del comando provinciale di Roma hanno eseguito due provvedimenti cautelari emessi dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, nei confronti del noto imprenditore di origini siciliane Pietro Tindaro Mollica (classe '61), attivo nel settore delle opere pubbliche su scala nazionale, tanto da avere vinto nel tempo appalti per centinaia di milioni di euro. Oltre all'arresto in carcere di Mollica, le Fiamme gialle stanno anche eseguendo il sequestro di beni per circa 108 milioni di euro e decine di perquisizioni in tutta Italia. L'operazione odierna, convenzionalmente denominata «Variante inattesa», dal gergo degli appalti, interviene all'esito di complesse indagini coordinate della direzione distrettuale Antimafia della procura della Repubblica di Roma e svolte dal nucleo di polizia tributaria della Capitale, che hanno consentito di accertate plurime fattispecie di reato di bancarotta fraudolenta per distrazione aggravata, estorsione ed interposizione fittizia. Per arrivare a tali importanti risultati fondamentali si sono rivelate le intercettazioni telefoniche, gli accertamenti economico-patrimoniali e finanziari, le acquisizioni documentali presso enti pubblici, l'attività dinamica sul territorio, i sopralluoghi, i pedinamenti e le audizioni delle persone informate sui fatti eseguite dagli specialisti del Gico (Gruppo investigazione criminalità organizzata).

L'attività investigativa volta ha consentito di ricostruire l'operatività criminale del gruppo capeggiato da Pietro Tindaro Mollica, imprenditore di origini siciliane operante nel settore degli appalti pubblici da almeno un ventennio, amministratore di fatto delle aziende destinatarie dell'odierno provvedimento di sequestro, seppur fittiziamente intestate a prestanome (parenti e/o soggetti terzi). Più in particolare, ricostruendo le vicende gestionali del Consorzio Aedars Scarl con sede in Roma, si è tra l'altro accertato che, nel corso nel corso del decennio 2003-2013, lo stesso si fosse aggiudicato una serie di importanti appalti pubblici, su scala nazionale, tra cui spiccano le commesse, allo stato ancora in fase di esecuzione, indette dall'ufficio del commissario straordinario delegato per il rischio idrogeologico nella Regione Calabria, dall'Adr – Aeroporti di Roma spa, dall'Anas Spa – Sicilia, dalla Regione Sardegna, dalla Provincia di Reggio Calabria, dalla Provincia di Siracusa, dal Comune di Sessa Aurunca (CE), dal Comune di Rosarno (RC) e dal Comune di Ciampino (RM), con un valore attuale degli appalti già vinti pari ad oltre 118 milioni di euro. Inoltre, è stata accertata la riconducibilità al Mollica anche delle società Fracla spa (già Fracla srl), con sede a Roma, e Operae srl, con sede a Venezia, aziende peraltro consorziate alla citata Aedars ed anch'esse attive negli appalti pubblici; tutte, secondo ipotesi d'accusa, strumentalmente utilizzate per porre in essere illecite condotte riferibili a fatti di bancarotta concordataria fraudolenta per distrazione aggravata. Le reiterate condotte illecite acclarate e dettagliatamente ricostruite dai finanzieri del nucleo polizia tributaria di Roma, hanno consentito di apprezzare il concreto ed attuale pericolo ascrivibile in capo al dominus Pietro Tindaro Mollica, intento alla spoliazione dei beni delle nominate aziende, anche favorito dai propri consulenti, legali e contabili. In pratica, all'esito delle investigazioni, è emerso come il Pietro Tindaro Mollica, al vertice della struttura societaria investigata, amministratore di fatto del Consorzio Aedars e delle collegate Fracla Spa e Operae Srl, conscio dell'impossibilità assoluta di comparire formalmente nelle società per instaurare rapporti negoziali con la pubblica amministrazione, a causa dei suoi trascorsi giudiziari, abbia utilizzato un consorzio e società fittiziamente attribuite ad altri per continuare scientemente ad operare, da svariati anni, nel remunerativo settore degli appalti pubblici.

Tale assetto societario non era però sfuggito agli investigatori tanto che l'ente consortile era stato destinatario di due interdittive antimafia emesse dalla Prefettura di Roma, tuttavia annullate dal Tar Lazio e dal consiglio di Stato. Nel corso delle indagini sono altresì emerse responsabilità penali del Mollica e dei suoi sodali anche in ordine ad ulteriori episodi di estorsione e di bancarotta fraudolenta, conseguenti al fallimento della Trivella srl (già consorziata dell'Aedars), dichiarata fallita con sentenza del tribunale di Roma in data 9 febbraio 2012. In sintesi, con l'odierna operazione, i finanzieri del Gico del nucleo di polizia tributaria di Roma hanno dato esecuzione ai seguenti provvedimenti emessi dal Tribunale della capitale su richiesta della locale procura della Repubblica: ordinanza applicativa di misura cautelare della custodia in carcere, nei confronti di Pietro Tindaro Mollica, per i reati di bancarotta fraudolenta per distrazione aggravata ed estorsione; ordinanza applicativa di misura cautelare personale in carcere e reale, sempre nei confronti del medesimo Mollica, per i reati di bancarotta concordataria fraudolenta per distrazione aggravata, interposizione fittizia di beni, con contestuale sequestro preventivo in funzione di confisca obbligatoria: 75% del fondo consortile, intero complesso aziendale e tutti i beni del Consorzio stabile Aedars di Roma (composto, allo stato, da 5 partecipazioni societarie, due unità immobiliari site in Patti, cinque auto/motoveicoli, contratti in essere con le stazioni pubbliche appaltanti, pari a euro 117.286.835,00); capitale sociale, intero complesso aziendale e tutti i beni della Fracla spa di Roma (composto, allo stato, da 2 partecipazioni societarie e 8 unità immobiliari, site a Piraino e Varese); capitale sociale, intero complesso aziendale e tutti i beni della Operae srl di Venezia (composto, allo stato, da 2 unità immobiliari site a Brolo, 2 partecipazioni societarie, contratti in essere con le stazioni pubbliche appaltanti, pari a euro 1.052.881,00; 24 perquisizioni tra Lazio, Sicilia e Veneto, nei confronti di 14 indagati e delle aziende destinatarie dei provvedimenti di sequestro, con contestuale notifica delle informazioni di garanzia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Metropoli

Valmontone, ruba all’interno dell’outlet approfittando della confusione domenicale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VALMONTONE (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno arrestato un 48enne con l’accusa di furto aggravato messo a segno all’interno dell’Outlet di Valmontone.

L’uomo, approfittando del notevole afflusso di persone nella calda domenica appena trascorsa, è entrato in azione facendo razzia di abbigliamento e calzature sportive in due negozi. Grazie ai servizi di controllo predisposti, alla proficua collaborazione con il personale di vigilanza dell’Outlet e alla segnalazione dei responsabili degli esercizi commerciali “visitati”, i Carabinieri della Stazione di Valmontone l’hanno immediatamente bloccato.

La refurtiva, del valore complessivo di 550 euro, è stata recuperata e restituita ai responsabili dei negozi.
L’arrestato è stato trattenuto in stato di arresto in caserma in attesa di giudizio innanzi al Tribunale di Velletri.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Scossa di terremoto, epicentro ai Castelli Romani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTELLI ROMANI – Avvertita verso le 22.45 di domenica sera una forte scossa di terremoto scossa 3.7 tra Lazio e Abruzzo. L’epicentro a 18 chilometri dalla Capitale. La scossa è stata avvertita anche ai piani bassi delle abitazioni soprattutto nelle zone nord ed est della Capitale e ai Castelli. L’epicentro è stato localizzato a Colonna, a sud-est della Capitale a una profondità di 9 km. La Metro C è stata fermata per poco meno di un’ora per verifiche, ha segnalato Atac.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Roma

Roma, si introduce nel deposito Atac della Magliana e incendia un bus dismesso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

L’uomo è entrato dal campo nomadi adiacente allo stabilimento

ROMA – Ieri sera, intorno alle 22.30, un uomo si è introdotto, dal campo nomadi adiacente, nello stabilimento Atac di Magliana, in via Candoni, e ha dato alle fiamme un bus dismesso destinato alla rottamazione. La dinamica dell’accaduto è stata ricostruita visionando le immagini di videosorveglianza.

Atac ha immediatamente allertato le forze dell’ordine, che hanno attivato le indagini per identificare l’uomo, e i vigili del fuoco, che hanno spento l’incendio. Non ci sono state conseguenze per le persone né danni ulteriori.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it