Connect with us

Castelli Romani

Ciampino, Bartolucci: “Quelle procedure di gara d’appalto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Ad intervenire sulla questione appalti del Comune di Ciampino è Marco Bartolucci, cittadino ciampinese ed ex consigliere comunale. Ecco la nota:

“Durante la scorsa consiliatura e nel periodo di gestione commissariale, ho seguito da vicino gli affidamenti degli appalti del nostro Comune e più volte mi sono visto costretto a segnalare le molte anomalie riscontrate . Il picco di queste anomalie è stato raggiunto nell’ambito dell’affidamento del “Servizio di gestione, stampa e notificazione delle sanzioni amministrative del Comando della Polizia Locale”.

Per quest’appalto sono stati effettuati una raffica di affidamenti diretti sempre e soltanto in favore del medesimo appaltatore. È stata, poi, alterata l’essenza stessa del servizio ponendo l’anticipazione delle spese postali per molte decine di migliaia di euro a carico dell’operatore, trasformando l’appalto in una sorta di appalto misto di “postalizzazione” e di “servizi finanziari”.

Insieme ai miei colleghi Daniele De Sisti e Marilena Checchi abbiamo prodotto, durante la scorsa consiliatura, le dovute segnalazioni, facendo richiamo al principio di rotazione, sia all’Autorità Nazionale Anticorruzione che all’allora Segretario Generale e Responsabile Anticorruzione del Comune di Ciampino che, assumendo un suo provvedimento formale già dal 15 dicembre 2017, ne aveva accertato la ripetuta violazione del Codice degli Appalti unitamente all’appalto per il servizio di vigilanza dei beni di proprietà comunale.

A darne ulteriore conferma, ci ha pensato il Consiglio di Stato con la recente sentenza del 5 novembre 2019, n. 7539, con la quale è intervenuto nuovamente sul principio di rotazione negli appalti confermando la sentenza del Tar del Lazio n. 535 del 2018. Con questo pronunciamento viene ribadito uno dei principi cardine per gli affidamenti sotto soglia ovvero il principio della “rotazione” che ha lo scopo di prevenire il formarsi di posizioni monopolistiche fra gli operatori economici nella gestione dei servizi locali. Con questa sentenza si ribadisce inoltre che, nel passaggio da un affidamento diretto ad una successiva procedura con bando, non possa essere invitato l’operatore uscente e questo proprio in virtù del principio di rotazione.

Ma cosa è cambiato nel frattempo a Ciampino? Sembrerebbe nulla! Infatti, a colpi di affidamenti diretti e debiti fuori bilancio, è stata oltrepassata molto abbondantemente, dal dicembre 2017, la soglia del milione e trecentomila euro tra servizio di postalizzazione ed anticipazioe fondi per spese postali ciampinesi. Recentemente poi, pur essendo l’operatore uscente, il “monopolista delle multe” è stato comunque invitato ad una procedura di gara che lo ha poi visto aggiudicatario, violando così per l’ennesima volta il Codice degli Appalti anche in virtù della sentenza citata.

Auspico pertanto che la Sindaco Ballico e la sua maggioranza prestino la massima attenzione alla materia intervenendo con azioni che diano un forte segno di discontinuità rispetto al passato attraverso un rigoroso ed urgente monitoraggio di tutti gli affidamenti nel rispetto della normativa sugli appalti ed a vantaggio dell’economicità ed efficienza dei servizi”. Marco Bartolucci

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Albano Laziale, discarica di Roncigliano: la delusione di Borelli dopo l’incontro con Gualtieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ieri pomeriggio il Sindaco di Albano Laziale Massimiliano Borelli, insieme ai suoi colleghi Sindaci dell’ex bacino, ha incontrato il Sindaco della Città Metropolitana di Roma capitale, Roberto Gualtieri in vista dell’imminente scadenza dell’ordinanza che ad agosto 2021 ha permesso la riapertura della discarica di Roncigliano.

Il Sindaco Borelli ha così commentato l’esito del colloquio: “Se proprio dobbiamo trovare un lato positivo dell’incontro di oggi in Campidoglio è che almeno ci siamo seduti intorno ad un tavolo istituzionale, negato dal precedente Sindaco. Un incontro garbato e “accogliente” che si è poi rivelato deludente e amaro. Il Sindaco Gualtieri ci ha preannunciato la volontà di prorogare l’ordinanza di riapertura della discarica di Roncigliano. Parole pesanti pronunciate di fronte alle nostre espressioni di disappunto. Non è quello che ci aspettavamo, anche se di alternative non se ne vedono nell’immediato. Eravamo pronti a discutere ben altre prospettive, per questo la nostra contrarietà è stata netta e senza tentennamenti. Anche quando ci ha presentato un piano di interventi a breve e lunga scadenza, con la prospettiva della chiusura definitiva il prossimo 16 luglio. Abbiamo bisogno di certezze, scritte, non più a voce, per conoscere il percorso che porterà alla chiusura definitiva del sito e abbiamo ribadito l’urgenza della bonifica dell’area. Per ora torniamo profondamente delusi e, senza abbassare la guardia, ci prepariamo ancora una volta, a combattere in difesa dei nostri territori, insieme con le associazioni e i comitati che incontrerò nei prossimi giorni”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, al Tribunale la rete #NoBavaglio per dire no alle querele intimidatorie e richieste di risarcimento estorsive nei confronti dei giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“Al fianco di Chiara Rai che come tanti altri colleghi sono minacciati con richieste di risarcimento estorsive solo perché hanno fatto il proprio lavoro di giornalista, solo per aver voluto  informare i cittadini.”

La Rete #NoBavaglio sarà al Tribunale di Velletri il prossimo 10 gennaio insieme a Chiara Rai per un caffè contro le querele intimidatorie e richieste di risarcimento estorsive nei confronti dei giornalisti.

“Saremo in Tribunale di Velletri – fanno sapere – al fianco di Chiara Rai che come tanti altri colleghi sono minacciati con richieste di risarcimento estorsive solo perché hanno fatto il proprio lavoro di giornalista, solo per aver voluto  informare i cittadini. Per poter fare i giornalisti non si dovrebbe essere ricchi ma solo onesti. La rete #nobavaglio ci sarà! E non saremo soli! Rivolgiamo l’invito a essere presenti anche alla Fnsi, a Stampa Romana, all’Ordine Nazionale e del Lazio dei giornalisti ma prima di tutto il nostro appello va ai cittadini  e alle associazioni alle quali sta a cuore la libera informazione.”

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, una befana speciale a palazzo Colonna

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Accompagnata dall’entusiasmo delle mamme che compongono il Comitato Genitori I.C. Marino Centro e da Venanzio Sagratella presidente dell’Associazione Amici della Befana, una nonnina davvero speciale è arrivata questa mattina a Palazzo Colonna.

La festeggiata accolta con tutti gli onori è una Befana che veste un abito composto da tantissimi disegni realizzati dagli alunni dell’Istituto Comprensivo di Marino Centro – Scuola dell’InfanziaSandro Pertini”  (classi A,B,G ed E e tantissimi altre che hanno partecipato al progetto) ai quali sono andati i complimenti del Sindaco Stefano Cecchi e dell’Assessore Pamela Muccini.

La Befana è un simbolo positivo, un’icona di virtù che premia i più bravi con dolci e regali. Come amministrazione, in un momento dove anche i più piccoli hanno a che fare con questo nemico invisibile ma reale, abbiamo voluto accogliere nonostante tutto questa iniziativa per dare alla Befana la possibilità di raggiungere comunque Marino” ha dichiarato il Primo Cittadino.

Non smettiamo di sognare e di farli sognare, soprattutto in questo giorno che tradizionalmente dedichiamo ai più piccoli ma che coinvolge anche noi adulti” ha aggiunto l’Assessore alla Pubblica Istruzione Muccini.

La Befana sarà appesa sul cancello di Palazzo Colonna per essere ammirata dai cittadini e visitatori.

Continua a leggere

I più letti