Connect with us

Castelli Romani

Ciampino, demolizione di “villino Lucioli”: per il Comune è tutto regolare. L’ultima parola è però del MIBACT

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CIAMPINO (RM) – La demolizione e ricostruzione di “villino Lucioli” a Ciampino, una costruzione in stile Art Nouveau, è consentita dalle NTA del vigente PRG. Questo quanto asserito dall’assessore di Ciampino all’Assetto del Territorio, Francesco Febbraro, in risposta all’appello lanciato da Italia Nostra al MIBACT e alla Regione Lazio per chiedere di “avviare immediatamente l’iter di salvaguardia per la rapida apposizione ex novo del vincolo di tutela secondo il Codice dei Beni Culturali e la conseguente dichiarazione quale bene culturale” e al Governatore del Lazio Nicola Zingaretti di “intervenire, anche per mezzo di verifica diretta, per far valere il postulato imprescindibile che il villino dello stesso stile di “Arte Nova” e di medesima epoca, dista solo pochi metri dall’Area circolare di tutela contemplata dal Piano Paesistico del Complesso Monumentale Architettonico-urbanistico del “Collegio Sacro Cuore di Gesù”, Area identificata nelle Tavole del PTPR della Regione Lazio come “Vincolo CS 203” di cui al rispetto dei Centri storici articolo 43 del citato PTPR in quanto “Paesaggio di insediamenti urbani”. Italia Nostra, inoltre, rivolgendosi direttamente alla sindaca Daniela Ballico ha chiesto “di chiarire come si sia creata la situazione che porterebbe malauguratamente a una certificazione autorizzativa comunale che condurrebbe alla demolizione di un ‘bene culturale’ di fatto, appartenente al patrimonio collettivo di tutta la città di Ciampino, della Regione e della Nazione”.

L’assessore ha fatto presente che “sia l’edificio che il lotto di pertinenza, non risultano tutelati né vincolati ai sensi del D.LGS. 22.01.2004, n. 42”. Febbraro ha anche evidenziato il fatto che “le vigenti norme tecniche richiedono, in ogni caso, che per qualunque intervento che comporti attività di scavo sia obbligatorio acquisire il preventivo N.O. della competente Soprintendenza. Nulla Osta che è stato rilasciato con prot. 47574 del 13.11.2019, senza alcuna prescrizione”

“L’Amministrazione comunale, – ha proseguito l’assessore Febbraro – come dovrebbe essere noto a tutti, è tenuta all’applicazione puntuale e non discrezionale delle normative e di conseguenza, attraverso i propri uffici, ha rilasciato un Permesso di Costruire, sulla base di un progetto rispettoso delle normative vigenti. Nessuna discrezionalità è consentita in questa materia agli uffici, né tantomeno agli Organi politici dell’Amministrazione, i quali devono esclusivamente garantire il rispetto dei diritti dei singoli cittadini e degli interessi legittimi della collettività tutelati, in questo caso, dalle norme del PRG. L’Amministrazione comunale è sensibile – continua Febbraro – al pari di Italia Nostra, alla tutela di qualunque bene di interesse storico, architettonico o archeologico, ma è tenuta ad applicare la legge e le disposizioni vigenti che, nella fattispecie, non prevedono alcun tipo di tutela verso il bene che l’appello vorrebbe tutelare. Va rammentato che l’edificio di che trattasi era da tempo abbandonato e in condizioni di avanzato stato di degrado con il rischio di un possibile crollo che avrebbe potuto rappresentare un rischio per la sicurezza pubblica. In disparte qualunque considerazione sulla maggiore o minore rilevanza del manufatto, sotto il profilo storico architettonico, questa Amministrazione comunale ritiene doveroso rammentare che, fino all’apertura del cantiere e all’inizio dell’intervento di demolizione, non era mai pervenuta, né da Italia Nostra né tantomeno dalla sezione di Ciampino, alcuna segnalazione sulla necessità di tutelare l’edificio di che trattasi né altri edifici coevi insistenti sulla zona centrale di Ciampino, anche se tra questi ve ne sono alcuni che appaiono oggettivamente persino di maggiore pregio di quello segnalato. Qualora il MIBACT – conclude l’Assessore all’Assetto del Territorio – dovesse ritenere che singoli edifici del centro urbano di Ciampino, debbano essere sottoposti a vincolo per la loro valenza storica o architettonica, questa Amministrazione agirà di conseguenza, applicando puntualmente, com’è sua regola di comportamento, la legge”.

Continua a leggere
1 Comment

1 Comment

  1. LR

    11 Marzo 2021 at 2:25

    Se il villino è stato costruito prima de 1968, allora è “intoccabile” perché rientra negli edifici storici.
    Una soluzione conservativa può essere lo smontarlo e rimontarlo in un parco pubblico.
    Se non sbaglio, l’Art Noveau è di inizio ‘900.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, 732 euro per 2 cartelli della Città del Vino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Secondo molti residenti i 732 euro forse sarebbero risultati più utili per dei cartelli riportanti la scritta “Vietato scaricare rifiuti”

NEMI (RM) – Ben 732 euro per acquistare 2 cartelli stradali recanti la scritta “Nemi Città del Vino” utilizzati poi per qualche giorno e subito tolti di mezzo. Questo quanto impegnato dalle tasche comunali a favore dell’Associazione Città del Vino per l’acquisto delle due insegne.

Lo scorso mese di giugno, all’ingresso di Nemi sulla via Nemorense, era apparso un bizzarro cartello riportante la scritta “Benvenuti a Nemi Città del Vino”. Subito si era scatenata una valanga di critiche, da parte dei nemesi e dei residenti del paese, riguardo il fatto che con un colpo di spugna si era cancellata la tradizione di quello che da decenni viene definito “il paese delle fragole” o delle “fragole e fiori” e che improvvisamente ci si appropriava di un’altra identità: città del vino.

Fatto sta che dopo qualche giorno il cartello è sparito, probabilmente riposto in qualche magazzino e secondo molti residenti i 732 euro forse sarebbero risultati più utili per dei cartelli riportanti la scritta “Vietato scaricare rifiuti” vista la pesante situazione di degrado e incuria che interessa in particolare modo via della Radiosa e la zona intorno allo stadio comunale dove quotidianamente vengono depositati rifiuti e di fatto l’area è sempre più considerata come una discarica a cielo aperto a servizio anche degli altri comuni limitrofi. Una situazione che va avanti ormai da anni in presenza di un pozzo di acqua situato nelle vicinanze che dovrebbe essere tutelato dalla legge ma che ad oggi ancora appare come abbandonato a se stesso, nonostante le innumerevoli denunce fatte dai cittadini.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, rifiuti alla Radiosa: situazione fuori controllo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

È ormai fuori controllo la situazione dei rifiuti alla Radiosa a Nemi. Da quando il Sindaco ha “ritirato” l’idea (e il progetto?!) Di realizzare l’isola ecologica, l’area sta diventando una discarica a cielo aperto e i residenti e membri del Comitato I Corsi sono davvero sconcertati e furiosi: “Dal Comune – dicono – avevano assicurato che non permaneva ‘immondizia all’interno dello stadio e invece le fotografie scattate in queste ore mostrano i mezzi pieni di rifiuti, al caldo e con una puzza insostenibile. Oltre a questo i rumori vari del vetro e del via vai dei camion anche all’alba continuano a seminare disturbo e insofferenza”.

Non è finita: fuori dallo stadio si crea sempre una discarica.

Il degrado dell’area è le parole al vento continuano a far salire le temperature e la sopportazione. Le forze dell’ordine intendono intervenire?

Continua a leggere

Castelli Romani

Ariccia, festa di Santa Apollonia: un successo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è conclusa ieri ad Ariccia la Festa di Santa Apollonia. Tre giorni di musica, arte,cultura ed enogastronomia ( con degustazione gratuita delle cannacce) organizzati dal Comitato Comunale per l’Organizzazione delle Manifestazioni guidato da Ermanno Bravetti e Rosanna Desiderio . Gli eventi, nel rispetto delle norme anti covid 19, hanno affiancato le celebrazioni religiose dedicate alla Santa Patrona di Ariccia. Particolarmente sentita la Santa Messa del sabato animata dal Coro in Maschera di Ariccia.
Soddisfatto per la riuscita della Festa il Sindaco Gianluca Staccoli che ha espresso un solo rammarico legato al mancato svolgimento della tradizionale Processione.
“Purtroppo, a causa dell’emergenza Covid 19- spiega il Sindaco Staccoli , non si è tenuta la tradizionale Processione per le vie della Città che vede impegnati i Cavalieri di Sant’Apollonia di Ariccia e tanti devoti della Nostra amata Santa. La speranza è che il prossimo anno si possa tornare a vivere in un clima di normalità una ricorrenza molto sentita e partecipata dalla nostra Comunità.

Continua a leggere

I più letti