Connect with us

Roma

CIAMPINO: L'OBIETTIVO DI CAMBIARE E' SEMPRE ALL'ORDINE DEL GIORNO

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 7 minuti
image_pdfimage_print

Crediamo che solo la politica possa darci: un nuovo poliambulatorio, il nuovo IGDO, la tombatura del tracciato ferroviario, meno traffico e più piste ciclabili, meno inquinamento, scuole e asili migliori, giardini curati e fontane meno tristi.

 

di Domenico Di Pietro

Ciampino (RM) – Mi diranno che sono banale. Mi faranno presente che scrivo di cose scontate o inutili. Qualcuno mi evidenzierà che tanto non cambia nulla e le cose vanno in questo modo. Voglio però scrivere lo stesso. Oggi ne sento terribilmente il bisogno, perché per chi come me vive a Ciampino, per chi è semplicemente e per certi versi forzatamente e inevitabilmente ciampinese, forse alla fin fine l’attuale andazzo delle questioni amministrative cittadine non è proprio così scontato. Non ci si può arrendere senza lottare per le proprie idee.
 

Vogliamo un Comune trasparente e ben organizzato

Il Comune di Ciampino amministra una parte di territorio e per farlo si serve anche di una tecnostruttura, di fornitori e di tasse pagate dai cittadini che per il fatto di vivere in città devono pagare alcuni servizi.  Poi tutto dovrebbe funzionare, compresi i fiori nei giardini e le fontane luminose nelle piazze. Tutto molto semplice in teoria.
In alcune città, specie del Nord Europa, questa semplice equazione non dovrebbe nemmeno essere spiegata. Le cose funzionano da sempre. Una perfezione che appare perfino triste. A volte non si trova neppure una carta per terra. Una noia infinita direbbe qualcuno. Il Comune è una casa di vetro pulita e profumata. Sarà anche noia ma alla fin fine è solo organizzazione e senso civico.
La politica dovrebbe,infatti, amministrare con concretezza e dare anche impulsi strategici  per immaginare il futuro di una città e dei suoi cittadini. Con il passare degli anni, si vedono i risultati, e la qualità della vita è una diretta conseguenza delle scelte che vengono fatte.
A Ciampino, invece, basta entrare in città e non avere i paraocchi per dare un giudizio negativo. Un giudizio oggettivo. Ciampino è bruttina e negli ultimi anni non è stata amministrata benissimo.  Su questo giudizio concordano un po’ tutti. Ovviamente chi viene da fuori è ancora più spietato, e dal bruttino passa ovviamente con velocità al brutto. L’amico che ti viene a trovare ti dice subito: ma a Roma quando ci andiamo? Oppure: andiamo a mangiare una pizza a Frascati? Insomma affonda impietosamente il dito nella piaga.
I cittadini di Ciampino hanno recentemente potuto votare, e hanno confermato alla direzione amministrativa la stessa classe dirigente che aveva amministrato negli ultimi anni. E’ anche vero che molti cittadini non hanno votato. Molti cittadini ciampinesi hanno votato,invece, per chi si opponeva a quanto fatto dalle passate amministrazioni. Moltissimi cittadini non sono andati a votare per il Sindaco al ballottaggio. Un dato molto negativo. In pratica hanno detto chiaramente che chi amministra Ciampino non è affare loro. Sono completamente disinteressati. Una questione inutile e banale.
Questi cittadini sono stati molti. Un numero impressionante che è una grave danno alla democrazia e alla città. Un dato che però deve essere tenuto presente e sul quale riflettere. Questa è una delle malattie che affligge la città.

Tra questi signori vi sono sicuramente i molti delusi dalla politica, ma vi sono anche i qualunquisti e i “cani sciolti” che sporcano la città, parcheggiano in doppia fila e sugli stop e non puliscono gli escrementi dei cani dai marciapiedi. Vi sono anche i maleducati che rompono e sporcano i muri e che sono il frutto della sottocultura e dell’abbandono socio-politico. Troviamo però anche molti cittadini che la politica lascia ai margini della città e della partecipazione perché troppo impegnati con il lavoro o con la famiglia e con i vari problemi di tutti giorni. Troviamo tanti professionisti che non vengono coinvolti perché alla fine meno sono le persone che si interessano alla politica è meglio è. Si tratta di un errore, perché per far crescere la città abbiamo bisogno di maggiore partecipazione ai problemi della città da parte di tutti. Compito dei partiti è proprio quello di non chiudersi a riccio e di cercare di allargare il dibattito.
 

La partenza della nuova Giunta Comunale Terzulli

Adesso a Ciampino abbiamo un nuovo Sindaco e una nuova Giunta. A dire il vero, si tratta in gran parte della precedente classe dirigente che è stata riconfermata in blocco al governo della città. Sembrano animati però da una nuova spinta propulsiva, e contano molto su un rinnovato asse di collaborazione tra: Comune-Regione e Governo Nazionale ed Europeo.
Dobbiamo rispettarli, controllarli e spronarli a fare bene per il semplice fatto che oggi come oggi a Ciampino si vive molto male e solo la politica, insieme all’iniziativa privata ben regolamentata, possono tirarci fuori dai guai.
Del resto noi cittadini paghiamo le tasse e abbiamo il diritto di avere servizi moderni e una città moderna e interessante da vivere. Vediamo cosa riusciranno a fare in questi primi mesi e poi giudichiamo. Del resto già dalla partenza della nuova amministrazione Terzulli si potrà dare un primo giudizio su questa tanto auspicata inversione di tendenza.
Crediamo che solo la politica possa darci: un nuovo poliambulatorio, il nuovo IGDO, la tombatura del tracciato ferroviario, meno traffico e più piste ciclabili, meno inquinamento, scuole e asili migliori, giardini curati e fontane meno tristi.
Dobbiamo allora lavorare tutti insieme per raggiungere questi obiettivi. Lo dobbiamo fare per noi stessi e per i nostri figli. Dobbiamo pretendere che la nuova amministrazione raggiunga gli obiettivi. Dobbiamo passare dalle fontane tristi alla Smart City.
 

Ciampino e il progetto Print

Del progetto Print si è parlato superficialmente durante la campagna elettorale per le amministrative. Recentemente l’Osservatore d'Italia a firma di Daniele Rizzo è tornato sul tema con una documentata inchiesta giornalistica. [ 25/06/2014 CIAMPINO, GRUPPO CAVICCHI: OMBRE E LUCI DI UN PROGETTO TRA PRIVATI E ROMA CAPITALE. PARTE L'INCHIESTA DE L'OSSERVATORE D'ITALIA ] Il giornalista si è chiesto come mai il Comune di Ciampino e l’Unione Commercianti non abbiano ancora detto nulla in merito.  Dall’inchiesta giornalistica emerge un panorama fatto di luci e di ombre e si invita il Comune di Ciampino a prendere il prima possibile visione dell’intera faccenda e di fare richiesta per essere ammessi al tavolo delle osservazioni, perché anche se il territorio interessato non è di sua competenza, le conseguenze che ne potranno derivare potranno interessare decisamente Ciampino. Vediamo allora cosà dirà il Sindaco Terzulli a questo proposito. Aspettiamo una presa di posizione ed analisi attente su di un progetto complesso e che avrà ricadute rilevanti sul territorio comunale. Del resto martedì 8 Luglio è il termini ultimo per la presentazione delle eventuali osservazioni. Attendiamo anche una presa di posizione delle attuali opposizioni all’attuale amministrazione Terzulli. Il problema riguarda anche i numerosi cittadini da loro rappresentati.
 

Il ruolo delle opposizioni

Fino ad ora registriamo solo una dichiarazione molto intelligente dell’Avv.Boccali che-nel fare gli auguri al nuovo Sindaco Terzulli- ha dichiarato su di un giornale on-line:«Risolvere tutti i problemi ereditati non sarà cosa semplice, soprattutto se non si deciderà ad uscire da quella mentalità particolaristica che tanti danni ha fatto nel passato». Ci sentiamo di condividere pienamente. Lo abbiamo scritto diverse volte. Chi amministra Ciampino deve pensare attentamente al bene comune e alla buona amministrazione cercando di coinvolgere sempre tutta la città con attenzione e trasparenza. Solo con questo metodo partecipato si potrà uscire dalle sabbie mobili e puntare a diventare una città moderna. I particolarismi sono dannosi. Stridono con la tutela dell’interesse generale.
Oltre a quanto detto dal leader di Gente Libera, abbiamo letto anche una dichiarazione di Mauro Testa che ha criticato Terzulli per aver effettuato un assunzione nel suo Staff. Secondo Mauro Testa si tratterebbe di una assunzione fatta secondo l’articolo 90 e quindi per chiamata diretta. Confessiamo di non aver visto le carte e quindi giudichiamo solo dai comunicati stampa.
In linea di principio non si può contestare un Sindaco che assume personale nel suo Staff. Ovviamente bisogna avere chiari alcuni principi fondamentali. Naturalmente che vi sia stato il rispetto delle norme di legge.
Si spera che la risorsa sia di qualità. Insomma che abbia un buon Curriculum vitae, che dia valore aggiunto alla tecnostruttura comunale e che ci sano le fonti finanziaria per poterla retribuire.
Dalla dichiarazione di Mauro Testa tutto questo non emerge. Non ci sembra  sia stata fatta una valutazione di merito. Come non emerge il nome e cognome di questa risorsa. Da una persona politicamente esperta come lui ci saremmo aspettati maggiori particolari.  La Città si aspetta su questi temi un modo di fare opposizione più puntuale e approfondito.
Mauro Testa è persona attenta e immaginiamo che stia ancora approfondendo il caso e magari verrà fuori nei prossimi giorni con nuove analisi e approfondimenti. Registriamo anche il fatto che sul tema Terzulli non sembra avere ancora replicato. Speriamo che possa farlo a breve. Un Sindaco ha il dovere di spiegare e di replicare. Il tema ci pare paradigmatico di un metodo di governo e la città crediamo possa essere interessata a capire.
 

L’obiettivo di Cambiare Ciampino

Ciampino ha bisogno come il pane di un cambiamento. Ha necessità di muoversi velocemente verso obiettivi di modernizzazione e di nuova qualità della vita. Per raggiungere questi obiettivi serve il contributo di tutta la città e di tutte le forze politiche responsabili.
L’obiettivo di cambiare Ciampino è la vera e propria priorità politica. Per arrivare a questo traguardo non basta l’attuale maggioranza. Serve il coinvolgimento di un area più allargata a cui partecipino tutte le forze più impegnate e responsabili della città.
E’necessario portare a bordo anche chi attualmente è rimasto ai margini, non  ha votato o non si ancora sentito coinvolto. Ciampino non potrà cambiare  solo a forza di colpi di maggioranza. L’obiettivo fondamentale è quello di cambiare in fretta Ciampino. E’ evidentemente un obiettivo ambizioso e difficile.  Si tratta di esigenze che si possono leggere nitidamente anche tra la gente distratta o delusa che non è andata a votare. Queste esigenze e bisogna coglierle in fretta.
La città ha bisogno di cambiare mentalità e cultura. O meglio ancora, ha bisogno di coinvolgere e integrare le varie culture anche politiche verso l’obiettivo comune di una nuova amministrazione e di un nuovo modo di concepire la città.
Su questi temi il PD dovrebbe essere forza propulsiva, non arroccandosi sul primato di forza di maggioranza relativa, ma allargando la partecipazione, il coinvolgimento, la trasparenza, il confronto, visto che dal dato elettorale sono emersi segnali evidenti di disagio verso un certo modo di amministrare la città.
Dobbiamo passare in fretta dai giardini e dalle fontane tristi e dalle partecipate in crisi alla Smart City. Per fare tutto questo non possiamo prescindere dal coinvolgimento di tutti quelli interessati a cambiare veramente Ciampino.

LEGGI ANCHE:

                                                                                              
 

Metropoli

Bracciano, trovato un uomo impiccato sul lungo lago: è giallo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Giallo sul lago di Bracciano, dove questa mattina è stato trovato un uomo impiccato. A fare la macabra scoperta una signora mentre passeggiava sul lungo lago Argenti.

L’uomo era legato ad una corda, esanime, sul patio di un ristorante all’altezza del civico 20.
Ancora ignota l’identità del cadavere, apparentemente sembra una persona del Nord-Est Europa. La salma si trova al momento presso l’ospedale Padre Pio di Bracciano. Con tutta probabilità l’autorità giudiziaria disporrà l’autopsia. Sul caso indagano i Carabinieri della Compagnia di Bracciano comandati dal Capitano Simone Anelli.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano, antiche ricette e tradizione: dopo due anni di fermo torna “La Sagra delle Fettuccine Paesane”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

24-25-26 giugno 2022

CANALE MONTERANO (RM) – Torna la Sagra delle Fettuccine a Canale Monterano, il borgo situato a nord della Capitale a pochi chilometri dal lago di Bracciano. Dal 24 al 26 giugno si potrà degustare questa pasta all’uovo “de na vorta”, rigorosamente lavorata a mano dalle nonne del paese portatrici delle antiche ricette della tradizione e dando vita ad uno dei piatti più celebri e gustosi della cucina del borgo e dell’intera regione Lazio.

Dopo due anni di fermo, a causa dell’emergenza pandemica – le donne delle varie contrade di Canale Monterano torneranno a creare diversi tipi di fettuccine in abbinamento a diversi tipi di sughi che faranno immergere i visitatori nei sapori di una volta.


Un appuntamento che con La sagra delle Fettuccine Paesane che sarà anche l’occasione per visitare il borgo di Canale Monterano e la suggestiva Monterano Antica, una delle città fantasma più note del Lazio.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, a fuoco il muro della chiesa della Misericordia. Il sindaco confuso sull’accaduto?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – In fiamme nella notte il muro della chiesa della Misericordia a Bracciano, un simbolo per la comunità. Sul lato della chiesa erano posizionati dei cartoni che hanno preso fuoco. Nessuno ha visto o capito cosa sia successo, con tutta probabilità si tratta di un gesto sconsiderato di qualcuno rimasto ad oggi ignoto. Le fiamme non si sono propagate nel circondario. A dare notizia del gesto il parroco Don Piero Rongoni: “Forse un mozzicone di sigaretta “accidentalmente caduto”….. o forse un raro fenomeno di autocombustione, oppure qualche persona annoiata dalla monotonia della quotidianità…. O peggio ancora un atteggiamento irresponsabile verso la chiesa della Misericordia, luogo importante e significativo della nostra comunità braccianese.

Fatto sta che ieri sera del fuoco si è sprigionato bruciando i cartoni appoggiati sulla parete della chiesa, luogo in cui oltre 30 volontari cercano di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il nostro Banco.

Non nego la tristezza e la delusione per questo gesto irresponsabile….. ma non ci arresteremo: puliremo, tinteggeremo, sistemeremo e continueremo la nostra opera sociale e caritativa”.

Non ha forse ben compreso cosa sia successo il sindaco Marco Crocicchi il quale nel dare la solidarietà ha scritto di un terribile incidente che avrebbe mandato in fumo il lavoro di oltre 30 volontari: “Voglio esprimere a nome di tutta l’amministrazione e, ne sono certo, di tutta la comunità di Bracciano, la massima solidarietà per il terribile incidente che stanotte ha mandato letteralmente in fumo il preziosissimo lavoro di raccolta di oltre 30 volontari che stanno cercando di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il Banco organizzato dalla chiesa della Misericordia. Al coraggio e all’impegno dei volontari, della parrocchia e del suo parroco, Don Piero Rongoni l’amministrazione non resterà indifferente e offrirà tutto l’aiuto perchè il loro lavoro è una bellissima pagina della storia della nostra città e va supportato e rilanciato”

Per fortuna il loro lavoro, o meglio le opere e impegno dei volontari sono salvi. Il parroco ha spiegato che l’incendio ha colpito un luogo dove sono impegnati ogni giorno oltre 30 persone.

Continua a leggere

I più letti