Connect with us

Castelli Romani

Ciampino, mazzette su appalti Aeronautica Militare: 22 anni di carcere per la “cricca”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CIAMPINO (RM) – Ventidue anni e due mesi il totale delle pene inflitte dal Tribunale di Velletri nel processo di primo grado ai sei imputati dell’inchiesta sulle tangenti negli appalti milionari per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici dell’aeronautica militare nelle province di Roma e Latina.

Associazione per delinquere tra militari, dipendenti del ministero della Difesa e imprenditori

Una vera e propria associazione per delinquere composta da militari, dipendenti civili del ministero della Difesa e da imprenditori accusati a vario titolo di turbativa d’asta, falso materiale, introduzione clandestina in luoghi militari e corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio.

Le condanne

Nello specifico i magistrati hanno condannato a:

  • sette anni e tre mesi di reclusione l’imprenditore di Avezzano Giovani Sabetti
  • sette anni e tre mesi di reclusione per l’ufficiale superiore Giampiero Malzone in servizio all’Ufficio Infrastrutture ed impianti al secondo reparto lavori Genio dell’Aeronautica militare di Ciampino
  • un anno e otto mesi al dipendente civile del ministero della Difesa Stefano Pasqualini
  • quattro anni e otto mesi ad Angelica Ruscior compagna del dipendente civile del Ministero della Difesa in servizio a Ciampino Fabrizio Ciferri
  • un anno con pena sospesa e la non menzione all’imprenditore Antonio Santilli
  • un anno con pena sospesa e la non menzione all’altro imprenditore Giovanni Passarelli.

Sabetti, Malsone e Ruscior sono stati interdetti in perpetuo dai pubblici uffici. Sabetti e Malsone sono stati anche interdetti legalmente per la durata della pena. E per Malzone dichiarato estinto il rapporto con il ministero della Difesa.

L’inchiesta delle Procura della Repubblica di Velletri

La sentenza del Tribunale di Velletri è arrivata giovedì scorso sull’inchiesta coordinata dal Procuratore Capo di Velletri Francesco Prete e dal sostituto Procuratore Carlo Morra. Il valore degli appalti ammonta a quasi nove milioni di euro, assegnati a varie società collegate a Giovanni Sabetti che aveva il ruolo di intermediario e “promotore dell’organizzazione”.

Le indagini condotte dai carabinieri del Noe sono partite nel 2014 e tramite le intercettazioni ambientali e telefoniche si è ricostruito il sistema:

Ciferri insieme a Pasqualini e con l’aiuto della Ruscior, su indicazione del tenente colonnello Malzone, entravano negli uffici del secondo reparto Lavori Genio dell’Aeronautica militare di Ciampino e truccavano le offerte delle imprese partecipanti garantendo l’aggiudicazione a società colluse che versavano in cambio tangenti del 5 e 10 per cento del valore degli appalti.

L’inchiesta è partita da quella condotta dalla procura di Napoli (pm Woodcock, Carrano e Loreto) sulla Cpl Concordia, la cooperativa modenese al centro di un sistema corruttivo messo in piedi da alcuni suoi vertici.

Proprio dai dialoghi tra alcuni dirigenti della Cpl Concordia, interessati nel 2014 alle opere di efficientamento energetico dell’aeroporto militare di Pratica di Mare, è emersa infatti la figura dell’intermediario di Avezzano Giovanni Sabetti che veniva definito da Nicola Verrini, manager di Cpl, uomo di fiducia di Giovanni Santilli, vice segretario generale della Fondazione Icsa, impegnata nel settore degli studi ed analisi sulla sicurezza interna ed esterna.

TANGENTI IN AERONAUTICA A CIAMPINO: ANCHE GLI HANGAR DEI TORNADO TRA LE COMMESSE

Gli appalti sono molteplici, eccone alcuni:

Si parla di oltre un milione e mezzo per la manutenzione di una palazzina all’aeroporto militare di Guidonia per cui è stata favorita l’assegnazione a Massimiliano Ciceroni amministratore unico della società M. PLANT Srl. Ciceroni ha promesso 150 mila euro di tangente a Sabetti che l’avrebbe spartita con il tenente colonnello e il resto della cricca. Un’altra gara d’oro riguarda l’appalto di oltre 4 milioni di euro all’aeroporto militare di Centocelle per l’ampliamento della mensa dei sottufficiali. E così anche i lavori all’aeroporto Vigna di Valle per oltre 600 mila

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Castelli Romani

Nemi, ancora un’udienza per “Elvis”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – È stata rinviata al prossimo 2 novembre 2020 l’udienza che vede imputato Giacomo Cavalieri, detto Elvis, per un altro processo relativo il reato di danneggiamento. Cavalieri in un precedente processo ha ammesso di essere stato il mandante degli incendi di tre auto in uso a Franco Nicoletti detto Cricchetto, riconosciuto quest’ultimo parte offesa.

Si è arrivati dunque a un secondo capitolo di atti ai danni di Nicoletti

Tra i testimoni S. F. in quanto una delle auto incendiate è stata data in prestito dallo stesso a Nicoletti e L. B., conoscente e amica di Nicoletti, la quale in più occasioni ha chiesto all’anziano di essere accompagnata a casa o comunque non lasciata da sola in presenza di Elvis che spesso l’avrebbe importunata.

Tra i testimoni è stata chiamata anche S. I. che però non era presente in Aula. I testimoni dovranno presentarsi all’udienza del prossimo 2 novembre.

Il detenuto Giacomo Cavalieri, che si trova in carcere a Velletri, non era presente in Aula questa mattina. Pertanto l’udienza è stata rinviata a novembre.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, evade dai domiciliari per comprare le sigarette in un bar: arrestato 21enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – I Carabinieri della Stazione di Velletri hanno arrestato un 21enne del posto per evasione.

L’uomo è stato intercettato dai militari sulla pubblica via, subito dopo essersi allontanato dall’abitazione ove si trovava agli arresti domiciliari senza nessuna autorizzazione.

Il giovane, dopo essere stato bloccato, ha riferito di essere uscito di casa per comprare le sigarette in un bar poco distante.

L’arrestato è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, chiama i carabinieri per del fumo al lago e poi botte e minacce: arrestato 50enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Chiama i carabinieri dopo aver visto del fumo in un terreno vicino, sul posto arrivano i militari e li aggredisce, li minaccia e gli sputa sulla gazzella.

Un carabiniere, nella collutazione, rimane ferito a una spalla. Non è grave ma gli sono stati dati circa 20 giorni di prognosi. Sarebbe stato il primo a intervenire sul posto. Poi successivamente sono arrivati i rinforzi.

È finito quindi in manette il 50 enne, originario della Calabria che vive nella valle del lago di Nemi in una casetta non lontano dal museo delle navi romane. È accusato di violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Spesso segnala degrado, fumi e chiama le forze dell’ordine. Non sarebbero motivi campati in aria piuttosto sono le modalità di reazione della persona a essere sbagliate.

L’uomo ha un temperamento molto particolare tanto che durante il processo per direttissima ha inveito contro il giudice e i carabinieri che lo hanno arrestato, e ha dato in escandescenze: “Sono una persona perbene – ha gridato – al lago fanno tutti come gli pare, ho denunciato molte persone…”. Il magistrato, dato che l’uomo non ha precedenti, ha disposto gli arresti domiciliari. Il 7 febbraio è fissata la prossima udienza.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it