Connect with us

Sport

Città di Valmontone (calcio, I cat.), il messaggio di Bacchi: «Per i vertici ci siamo anche noi»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Valmontone (Rm) – Una grossa impresa per la Prima categoria del Città di Valmontone. La formazione di mister Pino Di Cori, reduce da due pareggi in altrettante partite di questo inizio stagione, ha sbancato con un pesante 4-2 il campo del Valle Martella, fino a ieri a punteggio pieno. «Una vittoria molto importante contro un avversario che molti addetti ai lavori davano per favorito» sottolinea l’attaccante classe 1995 Daniel Bacchi, autore di una doppietta a cui si sono aggiunti i sigilli di Coculo e Avallone. «Nella prima parte abbiamo avuto qualche difficoltà e siamo andati sotto, poi il mister ci ha fatto passare al 4-4-2 e le cose sono andate decisamente meglio – prosegue la punta – Il Valle Martella è rimasto in dieci dopo il nostro gol del pari e prima dell’intervallo siamo andati in vantaggio, poi nella ripresa abbiamo allungato fino al 4-1 subendo poi la seconda rete avversaria nel finale. Forse avremmo potuto gestire meglio il secondo tempo quando il Valle Martella ha spinto nonostante l’inferiorità numerica, ma noi siamo un gruppo rinnovato e c’è bisogno di tempo per creare la giusta sintonia. Eravamo partiti con il primario obiettivo di salvarsi, ma la vittoria di ieri ha lanciato un messaggio chiaro: c’è anche il Città di Valmontone per la lotta al vertice». D’altronde l’attaccante sa come si vince un campionato di Prima categoria avendo trionfato con la maglia dell’Alberone nella stagione appena messa alle spalle. «Come mi sto trovando qui? Decisamente bene: avevo iniziato la stagione in Promozione col Passo Corese, ma poi non abbiamo trovato l’accordo. Sono arrivato a Valmontone grazie al preparatore dei portieri Marco Lauri e sono stato accolto alla grande». E’ stata particolare la sua esultanza alla Ibrahimovic in occasione della doppietta. «Quando segno, la prima dedica è sempre per la mia bisnonna Nicolina a cui mando sempre un bacio guardando al cielo. Mi è venuto istintivo esultare come Ibra, è stato come un voler sottolineare che su questa partita c’era anche la mia firma. Avevo segnato una rete già in precedenza, ma questa doppietta è molto pesante e mi riempie di soddisfazione» chiosa Bacchi.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Football Club Frascati, l’ex Lupa Fagioli capitano dell’Under 14: “Mi sono inserito facilmente”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – E’ un’ottima fotografia di quello che è il progetto tecnico della Lupa Frascati e del Football Club Frascati per il settore agonistico. Lorenzo Fagioli, difensore centrale classe 2008 e frascatano doc, è il capitano dell’Under 14 guidata da mister Rodolfo Gentilini: ha fatto tutta la trafila della Scuola calcio proprio nella Lupa sin dall’età di sei anni e ora la stretta collaborazione tra le due società lo ha portato a passare nell’altro team tuscolano. “Non lo sento affatto come un passo indietro. Le società mi hanno consigliato di fare un anno di crescita nella categoria provinciale, io sono un ragazzo tranquillo e mi sono adattato serenamente anche se un giorno sarebbe bello giocare nei campionati superiori. Comunque la collaborazione tra Lupa e Football è sicuramente una cosa positiva”. L’inserimento nel nuovo gruppo è stato piuttosto semplice: “Mi sono integrato bene con i miei compagni anche perché ci sono alcuni ragazzi che giocavano con me nella Scuola calcio. Siamo molto legati e giochiamo un buon calcio. Sono convinto che possiamo anche arrivare ai vertici della classifica”. Fagioli e i suoi compagni vivranno un’annata ancor più importante visto che si tratterà della prima volta nell’agonistica: “Nella passata stagione non abbiamo fatto gare ufficiali a campo grande, ma solo qualche allenamento o amichevole. Vediamo come ci adatteremo, ma c’è fiducia”. Per lui non sarà una novità portare la fascia al braccio: “Già l’anno scorso l’ho fatto in maniera continuativa. E’ chiaro che è stato un piacere quando il mister mi ha comunicato questa decisione: essere capitano è una cosa bella ed è una responsabilità”. La chiusura è sul rapporto con il tecnico: “Non conoscevo mister Gentilini, ma è nato subito un buon rapporto sia con me che con gli altri compagni. Mi piace il suo modo di allenare, è un tecnico preparato e con lui si può dialogare tranquillamente. Inoltre lo staff che ci ha messo a disposizione la società conta anche su un preparatore atletico molto valido come Tommaso Gentilini e quindi anche dal punto di vista atletico siamo pronti”.

Continua a leggere

Calcio

La Rustica RRdP (calcio, Eccellenza), Cameo: “Col Tor Sapienza meritavamo il pareggio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – Il La Rustica RRdP ha sfiorato il “colpo grosso” contro il Tor Sapienza. La squadra del presidente Tonino D’Auria ha perso di misura contro la seconda forza del girone B, nonostante l’iniziale vantaggio firmato da Ferrari. A parlare della sfida è il difensore centrale classe 1999 Dario Cameo: “Abbiamo fatto una grande partita a livello di prestazione contro una bella squadra. Il punteggio finale non ci ha premiato, ma siamo in crescita e ogni partita riusciamo a fare sempre meglio. Nel primo tempo abbiamo chiuso meritatamente in vantaggio e anzi ci è stato negato un rigore netto per un fallo su Fabiani. Nella ripresa il Tor Sapienza ha pareggiato i conti grazie ad eurogol e poi con un pizzico di fortuna ha siglato il 2-1. Nel finale, comunque, non ci siamo arresi e abbiamo provato a riprenderli. Per questi motivi credo che il pareggio fosse il risultato più giusto”. Cameo è stato letteralmente rilanciato dal club capitolino: l’anno scorso era fermo e prima ancora aveva giocato al Divino Amore in Prima categoria, dopo aver vestito la maglia della Lupa Roma in serie D. “Mi stavo allenando con l’Equipe Italia quando mi ha contattato il direttore generale Marcello Coccimiglio. Sono felice della scelta fatta, mi trovo benissimo con la società e con mister Nunzio Iardino. Sono arrivato a fine agosto e, dopo aver perso qualche settimana per un infortunio al flessore, appena sono stato bene il mister mi ha messo dentro. La prima in assoluto da titolare l’ho fatta col Centro Sportivo Primavera e poi domenica ho giocato anche col Tor Sapienza. A livello personale mi piacerebbe tornare in serie D, ma ora sono concentrato su questa avventura perché devo tanto al La Rustica RRdP”. Nel prossimo turno il calendario sembra mettere di fronte ai capitolini un avversario proibitivo: “Faremo visita al Tivoli che finora ha vinto tutte le prime sei partite, ma noi andiamo senza paura per cercare di fare la nostra partita. Possiamo giocarci le nostre carte, d’altronde lo abbiamo fatto domenica scorsa anche con la seconda forza del girone. I risultati non del tutto positivi non ci hanno causato frustrazione: sappiamo che avremmo meritato di più e che la rosa è in crescita, quindi siamo fiduciosi”.

Continua a leggere

Sport

Polisportiva Borghesiana (volley), Scipioni: “La nuova Seconda divisione deve pensare a crescere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – E’ una presenza fissa nella famiglia sportiva della Polisportiva Borghesiana. Giuseppe Scipioni è stato prima giocatore e poi allenatore (in tutti i settori, dal giovanile all’amatoriale, dal maschile al femminile) e quindi è molto stimato e apprezzato nell’ambiente del club capitolino che quest’anno gli ha nuovamente affidato (a distanza di qualche stagione) la prima squadra maschile che giocherà nel campionato di Seconda divisione. “Un gruppo estremamente giovane e che viene quasi tutto da un anno di Under 17 sotto la guida di Giuliana Montaldi. Abbiamo cominciato ad allenarci assieme da meno di un mese e al momento per un paio di volte a settimana. Si tratta di ragazzi validi tecnicamente, molto ben disposti a lavorare e indubbiamente con delle potenzialità di crescita. Sto cercando di far capire loro che questo sarà un anno di transizione ed esperienza perché andranno a confrontarsi spesso con avversari molto più esperti e smaliziati. Se arriverà anche un buon risultato finale tanto di guadagnato, ma il primo obiettivo è quello di crescere. Il termometro migliore sarà il girone di ritorno: dobbiamo cercare di migliorare i risultati fatti nel girone d’andata. Se poi dovesse aggiungersi qualche elemento (sempre giovane, ndr) della “vecchia” Seconda divisione, allora potremmo alzare un po’ l’asticella”. Scipioni anche quest’anno potrà contare sulla fondamentale presenza della Montaldi: “Questo era un gruppo molto numeroso all’inizio della stagione e quindi lo abbiamo diviso mettendo nella “nuova” Seconda divisione i ragazzi un po’ più pronti e nell’altro (che dovrebbe giocare i campionati Under 15 e Under 17, ndr) quelli che hanno meno conoscenze pallavolistiche e che inizieranno con Giuliana un nuovo percorso. Lei potrà sostituirmi nel caso in cui per problemi di lavoro mi dovessi assentare qualche volta”. La stagione appena iniziata segna il suo ritorno nel maschile: “L’ho fatto per un paio d’anni proprio in questa società e quando mi è stata chiesta la disponibilità non mi sono tirato indietro”. D’altronde il suo rapporto con la Polisportiva Borghesiana è speciale: “Ormai sono da quasi quindici anni in questo club, questa è come una seconda casa”.

Continua a leggere

I più letti