1

CITTA' METROPOLITANA: CITTADINI INFORMATEVI FINCHE' SIETE IN TEMPO!

di Alberto De Marchis

Città Metropolitana – Dopo la presa di posizione di un gruppo nutrito di cittadini di Anguillara – cittadina al nord di Roma situata sulle rive del lago di Bracciano – rispetto alla volontà di conoscere le sorti dello stesso comune riguardo l’ingresso o meno nell’area metropolitana di Roma, altri fermenti cominciano a manifestarsi.

Così, si inizia una corsa contro il tempo per cercare di acquisire più informazioni possibili riguardo questo nuovo soggetto pubblico che sostanzialmente andrà a sostituire le Provincie e in questo caso quella di Roma. Di fatto su qusto tema le varie amministrazioni locali non hanno informato abbastanza o per nulla la cittadinanza – tranne Civitavecchia e Trevignano Romano – in merito a questo storico passaggio che potrebbe avere anche drastici risvolti rispetto ai servizi fondamentali. Importante resta il fatto che ogni amministrazione comunale ha la possibilità di indire un referendum consultivo per chiedere ai cittadini se aderire o meno all’accorpamento con Roma Capitale o se questi ultimi preferiscono invece unirsi ad altri capoluoghi di provincia che ritengono geograficamente più vicini e più efficienti. Ma il tempo stringe e il 30 settembre si avvicina, data oltre la quale non sarà più possibile chiedere ai cittadini di esprimere il proprio parere.

Di seguito pubblichiamo alcune considerazioni di un gruppo di cittadini di Anguillara Sabazia che di fatto commentano alcuni punti della legge.


La legge: Il sindaco metropolitano è il sindaco del comune capoluogo

La considerazione: Sia nella fase costituente che eventualmente se nessuna modifica mediante statuto, nella fase successiva. e’ assolutamente sconveniente per qualsiasi comune escluso quello di Roma, che il presidente della area metropolitana sia il sindaco di Roma. Sarebbe sempre sconveniente se fosse qualsiasi sindaco che fosse membro della conferenza metrolipotana. l’unica garanzia per l’imparzialita’ di tale ruolo verrebbe da un presidente estraneo a qualsiasi giunta comunale.

La legge: Il consiglio metropolitano è composto dal sindaco metropolitano e da un numero di consiglieri variabile in base alla popolazione (da 24 a 14). È organo elettivo di secondo grado…

La considerazione: Cosa significa organo elettivo di secondo grado?

La legge prosegue: … e dura in carica 5 anni; hanno diritto di elettorato attivo e passivo i sindaci e i consiglieri dei comuni della città metropolitana. Lo statuto può…

La considerazione: puo’ e non deve, quindi dipende dalla stesura dello stututo. Se lo statuto non riconoscerà questa esigenza, il Sindaco di Roma sara’ sempre presidente dell’area metropolitana.

La legge prosegue: …comunque prevedere l’elezione diretta a suffragio universale del sindaco e del consiglio metropolitano, previa…

La considerazione: previa = a condizione che

La legge prosegue: approvazione della legge statale sul sistema elettorale e previa articolazione del comune capoluogo in più comuni o, nelle città metropolitane con popolazione superiore a 3 milioni di abitanti, in zone dotate di autonomia amministrativa. – Il consiglio è l'organo di indirizzo e controllo, approva regolamenti, piani, programmi e approva o adotta ogni altro atto ad esso sottoposto dal sindaco metropolitano;

La considerazione: sottoposto dal sindaco metrolitano e non da qualsiasi sindaco

La legge prosegue: ha altresì potere di proposta dello statuto e poteri decisori finali per l’approvazione del bilancio. – Gli organi della città metropolitana sono il sindaco metropolitano, il consiglio metropolitano e la conferenza metropolitana. L’incarico di sindaco metropolitano, di consigliere metropolitano e di componente della conferenza metropolitana è svolto a titolo gratuito.

La considerazione: non ci piace il titolo gratuito. In una societa’ ove nessun uomo fa nulla per beneficenza, si sviluppa il sospetto che in futuro dietro la gratuitita’ si possano celare compromessi che sopperiscano alla gratutita’ stessa, compromessi che saranno a danno della cittadinanza di una delle parti

La legge prosegue: La conferenza metropolitana è composta dal sindaco metropolitano e dai sindaci dei comuni della città metropolitana. È competente per l’adozione dello statuto e ha potere consultivo per l’approvazione dei bilanci; lo statuto può attribuirle altri poteri propositivi e consultivi 

La considerazione: Sarebbe opportuno verificare quali altri poteri verranno attribuiti al consiglio, e se in essi vengano palesati eventuali remissioni in ambito di autonomia locale dei comuni a favore del bene primario dell’area metropolitana che e’ quello indicato dal presidente dell’area metropolitana.

La legge: Alle città metropolitane sono attribuite le funzioni fondamentali delle province e quelle attribuite alla città metropolitana nell'ambito del processo di riordino delle funzioni delle province nonché le seguenti funzioni fondamentali proprie: a) piano strategico del territorio metropolitano;

La considerazione: ingerenza sui territori locali?

La legge continua: b) pianificazione territoriale generale;

La considerazione: ingerenza sui territori locali?

La legge continua:  c) organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano; d) mobilità e viabilità; e) promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale; f) sistemi di informatizzazione e di digitalizzazione in ambito metropolitano. Ulteriori funzioni possono essere attribuite alle città metropolitane dallo Stato o dalle Regioni.

La considerazione: Quindi questo puo’ significare che su richiesta dello Stato o della Regione, l’area metropolitana potra’ decidere anche in altri ambiti, andando oltre le regole del proprio statuto…quasi ci viene da chiederci se questo passo non sia di fatto un salvacondotto per il Governo nelll’eventuale fallimento dell’abrogazione del titolo V° 

La legge continua:  Per la predisposizione dello statuto della città metropolitana, il sindaco del comune capoluogo indice le elezioni per una conferenza statutaria, da lui presieduta, con il compito di redazione di una proposta di statuto della città metropolitana.

La considerazione: sempre il sindaco di Roma

La legge continua:  La conferenza termina i suoi lavori il 30 settembre 2014 

La considerazione: Quindi se noi indiciamo il referendum , godremo della possibilita’ di decidere solo dopo avere letto lo statuto 

La legge continua: trasmettendo al consiglio metropolitano la proposta di statuto . Entro il 31 dicembre 2014 il consiglio metropolitano approva lo statuto.

La cinsiderazione finale: Ora si chiede, saggiamente, non sarebbe opportuno, visto che la stessa legge lo permette, rimandare l'adesione alla area metropolitana di Roma, solo dopo avere letto lo statuto? Questo potra' avvenire solo se il comune di anguillara, – così come tutti gli altri comuni della provincia interessati – entro il 30 settembre indice referendum consultivo.

LEGGI ANCHE:

18/09/2014 BRACCIANO, AREA METROPOLITANA: ZERBINO DI ROMA O PRINCIPALE COMUNE DELLA PROVINCIA DI VITERBO?
15/09/2014 CITTA' METROPOLITANA: TERMINE ULTIMO PER USCIRNE IL 30 SETTEMBRE.