1

CIVITA CASTELLANA TAGLIO DELLE INDENNITÀ, URBANETTI (PDL): "ANGELELLI DIFESO DALLA CASTA"

A.P.

“Come al solito, quando si tocca la questione della riduzione delle indennità degli amministratori, nasce il fuoco di sbarramento dei partiti che vivono anche di soldi pubblici. – Scrive in una nota il Capogruppo Consiliare Pdl Francesco Urbanetti – Al segretario del PD – prosegue la nota – il Sindaco ha tirato un brutto scherzo: per timore di rispondere in prima persona ad un argomento così scottante(memore di cosa sta accadendo al Sindaco Giulio Marini nel comune di Viterbo), lo ha armato con pallottole a salve, dandogli forse volutamente delle informazioni sbagliate, considerato che all'epoca era consigliere di minoranza e non poteva non sapere. La delibera in cui la giunta Giampieri decise di ridursi le indennità è la n.88 del maggio 2005 (approvazione dello schema di bilancio preventivo 2005), la quale in sintesi così recitava: "Sono confermate le indennità di presenza ai Consiglieri Comunali; sono ridotte del 25% le indennità di carica agli amministratori e al Presidente del Consiglio", a cui si sommava la decurtazione del 10% previsto dalla finanziaria, per un totale del 35%. La delibera che il segretario del PD cita si riferisce al 2007 quando le indennità furono reintrodotte dopo due anni confermando solo l'abbattimento del 10% previsto dalla normativa nazionale, ricordandogli che le indennità sono previste per legge e non possono essere aumentate, ma solo diminuite. La proposta di riduzione del 2005, come ho ho già ribadito, fu formalizzata dal sottoscritto e da alcuni esponenti di  Forza Italia di giunta, cosa che si può riscontrare da ampia rassegna stampa esistente e che si troverà anche tra qualche giorno, sulle mie pagine: www.facebook.com/francesco.urbanetti e www.Twitter.com/f_urbanetti. – Il capogruppo conclude poi la nota – Rassicurandovi sul mio stato di salute, visto che non sono avvezzo ai colpi di sole ed ho una buona memoria,prendo atto che non esistono più i segretari di sinistra preparati e dal comportamento politically correct. Terminata la doverosa e puntuale rettifica che riguarda solo gli addetti ai lavori,a fronte della mia decisione di decurtazione degli emolumenti derivanti oggi dai gettoni di presenza,visto che ormai il 2005 è purtroppo lontano, il dato politico è uno soltanto: la gente vuole sapere cosa il Sindaco voglia fare riguardo il taglio parziale o totale delle indennità attualmente al massimo secondo la normativa vigente. Un atto di coraggio del Sindaco Angelelli credo sarebbe anche apprezzato dal Sindaco di Firenze Matteo Renzi,il rottamatore delle vecchie logiche comportamentali della classe dirigente di sinistra, che ha dimezzato la sua giunta, prossimo mattatore della festa dell'Unità tanto sbandierata dal suo segretario. In un momento economico così difficile, senza essere populisti, la politica deve dare qualcosa di più, deve dare l'esempio e lanciare un messaggio comprensibile a tutti, altrimenti il vento dell'antipolitica soffierà sempre più forte e le conseguenze non potranno essere prevedibili.”