Connect with us

Roma

CIVITAVECCHIA: ULTIMA SETTIMANA DI RIPRESE PER LA FICTION RAI "LAMPEDUSA"

Clicca e condividi l'articolo

Nell’ultimo mese, il set delle riprese si è tenuto negli specchi acquei e nei territori compresi tra Civitavecchia e Santa Marinella

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Civitavecchia (RM) – Si concluderà questa settimana il ciclo di riprese della fiction “Lampedusa”, miniserie televisiva che andrà in onda nella prossima stagione sui canali RAI e che vedrà protagonista le unità ed il personale della Guardia Costiera impegnato nel quotidiano compito di soccorso ai migranti nel teatro operativo del Canale di Sicilia.
Nell’ultimo mese, il set delle riprese si è tenuto negli specchi acquei e nei territori compresi tra Civitavecchia e Santa Marinella, che hanno potuto beneficiare, sotto gli occhi di numerosi bagnanti e diportisti incuriositi, della presenza di diversi attori, tra cui anche Claudio Amendola, e decine di comparse.
Per l’occasione, il Direttore Marittimo del Lazio ha voluto far visita al cast ed alla produzione della serie, che sta facendo base nel Porto di Civitavecchia, così come al personale impiegato a vario titolo nella citata attività, soprattutto per garantire la piena sicurezza di tutte le operazioni marittime in corso.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Metropoli

Bracciano, verso una dimensione smart city. L’assessore al Turismo: “Stiamo per varare un piano turistico digitale. Ecco come vogliamo ridisegnare la città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Successo per l’incontro promosso martedì dall’Assessore e Vicesindaco di Bracciano Luca Testini con gli operatori turistici del territorio per condividere un vero e proprio piano del turismo digitale finalizzato ad avere di Bracciano una dimensione tridimensionale a portata di tablet o smartphone.

In grandi linee si va delineando il progetto ideato e promosso dall’Assessore Testini: il visitatore potrà comodamente accedere ai servizi della città ed essere in grado di conoscere cosa visitare, dove mangiare, alloggiare, comprare o affittare casa oppure permettersi un fine settimana programmato ora dopo ora, senza perdersi nessuna delle attrattive e bellezze della città.

“La pandemia ci ha profondamente cambiati – ha spiegato Testini – l’obbiettivo di diventare una città a portata di click, connessa con il mondo è diventato quanto mai fondamentale. Direi di più: mettere in rete le sinergie è un percorso obbligato per rilanciare veramente il turismo. Ora è il momento di agire, tutti insieme, associazioni, commercianti, imprenditori, volontari. Bracciano ha bisogno di tutti per potersi risollevare e dobbiamo unirci tutti insieme lasciando da parte vecchi schemi: il turismo non deve avere preconcetti o colori politici. Esistono i braccianesi che vogliono rendere la città un’oasi sicura e confortevole per tutti i turisti che la visitano. Il primo step di condivisione mi sembra dunque ampiamente compreso e recepito di buon grado. Ringrazio tutti coloro che sono intervenuti e sono sicuro che cresceremo ancora di numero perché siamo tutti animati dalla volontà di risollevarci insieme e attuare in tempi stretti il nostro piano turistico digitale”. Il progetto verrà presentato a breve a tutta la cittadinanza.

Grande soddisfazione da parte del sindaco Armando Tondinelli per l’indirizzo del progetto: “Stiamo ridisegnando Bracciano in versione smart city – dice il primo cittadino – apprezzo molto la condivisione con tutte le realtà del territorio e il lavoro portato avanti dall’assessore Testini e da tutta la maggioranza impegnata nell’operazione rilancio della città”.

Continua a leggere

In evidenza

Roma, al via la riapertura del Bioparco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Al via la riapertura del Bioparco di Roma venerdì 29 maggio all’interno dello storico parco di Villa Borghese. Il noto Bioparco offrirà ai visitatori un percorso in sicurezza come prevedono le norme anti-contagio da coronavirus. Il Bioparco è un luogo storico, infatti venne inaugurato il 5 gennaio del 1911 ed è uno dei giardini zoologici più antichi d’Europa. Una struttura suggestiva dedita alla conservazione e alla ricerca e che ogni anno accoglie ben 500mila utenti.

I visitatori nel percorso vivono un’esperienza davvero unica immersi tra le meraviglie della natura. I “viaggiatori” faranno un Grand Tour tra 1200 animali appartenenti ad oltre 200 specie tra mammiferi, rettili, uccelli e anfibi in un contesto botanico davvero interessante, infatti all’interno vi sono piante rare e di oltre cento anni.

Il Bioparco è restato chiuso al pubblico come prevedeva il DPCM dell’8 marzo scorso, ma sempre attivo, ed è pronto con le sue exhibition ad accogliere gli oltre 20 mila studenti che ogni anno fanno visita al Bioparco.

Fra le “Star” che accoglie i bambini, ma anche adulti, c’è l’elefantessa asiatica Sophia, ed insieme alla Tigre bianca del Bengala dal nome Gladio – a seguito di un sequestro del sequestro dei Carabinieri Forestali per ipotesi di reato di maltrattamento – garantiranno ai “viaggiatori” di vivere un’esperienza davvero unica del suo genere. 

Il Bioparco è in linea con la strategia mondiale degli zoo per la conservazione,  e si è trasformato in un moderno zoo, attivo nella conservazione delle specie minacciate di estinzione.

Il biologo Francesco Pedretti, Presidente del Vioparco è un volto noto dello storico programma “Geo&Geo” ed è pronto a far vivere ai visitatori, appassionati della natura un’esperienza immersiva e maggiore consapevolezza sul rispetto della natura e il rispetto della biodiversità.

Continua a leggere

Castelli Romani

Europa Verde Albano e la lotta ai cambiamenti climatici: “efficientamento energetico di edifici, mezzi e illuminazioni comunali!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Alessandro Maria D’Amati*

La terribile vicenda mondiale della pandemia ci ha fatto comprendere una volta di più quanto sia importante l’equilibrio all’interno degli ecosistemi. Lo scioglimento del permafrost dovuto ai cambiamenti climatici, il disboscamento di vaste aree verdi del pianeta, i mercati urbani di fauna selvatica alterano la stabilità dei biosistemi e possono causare, ad esempio, la migrazione di alcuni virus da un ecosistema all’altro e la conseguente potenziale insorgenza di zoosi (malattie infettive da animale a uomo).

Uno dei modi per custodire l’armonia biologica della Terra è ridurre il consumo di energia e di materie provenienti da fonti non rinnovabili. Ognuno di noi è chiamato ad aderire a questo nuovo programma di vita: i mezzi pubblici, la bici e i piedi piuttosto che la macchina, l’acqua alla fontanella piuttosto che bottiglie di plastica usa e getta, cibo a chilometro zero piuttosto che alimenti coltivati lontano…

Anche il Comune di Albano ha risposto all’appello ecologico. Nel 2013, l’Amministrazione ha approvato il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (Sustainable Energy Action Plan – SEAP): con il SEAP, il Comune si impegnava a ridurre le proprie emissioni di CO2 dal 2013 al 2020 di almeno il 20% rispetto all’anno base 2004 (CO2 anno base=180.000 tonnellate circa). Ciò significa che, dal 2013 ad oggi, una serie di iniziative comunali avevano lo scopo di arrivare ad eliminare almeno 36.000 tonnellate annue di CO2 emesse nel territorio dai privati e dal pubblico. Dal 2013 ad oggi, molti interventi sono stati effettuati dall’Amministrazione per ridurre l’impatto ambientale, come dimostra anche il Monitoraggio MEI del SEAP comunale datato febbraio 2018. Ma l’obiettivo 2020 non è stato ancora raggiunto. Inoltre, nel marzo 2019 il Comune di Albano ha aderito al nuovo Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia, impegnandosi a ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 40% (rispetto all’anno base 2004) entro il 2030!

Europa Verde Albano sollecita il Consiglio e la Giunta comunali a portare a compimento una serie di interventi per l’efficientamento energetico delle scuole, degli uffici, degli impianti sportivi, dei musei, delle biblioteche, dell’illuminazione stradale, dei mezzi di trasporto di pertinenza comunale. Rispetto alle emissioni di CO2 dovute alle abitazioni, alle attività produttive e ai veicoli privati, le emissioni di CO2 dovute ai consumi pubblici sono esigue (circa 1,5% del totale). Tuttavia, il Comune di Albano dovrebbe avere la prospettiva di abbattere quasi completamente il contributo di anidride carbonica proveniente da edifici, mezzi e illuminazione municipali. Infatti, le iniziative ambientali dell’Amministrazione comunale hanno effetto persuasivo sulla cittadinanza e solleciteranno l’efficientamento energetico da parte dei privati. Inoltre, il SEAP prevede che il Comune si metta in ascolto della sua comunità e promuova percorsi di coinvolgimento dei cittadini, nella consapevolezza che l’approccio di mitigazione del cambiamento climatico debba essere il più possibile trasversale ed integrato.

Non c’è più tempo da perdere nella lotta ai cambiamenti climatici, e il COVID-19 ce lo ha sottolineato. Albano, Cecchina, Pavona, Cancelliera e Le Mole si impegnano a costruire un futuro più ecologico, ed Europa Verde Albano si fa portavoce!  

*Europa Verde Albano Laziale

Continua a leggere

I più letti