Connect with us

Sport

Club Basket Frascati, la Prgomet e il “tesoro” del minibasket: “Questa società è cresciuta tanto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – La (breve) pausa delle attività per la festività pasquale è l’occasione in casa Club Basket Frascati per fare il punto della situazione su un settore fondamentale del sodalizio del presidente Fernando Monetti, vale a dire il settore minibasket la cui responsabile è Petra Prgomet. “Sono entusiasta di poter parlare di quello che faccio per il Club Basket Frascati, o come lo chiamiamo ormai tutti “CBFamily”, la società che mi ha accolto senza esitazioni da quando sono arrivata in Italia più di 5 anni fa, dopo aver dedicato la mia vita al basket anche in Croazia. In primis devo ringraziare il presidente Fernando Monetti, perché è stato lui che mi ha dato piena fiducia prima come giocatrice e poi come allenatrice. Il “pres” ha riconosciuto la mia vera passione e la mia determinazione nel cercare di fare bene sempre e comunque per la società e con il tempo infatti il mio ruolo all’interno del CBF è diventato sempre più importante fino a quando quest’anno con immensa soddisfazione ho visto il mio ingresso nello “Staff ristretto” insieme ad altre persone fondamentali e importantissime per questa società come Manuel Monetti, Rossella Cecconi e Roberto Giammò: questa cosa è stata, oltre che un grandissimo onore, anche estremamente stimolante, perché contribuire allo sviluppo dei tanti progetti a cui questa società sta lavorando è veramente il massimo per una persona appassionata di questo sport come me. Da responsabile del settore minibasket oltre che delle comunicazioni per il gruppo CBF, se mi volto indietro nei 5 anni trascorsi qui, vedo dei grandissimi passi avanti fatti anche nel “mio” settore – sottolinea la Prgomet – Aumentare il numero dei bambini e delle bimbe in un periodo storico non molto florido è un grande successo, in più farlo oltre che nella nostra storica sede di Frascati-Vermicino anche in altre sedi è motivo di grande soddisfazione. Infatti ci vantiamo di avere avviato il minibasket anche negli altri due nostri nuovi centri del palazzetto di Laghetto di Monte Compatri e in quello di Monteporzio, attività che sono entrate a pieno titolo nel brand del gruppo CBF. L’attività si è svolta e si svolge anche nelle scuole e qui anzi colgo l’occasione per lanciare un appello alle tante scuole del territorio di Monte Compatri, Frascati e Monte Porzio con cui cerchiamo sempre di più di intensificare i rapporti attraverso progetti completamente gratuiti in cui offriamo la nostra esperienza e professionalità per avviare i bimbi verso questo straordinario sport tramite la somministrazione di attività specifiche durante le lezioni di educazione fisica. Dietro tutto questo – prosegue la Prgomet – c’è un grande impegno e un grande sacrificio da parte di tutto lo staff della società e non solo del minibasket e per questo mi sento assolutamente di menzionare il mio braccio destro ovvero il mio collega e amico Francesco Notte, che con la sua massima disponibilità e professionalità ormai da tre anni ci sta aiutando a scrivere una storia importante in questa attività. Vorrei aggiungere che sono rimasta molto colpita dal forte stimolo societario nel puntare sulla preparazione tecnica dei più piccoli, così come è stato fatto con me, nel percorso di formazione iniziale nella mia terra nativa ovvero la Croazia. Qui al CBF lavoriamo ossessivamente sui fondamentali della tecnica individuale, perché ogni bimbo possa avere l’opportunità di sfruttare al massimo il proprio potenziale ed essere preparato per il basket che farà negli anni a venire. Il minibasket da noi, però, viene vissuto molto anche attraverso il gioco: i bimbi vengono spesso divisi per il livello di preparazione e non tanto per fasce di età. Ad esempio, viene data anche l’opportunità ai nati nel 2013 di fare campionati o allenarsi con i più grandi, o alle bambine che nello stesso tempo fanno parte del minibasket ma anche delle squadre tutte femminili, che ormai a da noi al CBF sono diventate un punto riconoscibile, considerando che vantiamo appunto tutte le categorie femminili partendo dall’Under 13 fino alla prima squadra di serie B. Oltre alle partite, ai campionati e all’agonismo la nostra attività nel minibasket include come nostro obbiettivo principale di educare e insegnare lo spirito di squadra e la responsabilità in un gioco di squadra – rimarca la responsabile tecnica dei più piccoli – Il nostro approccio sul singolo mini atleta, oltre agli allenamenti durante la stagione, continua anche durante l’estate tramite gli allenamenti individuali di “High Performance”, un appuntamento estivo ormai atteso da tutti i nostri mini atleti e anche dai più grandi e infine si completa alla perfezione con il nostro fantastico camp estivo, che quest’anno durerà addirittura tre settimane e sarà aperto anche ai non atleti del Club Basket Frascati. Cerchiamo sempre di creare lo spirito giusto di una squadra, o meglio di una famiglia. Stiamo facendo del tutto per coinvolgere i più piccoli ai diversi eventi, come le feste dello sport a Frascati, al carnevale di Frascati, alle presentazione delle prime squadre che escono dal campo con i nostri mini atleti e insieme alla nostra straordinaria mascotte “Pride”, creando tutti insieme anche l’albero di Natale, il torneo internazionale (altra tappa fondamentale delle nostre iniziative, ndr) e molte altre cose che abbiamo fatto e che abbiamo in progetto di fare. Questo spirito raccoglie i frutti nel tempo, quando le squadre che crescono insieme partendo dal minibasket, poi ottengono anche grandi risultati nelle categorie successive, vedi i campionati di Elite ed Eccellenza o addirittura come possiamo certamente testimoniare anche in questa stagione quando i nostri mini atleti del passato dopo un percorso con noi nelle diverse categorie giovanili arrivano a far parte della prima squadra (sia femminile che maschile) oppure vanno altrove per competere nelle categorie superiori. Sfrutto l’occasione per ringraziare dal profondo del mio cuore ancora una volta questa società e il suo presidente che mi ha fatto sentire sempre a casa mia fin dal primo giorno e che va sempre e comunque avanti proteggendo il vero spirito dello sport, cosa che nel mio ruolo e secondo il mio punto di vista è sempre la cosa fondamentale” conclude la Prgomet.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Calcio

Atletico Montecompatri (calcio, II cat.), Capri convinto: “Questa squadra vale molto di più”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Monte Compatri (Rm) – Non è stato un buon inizio di stagione per l’Atletico Montecompatri. La squadra di mister Daniele Nardi ha collezionato un solo punto nelle prime cinque giornate (più una di riposo) del campionato di Seconda categoria. Nell’ultima sfida i castellani hanno perso 4-0 nell’anticipo sul campo del Città di Fiuggi, ma la partita non è stata del tutto negativa come spiega il centrocampista classe 1995 Simone Capri: “In realtà nella prima mezzora abbiamo dominato a lungo l’avversario, sbagliando anche un calcio di rigore (una “maledizione” che questa squadra si porta dietro dalla scorsa stagione, ndr) con Ricci. Poi, alla prima azione offensiva dei padroni di casa, abbiamo commesso un’ingenuità evidente e poco dopo abbiamo subito il raddoppio: un doppio episodio che ci ha completamente “stesi” a livello morale. Nella ripresa il mister ha provato ad effettuare dei cambi, ma la situazione non è cambiata”. Tra i subentrati, anche lo stesso Capri: “Purtroppo alcuni problemi lavorativi mi hanno impedito di allenarmi con continuità nell’ultimo periodo e questo mi spiace perché mi piacerebbe vivere di più lo spogliatoio e provare a dare un contributo diverso alla squadra. Domenica, per motivi familiari, non potrò giocare il match interno (da disputare ancora al “Francesca Gianni” di San Basilio, ndr) contro il Città di Cave, un avversario tosto come dimostra la classifica che lo vede al sesto posto”. Il centrocampista è quasi stupito dall’inizio di stagione della formazione monticiana: “A livello tecnico questa squadra vale decisamente di più, anzi personalmente pensavo si potesse giocare un campionato da metà classifica in su. Ora è chiaro che la percezione è cambiata: dobbiamo pensare a salvarci il prima possibile, ma serve mettere in campo quella voglia e quella determinazione che hanno squadre meno forti della nostra e in generale una maggiore incisività sotto porta. E poi servirebbe una vittoria per ridare fiducia a questo gruppo che è sicuramente valido e non può navigare nelle zone di retrovia della classifica” conclude Capri.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Calcio

Rocca Priora (calcio, Under 14 prov.), Loggello: “Obiettivo? Arrivare il più in alto possibile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Rocca Priora (Rm) – Seconda vittoria stagionale (in quattro partite) per l’Under 14 provinciale del Rocca Priora. I ragazzi di mister Roberto Loggello e Maurizio Corvese hanno battuto a domicilio il De Rossi per 2-1 grazie ad una doppietta di Armin Hajdari. “I ragazzi hanno dominato nettamente il primo tempo, chiudendo sul doppio vantaggio – commenta Loggello – Poi nella ripresa abbiamo fatto qualche cambio e le cose sono andate un po’ meno bene, anche se il risultato non è mai stato in discussione”. L’allenatore parla dell’avvio di stagione dei suoi ragazzi: “Abbiamo fatto un ottimo pre-campionato e pensavo si potesse partire in maniera migliore anche nel momento delle partite ufficiali. Ma abbiamo avuto alcuni infortuni, come quello grave capitato a Baldi (rottura del legamento, ndr), che ci hanno un po’ condizionato. Stiamo ricorrendo ad alcuni ragazzi del 2006 che ringrazio per l’impegno e la tenacia con cui giocano sotto età, ma al momento non vogliamo fissare obiettivi per la stagione: le cose principali che ci interessano sono quelle di tenere unito e compatto questo gruppo e di arrivare il più in alto possibile in classifica. D’altronde questo è un gruppo che sale dalla Scuola calcio e qualche limite ce l’ha: sia noi tecnici che i ragazzi siamo consci di dover lavorare tanto”. Loggello parla anche del rapporto con l’altro allenatore Corvese: “Siamo stati compagni di squadra proprio qui a Rocca Priora e abbiamo un ottimo rapporto. Per entrambi è la prima esperienza da tecnici nel settore agonistico e c’è tanta voglia di poter dare il nostro contributo e ripagare la fiducia che ci ha dimostrato la società”. Nel prossimo turno l’Under 14 provinciale giocherà sul campo della Virtus Albalonga che ha due punti in meno dei roccaprioresi: “Cercheremo di fare una buona partita e dare continuità al risultato dell’ultimo turno” conclude Loggello.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Sport

Tc New Country Frascati, Molinari scommette sul pickleball: “E’ già molto apprezzato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Da circa un mese, presso il Tc New Country Frascati, è nato uno dei primissimi campi di pickleball in Italia. La disciplina, negli Stati Uniti (dove ha oltre tre milioni di praticanti), ha lo stesso seguito che il padel ha saputo creare in Europa e il direttore sportivo del circolo tuscolano Marcello Molinari è convinto che presto “esploderà” anche nel nostro Paese: “Già i primi appuntamenti organizzati presso il nostro circolo hanno suscitato grande interesse. Abbiamo provato a spiegare i principi cardine di questo gioco che definirei un “incrocio” tra il tennis e il ping pong con una pallina leggera e “bucata” come quella del badminton. C’è la specificità di una zona di “non volèe” che crea delle situazioni tattiche particolari, esattamente come la regola dell’attacco dopo il terzo colpo che di fatto “concede” la possibilità della prima offensiva a chi risponde. E’ un peccato che la pioggia dell’ultimo periodo ci abbia un po’ condizionato, altrimenti avremmo organizzato altri eventi per far conoscere meglio il pickleball, ma presto recupereremo il terreno perduto”. In ogni caso sia i soci del Tc New Country Frascati che anche i semplici “curiosi” di questa disciplina possono fruire del campo nato all’interno del circolo tuscolano tramite una semplice prenotazione presso la segreteria di via dell’Acquacetosa. “Il materiale per giocare, visto che non è ancora disponibile in commercio in Italia, lo mettiamo a disposizione noi” sottolinea Molinari che poi pronostica: “Nel 2020 sono convinto che nasceranno nuovi campi dedicati al pickleball in Italia e la disciplina prenderà rapidamente piede perché tra l’altro è facilmente fruibile da giocatori di tutte le fasce d’età, anche dai più piccoli. I nostri mini-atleti, ad esempio, hanno dimostrato di avere una naturale familiarità con la racchetta e i tempi di gioco”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it