Connect with us

Roma

COLPITA LA CAMORRA A ROMA:CONFISCATO IMPERO DA 80 MILIONI

Clicca e condividi l'articolo

Coinvolta anche la catena "Pizza Ciro". Tre imprenditori accusati di riciclo per conto del clan Contini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Redazione
 
Roma – I Carabinieri di Roma hanno confiscato beni per un valore di 80 milioni di euro a quattro imprenditori che risulterebbero coinvolti nei traffici della camorra napoletana. Tre di loro erano noti alle forze agli inquirenti poiché erano stati arrestati nel gennaio del 2014 nel corso dell’indagine denominata “Margarita”, nota con il nome di “Pizza Ciro”, che portò in manette 20 perone e al sequestro di diversi locali nel centro di Roma. Le indagini hanno appurato che tre imprenditori, fratelli, avrebbero esercitato un’attività di riciclaggio per la camorra napoletana, per conto del Clan Contini. Dalle indagini dirette dalla DDA di Roma e condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo è emerso che le loro disponibilità economiche e i loro beni –erano proprietari di numerosi ristoranti-pizzerie nelle vie principali della capitale e con un volume d’affari incongruente con i redditi dichiarati- sarebbero state gestite con l’ausilio di prestanome per occultare le ingenti risorse economiche di illecita provenienza. 

Dalle indagini dei carabinieri, è emerso che tre fratelli imprenditori sarebbero stati "stabili riciclatori" per conto della camorra napoletana, al servizio, in particolare, del clan Contini. I tre imprenditori napoletani Antonio, Luigi e Salvatore Righi, partendo dunque dalla gestione della piccola pizzeria del padre a Napoli in via Foria, si erano trasferiti negli anni 90' a Roma e in poco tempo erano diventati proprietari di fatto di una holding di società attive nella gestione di numerosissimi ristoranti-pizzeria ubicati della Capitale, con un volume d'affari sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati. Le indagini hanno dimostrato che l'impero economico dei fratelli Righi veniva gestito con modalità illecite, mediante una rete di società intestate a prestanome, finalizzate al reimpiego e all'occultamento di ingenti risorse economiche di provenienza illecita ed alla sottrazione delle imprese acquisite e gestite con il denaro sporco a possibili misure di prevenzione patrimoniale. Inoltre, sull'ascesa imprenditoriale della famiglia Righi sicuramente ha influito il loro coinvolgimento nel sequestro di persona a scopo di estorsione di Luigi Presta, avvenuto a Napoli nel 1983. All'epoca, Ciro, la moglie e i figli Luigi, Salvatore e Antonio Righi furono arrestati, poiché sospettati di aver riciclato parte del riscatto di un miliardo e settecento milioni di lire pagato dalla famiglia Presta per ottenere la liberazione; a conclusione di un tortuoso iter giudiziario, Luigi e Salvatore furono condannati per riciclaggio

 

 

Gli affari a Roma Il vincolo con il clan Contini non impediva ai Righi di proporsi quale punto di riferimento sulla Capitale per altri sodalizi camorristici, prescindendo dagli equilibri e delle alleanze tra i vari clan napoletani; del resto l'esperienza investigativa ha spesso evidenziato come ai riciclatori non venga richiesto quell'impegno di fedeltà esclusiva normalmente preteso dagli affiliati appartenenti alle componenti militari dei clan. Le indagini dei Carabinieri di Roma hanno infatti rivelato la vicinanza di Antonio Righi anche al clan Mazzarella, avendo egli svolto attività di riciclaggio e supporto logistico per conto di Oreste Fido, reggente del gruppo di Paolo Ottaviano operante in zona Mercato-Santa Lucia a Napoli, nonché la vicinanza di Ivano Righi, figlio di Salvatore, al clan Amato-Pagano, degli "scissionisti" di Secondigliano. L'accertamento dell'affiliazione, quali concorrenti esterni, dei tre fratelli Antonio, Luigi e Salvatore Righi a clan camorristici napoletani ha determinato lo spostamento da Roma a Napoli della competenza giurisdizionale sul procedimento, con il conseguente invio degli atti alla Procura della Repubblica – DDA – di Napoli che, valutando il corposo quadro indiziario già acquisito dalla DDA e dai Carabinieri di Roma, peraltro suffragato dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, lo ha messo a sistema con i risultati di un più ampio lavoro investigativo sul clan Contini.

 

 

Il calcio nel mirino dei fratelli Righi C'era anche il mondo del calcio nel mirino degli imprenditori Righi per impiegare il denaro frutto di attività illecite. Dalle indagini è emerso che a Napoli la famiglia Righi negli anni ha mantenuto delle basi operative rappresentate da alcuni locali e dal Centro Sportivo e dalla Società Sportiva "Mariano Keller", titolare di una squadra di calcio attualmente militante nel campionato di Serie D girone H. In generale, il mondo del calcio delle serie minori è un settore in cui i Righi avrebbero poi nel tempo investito per impiegare somme di denaro nero a loro disposizione: le indagini hanno svelato un intervento del clan Contini, su richiesta di Salvatore Righi, nei confronti di alcuni calciatori del Real Marcianise, affinché perdessero un incontro con il Gallipoli Calcio che, a conclusione della stagione 2008/2009 del campionato di Lega Pro, girone B, aveva bisogno di una vittoria, effettivamente avvenuta, per accedere alla serie B.

 

 

I beni confiscati Nel gennaio 2014 e nei mesi successivi, in esecuzione di decreti di sequestro anticipato emessi dal Tribunale di Roma, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma – DDA di Roma si è quindi proceduto al sequestro per la confisca dei beni e rapporti finanziari di Righi e Mariotti. Oggi, il provvedimento di confisca odierno colpisce la quasi totalità dei beni e rapporti finanziari, per un valore complessivo di oltre 80 milioni di euro ed in particolare: 28 esercizi commerciali di bar-ristoranti-pizzerie, a Roma (24), Napoli e Provincia (3) e Gabicce Mare (1);41 beni immobili a Roma (16 fabbricati), Napoli (12 fabbricati), Caserta (5 fabbricati), Benevento (7 terreni), Rieti (1 terreno); 385 rapporti finanziari-bancari; 76 veicoli, di cui 57 autovetture, 1 roulotte, 18 motocicli; 77 società titolari di parte dei beni; 300mila euro di denaro contante rinvenuti nel corso delle operazioni

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Roma

Roma, accerchiano un anziano per rubargli il portafoglio: arrestate due persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – I Carabinieri della Stazione Madonna del Riposo hanno arrestato due persone per il reato di rapina. Si tratta di un cittadino del Senegal di 48 anni e uno del Mali di 39.

I militari, in transito in via Boccea, arrivati all’altezza di via de Camillis, hanno notato i due, entrambi già noti alle forze dell’ordine, mentre accerchiavano un anziano.

Intervenuti nell’immediato, i militari hanno appurato che il 48enne impediva la vittima, un 77enne romano, di continuare la sua passeggiata a piedi ostruendogli la strada, mentre il complice tentava di asportargli il portafogli, che custodiva all’interno della tasca destra del cappotto.

Per i due sono scattate le manette e sono stati accompagnati in caserma, dove saranno trattenuti in attesa del rito direttissimo.

Continua a leggere

Castelli Romani

Lanuvio, morti in casa di riposo. Burattini (Anchise): “Più trasparenza nella gestione di queste strutture. Ora basta!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Critica la nota che arriva da Antonio Burattini, presidente di “Anchise” – Comitato Nazionale Famiglie Rsa Rsd Sanità sulla tragedia successa a Lanuvio in una casa di riposo dove cinque ospiti sono deceduti e altri sette sono gravi per un’intossicazione da monossido di carbonio. Ospiti e operatori, inoltre erano risultati positivi al Covid e stavano per essere trasferiti.

“Ancora una volta – dice Antonio Burattini – ci troviamo a mettere in evidenza l’ennesimo tragico evento accaduto in una struttura per anziani, con persone in difficoltà, che siano disabili, non autosufficienti o
soltanto anziani.
Altri 5 anziani morti ingiustamente! Si parla di fuga di monossido di carbonio che ha ucciso
anziani, quindi forse poco meritevoli di attenzione! Altre 7 persone ( 5 anziani e 2
operatori) sono stati ricoverati in vari ospedali.
Molti familiari hanno addirittura appreso la notizia soltanto dal telegiornale. La Procura
della Repubblica deve indagare e a noi il dovere di pretendere subito risposte! Adesso
basta!
A quante stragi ancora dobbiamo assistere perché qualcuno si interessi veramente della
questione? Sia nella gestione della pandemia da Covid 19, sia in altre situazioni come
quella accaduta a Lanuvio, c’è la dimostrazione di una grave carenza e poca trasparenza
sulla gestione, a tutto tondo, di queste strutture.
Per ogni struttura deve essere evidenziato in modo chiaro e reso pubblico il numero di
Medici, Infermieri, Operatori Socio Sanitario, ecc. che devono esser e presenti nei vari
turni di lavoro, con riferimento al numero di ospiti, pianificazione dei rischi all’interno, dei
piani di sicurezza aggiornati, della formazione continua del personale certificata da enti
terzi e non ultimo della sicurezza strutturale e manutentiva!
Chiediamo alle ASL queste verifiche, in quanto ci risultano essere di loro competenza e di
rendere pubblica e trasparente la gestione delle stesse
Questo ci riporta sempre alla constatazione che le strutture adibite a ricovero di persone
non autosufficienti in generale, necessitano di una profonda riforma, sul sistema oggi in
essere dei controlli da parte delle Istituzioni preposte.
Sia nella gestione della pandemia da Covid 19, sia in altre situazioni come quella accaduta
a Lunuvio, c’è la dimostrazione di una carenza e a volte superficialità nei controlli sulla
sicurezza.
Chiediamo al Presidente della Regione Lazio On. Zingaretti e all’Ass. alla Sanità On.
D’Amato, un incontro urgente per aprire un confronto sulle tematiche delle RSA e delle
RSD, dalla riapertura alle visite dei familiari, alla gestione delle stesse in questo momento
di pandemia, alla futura revisione normativa, anche riguardo al personale Socio Sanitario
che opera allinterno delle stesse. Il Presidente”.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, via Marsala: clochard aggrediscono il titolare di una bancarella

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La scorsa notte, tre cittadini tunisini di età compresa tra i 23 e i 26 anni, tutti nella Capitale senza fissa dimora e già conosciuti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia Roma Centro – coadiuvati dai militari della Compagnia Roma Parioli – con l’accusa di rapina in concorso.

Il gruppo, camminando lungo via Marsala, ha pensato bene di avventarsi su una bancarella di generi alimentari, in quel momento chiusa, posizionata all’angolo con via Marghera, aggredendo e minacciando il titolare – un cittadino del Bangladesh di 42 anni – a cui hanno portato via cibo e bottiglie di birra.

Dopo essersi allontanati, non contenti, sono tornati sui loro passi, ed hanno nuovamente colpito il 42enne del Bangladesh, facendolo cadere a terra, questa volta per portargli via il denaro in suo possesso, circa 200 euro.

Una pattuglia di Carabinieri in transito in quell’istante ha sentito le urla della vittima e visto i tre malviventi darsela a gambe levate col bottino.

Grazie al coordinamento della Centrale Operativa del Gruppo di Roma, che ricevuta la nota dell’episodio ha fatto convergere nella zona anche una pattuglia della Compagnia Roma Parioli, i Carabinieri sono riusciti a rintracciare i fuggitivi e ad arrestarli.

La refurtiva è stata recuperata e restituita alla vittima, che fortunatamente non ha subito lesioni, mentre i tre rapinatori sono stati ammanettati e portati in caserma in attesa del rito direttissimo.

Continua a leggere

I più letti