Connect with us

Scienza e Tecnologia

Commandos 2 e Praetorians Hd remastered sono su Xbox One e Ps4

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Commandos 2 e Praetorians: HD Remaster sono ora disponibili per PlayStation 4 e Xbox One. Il double pack contiene le remaster di entrambi gli iconici titoli, ciascuno disponibile per l’acquisto individuale tramite PlayStation e Microsoft Store. Le remaster includono una grafica in alta definizione dei due titoli di Pyro Studios, l’aggiunta di nuovi tutorial e missioni della campagna, supporto per i controller, nonché una versione integrata della modalità multiplayer di Praetorians – HD Remaster. Commandos 2 – HD Remaster e Praetorians – HD Remaster sono già disponibili per PC tramite Steam e tramite il Kalypso Store. La versione Nintendo Switch di Commandos 2 – HD Remaster arriverà questo inverno. Ma andiamo ad esaminare i titoli nello specifico.

Commandos 2 fa tornare i giocatori indietro nel tempo fino al 1940, un anno dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Le forze tedesche, ormai incontrastate e forti della loro organizzazione e della Guerra Lampo, dominano l’Europa costringendo le truppe inglesi e francesi a imbarcarsi per l’Inghilterra dopo l’accerchiamento nazista del Belgio e la presa della Linea Maginot e di Parigi. Ormai completamente allo sbando, le forze alleate sono costrette a pianificare azioni rischiose per contrastare l’avanzata nazista durante la Battaglia d’Inghilterra, in modo da prepararsi adeguatamente al contrattacco. A causa dell’ottima organizzazione dell’esercito tedesco e del Terzo Reich, i metodi convenzionali non possono riportare il conflitto in una fase di stallo. Soltanto delle unità speciali, duramente addestrate e coraggiose nello spirito, potranno colpire nel cuore la macchina bellica di Hitler: i Commandos. Divisi per categoria e abilità speciali, li muoveremo in vari scenari nelle dieci missioni della campagna principale. Dalla Francia alle fredde zone dell’Artico occupate dai nazisti, dalla Birmania alla Thailandia soggiogate dai giapponesi, le ambientazioni restano invariate rispetto al passato, non aggiungendo alcunché all’esperienza, a parte i vari collezionabili. Ovviamente in questa remastered Hd di Commandos 2 non cambia neppure il gameplay, infatti esso è rimasto lo stesso identico che era stato ideato su PC vent’anni fa. La visuale isometrica con telecamera fissa è accompagnata da un’interfaccia mal gestita e poco funzionale, che confonde il videogiocatore anziché aiutarlo. Per quanto fosse complesso e ben articolato all’epoca, ora il gioco risulta parecchio “antico”, considerati gli altri concorrenti sul mercato. Nonostante l’intelligenza artificiale reagisca ottimamente, spesso si rivela mal equilibrata e fin troppo severa, soprattutto a un livello di sfida intermedio. La fluidità presente in questa edizione 2020 del titolo viene però compromessa da un rallentamento dei modelli poligonali. Quando si tratta di utilizzare le meccaniche come il cono visivo per evitare il nemico, poi, spesso è davvero complesso capire l’azione e seguirla con attenzione per via di una gestione superficiale dei comandi. Complice nuovamente l’interfaccia, spesso si è costretti a tenere premuti due tasti per mirare e colpire con un’arma da fuoco. Neppure il lato grafico brilla, nonostante una maggiore definizione dei cromatismi ambientali. I modelli poligonali sembrano a una risoluzione inferiore, se non la stessa presente nell’originale. Gli edifici, rispetto al passato, sono meglio rifiniti e hanno un buon design, nonostante a volte non siano ben amalgamati con quanto li circonda. L’aspetto tecnico, quello più preoccupante, è ciò che ha minato la nostra esperienza, dando origine alle relative conclusioni. Oltre ai gravissimi problemi di input lag, persistono bug che spesso rovinano l’esperienza, dal sonoro in cui scompaiono i rumori e le voci, alle scritte dei sottotitoli. Considerate le critiche che abbiamo mosso all’edizione remaster di a Commandos 2, speriamo che le correzioni necessarie arrivino quanto prima, rendendo l’esperienza godibile. Attualmente, quindi, questa riedizione di Commandos 2 non riesce a ritagliarsi uno spazio se non tra le fila degli appassionati che ancora oggi ricordano con nostalgia l’originale.

Di qualità di gran lunga superiore l’altra metà del pacchetto. La versione rimasterizzata di Praetorians è infatti il pezzo forte di questo Double Pack, anche se purtroppo stiamo pur sempre parlando di uno strategico in tempo reale nato su PC. Ciò significa che il limite più grande di questo RTS è rappresentato dal sistema di controllo via pad. Anche qui il comparto grafico si presenta rimodernato, laddove sul versante tecnico non si registrano problemi. Il codice di Praetorians è difatti molto più pulito rispetto a quello di Commandos 2, tanto che l’esperienza fila senza particolari intoppi, fatto salvo qualche sporadico e quasi impercettibile calo di frame rate. Gestire il proprio esercito con un controller, invece, è tutt’altro che semplice. Mentre su PC basta un click per portare a termine un po’ tutte le azioni, dalla selezione delle unità all’attivazione di un’abilità speciale, su console è necessario memorizzare diverse combinazioni di tasti e passare attraverso vari sottomenù per svolgere anche la più semplice delle manovre strategiche. Ci si fa l’abitudine, ma nelle situazioni più concitate la macchinosità e la scarsa immediatezza del sistema di controllo si fanno sentire. Per fortuna Praetorians è già di per sé un RTS relativamente semplificato nella misura in cui non vi sono risorse da raccogliere o una base da gestire. Tutto passa attraverso uno o più accampamenti sparsi nella mappa dai quali reclutare unità militari, che poi vanno inviati contro gli eserciti e gli accampamenti nemici. La microgestione – dunque – è ridotta al minimo, se non inesistente. Certo, la resa complessiva assume sempre quel retrogusto di esperienza sub-ottimale, ma Praetorians è ancora oggi uno strategico in tempo reale di grande qualità, e se l’unico modo che avete di giocarci è attraverso una PS4 o una Xbox One, allora potreste tranquillamente farci un pensierino ben consci dei limiti intrinsechi della versione console.

Tirando le somme, se siete amanti del retrogaming e di quei giochi che poco prima dell’entrata dell’attuale millennio hanno lasciato il segno, allora Commandos 2 e Praetorians Hd remastered double pack è un prodotto che non vi potete lasciar perdere. Sicuramente però tale uscita è destinata a rimanere un prodotto di nicchia in quanto, le nuove generazioni di gamers, sicuramente apprezzerebbero poco pietre miliari come queste che hanno fatto la storia, ma che purtroppo sono destinate a rimanere nei ricordi e nei cuori di chi le ha vissute quando erano la novità del momento.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 6,5

Sonoro: 7

Gameplay: 6,5

Longevità: 6

VOTO FINALE: 6,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Vertice Web Italia-Svezia: l’innovazione digitale pilastro della ripresa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è svolto recentemente il “Web Summit Italia-Svezia: l’innovazione digitale pilastro della ripresa”, organizzato da Business Sweden, l’Ambasciata di Svezia in Italia, e il Ministero degli Esteri svedese, a cui hanno partecipato la Ministra per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano e il Ministro svedese dell’Energia e della Digitalizzazione Anders Ygeman.

Reti a banda ultralarga e tecnologie digitali: sono questi gli ingredienti fondamentali della ricetta per la ripresa economica messa nero su bianco dall’Unione Europea nel Piano “Next generation UE”. Il rilancio e il sostegno agli investimenti rappresentano la priorità europea per far fronte alle conseguenze della pandemia da Coronavirus e per l’avvio di un nuovo percorso votato alla crescita e al recupero della competitività. Lo scopo di questo Web Summit era di mettere a confronto le esperienze e i progetti in campo in Italia e in Svezia sul fronte dell’innovazione digitale con l’obiettivo di individuare nuove sinergie e stimolare iniziative congiunte alla ricerca di un “modello” comune.

Il Ministro Anders Ygeman, e la Ministra Paola Pisano hanno messo a confronto e discusso le loro agende digitali per rilanciare le rispettive economie nazionali.

Oltre ai ministri Ygeman e Pisano, sono intervenuti l’ambasciatore di Svezia Jan Björklund e il vicepresidente di Business Sweden Fredrik Fexe. A dibattito anche rappresentanti delle istituzioni, operatori di telecomunicazioni e tech companies: Elisabetta Ripa per Open Fiber, Roberto Basso per Windtre, Carlo Nardello per TIM, Emanuele Iannetti per Ericsson, Conny Franzén per Genexis e Viktor Wrede per Scrive. L’evento è stato moderato da Mila Fiordalisi, Direttrice CorCom, la rivista online di riferimento sull’economia digitale e l’innovazione.

Qui di seguito si citano alcuni dei punti più rilevanti emersi durante il Web Summit qui di seguito:

  • il progresso congiunto della transizione dell’UE verso un futuro verde e digitale è cruciale, come ha evidenziato la pandemia di Covid-19. Solo lavorando insieme possiamo raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 che assicurano una società che offra benessere a tutti, aziende competitive e sviluppo economico rispettoso del clima.
  • Italia e Svezia dovrebbero assumere un ruolo guida nel promuovere la copertura della banda larga e la digitalizzazione, anche a livello europeo, e continuare il proficuo scambio di esperienze e conoscenze tra i italiani e svedesi. Diverse aziende ICT svedesi di eccellenza sono presenti in Italia e pronte a contribuire ad accelerare il cambiamento digitale.
  • Esigenza di sfruttare i vantaggi della trasformazione digitale e anche affrontare le sfide ad essa associate, come il divario tra coloro che sono già connessi e coloro che hanno necessità di accedere ai servizi e all’istruzione nelle competenze digitali. Ciò richiede uno sviluppo politico attivo e collaborazione tra le diverse aree politiche.
  • Facilitare accesso ed uso dei servizi digitali, l’esperienza dell’utente è fondamentale per il successo aziendale e anche per gli enti pubblici. La digitalizzazione è davvero uno sforzo congiunto e non c’è una sola ricetta per il successo. Servono soluzioni tecniche diverse e complementari, investimenti in capitale umano e una prospettiva a lungo termine, in cui il governo, le imprese e il mondo accademico lavorino insieme.
  • La digitalizzazione non incrementa automaticamente il giro d’affari delle imprese, ma attraverso un’amministrazione semplificata, le aziende possono liberare risorse da utilizzare per attività creative e di creazione di valore.

Continua a leggere

In evidenza

Nasa, sonda Osiris-Rex alla scoperta delle origini del sistema solare: dopo un viaggio di 4 anni toccato l’asteroide Bennu

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo un viaggio di quattro anni, la sonda Osiris-Rex della Nasa ha toccato l’asteroide Bennu per raccogliere alcune decine di grammi di polvere da portare sulla Terra, destinata a raccontare le origini del Sistema Solare: un’operazione di alta precisione eseguita alla distanza di 330 milioni di chilometri.

“Tutto è andato alla perfezione”, ha annunciato pochi minuti dopo il contatto Dante Lauretta, il responsabile della missione: “E’ stata scritta una pagina di storia stasera”, ha commentato. L’obiettivo della missione è raccogliere almeno 60 grammi di frammenti che spera rivelino gli ‘ingredienti’ originali del sistema solare.

Raccogliere un campione direttamente da un asteroide offre un’opportunità unica di studiare le rocce che risalgono alla formazione del Sistema Solare, avvenuta più di 4,5 miliardi di anni fa. “Mentre i pianeti e le lune sono cambiati nel corso dei millenni, molti di questi piccoli corpi no”, ha detto Lori Glaze, capo della divisione di Scienze planetarie della Nasa.

“Gli asteroidi – ha aggiunto – sono come capsule del tempo che possono fornire una testimonianza fossile della nascita del nostro Sistema Solare”. La sonda, lanciata nel 2016, ha toccato  una zona al centro del sito Nightingale, del diametro di 16 metri, selezionato perché ricco di materiale a grana fine, ma sulla regione incombono massi delle dimensioni di un edificio.

La sequenza di discesa è iniziata quando Osiris-Rex cha acceso i propulsori per lasciare la sua orbita sicura a circa 770 metri dalla superficie di Bennu e scendere verso il suolo. Arrivata a un’altezza di 125 metri, la sonda ha eseguito un’altra manovra per aggiustare la posizione e regolare la velocità.
Circa 11 minuti più tardi, a un’altitudine di 54 metri, la sonda ha frenato e ha cominciato a prendere di mira il suo obiettivo.
Quindi ha toccato la superficie per meno di 16 secondi, sparando una delle sue tre bombole pressurizzate di azoto. Il gas ha sollevato il materiale dalla superficie di Bennu, mentre la sonda si allontanava. Raggiunta una distanza di sicurezza, la sonda ha esteso il suo braccio robotico lungo 3,4 metri per raccogliere i campioni: 60 grammi di polvere e ghiaia da portare a Terra entro il 2023

Continua a leggere

In evidenza

XVIII edizione di BergamoScienza: attesa per l’appuntamento con Luca Parmitano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Domenica 18 ottobre alle 21 su www.bergamoscienza.it

Un incontro che ci porterà in un viaggio alla scoperta dei futuristici esperimenti condotti nello spazio

La serata conclusiva della XVIII edizione di BergamoScienza, che quest’anno si è tenuto tutto in digitale (www.bergamoscienza.it), vedrà ospite l’astronauta Luca Parmitano, primo astronauta italiano ad aver assunto il comando della Stazione Spaziale Internazionale, rientrato da poco con successo dalla missione Beyond.

Domenica 18 ottobre alle 21, Parmitano si collegherà con Ilaria Zilioli dell’ESA, con l’astrofisico Luca Perri e con il divulgatore scientifico Adrian Fartade per approfondire le ricerche che si svolgono sulla Stazione Spaziale. Andare nello spazio significa trasportarvi anche numerose forme di vita microscopiche, alcune potenzialmente pericolose e altre che hanno invece compiti precisi, come i batteri minatori. L’incontro ci porterà in un viaggio alla scoperta dei futuristici esperimenti condotti nello spazio.

L’incontro con Parmitano sarà l’ultimo delle 16 giornate che hanno visto alternarsi in collegamento live streaming importanti ospiti nazionali e internazionali, tra scienziati, antropologi, psicologi e divulgatori. Un’edizione digitale ricca di interventi, tour virtuali e laboratori online, con cui anche quest’anno BergamoScienza si è confermata capofila tra gli eventi di divulgazione scientifica e culturale, proprio in un momento in cui è più che mai importante mettere la scienza al centro del proprio modo di pensare, comportarsi e scegliere.

Continua a leggere

I più letti