Connect with us

Roma

COMUNALI MARINO: BAGNO DI FOLLA PER IL CANDIDATO STEFANO CECCHI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Pappadia-Palozzi: “Un gruppo di uomini e donne che amano Marino”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Red. Politica
Marino (RM)
– Ieri sera si è svolta, presso Villa Appia in via Appia Nuova, la presentazione della lista “Idee Nuove con Cecchi”. Grande entusiasmo e tanta partecipazione: “Un gruppo di uomini e donne che amano Marino”, hanno detto Pappadia e Palozzi. Presente il candidato sindaco de L’Officina delle Idee, Stefano Cecchi.
Una Villa Appia strabordante di amici e simpatizzanti ha ospitato nella serata di ieri la presentazione della lista “Idee Nuove con Cecchi”. Anche quest’anno infatti, forte delle esperienze amministrative del 2006 e del 2011, la lista civica nata nel 2003 su impulso dell’ex sindaco di Marino e attuale consigliere regionale Adriano Palozzi, ha deciso di rimettersi in gioco al fianco de “L’Officina delle Idee”, che vede nel candidato a primo cittadino Stefano Cecchi la punta di diamante. Davvero tanti i cittadini che hanno preso parte all’appuntamento per conoscere i candidati al consiglio comunale di Marino, un gruppo di uomini e donne che hanno a cuore il bene della città: “La nostra lista è una squadra completa ed eterogenea, espressione del centro storico e delle frazioni, composta da persone competenti e preparate. Fulcro determinante di Idee Nuove saranno i tanti giovani e le tante donne che non hanno esitato un secondo a mettersi in gioco per il bene della comunità locale”, ha esordito la coordinatrice cittadina Alessandra Pappadia. Che ha chiara in mente la strada da seguire: “Continuità nel rinnovamento. L’obiettivo primario, sostenendo la candidatura a sindaco di Stefano Cecchi, è in primis fare in modo che tutto ciò che di buono è stato fatto in questi anni di amministrazione non venga perduto e, anzi, possa essere migliorato con nuove proposte e, per l'appunto, con idee nuove”.

Riqualificazione del palazzetto dello sport e delle aree verdi esistenti, realizzazione di 10 nuovi parchi, le 2 nuove scuole aperte, 18 scuole ristrutturate, la risoluzione del parcheggio sotterraneo di piazzale degli eroi dopo 20 anni, la posa in opera di erba sintetica sui campi da calcio, tanti milioni di debito risanati. Questa, dunque, la bella eredità da cui ripartire e concretizzata in quasi un decennio di buongoverno e stabilità amministrativa. Idee Nuove vuole in primis riconfermarsi: “L’obiettivo è affermare ancora una volta la nostra presenza in Consiglio comunale, continuare a soddisfare le reali istanze delle famiglie marinesi e rendere la città ancora più bella e funzionale – ha proseguito Adriano Palozzi -. Un percorso possibile solo al fianco di Stefano Cecchi sindaco: un amico, una persona di grande caratura umana e con navigata esperienza amministrativa. Noi daremo il nostro sostegno con la nostra storica lista, davvero un pezzo di cuore. Idee Nuove ha la grande capacità di rinnovarsi nel tempo con persone nuove, che vogliono fare politica e contribuire al miglioramento della nostra città”.

A chiudere l’evento ci ha pensato il candidato sindaco Stefano Cecchi che, dopo aver sottolineato quanto di buono fatto in questi anni da Idee Nuove per Marino e dopo aver rivolto un sincero “inboccaallupo” agli aspiranti candidati della lista cittadina al Consiglio comunale, è passato a elencare le priorità amministrative per Marino. Dall’avvio della raccolta differenziata “porta a porta” al rilancio del commercio e dello sport, dalla immediata riapertura del Mitreo, “per il quale le giunte Palozzi hanno lavorato con impegno e dedizione” a Palazzo Colonna polo museale, dal completamento del decentramento amministrativo a una equilibrata offerta di servizi per i residenti di centro storico e frazioni. Con la centralità del cittadino e della comunità quale principio ispiratore dell’azione politica: “Turismo, cultura, commercio. Questi elementi, combinati insieme – ha spiegato Stefano Cecchi – daranno il giusto slancio economico, sociale e di immagine alla nostra città, tra le più belle dei Castelli Romani. Lavoreremo in sinergia con le istituzioni e la comunità per offrire una proposta culturale all’avanguardia, penseremo a sgravi fiscali per chi vorrà aprire una nuova attività commerciale e opereremo al fianco dei negozianti per iniziative sinergiche e in grado di attrarre gente sulle strade di Marino Centro e frazioni: basta saracinesche chiuse”. “Inoltre – conclude il candidato sindaco de “L’Officina delle Idee” – rivolgeremo il nostro impegno alle politiche sociali, con particolare attenzione ai ceti meno abbienti. Una mission che ci ha sempre caratterizzato in tanti anni di governo e che confermeremo con rinnovata dedizione”.
 

Metropoli

Canale Monterano, salvo il fico del Marchese del Grillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

La pianta secolare dopo essere parzialmente crollata era rimasta gravemente danneggiata

CANALE MONTERANO (RM) – Salvo il fico centenario, rimasto danneggiato per cause naturali la scorsa settimana, meglio conosciuto come fico “di Don Bastiano”, presso il Convento di San Bonaventura a Monterano. Una vera e propria “icona” monteranese celebre, anche, grazie al film ‘Il marchese del Grillo’.

La pianta, situata all’interno del convento di San Bonaventura a Monterano nei giorni scorsi è crollata. Il grosso fico durante la notte tra il 25 e il 26 giugno ha subito il distaccamento di parte del tronco e dei rami ad esso collegati.

L’amministrazione comunale di Canale Monterano insieme alla Riserva si sono attivati immediatamente facendo rimuovere le parti schiantate o spezzate e facendo operare una potatura specifica delle parti sopravvissute. Così, grazie alle cure operate secondo le indicazioni prescritte dal tecnico forestale della Riserva Naturale, Dott. Fabio Scarfò, la pianta è stata salvata e ora gode nuovamente di un aspetto sano e bello.

“Vogliamo ringraziare la competente Soprintendenza per il supporto fornito dall’Assistente di zona Sig. Luigi Vittorini – commenta il Direttore della Riserva Naturale Regionale Monterano, Fernando Cappelli – e l’Azienda Agricola Camilletti Cesare, affidataria del servizio, per l’attenzione e la cura nei dettagli dimostrata nell’attuazione dell’intervento.”

“Incrociamo le dita – aggiungono il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli e il Consigliere delegato alla Riserva Giovanni D’Aiuto – ma sembra che il peggio sia passato. L’augurio è di vedere il fico di San Bonaventura presidiare con la sua maestosa vecchiaia la navata di San Bonaventura per almeno altri cent’anni”.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

I più letti