Connect with us

Roma

CORI E NEMI: SCOPERTA LA LAPIDE IN MEMORIA DEL CARABINIERE EROE AUSANO NICOLETTI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Cori e Nemi, i due Comuni presenti con i rispettivi gonfaloni portati dagli agenti di Polizia Locale guidati dai due Comandanti, Alessandro Cartelli e Gabriele Di Bella.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

 

LEGGI ANCHE: NEMI: LA CITTA' DI CORI DEDICA UNA LAPIDE AL CARABINIERE AUSANO NICOLETTI

 

Redazione

Nemi (RM) – Il Sindaco di Cori Tommaso Conti ha scoperto sabato mattina la lapide in memoria del giovane Carabiniere Ausano Nicoletti, caduto per mano nazista il 7 Febbraio 1944, mentre tentava di recarsi in caserma per recuperare i viveri da portare ai compagni di lotta, anch'essi costretti a rifugiarsi in montagna per sfuggire alla cattura da parte della gendarmeria tedesca.

Sulla lastra posizionata a piazza Romana, dove fu ucciso, benedetta da don Angelo, è stato scolpito il generoso sacrificio di questo coraggioso servitore dello Stato, nato a Nemi il 10 Gennaio 1924, catturato da una pattuglia di S.S. – Schutzstaffel – del Reich che occupavano il paese e freddato a soli vent’anni con due colpi di rivoltella.

Il corpo esangue rimase a terra per un mese, prima che un gruppo di volenterosi cittadini restituisse dignità alle sue spoglie con una temporanea sepoltura vicino a piazza della Croce, nell’impossibilità di portarlo al cimitero corese dove oggi riposa, a causa della presenza dei soldati del Führer nei pressi del camposanto. 

Secondogenito di due fratelli e quattro sorelle, Ausano Nicoletti si era arruolato per passione nell’Arma dei Carabinieri pochi mesi prima di morire. Alla commemorazione ha partecipato anche Mafalda, 82 anni, l’ultima nata in casa Nicoletti e l’unica in vita dei sei figli, appena undicenne all’epoca dei fatti. L’hanno accompagnata alcuni nipoti e pronipoti di Ausano. A lei è stata consegnata una targa ricordo.

Tante le autorità politiche ed istituzionali presenti alla cerimonia. Il Presidente della Provincia di Latina Eleonora Della Penna; gli assessori e i consiglieri delle Amministrazioni comunali di Cori e Nemi, i due Comuni presenti con i rispettivi gonfaloni portati dagli agenti di Polizia Locale guidati dai due Comandanti, Alessandro Cartelli e Gabriele Di Bella. 

Presenti le rappresentanze di tutte le Forze dell'Ordine. Il vice Prefetto di Latina Luigi Scipioni; il vice Questore aggiunto di Latina Walter Dian, Dirigente del Commissariato di Polizia di Stato di Cisterna di Latina; il Luogotenente di Brigata della Guardia di Finanza di Cisterna di Latina Pasquale Sorrentino; i forestali del comparto di Cori del Corpo Forestale dello Stato.

Per l’Arma dei Carabinieri, in particolare, c'erano il Comandante provinciale Giovanni De Chiara; il Tenente Colonnello Andrea Mommo, Comandante del Reparto Territoriale dei Carabinieri di Aprilia; il Maresciallo Maurizio Falsetti, Comandante della Stazione dei Carabinieri di Cori e i suoi sottoposti; il Maresciallo Vincenzo Abbate con la delegazione del Comando di Nemi, le delegazioni dei comandi di Aprilia e Cisterna di Latina; le sezioni di Latina, Aprilia, Cisterna di Latina, Norma e Sermoneta dell'Associazione Nazionale Carabinieri.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Canale Monterano, salvo il fico del Marchese del Grillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

La pianta secolare dopo essere parzialmente crollata era rimasta gravemente danneggiata

CANALE MONTERANO (RM) – Salvo il fico centenario, rimasto danneggiato per cause naturali la scorsa settimana, meglio conosciuto come fico “di Don Bastiano”, presso il Convento di San Bonaventura a Monterano. Una vera e propria “icona” monteranese celebre, anche, grazie al film ‘Il marchese del Grillo’.

La pianta, situata all’interno del convento di San Bonaventura a Monterano nei giorni scorsi è crollata. Il grosso fico durante la notte tra il 25 e il 26 giugno ha subito il distaccamento di parte del tronco e dei rami ad esso collegati.

L’amministrazione comunale di Canale Monterano insieme alla Riserva si sono attivati immediatamente facendo rimuovere le parti schiantate o spezzate e facendo operare una potatura specifica delle parti sopravvissute. Così, grazie alle cure operate secondo le indicazioni prescritte dal tecnico forestale della Riserva Naturale, Dott. Fabio Scarfò, la pianta è stata salvata e ora gode nuovamente di un aspetto sano e bello.

“Vogliamo ringraziare la competente Soprintendenza per il supporto fornito dall’Assistente di zona Sig. Luigi Vittorini – commenta il Direttore della Riserva Naturale Regionale Monterano, Fernando Cappelli – e l’Azienda Agricola Camilletti Cesare, affidataria del servizio, per l’attenzione e la cura nei dettagli dimostrata nell’attuazione dell’intervento.”

“Incrociamo le dita – aggiungono il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli e il Consigliere delegato alla Riserva Giovanni D’Aiuto – ma sembra che il peggio sia passato. L’augurio è di vedere il fico di San Bonaventura presidiare con la sua maestosa vecchiaia la navata di San Bonaventura per almeno altri cent’anni”.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

I più letti