Connect with us

Cronaca

Corleone, colpo duro alla mafia: 12 arresti

Clicca e condividi l'articolo

Rispetto al passato, gli imprenditori e i commercianti hanno alzato la testa e si sono ribellati al muro di omertà imposto da un sistema marcio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Palermo – E’ stata denominata “Grande Passo 4” l’operazione eseguita durante la notte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Corleone che ha portato all’esecuzione di misure cautelari nei confronti di dodici persone ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, tentata estorsione e danneggiamento, delitti aggravati dalla finalità di agevolare l'attività dell’associazione mafiosa e sono: Gariffo Carmelo, Vaccaro Pietro, Coscino Vincenzo, Saporito Bernardo,  Di Marco Antonino, Lo Bue Leoluca, Pellitteri Vincenzo, Scianni Francesco Paolo, Filippello Vito Biagio, Masaracchia Pietro Paolo, Geraci Francesco, Geraci Francesco. Alla libertà vigilata sono stati sottoposti invece: Gebbia Gaspare e Gebbia Pietro. Una complessa operazione che è stata compiuta su richiesta della Procura Distrettuale diretta dal Dott. Lo Voi e dalle indagini coordinate dal Procuratore aggiunto Dott. Agueci e dai sostituti Dott. Demontis, Dott.ssa Malagoli e Dott. Spedale. Tale operazione rappresenta un’ulteriore tassello all’interno del pregresso quadro investigativo in cui sono state compiute le tre indagini “Grande Passo”, relative al mandamento mafioso di Corleone che hanno portato all’arresto di esponenti di spicco tra il settembre del 2014 e il novembre 2015. Indagini che hanno condotto gli inquirenti a compiere ispezioni all’interno del Comune di Corleone e successivamente hanno portato allo scioglimento dell’Ente allo scioglimento per infiltrazioni mafiose. Il tutto ha inizio nel marzo del 2014, quando viene scarcerato Carmelo Gariffo, il nipote del superboss di cosa nostra Bernardo Provenzano. Gli inquirenti avviano ulteriori attività d’intercettazione all’interno degli uffici del custode del campo sportivo di Corleone, Antonino di Marco, uomo vicino ai vertici di Cosa Nostra. Da tali intercettazioni si sviluppa l’indagine denominata “Grande Passo” che ha portato all’individuazione del mandamento di Corleone nella persona di Rosario Salvatore Lo Bue, l’identificazione delle famiglie mafiose di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano nelle persone di Vincenzo Pellitteri e Pietro Paolo Masaracchia, è stato delineato il ruolo di Antonino Di Marco quale supervisore della attività della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano, sono state accertate le responsabilità di Pietro Pollichino quale supervisore dell’area Contessa Entellina. Le indagini che hanno portato all’ordinanza di custodia cautelare hanno interessato: Carmelo Gariffo, nipote del boss Bernardo Provenzano; Leoluca Lo Bue, capo del mandamento di Corleone; Antonino Di Marco, arrestato nel settembre del 2014 nell’operazione “Grande Passo” e condannato a 12 anni di reclusione in primo grado per associazione mafiosa; Vincenzo Pellitteri, arrestato nel novembre 2015 nell’operazione “Grande Passo 3”; Pietro paolo Masaracchia, arrestato nel settembre 2014 nell’operazione “Grande Passo” e condannato a 11 anni di reclusione per associazione mafiosa in primo grado; Vito Biagio Filippello, reggente della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano, Bernardo Saporito, Francesco Scianni e Vincenzo Coscino ritenuti appartenenti alla famiglia mafiosa di Corleone; Francesco Geraci e un altro omonimo poco più grande di lui, entrambi imprenditori e Pietro Vaccaro, appartenenti alla famiglia di Chiusa Sclafani. Per Gaspare Gebbia e il figlio è stata applicata la libertà vigilata per due anni. 
 
Le indagini hanno appurato il potere decisionale della famiglia mafiosa di Corleone sulle famiglie di Palazzo Adriano e Chiusa Sclafani, che pianificavano illecite attività sotto la supervisione e l’autorizzazione dei corleonesi. Dalle indagini è emersa una fitta rete di estorsioni di ditte impegnate sui lavori pubblici. Rispetto al passato, gli imprenditori e i commercianti hanno alzato la testa e si sono ribellati al muro di omertà imposto da un sistema marcio e non riuscendo più a gestire la situazione hanno deciso di collaborare. Nel mese di luglio del 2014 un imprenditore di Palermo che si era aggiudicato un appalto di lavori di manutenzione ha denunciato l’incendio di due mezzi da lavoro. Gli inquirenti hanno avviato delle attività investigative di intercettazioni telefoniche e ambientali ed è emerso il ruolo degli indagati, in particolar modo è stato individuato il ruolo di Gebbia e del figlio Pietro quali mandati di un progetto omicidiario ad danno di un agricoltore. Gli inquirenti hanno appurato quanto sia ancora ben presente e utilizzato il sistema estorsivo dalle organizzazioni criminali come strumento cumulativo di capitale. Un sistema che annienta le vittime sia da un punto di vista economico che psicologico evidenziando quanto il clima di paura e di terrore del sistema mafioso sia ancora ben presente in Sicilia e che può essere sconfitto attraverso l’abbattimento del muro di omertà.  

Cronaca

Svolta sulla morte dell’ex vigilessa nel Bresciano: arrestate due figlie della donna e il fidanzato della maggiore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Svolta nelle indagini sulla morte di Laura Ziliani, la ex vigilessa di Temù, nel Bresciano, svanita nel nulla l’otto maggio scorso e il cui cadavere è stato trovato tra la vegetazione nel paese dell’Alta Vallecamonica l’otto agosto. Questa mattina sono state arrestate dai carabinieri di Brescia due delle tre figlie della donna e il fidanzato della maggiore.

Silvia e Paola Zani, 27 e 19 anni, e Mirto Milani, residente quest’ultimo in provincia di Lecco, sono stati raggiunti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Brescia.

Contestati i reati di omicidio volontario, aggravato dalla relazione di parentela con la vittima, e di occultamento di cadavere. Le indagini, avviate dai militari della Compagnia di Breno, parallelamente alle ricerche, avrebbero evidenziato numerose anomalie nel racconto fornito dai tre arrestati, “inducendo i carabinieri e la Procura a ritenere poco credibile la versione dell’infortunio o del malore in montagna” riferiscono gli inquirenti.

“Il proposito omicidiario è il frutto di una lunga premeditazione e di un piano criminoso che ha consentito loro di celare per lungo tempo la morte e di depistare le indagini”. Lo scrive il gip Alessandra Sabatucci nell’ordinanza di custodia cautelare di due delle tre figlie di Laura Ziliani e del fidanzato della maggiore. Secondo gli inquirenti il movente è di natura economica: “I tre indagati avevano un chiaro interesse a sostituirsi a Laura Ziliani nell’amministrazione di un vasto patrimonio immobiliare al fine di risolvere i rispettivi problemi economici”.

“Siamo davanti ad un quadro indiziario. Quattro mesi e mezzo di investigazioni serrate hanno portato però a ribaltare la versione originaria quella della scomparsa e della morte naturale”. Lo ha detto il procuratore capo di Brescia Francesco Prete, commentando gli arresti delle due figlie di Laura Ziliani e del fidanzato della maggiore. “Naturalmente il condizionale si impone nel senso che non abbiamo alcuna certezza. La nostra è un’ipotesi che al momento riteniamo fondata grazie anche al contributo che ha dato l’Istituto di medicina legale di Brescia che ha individuato delle tracce di sostanze che probabilmente hanno determinato la causa della morte o contribuito alla sua determinazione” ha aggiunto il procuratore capo di Brescia. Nel corpo di Laura Ziliani sono state trovate tracce di benzodiazepine.

Continua a leggere

Cronaca

Censura a Fanpage per inchiesta Durigon, Stampa Romana: “Precedente gravissimo e inaccettabile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“La decisione del gip del tribunale di Roma di oscurare il video dell’inchiesta di Fanpage su Claudio Durigon e i 49 milioni di euro di evasione della Lega è incredibile e pone a rischio la libertà di stampa e il diritto dei cittadini di essere informati. – Fanno sapere attraverso una nota dall’associazione Stampa Romana – È incredibile – prosegue la nota – perché la stampa nelle sue varie forme e articolazioni non può essere sottoposta a censura e autorizzazioni salvo casi specifici per nulla rilevanti in questo caso. Se Durigon ritiene di essere stato diffamato ha modo di andare in giudizio per tutelare la sua onorabilità ma certamente non ottenendo la rimozione di una inchiesta. I cittadini hanno diritto di essere informati perché dalle corrette informazioni ne deriva la sostanza stessa di un paese democratico. Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza alla direzione agli autori dell’inchiesta e alla redazione di Fanpage.”

La redazione tutta de L’Osservatore d’Italia esprime la massima solidarietà nei confronti di Fanpage.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, in manette i Bonnie e Clyde dell’Italia centrale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La coppia, che era solita spostarsi a piedi, in bicicletta ed in treno, rendendo così molto difficoltoso il loro pedinamento

RIETI – Arrestati e portati in carcere una coppia di ladri responsabile di numerosi furti aggravati perpetrati nel centro Italia. A mettere le manette ai polsi ai due malviventi gli Agenti della Polizia di Stato che hanno eseguito le ordinanze di custodia in carcere emesse dal Tribunale di Rieti.

Si tratta di I.D., del 1980 e della sua compagna. L.D., anch’essa del 1980, entrambi pregiudicati

L’indagine è partita nel mese di giugno quando, ignoti, erano penetrati all’interno di un negozio di materiali edili reatino ed avevano asportato denaro in contanti ed alcuni utensili di marca per oltre tremila euro di valore.

In quella circostanza, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Rieti, esaminando le immagini della videosorveglianza ed ascoltando le testimonianze di alcuni passanti avevano ricostruito la vicenda, individuando gli autori del furto ed identificandoli per il reatino I.D., di 41 anni, già conosciuto dalle Forze dell’ordine per aver commesso numerosi reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti e per la sua compagna coetanea L.D., residente a Spoleto.

Durante l’attività di indagine, gli Agenti della Polizia di Stato hanno ricostruito tutti gli spostamenti dei due ladri raccogliendo fondati elementi di prova relativi alla responsabilità dei due quarantunenni in numerosi furti in esercizi commerciali ed in danno di cittadini in tutto il centro Italia.

In particolare, la coppia, che era solita spostarsi a piedi, in bicicletta ed in treno, rendendo così molto difficoltoso il loro pedinamento, oltre al furto operato a giugno nel negozio di materiali edili reatino, hanno derubato, in tutta l’estate appena trascorsa, solo a  Rieti, 4 esercizi commerciali, due cittadini, nonché hanno perpetrato un furto in appartamento, in una autovettura in sosta ed all’interno della Cappella dell’Ospedale De Lellis di Rieti, dove avevano causato anche dei danneggiamenti. Per alcuni di questi episodi criminosi, avvenuti in provincia di Rieti, i due ladri erano stati denunciati alla locale Autorità Giudiziaria dai militari dell’Arma dei Carabinieri.

Ma le indagini effettuate dalla Polizia di Stato hanno evidenziato anche la commissione di altri reati contro il patrimonio in altre province del Centro Italia.

Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Rieti, che hanno operato, anche liberi dal servizio, una serie di appostamenti e pedinamenti, oltre a numerose attività di tipo tecnico, anche avvalendosi della collaborazione della Polizia Scientifica, hanno raccolto nei confronti dei due ladri una serie interminabile di elementi che hanno evidenziato le loro responsabilità in numerosi reati per i quali sono stati denunciati alla locale Autorità Giudiziaria che ha emesso, in considerazione della elevata pericolosità sociale dei due, le relative ordinanze di custodia cautelare in carcere che sono state eseguite nei giorni scorsi.

La donna è stata rintracciata a Foligno dagli Agenti del locale Commissariato di P.S. ed è stata condotta presso il carcere femminile di Perugia, mentre l’uomo è stato bloccato dagli Agenti della Squadra Mobile reatina ed associato presso la Casa Circondariale di Rieti Nuovo Complesso.

Nel corso dell’arresto operato dagli investigatori reatini, I.D. è stato trovato anche in possesso di un decespugliatore Makita che era stato asportato, sempre nel mese di giugno di quest’anno, da un locale laghetto di pesca sportiva e che è stato restituito immediatamente agli aventi diritto. Le indagini degli Agenti della Polizia di Stato e delle altre Forze di Polizia, in particolare del Lazio, dell’Abruzzo e dell’Umbria, interessate dagli investigatori reatini, proseguono per accertare le responsabilità della coppia in ulteriori furti commessi nei mesi scorsi.

Continua a leggere

I più letti