Connect with us

Salute

Coronavirus, fase 2: raddoppiano i contagiati in 24 ore. Se trend continua a salire rischio ritorno a fase 1

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tornano a salire i contagi con l’incremento dei casi totali che è quasi raddoppiato, passando dai 451 di lunedì – il numero più basso dall’inizio del lockdown – agli 813 di martedì.

Un dato su cui pesa sicuramente il maggior numero di tamponi effettuati rispetto al giorno precedente e che rappresenta comunque un monito, tanto che il ministro per le autonomie Francesco Boccia è tornato a ribadire che, in caso la curva riprendesse a salire, si dovrà necessariamente provvedere a nuove chiusure localizzate.

Il bollettino quotidiano della Protezione Civile dice che 16 giorni dopo l’avvio della Fase due i casi totali sono saliti a 226.699.

Ma quel che conta è l’incremento, doppio rispetto a ieri

Un dato su cui pesano i numeri della Lombardia: su 813 casi, 462 sono nella Regione più colpita, che rispetto a ieri fa segnare anche una risalita delle vittime – 54 nelle ultime 24 ore, mentre lunedì l’incremento era stato di 24 – e degli attualmente positivi: sono 27.291, 218 più di ieri mentre lunedì c’era stato un calo rispetto al giorno precedente di 357 malati.

Tutte le regioni restano dunque al momento a rischio ‘basso’, mentre è ‘moderato’ in Lombardia, Molise e Umbria. I dati dei prossimi giorni, che terranno conto anche delle nuove riaperture, diranno se il trend rimarrà quello attuale o se è destinato a risalire. In questo caso, ha ripetuto ancora il governo, si dovranno necessariamente richiudere aree del paese.

E mentre il premier Conte mostra cauto ottimismo dicendo che il sacrificio degli italiani ha dato i suoi frutti, si conclude la prima fase di sperimentazione del Vaccino Oxford: stanno bene i 510 volontari.

Il quadro regione per regione

Nel dettaglio – secondo i dati diffusi dalla Protezione Civile -, gli attualmente positivi sono 27.291 in Lombardia (+218), 9.635 in Piemonte (-239), 5.330 in Emilia-Romagna (-195), 3.754 in Veneto (-250), 2.323 in Toscana (-250), 2.264 in Liguria (-75), 3.786 nel Lazio (-40), 2.178 nelle Marche (-137), 1.518 in Campania (-155), 204 nella Provincia autonoma di Trento (-44), 1.941 in Puglia (-54), 1.524 in Sicilia (-15), 600 in Friuli Venezia Giulia (-21), 1.389 in Abruzzo (-24), 308 nella Provincia autonoma di Bolzano (-1), 66 in Umbria (-11), 341 in Sardegna (-39), 49 in Valle d’Aosta (-11), 382 in Calabria (-19), 84 in Basilicata (-9), 212 in Molise (-5). Quanto alle vittime, sono in Lombardia 15.597 (+54), Piemonte 3.679 (+47), Emilia-Romagna 3.997 (+11), Veneto 1.820 (+17), Toscana 992 (+3), Liguria 1.376 (+9), Lazio 640 (+12), Marche 986 (+2), Campania 399 (+0), Provincia autonoma di Trento 455 (+2), Puglia 473 (+2), Sicilia 268 (+1), Friuli Venezia Giulia 320 (+0), Abruzzo 389 (+1), Provincia autonoma di Bolzano 291 (+0), Umbria 74 (+1), Sardegna 126 (+0), Valle d’Aosta 143 (+0), Calabria 95 (+0), Basilicata 27 (+0), Molise 22 (+0). I tamponi effettuati sono 3.104.524, con un incremento di 63.158 rispetto a ieri. Le persone sottoposte a tampone sono 1.999.599.

“Col coronavirus bisognerà convivere e se ci dovessero essere problemi in una singola regione, quest’ultima dovrà chiudere perché non possiamo fermare le altre” dice Boccia ricordando che il primo check – salvo dati particolarmente critici – ci sarà il 3 giugno. Ripartirà, afferma il ministro, la mobilità tra le regioni” ma per quelle “che hanno rischio medio o basso”. Per chi, invece, avesse un “rischio alto, questo non sarà ritenuto opportuno”. Per quella data dovrebbe però finalmente essere pronta anche ‘Immuni’, la App per il contact tracing. E’ tornato a parlarne in commissione Giustizia al Senato il commissario Domenico Arcuri spiegando che l’applicazione è in fase di test e “verrà messa a sistema e fruibile per i cittadini a cavallo della fine di maggio”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Salute

Villa San Giovanni, diritto alla salute: cittadini in piazza per difendere l’ambulatorio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nonostante la minaccia incombente della pioggia e la necessaria cautela imposta dalla prevenzione del contagio da Covid-19, la cittadinanza di Villa San Giovanni si è impegnata in un ammirevole esercizio di democrazia nel partecipare, sabato scorso, all’assemblea pubblica indetta dalla Rete “Salviamo il Poliambulatorio di Villa San Giovanni”.
L’iniziativa, maturata nel quadro di riunioni pubbliche settimanali aperte a tutti, ha rappresentato un passaggio della mobilitazione cittadina volta a scongiurare il rischio di chiusura del presidio sanitario villese, che negli ultimi anni è andato incontro a considerevoli tagli di servizi e divisioni mediche. Oltre alla drastica riduzione dei servizi prettamente sanitari, a preoccupare è anche la contrazione del comparto amministrativo del poliambulatorio, che costringe pazienti e loro familiari a recarsi fuori comune per istituire varie pratiche o a trascorrere ore in attesa sotto il sole o la pioggia, senza il benché minimo rispetto del distanziamento sociale.
Ma, oltre a lanciare con determinazione un grido d’allarme sulle sorti del poliambulatorio, la Rete intende stimolare una presa di coscienza civica in merito alle politiche sanitarie che a tutti i livelli, da quello nazionale a quello locale, stanno drammaticamente mettendo a rischio l’accesso alle cure e il diritto universale alla salute, sancito peraltro dalla Costituzione repubblicana. L’assistenza domiciliare integrata, il Punto di Emergenza Territoriale (PET), gli accordi mai attuati tra Comune di Villa San Giovanni e ASP provinciale: i temi toccati sabato sono stati diversi, a testimonianza di come la sanità – e le diseguaglianze o l’ingiustizia sociale che determinano la portata dell’accesso alle cure e alla salute – sia oggi oggetto di una rinnovata percezione, dopo i mesi più bui della pandemia ancora in corso.
All’assemblea di sabato sono stati invitati i sindaci degli otto comuni dell’ambito sanitario-amministrativo (Villa San Giovanni, Campo Calabro, Fiumara, San Roberto, Calanna, Laganadi, Sant’Alessio in Aspromonte e Santo Stefano in Aspromonte). Il Poliambulatorio, è bene ricordarlo, raccoglie anche l’utenza dai comuni di Bagnara Calabra, Scilla, Sant’Eufemia d’Aspromonte, San Procopio e Sinopoli, nonché dalle frazioni Catona e Gallico di Reggio Calabria.
Presenti finalmente in piazza anche i sindaci del comprensorio, anche se in posizione defilata. Ad intervenire la sindaca facente funzione di Villa San Giovanni, Richichi, il sindaco di Campo Calabro, Repaci, e quello di Scilla, Ciccone. Durante i loro interventi hanno comunicato di aver incontrato a Palazzo San Giovanni il direttore del Distretto Sanitario Tirrenico, Salvatore Barillaro. Una scelta, questa, che ha lasciato perplessi i partecipanti all’assemblea: in tanti si sono chiesti perché il dirigente ASP abbia incontrato la parte istituzionale sottraendosi poi al confronto con i cittadini. Infatti, all’incontro erano stati invitati anche Commissari e dirigenza dell’ASP. La loro assenza riflette l’atteggiamento supponente e autoritario di chi non è interessato a dare risposte a una cittadinanza responsabile e vigile.
Le tante testimonianze rilasciate ieri da utenti della struttura, medici e cittadini che, come noi, hanno a cuore il bene comune, ci spingono a proseguire la mobilitazione fino a quando non otterremo risposte certe e non osserveremo segnali tangibili di cambiamento.
Non è più il momento delle promesse, degli inviti a pazientare, delle rassicurazioni a riporre fiducia nella classe dirigente. Questo è il momento dell’assunzione della responsabilità da parte della collettività, come testimoniano la disciplina, la pazienza e la passione che hanno contrassegnato la partecipazione all’assemblea di sabato, evento a cui seguiranno a breve altre iniziative, a partire da una raccolta firme che sarà presto organizzata per sottoscrivere le richieste indirizzate a ASP e istituzioni.

Continua a leggere

Salute

COVID-19, contagi giornalieri a quota 2000: focolai diffusi in tutto il territorio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Netto aumento dei contagi di Covid in Italia: l’incremento nelle ultime 24 ore è di 1.907 nuovi casi, rilevati con 99.839 tamponi, qualche migliaio in meno rispetto a quelli effettuati ieri. Il totale dei contagiati, comprese vittime e guariti, sale a 294.932. Cala lievemente il numero giornaliero di vittime: era di 13 giovedì, è di 10 oggi, per un totale complessivo dall’inizio dell’emergenza di 35.668. Tra tutte le regioni, solo la Basilicata fa registrare zero casi nell’ultimo giorno.

Il numero di casi di Covid 19 aumenta per la settima settimana consentiva, l’Rt si pone di poco al di sopra di 1. Ci sono dei focolai diffusi nel Paese, l’età media sta aumentando ed è di circa 41 anni. Questo vuol dire che evidentemente c’è trasmissione intra-familiare, cioè il virus passa dai più giovani alle persone più anziano. Questo spiega un certo aumento lento ma graduale nelle ospedalizzazioni” . Lo ha detto il capo del dipartimento prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza commentando i dati dell’ultimo Monitoraggio dell’Iss.

Nella settimana di monitoraggio 7-13 settembre sono stati riportati complessivamente 2397 focolai attivi di cui 698 nuovi, entrambi in aumento per la settima settimana consecutiva (nella precedente settimana di monitoraggio erano stati segnalati 2280 focolai attivi di cui 691 nuovi). Lo evidenzia il monitoraggio settimanale Iss-ministero Salute. Questo comporta , si sottolinea, “un sempre maggiore impegno dei servizi territoriali nelle attività di ricerca dei contatti che sono riusciti finora a contenere la trasmissione locale del virus”.

In quasi tutte le Regioni si osserva un aumento del tasso di occupazione dei posti letto dedicati sia in area medica che in terapia intensiva. A livello nazionale il tasso di occupazione in area medica è aumentato da’2% al 4% rispetto al periodo 17-30 agosto 2020, mentre il tasso di occupazione in terapia intensiva dal 1% al 2%, con valori superiori al 5% per alcune Regioni. Lo rileva il monitoraggio settimanale Iss-ministero della salute. “Sebbene, non siano ancora stati identificati segnali di sovraccarico dei servizi sanitari assistenziali – si legge – la tendenza osservata potrebbe riflettersi in un maggiore impegno”.

Nelle due ultime settimane si è osservato un “aumento significativo dell’età mediana alla diagnosi. Questo è probabilmente dovuto ad una trasmissione dalla popolazione più giovane a quella più fragile o anziana, soprattutto all’interno della famiglia: questo si riflette in un maggiore impegno dei servizi ospedalieri”. Lo rileva il monitoraggio sull’andamento dell’epidemia da Covid Iss-ministero della Salute, in cui si raccomanda quindi di adottare “tutte le opportune precauzioni anche in ambito familiare”

Continua a leggere

In evidenza

Smartwatch, la nuova frontiera contro gli infarti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Lo smartwatch può essere uno strumento utile per aiutare il medico a eseguire una diagnosi tempestiva di infarto, migliorando le possibilità di sopravvivenza. Cambiano le linee guida per le cure in caso di infarto, andando nella direzione di un intervento meno standard e più basato sulla reale situazione del paziente. E aumentano le possibilità di diagnosi, aprendo la strada all’utilizzo dello smartwatch come alternativa di emergenza all’elettrocardiogramma. Mettendolo in 9 posizioni sul torace può riconoscere l’attacco cardiaco con una sensibilità simile a quella dell’elettrocardiogramma (Ecg). Lo dimostra una sperimentazione italiana i cui dati, pubblicati sulla rivista Jama Cardiology, sono stati presentati oggi al congresso dell’European Society of Cardiology. Un Ecg tempestivo è fondamentale per la diagnosi di infarto, ma “non sempre è prontamente disponibile in caso di sintomi sospetti; gli smartwatch, invece, sono al polso di un numero sempre più elevato di persone”, spiega Carmen Spaccarotella del Centro di Ricerche in Malattie Cardiovascolari dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, coordinatrice della ricerca. “Gli smartwatch sono programmati per effettuare una sola derivazione elettrocardiografica e consentono di esplorare l’attività elettrica di una parte soltanto del cuore. Il nostro studio ha dimostrato che è possibile spostare l’orologio in diverse posizioni del corpo, effettuando così una misurazione a 9 derivazioni analoga a quella di un Ecg”. Per l’indagine sono stati analizzati 100 soggetti, di cui l’80% con sintomi di infarto e il 20% di controllo; per tutti sono state effettuate le registrazioni con l’Apple Watch e, in contemporanea, un Ecg. I risultati mostrano che con l’Apple watch la diagnosi corretta è stata del 94%, in pratica la stessa affidabilità dell’esame standard. La possibilità di individuare un attacco cardiaco in corso con rapidità può essere di grande aiuto, sottolinea Ciro Indolfi, presidente della Società Italiana di Cardiologia e autore senior della ricerca: “in caso di infarto, la tempestività è decisiva. Negli ultimi anni grazie all’angioplastica, la mortalità per infarto si è ridotta del 50%, a patto che la procedura venga effettuata entro 90-120 minuti dalla diagnosi. Gli smartwatch potrebbero essere d’aiuto per accorciare ulteriormente i tempi e salvare un maggior numero di vite”. Adesso che lo sapete ricordate, uno smartwatch potrebbe salvarvi la vita, non sottovalutate la cosa.

F.P.L.

Continua a leggere

I più letti