Connect with us

Redazione Lazio

COTRAL: PENSATE AI DISSERVIZI E NON ALLE POLTRONE

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

 

Pubblichiamo il documento caldo dove si è tentato come dire il colpaccio poi sventato dal governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti il quale ha messo un freno all’impiego affatto ponderato dei soldi pubblici, ovvero dei soldi dei cittadini.

[PER LEGGERE L'ODG DEL CDA COTRAL CLICCARE QUI]

 

 

di Chiara Rai

Cotral – Pensiamo ai disservizi dei pendolari e iniziamo con la conta della prima mattina di fuoco, quella del suono fatidico della campanella, un banco di prova difficile per Cotral.

La direttrice Cotral più colpita è stata la Roma – Viterbo che nella sola mattinata di lunedì 15 settembre esce fuori con i seguenti risultati: Su 297 turni auto programmati , i bus consegnati sono stati 282, i guasti in linea sono stati quattro in una sola mattina, e 24 le unità di personale mancante.

Per la Roma – Rieti è andata decisamente meglio: su 334 turni auto programmati ci sono stati 333 bus consegnati, ben 7 guasti in linea e 45 unità di personale mancante.

La Roma – Latina è la direttrice dove la mancanza di personale è più alta delle altre tre con 52 unità carenti.

Una nota positiva è che non si sono verificati incidenti e si è verificato un solo guasto sulla Roma – Frosinone e 4 sulla Roma – Latina.

Tutti questi numeri riguardano l’arco di una sola mattinata. L’auspicio è che l’attenzione del nuovo Cda si sposti dalle scrivanie di via Alimena e si vada a posare sui disservizi che gli utenti subiscono ogni giorno. Raggiungere la perfezione non è possibile ma tendere ad un servizio dignitoso sì. Gli autisti Cotral sono la colonna vertebrale dell'azienda, così come i meccanici nelle officine, insomma i lavoratori con la maiuscola a cui si dovrebbe pensare per primi, anziché inserire per due volte un ordine del giorno in due cda differenti, a distanza di pochi mesi, che prevedano premi di produzione per l’annualità 2013.

A tal proposito intendiamo pubblicare il documento Cotral caldo dove si è tentato come dire il colpaccio poi sventato dal governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti il quale ha messo un freno all’impiego affatto ponderato dei soldi pubblici, ovvero dei soldi dei cittadini.

Intanto anche Assotutela esulta e pubblica una nota che “richiama” la giunta regionale ad occuparsi dei tanti problemi che attanagliano i cittadini. AssoTutela Cotral Regione, grande vittoria di AssoTutela per i cittadini “Ė riportato su tutti i giornali di ieri: nessuna agevolazione per i dirigenti Cotral, nessun aumento di stipendio, né i tanto ventilati premi di produttività. La battaglia di AssoTutela, condotta per un’intera domenica, ha ottenuto un risultato lusinghiero di cui, senza falsa
modestia, andiamo fieri”. E’ il commento del presidente Michel Emi Maritato che spiega: “Il comunicato della presidenza della Regione Lazio non lascia dubbi: Zingaretti ringrazia il presidente Cotral Domenico De Vincenzi, che avrebbe chiarito in una nota che non sono previsti premi di produttività a dirigenti dell'Azienda. Apprezziamo tale decisione continua Maritato ma ci chiediamo quanto ci sia di vero nelle successive affermazioni del presidente Zingaretti secondo cui continuerebbe il risanamento del Cotral e di tutte le altre società regionali con un solo obiettivo: tagliare i costi della politica e le poltrone senza mai intaccare, però, i servizi ai cittadini. Questo non ci risulta sostiene Maritato è sotto gli occhi di tutti la drastica riduzione delle linee, così come è avvenuto per Atac come sono ben presenti ai viaggiatori i disagi a causa dei mezzi vetusti e poco sicuri. Quando c’è da risparmiare non si lesinano sacrifici per i cittadini: riduzione dei mezzi pubblici, taglio dei posti letto in ospedale, risparmi perfino sull’illuminazione pubblica, con il rischio di incidenti notturni. Apprezziamo l’inevitabile marcia indietro da parte della dirigenza Cotral, dell’assessore ai Trasporti Michele Civita e della giunta regionale, arrivata dopo la nostra presa di posizione ma la nuova politica non può passare sempre attraverso i sacrifici.

LEGGI ANCHE:

14/09/2014 COTRAL: STOP AI PREMI AI DIRIGENTI. GRAZIE NICOLA ZINGARETTI!

14/09/2014 COTRAL: ASSOTUTELA CHIEDE UN INTERVENTO IMMEDIATO DEL GOVERNATORE NICOLA ZINGARETTI

13/09/2014 COTRAL, PREMI AI DIRIGENTI: IL COMITATO PENDOLARI REATINI INSORGE

 12/09/2014 COTRAL: VERGOGNA!

IL DOSSIER SU COTRAL DI CHIARA RAI 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti